Três Irmãos

Un film di Teresa Villaverde. Con Maria de Medeiros, Marcello Urgeghe, Evgeniy Sidikhin, Laura Del Sol, Mireille Perrier Drammatico, durata 108 min. - Portogallo, Francia, Germania 1994.
   
   
   

Che delusione Valutazione 1 stelle su cinque

di Francesco2


Feedback: 40349 | altri commenti e recensioni di Francesco2
domenica 14 giugno 2020

 Questo film, forse in Italia  neanche distribuito, è la seconda opera di  Teresa Villaverde, a suo tempo più o meno venticinquenne, con un senso di forza e determinazione trasmessi nel contesto di Venezia 94.
Purtroppo, nonostante l’interpretazione della De Medeiros –Giustamente premiata-  il film trasmette a chi scrive assai poco di provocatorio, come anche i successivi “Os mutantes” e –in parte – “Agua e sal”.
Lo stile, che intervalla un RELATIVO (neo?) realismo  con inserti magici, volti presumibilmente  a suggerire una desolazione individuale e collettiva, nella Lisbona dei primi anni 90. Tale anti-realismo, tuttavia, è distante dai ritratti dolenti del  connazionale Costa, che in “Ossos” mostrerà una comprensione non necessariamente pessimistica ma neanche  consolatoria”; e, che, soprattutto, in “No cuarto da Vanda”, ritrae senza patetismi una realtà gia “morta nel non lavoro”, simile ed al contempo distantissima da un Cipri e Maresco o Strausse Huillet.
La protagonista, infatti, vittima (pre)destinata, è una giovane  senza vizi e trasgressioni ed apparentemente indifesa,  che subisce passivamente  la misoginia sul piano familaiare e sociale.  Ma, nonostante l’interpretazione della De Medeiros -giustamente premiata-è una figura senza spessore,  come anche avviene col padre, col  principale, e altri ritratti dei successivi film succitati. Non bastano, in questo senso,  la a luce ed i colori sfocati. E tale impressione risulta rafforzata dalla contrapposizione con l’altra ragazza del film –che ha verosimilmente suggerito il “titolo italiano” “Due fratelli emia sorella”. Spagnola –anche nella vita, l’attrice Laura Del sol; A differenza della protagonista,  appare disinibita, anche nell’approccio con l’altro sesso, fuma –Quella scena di una sigaretta che le viene accesa da Maria stessa!-, si apre maggiormente con gli altri.
Ma, paradossalmente,  questo rafforza l’impressione di un’opera con poche sfumature, incapace di approcci psicologici che oltrepassino la superficie, come anche di un messaggio universale – o persino nazionale, parlando da non portoghesi. Lo stesso finale non cosi imprevidibile- ma anche altri momenti  smentiscono  che NON  si trattasse di un film didascalico, come invece sarebbe potuto sembrare.  
Questo film, forse in Italia  neanche distribuito, è la seconda opera di  Teresa Villaverde, a suo tempo più o meno venticinquenne, con un senso di forza e determinazione trasmessi nel contesto di Venezia 94.
Purtroppo, nonostante l’interpretazione della De Medeiros –Giustamente premiata-  il film trasmette a chi scrive assai poco di provocatorio, come anche i successivi “Os mutantes” e –in parte – “Agua e sal”.
Lo stile, che intervalla un RELATIVO (neo?) realismo  con inserti magici, volti presumibilmente  a suggerire una desolazione individuale e collettiva, nella Lisbona dei primi anni 90. Tale anti-realismo, tuttavia, è distante dai ritratti dolenti del  connazionale Costa, che in “Ossos” mostrerà una comprensione non necessariamente pessimistica ma neanche  consolatoria”; e, che, soprattutto, in “No cuarto da Vanda”, ritrae senza patetismi una realtà gia “morta nel non lavoro”, simile ed al contempo distantissima da un Cipri e Maresco o Strausse Huillet.
La protagonista, infatti, vittima (pre)destinata, è una giovane  senza vizi e trasgressioni ed apparentemente indifesa,  che subisce passivamente  la misoginia sul piano familaiare e sociale.  Ma, nonostante l’interpretazione della De Medeiros -giustamente premiata-è una figura senza spessore,  come anche avviene col padre, col  principale, e altri ritratti dei successivi film succitati. Non bastano, in questo senso,  la a luce ed i colori sfocati. E tale impressione risulta rafforzata dalla contrapposizione con l’altra ragazza del film –che ha verosimilmente suggerito il “titolo italiano” “Due fratelli emia sorella”. Spagnola –anche nella vita, l’attrice Laura Del sol; A differenza della protagonista,  appare disinibita, anche nell’approccio con l’altro sesso, fuma –Quella scena di una sigaretta che le viene accesa da Maria stessa!-, si apre maggiormente con gli altri.
Ma, paradossalmente,  questo rafforza l’impressione di un’opera con poche sfumature, incapace di approcci psicologici che oltrepassino la superficie, come anche di un messaggio universale – o persino nazionale, parlando da non portoghesi. Lo stesso finale non cosi imprevidibile- ma anche altri momenti  smentiscono  che NON  si trattasse di un film didascalico, come invece sarebbe potuto sembrare.  

[+] lascia un commento a francesco2 »
Sei d'accordo con la recensione di Francesco2?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
0%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Francesco2:

Vedi tutti i commenti di Francesco2 »
Três Irmãos | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | francesco2
Festival di Venezia (1)


Articoli & News
Scheda | Cast | News | Poster | Frasi | Pubblico | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
giovedì 16 settembre
Freaky
mercoledì 15 settembre
100% Lupo
Adam
martedì 14 settembre
Black Widow
giovedì 9 settembre
Rifkin's Festival
Corpus Christi
Morrison
mercoledì 8 settembre
Il cattivo poeta
Il sacro male
martedì 31 agosto
Amazing Grace
giovedì 26 agosto
The Conjuring - Per ordine del dia...
mercoledì 25 agosto
Crudelia
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità