Bullitt

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Bullitt   Dvd Bullitt   Blu-Ray Bullitt  
Un film di Peter Yates. Con Robert Vaughn, Jacqueline Bisset, Robert Duvall, Steve McQueen, Don Gordon.
continua»
Titolo originale Bullitt. Azione, Ratings: Kids+13, durata 114 min. - USA 1968. MYMONETRO Bullitt * * * 1/2 - valutazione media: 3,82 su 14 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Protagonista coi fiocchi ed eccellente azione. Valutazione 3 stelle su cinque

di Great Steven


Feedback: 66894 | altri commenti e recensioni di Great Steven
martedý 10 gennaio 2017

 

BULLITT (USA, 1968) diretto da PETER YATES. Interpretato da STEVE MCQUEEN, ROBERT VAUGHN, JACQUELINE BISSET, DON GORDON, ROBERT DUVALL

Alla base c’è un’opera di narrativa, il romanzo Mute Witness di Robert L. Pike. Al detective Frank Bullitt di San Francisco viene affidato, da parte dello stimato e riverito politico Walter Chalmers, intenzionato a diventare al più presto deputato, il compito di proteggere un certo Johnny Ross, testimone-chiave di un processo che si dovrà tenere a breve riguardo un caso di gioco d’azzardo e scommesse. Per il tenente della squadra omicidi della metropoli californiana, parrebbe ordinaria amministrazione, finché Ross, sotto la custodia di uno dei suoi due colleghi incaricati di sorvegliarlo notte e giorno, non viene ucciso una notte mediante una sua svista che però non sembra casuale, quantomeno agli occhi di Bullitt. L’agente Stanton, presente al momento dell’omicidio, viene ferito gravemente ad una gamba, ma sopravvive grazie all’intervento dei chirurghi in ospedale. Gettato al centro di una faccenda che minaccia di farlo trasferire altrove, Frank decide di nascondere il cadavere di Ross, ferito a morte nell’appartamento dove doveva sostare fino all’udienza e deceduto durante la degenza ospedaliera, contravvenendo in questo modo agli ordini di Chalmers ma cominciando immediatamente a dare la caccia agli assassini dell’uomo e soprattutto ai suoi misteriosi mandanti malavitosi. Gli esecutori dell’assassinio rimangono ammazzati dopo aver inseguito la macchina di Bullitt per le strade di San Francisco, e in seguito il poliziotto arriva a scoprire, dopo aver raccolto fondamentali indizi su una telefonata di Ross all’amica Dorothy e aver scoperto un inaspettato scambio di persona, gli intrighi di potere che coinvolgono in prima persona lo stesso Walter Chalmers, reo di aver costruito la propria carriera sulla corruzione, sul clientelismo e sullo sfruttamento delle forze dell’ordine. Il vero testimone insostituibile del processo, Harry Necker, viene freddato da Frank al termine di una lunga rincorsa sulla pista d’atterraggio degli aerei di San Francisco. Un insolito poliziesco che ricalca i suoi omologhi contemporanei e connazionali, di cui esiste un’ampia e variegata cinematografia, soltanto per quel che concerne il Technicolor e le scelte scenografiche. Per il resto, è un intenso amalgama di tensione drammatica, azione violenta e presentazione di un protagonista sui generis animato da un bisogno di ricerca della giustizia, intimamente contrapposto nell’animo dello stesso dai compromessi che si ritroverebbe costretto ad accettare, ma che il buonsenso, il coraggio e la testardaggine gli permettono di evitare con estrema abilità. È anche un poliziesco corretto e leale sugli imbrogli del potere, sulla mutevolezza degli interessi politici, i maneggi dietro ai procedimenti giudiziari e i tentativi di manipolare le forze di polizia per gli scopi egoistici e pure edonistici di coloro che esercitano il potere nel modo più autoreferenziale che il mestiere transiga. Idealmente suddiviso in due fazioni, con una prima parte che regala al pubblico la narrazione vista dalla prospettiva di un detective eccezionale tanto per anticonformismo quanto per il suo efficace, seppur indiscriminato, modus operandi, e una seconda parte in cui la violenza la fa da padrona, senza però dimenticare l’importanza della storia e tenendo quindi in gran conto lo svolgimento di una vicenda che vede impegnati, gli uni contro gli altri, giusti e ingiusti, uomini mossi da principi ferrei e irreversibili e adoratori corrotti della malvivenza più spietata, facendo trionfare i primi soltanto con la conclusione di un ciclo quasi interminabile di pathos e suspense. Poco parlato, carico di momenti che vedono la propria effettuazione sul filo del rasoio, denso di silenzi significativi e capace di alternare lunghe sequenze tranquille, ma non descrittive, ad una serie di sequenze messe una dietro l’altra con un ritmo irrefrenabile, il che ha valso l’Oscar 1968 all’operatore del montaggio Frank P. Keller. Il film è ricordato in patria e anche all’estero per l’inseguimento fra due autovetture nel traffico della città californiana, cominciato in modo casuale ma decisivo e coronato con uno schianto finale che provoca la morte dei due assassini che Bullitt stava cacciando per la sua personale esigenza di vendetta. La quale è anche il deus ex machina della pellicola, insieme all’intrinseca e onnipresente sete di realtà, traducibile in una pratica esperienza sul campo di azioni determinate a conoscere i fatti per come sono avvenuti. Bel lavoro di lima e rifinitura anche riguardo alla descrizione dei personaggi minori, fra cui spiccano l’ispettore Delgado, il commissario di polizia direttamente preposto a Bullitt (che non perde mai la fiducia nel suo dipendente, evitandogli il trasferimento e dandogli continuamente la possibilità di riaprire e portare a compimento le indagini) e l’autista del taxi che fa fermare il poliziotto davanti alla cabina telefonica, interpretato da un ancora poco famoso R. Duvall, all’epoca con poche esperienze sul grande schermo alle spalle. Di durata non eccessiva, rimane un caposaldo nella filmografia del compianto S. McQueen, prematuramente scomparso, e qui al meglio della sua forma.

[+] lascia un commento a great steven »
Sei d'accordo con la recensione di Great Steven ?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
0%
No
100%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Great Steven :

Vedi tutti i commenti di Great Steven »
Bullitt | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1░ | reiver
  2░ |
  3░ | seamus
  4░ | elgatoloco
  5░ | great steven
  6░ | luca scial˛
Premio Oscar (3)


Articoli & News
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledý 2 dicembre
After 2
martedý 1 dicembre
Monos - Un gioco da ragazzi
Magari resto
mercoledý 25 novembre
High Life
Galveston
martedý 17 novembre
La Gomera - L'isola dei fischi
Gli anni amari
La vacanza
Gauguin
mercoledý 11 novembre
Volevo nascondermi
giovedý 5 novembre
L'amore a domicilio
Just Charlie - Diventa chi sei
Almost Dead
mercoledý 4 novembre
Una intima convinzione
mercoledý 28 ottobre
La partita
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità