Il terzo uomo

Acquista su Ibs.it   Dvd Il terzo uomo   Blu-Ray Il terzo uomo  
Un film di Carol Reed. Con Orson Welles, Joseph Cotten, Alida Valli, Trevor Howard, Bernard Lee.
continua»
Titolo originale The Third Man. Spionaggio, Ratings: Kids+13, b/n durata 104 min. - Gran Bretagna 1949. - Cineteca di Bologna uscita giovedì 27 agosto 2015. MYMONETRO Il terzo uomo * * * * 1/2 valutazione media: 4,49 su 33 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
samanta lunedì 4 novembre 2019
l'amicizia, l'amore, il denaro, il crimine ... Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

Il terzo uomo è un noir del 1949, regia di Carol Reed, la sceneggiatura di Graham Greene che lavorò altre volte (Il nostro agente all'Avana) con il regista che fu discontinuo nella qualità dei film diretti e che conquistò un Oscar nel 1969 con il musical Oliver, con questo film ha realizzato un capolavoro
Holly Martins (Joseph Cotten) scrittore senza soldi arriva a Vienna nel 1949, la città è divisa in 4 settori affidat ia USA, UK, Francia e URSS. Holly è stato invitato dal suo caro amico Harry Lime (Orson Welles) che non vede da 10 anni che gli darà un lavoro. Ma quando si reca a casa sua, scopre dal portinaio che è morto, investito da un'auto ed è in corso il funerale. [+]

[+] lascia un commento a samanta »
d'accordo?
milo mercoledì 6 febbraio 2019
un bel tacer non fu mai scritto Valutazione 0 stelle su cinque
0%
No
0%

l'unico confuso sei tu. Il film è un autentico capolavoro di narrazione; fotografia; gioco continuo di luci ed ombre; recitazione, dialoghi essenziali cinici quanto ironici e mai banali, ambientazione. E' il cinema, arte allo stato puro, TALENTO! 

[+] lascia un commento a milo »
d'accordo?
samuel langhorne venerdì 2 settembre 2016
due amici , stessa strada vi diverse Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

La storia prende piede in una Vienna in guerra dalle tonalità scure,due amici sono i protagonisti , e ad essere al centro dell'attenzione è Lime cioè il deceduto.Non appare ma è perennemente al centro della trama e a seconda dei punti di vistadei vari conoscenti appare gentile o inflessibile , generoso o egoista , la sua vera natura però , sale in superficie quando su una ruota panoramica Lime e Cotten , l'altro protagonista , giocano a osservare il mondo dall'alto.
E' qui a venire fuori la profonda differenza tra i due , l'uno affarista pragmatico lupo tra i lupi delle varie divisioni interne al paese , l'altro scrittore di romanzi, dai forti principi che premette i valori dello spirito a quelli materiali , disposto a sacrificarsi per amore di una donna , che non avrà la forza di innamorarsi nuovamente. [+]

[+] lascia un commento a samuel langhorne »
d'accordo?
cincinnatimose domenica 29 novembre 2015
leggendario storico grido della storia del cinema. Valutazione 1 stelle su cinque
0%
No
100%

poteva forse mancare un film del genere nella teca
personale... da cinefilo di rispetto quale ciacun essere ambisce?
ed ecco così e neppure a sorpresa dunque una bella
recensionina da podio de, il terzo uomo, fantastico, la pellicola
rodata e ben collaudata... coi lavorettini indefessi di precisione e
border line... stenta messaggi se il termine è consentito di
diverse nature senza persuadere ne perplimere, dal
remoto dell'esitere da barbino..., senza combattere
e dunque neanche esistere, narra di periodi di
guerre, indi non dove gente e persone senza ne gloria
e ne alcuna fama guardano per poi imporre a mo di
fantozzi. [+]

[+] lascia un commento a cincinnatimose »
d'accordo?
il befe domenica 8 febbraio 2015
forse il miglior film di spionaggio della storia? Valutazione 5 stelle su cinque
0%
No
0%

probabile

[+] lascia un commento a il befe »
d'accordo?
mondolariano martedì 3 maggio 2011
l'orologio a cucù... Valutazione 4 stelle su cinque
75%
No
25%

Innanzi tutto, la celebre frase di Orson Welles: “In Italia vi furono guerre, omicidi e terrore, ma vennero fuori Michelangelo, Leonardo e il Rinascimento. In Svizzera non vi fu che amore fraterno, ma in 500 anni di quieto vivere che cosa è venuto fuori? L’orologio a cucù!” Certo non basterebbe questa verità per giustificare la filosofia del protagonista. Welles appare solo a metà film ma la sua presenza è debordante fin dall’inizio (specie in cabina di regia, dove parecchie sono le inquadrature attribuibili al regista di “Quarto potere”). La povera Vienna dell’immediato dopoguerra emerge a tinte cupe, dense, illustrate magistralmente da un bianco-nero dai fortissimi contrasti e assunte a capolavoro nella scena delle fogne. [+]

[+] lascia un commento a mondolariano »
d'accordo?
paolo bisi sabato 12 marzo 2011
welles e le fogne di vienna Valutazione 3 stelle su cinque
65%
No
35%

Scrittore americano arriva a Vienna per trovare un amico, ma troppo tardi: ha giusto il tempo di recarsi al suo funerale. Tuttavia la circostanze della morte non lo convincono e lo spingono ad indagare a fondo sulla vicenda: secondo la testimonianza del portiere del palazzo erano stati tre uomini e non due a spostare il corpo dell'amico ormai in fin di vita. Chi era il terzo uomo? Carol Reed vuole mostrare al pubblico un film originale e ben fatto: vi riesce solo in parte. La trama non convince, mette in gioco molti elementi senza poi raccontarne in maniera adeguata lo sviluppo, concentrandosi nell'ultima parte solo sul personaggio di Welles. Lo stile risulta anch'esso notevolmente confuso, in alcune parti in linea con quello del regista, in altre sembra avvicinarsi troppo a quello delle opere di Welles e dell'espressionismo. [+]

[+] lascia un commento a paolo bisi »
d'accordo?
reservoir dogs giovedì 23 dicembre 2010
l'orologio a cucù Valutazione 4 stelle su cinque
67%
No
33%

Il terzo uomo è colui che insieme al Barone Kurtz e al polacco Popescu ha assistito alla morte di Harry Lime (Welles), amico di Holly Martins (Cotten) appena arrivato nella città di Vienna su invito di Lime.
Martins poco convinto sulla dinamica della morte dell'amico tenterà di far luce sul caso iniziando una sua personale indagine che lo porterà ad una verità imprevedibile e nascosta nel marcio delle fogne.
In una Vienna del 1946, dilaniata dalla guerra e divisa in quattro cantoni (francese-americano-russo-inglese), un gatto affezionato ad un unica persona ormai morta, aiuta le indagini più della stessa polizia.
Harry Lime incarna l'uomo del secolo; cinico è desideroso di potere che tenta di affermarsi nella società con qualsiasi mezzo con una morale ben precisa: la neutralità porta all'orologio a cucù mentre la presa di posizione porta all'arte. [+]

[+] lascia un commento a reservoir dogs »
d'accordo?
il cinefilo lunedì 20 dicembre 2010
il terzo uomo Valutazione 4 stelle su cinque
50%
No
50%

Lo scrittore Graham Green è lo sceneggiatore,insieme a Orson Welles(che interpreta il criminale Harry Lime)del film in questione(diretto da Carol Reed)che si può definire,senza dubbio,un ottimo rappresentante del genere giallo-thriller grazie alle buone interpretazioni e all'inquietante eppure ammaliante ricostruzione della città di Vienna attraverso soprattutto un eccellente gioco di luci e ombre riguardanti vicoli e strade.
L'inseguimento finale nella fogna della città è stato,quasi sicuramente,concepito(a livello simbolico)con l'obbiettivo,pienamente riuscito peraltro,di far coincidere esattamente la tetra scenografia con la personalità del malvagio antagonista e il risultato definitivo è un autentico capolavoro di stile e intelligenza. [+]

[+] lascia un commento a il cinefilo »
d'accordo?
mario_platonov lunedì 22 novembre 2010
due protagonisti: vienna e orson welles Valutazione 3 stelle su cinque
67%
No
33%

Ci sono due motivi per rimanere incantati da questo film: la splendida fotografia in bianco e nero e l’interpretazione di Orson Welles.
Chi si aspetta una trama particolarmente stimolante, un rompicapo da risolvere o clamorosi colpi di scena, rimarrà molto probabilmente deluso. La storia scorre abbastanza liscia e l’unico vero momento a sorpresa è ampiamente prevedibile.
Per fortuna il fascino irresistibile del film è altrove. E risiede essenzialmente in una Vienna in bianco e nero da antologia: disastrata, presidiata da forze di polizia internazionali e funestata dal crimine più o meno organizzato, la città mitteleuropea mostra il suo lato meno nobile, rivelando tutto il fascino di una città in bilico tra i mai sopiti fasti imperiali e i pericoli della “frontiera”. [+]

[+] eccone un altro... (di nicola1)
[+] lascia un commento a mario_platonov »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 »
Il terzo uomo | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | danilodac
  2° | ziogiafo
  3° | paolo bisi
  4° | mario_platonov
  5° | samanta
  6° | mondolariano
  7° | samuel langhorne
  8° | reservoir dogs
  9° | poggi
10° | turkish
11° | il cinefilo
12° | cincinnatimose
Rassegna stampa
Lietta Tornabuoni
Mario Gromo
Premio Oscar (4)
Festival di Cannes (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 27 agosto 2015
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità