Entity

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Entity  
Un film di Sidney J. Furie. Con Barbara Hershey, Ron Silver, David Labiosa Psicologico, durata 115 min. - USA 1981. MYMONETRO Entity * * 1/2 - - valutazione media: 2,71 su 11 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Sexual Poltergheist Valutazione 3 stelle su cinque

di gianleo67


Feedback: 60664 | altri commenti e recensioni di gianleo67
lunedý 28 novembre 2016

Trasferitasi da poco nella sua nuova casa in un piccolo centro della California, Carla Moran è una madre single con una relazione sentimentale irrisolta ed un'adolescenza turbolenta alle spalle. Le ripetute aggressioni che subisce ad opera di una misteriosa entità invisibile vengono dapprima ricondotte alle sue turbe psichiche e quindi studiate come fenomeni paranormali. Quando però queste iniziano a coinvolgere anche i giovani mebri della propria famiglia, la donna accetta di sottoporsi ad un rischioso esperimento che avrà lo scopo isolare ed annientare l'origine di queste angoscianti e minacciose manifestazioni telecinetiche.
Dal libro biografico di Frank De Felitta sul controverso caso Doris Bither e sceneggiato dallo stesso autore, Sidney J. Furie trae un horror drammatico che si inserisce a pieno titolo nelle rappresentazioni del paranormale che avevano attratto l'interesse economico delle Major negli anni settanta e agitato lo spettro di una angoscia sociale e individuale che avrebbe accompagnato la nazione americana dalla disastrosa esperienza bellica in Vietnam all'imperialismo reazionario del decennio successivo.
Epigono di quello scientismo a fin di bene che  decretò il successo circa un decennio prima del controverso capolavoro di William Friedkin, il film di Furie è il prodotto di un solido mestiere che drammatizza opportunamente un presunto caso di cronaca vera per approdare agli esiti di quelle suggestioni razionaliste in grado di ricondurre incubi e fantasmi alle manifestazioni tangibili di una realtà parallela che ha da sempre abitato il focolare domestico e agitato il sonno degli uomini. (Mothman Prophecies).
Si passa quindi dall'uso strumentale del commento musicale di Charles Bernstein al prevedibile repertorio fatto di soggettive, piani sequenza e primissimi piani quali ferri del mestiere per una ricostruzione romanzata che contemperi orrore e sentimenti, dramma sociale e paura dell'ignoto, ambiguità psicologiche e certezze parascientifiche in grado di fugare presto i dubbi sulla falsa natura isterica di un banale caso di possessione e condurci attraverso i perigliosi espedienti in grado di cristallizzare le abominevoli manifestazioni dell'universo olografico grazie all'elio liquido ed alla riproduzione scenografica di una ipercontrollata casa di bambole. Insomma, Furie gioca a carte scoperte con un dramma psicologico un pò telefonato che utilizza le fragilità di una donna confusa tra istinti materni e pulsioni edipiche per assolverla dai millenari pregiudizi sulle sue concupiscenze sataniche e renderla da subito vittima designata di una metafisica e perversa attenzione sessuale (anche il consesso di medici dovrà alla fine ricredersi!) a base di paralisi ipnagogiche e sodomizzazioni telecinetiche. Meglio una prima parte dove la costruzione della paura si fa attenzione spasmodica per le inattese perturbazioni della vita domestica rispetto ad una seconda che finisce per risolversi nella messa in scena di pacchiani e un pò ridicoli effetti speciali (una versione ante-litteram dell'Omino Michelin degli acchiappafantasmi prossimi venturi). Brava la Hershey che regge con partecipazione e fascino il ruolo di madre single in perenne crisi d'estasi e solito contorno di personaggi d'antologia cinefila: dallo scetticismo dello psicologo in 'trasfert inverso' di un irsuto Ron Silver al team di ghostbusters alla Poltergheist con a capo la solita dottoressa con facoltà medianiche prematuramente incanutita. Straordinario successo al box office dell'anno 1981 (dopo Tootsie) ed insospettabile endorsement di Martin Scorsese (Silly Walter docet!) che lo ha definito: "Uno dei film più spaventosi di tutti i tempi".
 

"Era California, era libertà
quanto fiato nella gola
per rifare la realtà 
Era California, era via di là
verso cosa non sapevo ma lo respiravo, sembrava cielo"

[+] lascia un commento a gianleo67 »
Sei d'accordo con la recensione di gianleo67?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
0%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di gianleo67:

Vedi tutti i commenti di gianleo67 »
Entity | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1░ | gi˛˛˛˛˛
  2░ | chriss
  3░ | gianleo67
Scheda | Cast | News | Foto | Frasi | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
giovedý 10 settembre
La mia banda suona il pop
mercoledý 9 settembre
Fantasy Island
martedý 8 settembre
Doppio sospetto
mercoledý 2 settembre
Villetta con ospiti
giovedý 27 agosto
Dopo il matrimonio
mercoledý 26 agosto
Qua la zampa 2 - Un amico Ŕ per se...
giovedý 6 agosto
Last Christmas
Georgetown
Queen & Slim
mercoledý 5 agosto
Alice e il sindaco
mercoledý 22 luglio
Favolacce
L'uomo invisibile
Tornare
Il principe dimenticato
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità