La casa

Acquista su Ibs.it   Dvd La casa   Blu-Ray La casa  
Un film di Sam Raimi. Con Bruce Campbell, Sarah York, Betsy Baker, Ellen Sandweiss, Richard DeManincor.
continua»
Titolo originale Evil Dead. Horror, durata 85 min. - USA 1981. MYMONETRO La casa * * 1/2 - - valutazione media: 2,82 su 55 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

La Casa: Lasciate ogne speranza, voi ch'intrate. Valutazione 4 stelle su cinque

di ClaudioFedele93


Feedback: 9200 | altri commenti e recensioni di ClaudioFedele93
sabato 9 gennaio 2016

Correva l’anno 1981, quando il primo film, dell’allora giovane Sam Raimi, faceva la sua comparsa nei cinema Americani, nel mese più esoterico e sinistro dell’anno per alcune culture: quello d’Ottobre; una pellicola, The Evil Dead, destinata ad entrare nella storia della settima arte, nata e cresciuta sotto l’ala di quel genere considerato minore rispetto al grande Cinema, quello con la “C” maiuscola figlio delle enormi produzioni made in Hollywood e dalle ambizioni più pretenziose e canoniche, capace di capovolgere radicalmente il modo in cui si considerano i lungometraggi e il valore insito al loro interno. 

La Casa, titolo datogli per la distribuzione italiana, fu più di un semplice appuntamento con un horror vecchio stile e del tutto inedito al contempo, esso è riuscito con gli anni a crearsi una schiera di innumerevoli di seguaci ed emuli che non hanno perso interesse nel replicare storie simili o affini a quella di Ash Williams e dei suoi amici, sperduti nei boschi del Michigan in una catapecchia abbandonata, durante un tranquillo week-end a base di ormoni, sesso, divertimento e paura. 

Oggi, nel vedere l’opera prima di un autore che è possibile considerarlo tra i migliori della sua generazione, quel che colpisce non sono tanto le pennellate di terrore o splatter che alimentano la storia, ma l’impostazione scelta da Raimi nel voler raccontare la triste dipartita di un gruppo di amici attraverso una regia sempre attenta ed originale, magari non tanto nella tecnica, ma nel contesto, poiché appare lampante, fin dalle prime inquadrature, che il film-maker abbia preso come punti di riferimento personalità intramontabili, per la resa visiva della sua creatura, che spaziano da un Hitchcock nei momenti più tesi e drammatici, ad uno Spielberg reduce di Duell, ad un Carpenter, ad Sergio Leone con le sue inquadrature maestre nel catturare e nell'evidenziare i sentimenti trasmessi dai volti degli attori e a tutto un campionario di elementi sovrannaturali che si amalgamo tra loro alla perfezione in ogni momento per tutta la durata del film. 

In effetti, se The Evil Dead, da un lato, non fa più paura, ma in fondo il vero terrore che cosa è?, dall’altro non si può non comprendere l’importanza che questa produzione a voluto dire a livello internazionale, imponendo la sua forte personalità e dando una precisa direzione ad un genere tanto vasto quando complesso da mettere in scena sul grande o piccolo schermo. Le lente inquadrature, i dialoghi ridotti all’osso, il gioco fatto con le luci, i primi piani sui volti dei personaggi, danno vita ad un lungometraggio atipico, per l’epoca, e dal sapore cult per chi lo guarda adesso; magari, per alcuni, sarà come vedere un fossile ben conversato, mentre per altri esso rappresenterà una fonte inesauribile di ispirazione, di fatto La Casa, a distanza di trent’anni, funziona in ogni suo dettaglio, a partire da quell’ambientazione naturale che assume i contorni di una foresta selvaggia e aspra, quasi paragonabile ad una selva dantesca impiantata sopra le porte dell’Inferno, dalla quale fuori emergono i demoni e gli orrori dell’oltretomba chiamati, casualmente, a risvegliarsi dopo l’arrivo dei protagonisti nell’ormai celebre catapecchia; il trucco e il tocco splatter, in alcuni momenti vicinissimo al gore, evidenziano la creatività del regista ed al contempo donano all’insieme quel tocco retrò che è possibile assaporare in quei lavori ormai distanti dal nostro presente di cui non ci si stanca mai. Grazie all’utilizzo di make up di fortuna, effetti speciali dell’ultimo minuto ed una fantasia infinita, The Evil Dead supera il lento procedere degli anni mostrando un’eleganza nell’essere consapevole di essere nata per un certo tipo di cinema e di pubblico, inconsapevole, tuttavia, di appartenere ad un genere che lei stessa avrebbe dato alla luce e di cui ancor oggi si rivela capostipite. 

Quando si parla de La Casa bisogna prendere coscienza del fatto che è come toccare una delle vette più alte del genere horror e del cinema degli ultimi anni, quel che rende ancora affascinante, divertente e paurosa la particolare prima fatica di Sam Raimi non sono tanto i momenti di tensione, posizionati nelle sequenze giuste, qua e là, ma l’innovazione che questa ha rappresentato, grazie ad uno spropositato uso dell’ironia e del sarcasmo, della voglia, da parte del regista, di voler mettere paura allo spettatore divertendolo, spingendolo a domandarsi se, in un determinato frangente, sarebbe stato più giusto sorridere per la grottesca soluzione, o piangere e spaventarsi, per la drammatica sequenza appena vista. 

The Evil Dead, nel suo essere un prodotto dotato di una doppia personalità resta un cult intramontabile, una parentesi destinata ad espandersi all’infinito, apprezzata da centinaia di registi in erba e scrittori di talento, tra i quali possiamo inserire un certoStephen King, che, fino a prova contraria, di paura se ne intende parecchio. Che lo si guardi in compagnia o in solitudine, che sia durante un campeggio estivo o una notte passata in nome del terrore, La Casa, tra horror tradizionale e rivoluzionario, tra iperbole e macabro (ir)realismo, tra sacro e profano, con i suoi angoli bui, i silenzi e gli scricchiolii, le sue pareti sporche, il legno putrefatto e le finestre con le ante in continuo movimento a causa di un vento sinistro, è, come il suo protagonista Ash, capace di conquistare ancora l’interesse di quegli spettatori tanto coraggiosi da avventurarvisi all’interno, sebbene, al contrario di tante altre storie, nessuno avverta loro di lasciare ogni speranza una volta entrati.

[+] lascia un commento a claudiofedele93 »
Sei d'accordo con la recensione di ClaudioFedele93?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
82%
No
18%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di ClaudioFedele93:

Vedi tutti i commenti di ClaudioFedele93 »
La casa | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1░ | chriss
  2░ | randall flagg
  3░ | laurence316
  4░ | andrea
  5░ | claudiofedele93
  6░ | purplerain
  7░ | gianleo67
  8░ | harloch74
  9░ | zero99
10░ | ibracadabra 8
11░ | alex41
12░ | frz94
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità