Neruda

Acquista su Ibs.it   Dvd Neruda   Blu-Ray Neruda  
Un film di Pablo Larraín. Con Luis Gnecco, Gael García Bernal, Mercedes Morán, Diego Muñoz, Pablo Derqui.
continua»
Titolo originale Neruda. Biografico, Ratings: Kids+13, durata 107 min. - Argentina, Cile, Spagna, Francia 2016. - Good Films uscita giovedì 13 ottobre 2016. MYMONETRO Neruda * * * 1/2 - valutazione media: 3,72 su 27 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   
felicity lunedì 15 febbraio 2021
un uomo che non voleva esser solo artista Valutazione 3 stelle su cinque
0%
No
0%

Che Neruda non voglia essere un’agiografia, lo si capisce fin dalla prima scena. Il poeta, ospite a una qualche serata di gala, entra in bagno e discute con alcuni politici che gli danno del traditore. Li manda a quel paese e con grande serenità esce dalla toilette. È l’inizio della fine.
Larraín parte da qui per mostrare la fine dell’utopia politica di Neruda, poeta civile, intellettuale, politico appassionato ma soprattutto comunista viscerale, avversario scomodo della destra cilena: prima latitante e poi esiliato.
Parte da qui perché il film, che è tutt’altro che un biopic, non racconta la vita, non la poesia e nemmeno l’ideale politico di Neruda. [+]

[+] lascia un commento a felicity »
d'accordo?
harroldthebarrel lunedì 25 gennaio 2021
esercizio di stile tra realtà e finzione Valutazione 2 stelle su cinque
0%
No
0%

Non ho mai amato i film che introducono la finzione  su personaggi reali e finzione, e questo non fa eccezione. La figura del poliziotto, immaginaria se non altro per come viene sviluppata nel film, assurge quasi a reale protagonista della storia, e finisce per essere in qualche modo funzionale a dare di Neruda un'immagine quasi macchiettistica, nella quale vengono evidenziati soprattutto i vizi e le presunte contraddizioni tra il dichiararsi comunista e i comportamenti da borghese. Larràin ha detto di non voler fare un film biografico su Neruda, come se ce ne fossero già tanti (non mi risulta), ma in definitiva costruisce un prodotto che può sembrare bello solo esteticamente. [+]

[+] lascia un commento a harroldthebarrel »
d'accordo?
silver90 lunedì 13 aprile 2020
ritratto originale Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Iconoclasta, provocatore, grande viveur e amateur, Pablo Neruda è, purtroppo per lui, anche l’uomo giusto al momento sbagliato, un “comunista” che ha votato il partito di Gonzales Videla, lo stesso che, dopo averlo promosso senatore, nel 1948 deciderà per la messa al bando del comunismo e lo farà diventare il ricercato n.o 1. Pablo preferisce l'esilio al carcere, fidando nell'aiuto e nella protezione dei suoi compagni di partito, ma deve fare i conti con il suo alter-ego narrativo, l’ispettore di Polizia, Oscar Peluchonneau. Costui – forse figlio di un alto funzionario di Stato, forse figlio di una prostituta e ultimo degli ultimi, come si potrebbe addire meglio alla poesia nerudiana che celebra la grandezza e la miseria – gli dà la caccia, non accenna ad arrendersi e si mette, infine, sulle sue tracce; il poeta inizia a sfidarlo disseminando la sua fuga di indizi e innescando il gioco del “doppio”, ovvero la sovrapposizione e il rispecchiamento tra i due personaggi. [+]

[+] lascia un commento a silver90 »
d'accordo?
greatsteven giovedì 4 aprile 2019
neruda, maestro della fuga fatta a regola d'arte. Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

 NERUDA (ARG/FR/CILE/SP, 2016) diretto da PABLO LARRAìN. Interpretato da LUIS GNECCO, GAEL GARCìA BERNAL, MERCEDES MORàN, ALFREDO CASTRO, PABLO DERQUI, MICHAEL SILVA, DIEGO MUňOZ, JAIME VADELL
Nel 1948, in Cile, il governo di Gabriel Gonzalez Videla, eletto mediante i voti della sinistra, sceglie di seguire l’esempio della politica statunitense e pertanto condanna il comunismo alla clandestinità.
Inoltre, l’emanazione della famigerata Ley de Defensa de la Democracia, con cui viene virtualmente soppressa l’esistenza stessa del movimento politico, e la dura repressione di scioperi e proteste sociali in seno al movimento operaio che, nella città remota di Pisagua, culminano addirittura con l’istituzione di campi di concentramento, vanno entrambe a danno del celeberrimo Pablo Neruda, poeta, senatore e massima personalità artistica del Paese, il quale contesta con decisione questo provvedimento, fino a diventare, dopo le incitazioni alla ribellione rivolte al popolo, ritenute inaccettabili durante il periodo del Proibizionismo cileno, il ricercato numero uno. [+]

[+] lascia un commento a greatsteven »
d'accordo?
luca scialo martedì 21 febbraio 2017
da larrain un altro contributo alla verità Valutazione 3 stelle su cinque
0%
No
100%

Pablo Larrain ha speso fino ad oggi la sua filmografia principalmente per farci conoscere la storia travagliata degli ultimi decenni del suo Cile. Di cui noi occidentali conosciamo poco o nulla.
In questa pellicola, ci racconta la sofferta fuga nella fine degli anni '40 dal suo amato Cile del controverso poeta Pablo Neruda. Il quale, essendo senatore del partito comunista cileno, nonché molto influente sul popolo, era mal visto dal Presidente Videla. Che, per perseguire la politica filo-americana contro il comunismo, aveva deciso di bandirlo nel proprio Paese. Così Neruda sarà costretto a darsi alla macchia, ma alle sue calcagna gli sarà posto un arguto poliziotto: Oscar Peluchonneau. [+]

[+] ma quale verità? (di misesjunior)
[+] lascia un commento a luca scialo »
d'accordo?
maramaldo lunedì 7 novembre 2016
neruda, chi era costui? Valutazione 4 stelle su cinque
33%
No
67%

 Se abbiamo visto a suo tempo Il Postino non è necessario chiederselo ancora. Vulgata pressochè immutata: mite intellettuale un po' godereccio: democratico; fugge da un regime che martoriava perfino i poeti; in Sudamerica. Aggiornata la cifra stilistica in quest'ultima  rievocazione di un'icona da decenni fuori corso: fililogiche, connotazioni e ambientazioni; squarci paesaggistici; incursioni nel surreale. Attenti a quest'ultime. L'onirico, di solito, è espediente usato dai maestri quando, a troppi minuti dalla fine, si accorgono che non hanno più nulla da dire. Per Larraìn, invece, escamotage per sdoganare allusioni e insinuazioni che potrbbero attirargli qualche censura. [+]

[+] felipito, i comonisti ti votano contro" (di misesjunior)
[+] lascia un commento a maramaldo »
d'accordo?
maurizio meres domenica 6 novembre 2016
il più amato dalle donne Valutazione 4 stelle su cinque
33%
No
67%

Film che esce da certi schemi nel raccontare la vita di un certo tipo di personaggio,qui c'è lui il grande Neruda una delle figure più autorevoli del sud America,personaggio estroverso,la sua grande ispirazione erano le donne,le amava tutte,anche nei bordelli riusciva nel dare la giusta sensualità e scoprire gli angoli più nascosti della loro intimità,era amatissimo,anche solo nel leggere i suoi versi le donne entravano in un torpore sensuale che tuttora vive,lo spirito del corpo,un grandissimo poeta che con le sue poesie e soprattutto con delle frasi appropriate alle circostanze riuscì a far conoscere la poesia e attraverso una letteratura politico sociale fece conoscere al mondo intero i drammi del suo paese,nel film viene evidenziato il periodo della sua latitanza,dove i suoi pensieri entrarono nello spirito di tutti i popoli soppressi da una dittatura pilotata dall'occidente,lui egocentrico al di sopra di tutto,nel pieno dell'espressività poetica,non poteva essere soggiogato da un potere senza cultura,dove esisteva solo la politica della sottomissione e del controllo mediatico della popolazione,il suo pensiero era altrove,sapeva benissimo che per combattere culturalmente il potere doveva andare via dal suo paese. [+]

[+] lascia un commento a maurizio meres »
d'accordo?
nerone bianchi lunedì 31 ottobre 2016
un frikkettone cileno Valutazione 1 stelle su cinque
0%
No
100%

Mi spiace non poter aderire alle tante voci positive che hanno accompagnato questo film del regista cileno Pablo Larrain, che pure tanto avevo apprezzato nell'ultimo “Il Club”. Pablo Neruda è descritto come una sorta di grasso frikkettone (non che nella realtà fosse magro), intento a bere, mangiare, declamare poesie ovunque gli venisse richiesto, frequentare bordelli e parlare di politica alla stessa stregua dell'uomo del bar che discute di calcio. Il suo essere senatore comunista e i rapporti con la politica del paese sono accennati e percorsi superficialmente, come pure quelli della sua poetica. Anche nella fuga finale verso l'argentina, rimane una sorta di totem spaesato che viene condotto altrove da compagni ubbidienti al partito, vaga a cavallo tra paesaggi magnifici, con un poncho addosso, manca solo che si fermi a rollare un cannone e il quadro è completo. [+]

[+] lascia un commento a nerone bianchi »
d'accordo?
iuriv domenica 30 ottobre 2016
realta e immaginazione. Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

 

Il film racconta la fuga di Neruda dal Cile di Videla. Una fuga vissuta come sfida verso il regime e raccontata tramite il filtro del poliziotto incaricato di dargli la caccia.

Non mancano gli spunti interessanti in questa opera: dalla scelta di costruire un'atmosfera noir classica, con tanto di colonna sonora in stile e di scene in macchina su fondali a rullo in bassa risoluzione, al punto di vista, affidato a un personaggio quasi bidimensionale che solo con il proseguire della storia troverà la sua vera essenza narrativa.

Scelta intrigante quest'ultima, forse l'unica davvero importante in questo lavoro, in grado di offrire al regista l'opportunità di utilizzare quel realismo fantastico tanto caro ai narratori sudamericani. [+]

[+] lascia un commento a iuriv »
d'accordo?
writer58 mercoledì 26 ottobre 2016
el cantor del pueblo Valutazione 3 stelle su cinque
84%
No
16%

"Neruda" è un film che mi ha lasciato una lieve sensazione di sconcerto. Forse la mescolanza tra la biografia del poeta e gli stilemi di un noir degli anni '50, forse la narrazione che ibrida la ricostruzione dela società cilena del '48 con una dialettica pirandelliana tra autore e personaggio, l'alternarsi di un registro "realistico" (Neruda che viene perseguitato come icona degli artisti comunisti da un governo succube degli interessi americani e costretto alla clandestinità, migliaia di militanti arrestati e deportati)con spunti metaforici che rielaborano e dilatano le immagini fino ad accedere a una dimensione allegorica (i libri lasciati dal poeta come indizi per il poliziotto che gli dà la caccia, la fuga attraverso le distese sconfinate della Patagonia, il poliziotto come prodotto della fantasia di Neruda, il senato del Cile dove poltrone e sofà sono collocate nello stesso spazio degli orinatoi). [+]

[+] lascia un commento a writer58 »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 »
Neruda | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Emanuele Sacchi
Pubblico (per gradimento)
  1° | writer58
  2° | lbavassano
  3° | maumauroma
  4° | miguel angel tarditti
  5° | iuriv
  6° | silver90
  7° | greatsteven
  8° | felicity
  9° | amgiad
10° | kimkiduk
11° | robroma66
12° | maramaldo
13° | domenico astuti
14° | maurizio meres
15° | luca scialo
Golden Globes (1)
Critics Choice Award (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 13 ottobre 2016
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedì 25 maggio
Roubaix, Une Lumière
martedì 11 maggio
Mi chiamo Francesco Totti
mercoledì 28 aprile
La prima donna
martedì 27 aprile
L'agnello
Imprevisti Digitali
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità