Perdona e dimentica

Acquista su Ibs.it   Dvd Perdona e dimentica   Blu-Ray Perdona e dimentica  
Un film di Todd Solondz. Con Shirley Henderson, Ciarán Hinds, Allison Janney, Michael Lerner, Chris Marquette.
continua»
Titolo originale Life During Wartime. Commedia, durata 98 min. - USA 2009. - Archibald Enterprise Film uscita venerdì 16 aprile 2010. - VM 14 - MYMONETRO Perdona e dimentica * * * 1/2 - valutazione media: 3,55 su 35 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   
mosho venerdì 27 aprile 2012
non si può, non si può! Valutazione 2 stelle su cinque
0%
No
100%

Happiness fu una rivelazione, come Festen o Funny Games, film diversi e coraggiosi, film che non si dimenticano... Ma certi argomenti non si possono riprendere pari pari dopo 10 anni!!! Non puoi fare oggi un film dove c'è un figlio che chiede a suo padre cosa prova quando sodomizza i propri amici di giochi e poi, dopo anni, rifare un film dove c'è un figlio che chiede alla mamma come faceva, il papà, a sodomizzare un bimbo!!! Qui siamo alla mania, siamo alla follia, siamo alla paranoia! Morandini, poi, osa giudicare questo obbrobrio addirittura migliore di Happiness e conferma, con questo abbaglio, che ultimamente non ne azzecca più una che sia una...! Mi dispiace, ma non ci siamo proprio. [+]

[+] lascia un commento a mosho »
d'accordo?
francesco2 domenica 4 marzo 2012
ossimori e coerenza Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Soffermandoci sul titolo italiano, sarebbe lecito pensare ad un taglio più autoconsolatorio rispetto ad altri film di Solondz. Specifico "Italiano", perché quello inglese è "Life during wartime": appare una scelta ben più in linea col passato dell'autore statunitense, vuoi perché manca una dimensione ottimistica, per quanto scaturita dal travaglio (Il perdono, appunto, ma vuoi anche (O soprattutto?) perché probabilmentela vita in tempo di guerra è un'espressione ossimorica, nonostante la dolcezza della musica della canzone omonima )Non ho modo di valutare il testo). Fuorché in un atteggiamento (iper)ottimista non si interpreti anch'essa come un momento di travaglio: il che, casualmente(?), ci riporta al "Perdona e dimentica" scelto dai distributori italiani. [+]

[+] lascia un commento a francesco2 »
d'accordo?
nigel mansell venerdì 4 marzo 2011
comunque da vedere Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

Ripugnante, cinico, nichilista, impietoso, disfattista, relativista, squallido, triste, senza consolazione, dissacrante... ma è da vedere: chi fa film del genere?

La Rampling è sempre bellissima!

[+] lascia un commento a nigel mansell »
d'accordo?
cambiof lunedì 22 novembre 2010
gran film... Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Sulla scia di happyness, col quale ha molte analogie. Cinico come al solito, da vedere assolutamente

[+] lascia un commento a cambiof »
d'accordo?
nalipa giovedì 16 settembre 2010
non è certo un film da vedere per svagarsi Valutazione 2 stelle su cinque
50%
No
50%

Ho trovato riuscito il film per ciò che il regista ha voluto trasmettere,  e cioè che al mondo ci sono esseri malati di perversione e che la vita  non é tutta rose fiori, ma assolutamente pesante perchè brutto da vedere.
Brutti gli attori, tutti. Brutti i dialoghi, tutti. Brutte le ambientazioni, tutte.
Forse non é proprio così e cioè che i cattivi sono brutti anzi il più delle volte l'abito non fa affatto il monaco.
Se l'intento di Solondz era irritare colpendo  l'immaginario anche visivo direi che ci é riuscito.

[+] lascia un commento a nalipa »
d'accordo?
ultimoboyscout domenica 8 agosto 2010
perdona e dimentica... Valutazione 1 stelle su cinque
42%
No
58%

Come il titolo del film...proprio così...è un avvertimento per noi poveri spettatori. Perdona chi ha fatto il film e dimentica immediatamente il film.

[+] lascia un commento a ultimoboyscout »
d'accordo?
zadigx venerdì 18 giugno 2010
death during filmtime Valutazione 1 stelle su cinque
47%
No
53%


 

"La vita in tempo di guerra" (come da titolo originale), non può essere certo caratterizzata solo da allegria, gioia, vitalità, slanci ideali e romantici. Ma nemmeno può contenere solo mortiferi silenzi, sguardi catatonici ed inebetiti, dialoghi fobici e semplicistici (tra i quali ho potuto solo memorizzare il reiterato, laconico "fanculo stronzo" di cui sopra). Da Happiness (che mi piacque molto) ci separano non 10, ma 1000 anni di tedio consolidato, di perdita di ironia, di rassegnazione. Probabilmente l'autore, per onestà intellettuale, non può che rappresentare questa death valley sociale, col rifiuto della tecnica, della creatività, del mestiere, che avrebbe smussato o annullato il pessimismo cosmico che sicuramente l'attanaglia. [+]

[+] lascia un commento a zadigx »
d'accordo?
francesco gatti martedì 25 maggio 2010
un leone solo sfiorato Valutazione 4 stelle su cinque
41%
No
59%

Il Woody Allen dell’indicibile ci ripropone (altri attori, e storia un po’ diversa) i protagonisti di “Happiness”, dieci anni dopo la confessione della passione pedofila dello psichiatra del New Jersey. Oggi li ritroviamo (in un mondo -anzi, diciamo in un’America- ancora in guerra) pure loro in guerra: la guerra interiore di tre sorelle, della loro mamma, e del loro entourage. C’è Trish, la moglie dello psichiatra Billy (in procinto di uscire di prigione), che si fa corteggiare dall’indesiderabile Harvey; c’è poi Helen, sceneggiatrice soffocata dal proprio successo planetario (in casa sua luccicano 4 golden globes: stoccata di nulla alla povera Academy); viene infine Joy, educatrice carceraria dall’indole passiva e lamentosa. [+]

[+] tu hai riso? (di zadigx)
[+] lascia un commento a francesco gatti »
d'accordo?
amarolucano mercoledì 19 maggio 2010
perdonarenondimenticare-nonperdonaredimenticare Valutazione 2 stelle su cinque
63%
No
38%

Personalmente il film mi ha deluso. 
Perdona e dimentica cerca di affrontare tematiche importanti, quali il significato del perdono, la ricerca utopica di persone fin troppo "normali" alle quali affidare le speranze per un futuro migliore e per dimenticare il tragico passato, il rimorso e i sensi di colpa che ritornano presenti sotto forma di fantasmi dal passato, e via dicendo... 
Putroppo i personaggi principali risultano troppo grotteschi e per nulla credibili, per cui scavare dentro i loro sentimenti non risulta per nulla emozionante ed interessante.
"Happiness" lo ritengo nettamente superiore, in quanto, oltre ad avere una trama lineare e chiara, ritrae delle persone "vere" e delle vicende "credibili". [+]

[+] lascia un commento a amarolucano »
d'accordo?
laulilla martedì 20 aprile 2010
voglia di mediocrità Valutazione 4 stelle su cinque
86%
No
14%

Trish vive in una piccola villa in Florida, dopo che il primo marito è finito in galera per pedofilia. La donna, ancora giovane e con tre figli, medita di risposarsi con Harvey, uomo senza qualità, pieno di adipe e di luoghi comuni, che proprio per questo le potrebbe dare la sicurezza a cui aspira con libidinoso trasporto. I tre figli hanno età diverse e problemi a iosa: la bimba si nutre di psicofarmaci più che di cibo e promette una anoressia coi fiocchi per il futuro; Billy, il più grande, va al liceo e finge di credere alla madre che gli dice che il padre è morto, mentre il piccolo Timmy si aggira nel giardino di casa meditando sul suo futuro, ma ancora privo dell'identità che solo il rito del bar-mitzvah gli conferirà. [+]

[+] i titoli italiani sono fuorvianti (di zadigx)
[+] lascia un commento a laulilla »
d'accordo?
pagina: 1 2 »
Perdona e dimentica | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Festival di Venezia (1)


Articoli & News
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 16 aprile 2010
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità