Luci della città

Un film di Charles Chaplin. Con Charles Chaplin, Virginia Cherrill, Harry Myers, Florence Lee, Al Ernest Garcia.
continua»
Titolo originale City Lights. Commedia, b/n durata 86 min. - USA 1931. MYMONETRO Luci della città * * * * 1/2 valutazione media: 4,89 su 48 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Charlot metropolitano fra ricchi e non vedenti. Valutazione 5 stelle su cinque

di Great Steven


Feedback: 67994 | altri commenti e recensioni di Great Steven
venerdì 18 luglio 2014

LUCI DELLA CITTà (USA, 1931) diretto da CHARLES S. CHAPLIN. Interpretato da CHARLES S. CHAPLIN – VIRGINIA CHERRILL – HARRY MYERS – HANK MANN § Charlot, vagabondo dal cuore d’oro, si prende cura di una giovane fioraia cieca e stringe amicizia con un milionario, al quale salva la vita, che però tutte le volte lo respinge quando da ubriaco ritorna lucido e sobrio. Quando la giovanetta si ammala, lui accetta i lavori più umili e faticosi (netturbino, pugile) pur di aiutarla e, intanto, se ne innamora, ricambiato. Al rientro del magnate da un viaggio, il generoso accattone gli chiede il denaro per un’operazione che restituisce la vista alla ragazza, che così può vedere il volto del suo benefattore. Charlot si allontana per non intralciare la felicità della fioraia. Con l’avvento del cinema sonoro, Chaplin reagisce coerentemente con la propria dinamica: per lui il parlato guasta l’arte più ancestrale del mondo, la pantomima, e il fonofilm è soltanto una “barbara invenzione”. Perciò, nonostante le esitazioni, i timori, i ripensamenti e i rifacimenti (questo è il film dei 132 ciak per decidere come realizzare la scena in cui il vagabondo deve far capire alla fiorista che è un uomo ricco e benestante, risolta poi attraverso lo sbattere della portiera dell’automobile del maggiordomo) che gli costarono un biennio di travaglio, City Lights è concepito come una pellicola muta con accompagnamento musicale. Critica e pubblico si trovarono d’accordo su un’opera che, sviscerando ancora i temi della solitudine e dell’illusione, è tuttavia un monito alla vita e alla sua meraviglia. Sequenze famose: l’inaugurazione della scultura in piazza; l’incontro con la fioraia e il riconoscimento finale (“Sì, ora posso vederti”); il plutocrate sbronzo che vuole ammazzarsi; il fischietto inghiottito da Charlot durante il veglione di gala in casa dell’amico facoltoso. Bertold Brecht si è ispirato alla figura del miliardario per alcune scene di Puntila e il suo servo Matti. Chaplin è, come sempre, perfetto e inoppugnabile nel rappresentare il suo gentiluomo in giacchetta stretta, bombetta, bastone e scarpe più larghe della misura idonea, aggiungendo in questo caso una dose di galanteria e un pugno ben calibrato di ottimi e lodevoli sentimenti in favore dei più bisognosi e di coloro che faticano a cavarsela da soli di fronte alle difficoltà asfissianti di un’esistenza grama e avara di soddisfazioni. Bravi anche gli altri personaggi, che condiscono il film delle loro gustose interpretazioni annettendovi carineria, humour, felicità, grandeur, buffoneria, sentimentalità, amore, bellezza e fervida eloquenza. Funzionali pure il montaggio (sagace e stupendo), la fotografia (un semplice bianco e nero ciononostante alquanto espressivo, tutt’altro che lesivo o deleterio ai fini del buon risultato complessivo), la scenografia (uno scenario urbano piuttosto moderno per l’epoca e assai rilassante, tondeggiante e definitivo) e una superba colonna musicale (di cui fa parte anche il brano La violetera, composto dal musicista spagnolo coetaneo di Chaplin José Sànchez Padilla (1889-1960)). Nella scena del night-club si intravede Jean Harlow, fra le comparse. Un’ottima opera che rasenta in modo molto ravvicinato il titolo eloquente e inappuntabile di capolavoro del cinema di ogni tempo, senza frontiere e senza epoche. Raramente Chaplin, sebbene fosse un genio indiscusso della settima arte, aveva raggiunto tali vette con non tantissimi mezzi a disposizione e con la sua inseparabile mistura tragicomica che ha sempre giocato un ruolo fondamentale nella realizzazione dei suoi cortometraggi e lungometraggi.

[+] lascia un commento a great steven »
Sei d'accordo con la recensione di Great Steven ?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
73%
No
27%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Great Steven :

Vedi tutti i commenti di Great Steven »
Luci della città | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | don nocola
  2° | valerio
  3° | fefè22
  4° | chriss
  5° | dandy
  6° | great steven
  7° | jervo
  8° | gianmarco
  9° | aristoteles
Immagini
1 | 2 | 3 |
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedì 22 giugno
Cosa sarà
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità