Il matrimonio di Tuya

Acquista su Ibs.it   Dvd Il matrimonio di Tuya   Blu-Ray Il matrimonio di Tuya  
Un film di Quan'an Wang. Con Yu Nan Titolo originale Tuya de hun shi. Drammatico, durata 96 min. - Cina 2006. - Lucky Red uscita venerdì 8 giugno 2007. MYMONETRO Il matrimonio di Tuya * * * - - valutazione media: 3,24 su -1 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   

Tra autodeterminazione ed emancipazione. Valutazione 2 stelle su cinque

di ashtray_bliss


Feedback: 29419 | altri commenti e recensioni di ashtray_bliss
martedì 7 aprile 2015

Rittratto coinvolgente e etnograficamente interessante di una donna che mostra coraggio e autodeterminazione in una delle comunità più remote della Terra; quella della Mongolia ai confini con la Cina. Ambientato nei giorni nostri, Il matrimonio di Tuya, ci catapulta all'interno delle comunità nomadi che vivono di pastorizia nelle aride e fredde steppe mongole, dove la protagonista avrà occasione di mostrare tutta la sua tenacia, forza di volontà e audacia quando deciderà volontariamente di farsi carico della sua famiglia. Tuya infatti ha un marito invalido, dopo un grave incidente subito nel tentativo di scavare un pozzo d'acqua, mentre ha anche due bambini piccoli da accudire, e un esaustivo lavoro di pastorizia che dà da vivere ai quattro. La vita che conduce la donna è infatti pesante, routinaria, poco appagante, eppure c'è qualcosa di straordinario nel assistere alla determinazione di questa perspicace donna mongola di far andare avanti l'intera famiglia senza alcun aiuto di terzi o ausilio di macchinari. Una donna che riesce in pieno a imporsi all'interno di una comunità chiusa e dalle rigide regole imposte dalla tradizione (maschilista) alle quali lei riesce a tener testa. Eppure, tutto è destinato a cambiare quando anche la donna resterà vittima dun incidente che le impone di riguardarsi e smettere al più presto i lavori pesanti. Il fatto, la spingera in accordo col marito. a chiedere il divorzio, in modo da poterle consentire di risposarsi e trovare un altro uomo in grado di prendersi cura della sua famiglia e della propria attività alla quale lei è naturalmente legata. E Tuya, nonostante sia una vera Lady di Ferro, accetta la realtà dei fatti.

Subito dopo il divorzio, inizia la parte più interessante della pellicola, quella che riesce a farci percepire come 'funziona' la tradizione Mongola; fatta di pretendenti i quali una volta informati si recano a casa della donna a chiederla in moglie. Anche qui, nulla di strano, nulla che non sia in qualche modo 'accetabile' nelle società più maschiliste e quindi non vi è nulla che sconvolge in particolar modo lo spettatore. Ma a capovolgere lo scenario ancora una volta è l'eroina del lungometraggio, la quale si impone sempre sull'unica questione che le sta veramente a cuore: il proprio marito disabile che si rifiuta di abbandonare. ''Se decidi di sposarmi dovrai accettare anche Batoer" ripete con fermezza ai pretendenti.

Un atteggiamento inusuale, certamente in contrasto con lo stereotipo della donna orientale sottomessa, timida e schiva, magari anche subordinata alle leggi maschiliste della tradizione. Tuya riesce ad abbattere i muri, infrangere tutti questi clichè ed imporsi sullo schermo come una vera femminista. Una tosta, inflessibile, in grado di autodeterminarsi e gestirsi, la quale accetta di risposarsi non per le convenzioni sociali, ma proprio per trarre dell'utile dalla nuova unione e specialmente per non rinunciare a suo marito, l'unico uomo che ama veramente.

Ma il film, gestito e diretto in maniera assolutamente normale e lineare, vuole anche contrapporre due modi di vita totalmente diversi i quali sono destinati a incrociarsi e scontrarsi. Il primo è rappresentato dal mondo che Tuya e la sua famiglia conoscono; un mondo 'all'antica', che si dipana tra le immense e gelide steppe della Mongolia, animate solo da poche persone e ancor meno animali che mantengono questo piccolo mondo ancora in piedi. L'altro è rappresentato Baolier, il ricco pretendente della donna. Ma per estensione questo 'nuovo mondo' non può che essere associato alla modernità, alla richezza e alla tecnologia che sta lentamente contaminando anche le parti più remote e rurali del pianeta. Ovviamente questi cambiamenti non vengono esposti sotto forma di opposti radicali ma piccoli simboli di un mondo che cambia sempre più alla svelta, che avanza prepotentemente infiltrandosi maldestramente anche nella comunità di Tuya. E' l'antithesis dunque l'elemento principale di questa pellicola. La contrapposizione del vecchio versus il nuovo, della tradizione versus la modernità e di come questi elementi convivano anche forzutamente in luoghi sperduti, come appunto le steppe mongoliche. Non da meno l'antitesi è rilevata nella scelta della protagonsta stessa, di contarre un matrimonio che non vorebbe e accettare un nuovo marito laddove lei è gia sentimentalmente legata a Batoer.

Wang Quanan confeziona e propone un prodotto più che valido, che malgrado la sua apparente semplicità (la semplicità di questa pellicolla è il suo punto di forza) riesce comunque a centrare l'obbietivo, ed esercitare la sua funzione sociale sul pubblico, sollevando questioni e punti di riflessione più che mai attuali. Non aspettatevi però da codesta pellicola alcun eccesso di lirismo, pathos o carica narrativa poichè il suo centro gravitazionale resta immutabilmente la sua eroina che con la sua schiettezza di battute e la sua routinaria quotidianità conquista e convince. Essenziale pure la fotografia, che non ammallia ma fotografa in modo onesto e genuino la fauna e flora della Mongolia Cinese. Folkloristica e intrigante la scena finale del matrimonio.
Cinema pesante da digerire, probabilmente, ma vero cinema d'essai.

[+] lascia un commento a ashtray_bliss »
Sei d'accordo con la recensione di ashtray_bliss?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di ashtray_bliss:

Vedi tutti i commenti di ashtray_bliss »
Il matrimonio di Tuya | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Festival di Berlino (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 |
Link esterni
Sito italiano
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 8 giugno 2007
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità