Satantango

Un film di Béla Tarr. Con Peter Berling, Mihaly Vig, Putyi Horvath, Erika Bok Drammatico, b/n durata 450 min. - Ungheria, Germania, Svizzera 1993. Acquista »
   
   
   

Estremo,e per chi ama davvero il cinema. Valutazione 4 stelle su cinque

di Dandy


Feedback: 88339 | altri commenti e recensioni di Dandy
lunedì 18 aprile 2011

Non basta certo essere patiti di film tipo "Die Hard" o "Transofmers",ma nemmeno di cose più d'autore o registi "seri" tipo Polanski,Hitchock o Visconti per poter apprezzare quest'opera.E si,perchè a mio parere chiamarlo semplicemente film significherebbe sminuirlo.Per chi il cinema non l'ha proprio nel sangue,seguire una trama ermetica che si dipana per oltre sette ore e nemmeno ha una conclusione(la storia si chiude com'era iniziata),e dove il solo fatto realmente movimentato è una bambina che si avvelena dopo aver ucciso il suo gatto sembrerebbe follia pura.E persino gli spettatori davvero appassionati di primo acchitto,ne ricaveranno un'impressione di presunzione e megalomania intellettuale che vorrebbe essere d'avanguardia.Ma il solo modo per giudicarlo è vederlo.Letteralmente abbandonandosi all'universo di Tarr,dove la temporalità assume le caratteristiche della vita reale,divenendo irrilevante.Vicino in ciò più di tutti allo stile di Andy Warhol(non a caso è fotografato in uno splendido bianco e nero),proverbiale nel rubare frammenti al tempo.A detta del regista ci sono solo 150 inquadrature in tutta la pellicola: gli eventi spesso vengono mostrati senza stacchi(una camminata di 10 minuti,un ballo di quasi mezz'ora,quasi un'ora per introdurre il personaggio del dottore alcolizzato)creando una dimensione opprimente ma onirica,quasi fiabesca.Ambientata in un mondo oscuro e cupo,scandito dai minacciosi rintocchi delle campane,e meravigliosamente resa dall'ambientazione nella puzsta ungherese,continuamente spazzata dalla pioggia e dal vento.Dove due cialtroni coinvolgono in un'apocalisse solo possibile un'umanità smarrita, fatta di gente legata solo dalla disperazione o da rancori personali,ma che ancora si illude che qualcosa abbia un senso(e con cui alla fine si finisce per familiarizzare).L'idea di mostrare più volte alcune scene,riprese da diversi punti di vista sembra anticipare Gus Van Sant per il suo "Elephant".E c'è una piccola citazione da "Pinocchio"(la ragazzina che sotterra le monete convinta che germoglieranno se ben innaffiate).Suddiviso in 12 parti,rispettando la struttura del tango(sei parti cronologicamente avanti e sei indietro)e adattato dal regista(che avrebbe voluto iniziarlo nell'85)con Laszlo Krasznahorkai dal suo omonimo romanzo.Svariate scene furono frutto improvvisazioni(ad esempio le sbronze degli attori non furono simulate).Naturalmente qui da noi è difficilissimo vederlo:io l'ho trovato dopo più di tre anni di ricerche,miracolosamente sottotitolato in un italiano un pò sgrammaticato,e con almeno 40 minuti in meno.E ritengo che ne sia valsa la pena,nonchè che ci si trovi di fronte a un capolavoro di tutto rispetto.Un'opera unica e allucinante che richiede sacrifici enormi,ma non può lasciare indifferenti.

[+] lascia un commento a dandy »
Sei d'accordo con la recensione di Dandy?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
80%
No
20%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Dandy:

Vedi tutti i commenti di Dandy »
Satantango | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | dandy
  2° | slowfilm.splinder.com
  3° | noia1
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Poster | Frasi | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità