Zardoz

Un film di John Boorman. Con Sean Connery, Charlotte Rampling, Sara Kestelman, John Alderton, Sally Anne Newton.
continua»
Fantastico, durata 102 min. - USA, Gran Bretagna 1973. MYMONETRO Zardoz * * 1/2 - - valutazione media: 2,98 su 16 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Interessante, ma mal realizzato Valutazione 3 stelle su cinque

di shagrath


Feedback: 3241 | altri commenti e recensioni di shagrath
martedì 13 maggio 2014

In un  futuro assolutamente precisato (anno 2293) la civiltà è decaduta e l'umanità sopravvive nella barbarie e nell'ignoranza, domaniata da una casta di violenti "sterminatori" devoti al dio Zardoz. Sotto suo esplicito comando (Zardoz vola in cielo sotto forma di testa gigante sputando dalla bocca fucili e pistole), uccidono moltitudini di innocenti a caso, per limitare il proliferare della razza umana, colpevole di aver "infestato" il pianeta. Il capo degli sterminatori, Zed, riuscirà tuttavia a smascherare la natura tecnologica di Zardoz, strumento di potere di una elite di uomini resi immortali dalla scienza e che si barricano in una sorta di paradiso terrestre ristagnante, disumanizzato, senza prospettive e senza futuro, dal quale essi stessi cercano di sfuggire rendendosi conto dell'inutilità della loro esistenza. Zed riuscirà a salvarli tutti... uccidendoli.
Il tema di fondo è certamente interessante, Boorman pone la morte al centro della vita, criticando aspramente il concetto di "vita eterna" concretizzandolo come semplicmente innaturale e paradossale. Oltre a questo piano di lettura, si innesta quello della società elitaria che nega la conoscenza alle masse popolari, allo scopo di sfruttarle per impedire il naturale sviluppo della civiltà umana e mantenere il proprio status quo. Si tratta di un'aspra critica alla religione e alle caste di potere, il paradosso messo in luce è evidente (gli sterminatori uccidono in nome di un dio che gli conferisce il potere delle armi e gli promette la vita eterna dopo la morte, lo stesso dio creato da uomini immortali che invece vogliono morire, proprio perché sanno che dopo la morte non c'è nulla). Quello del regista è un lodevole e interessante intento, il problema di fondo è la resa della pellicola che si concede troppe ingenuità e troppe falle. Non mi riferisco agli effetti speciali o alle scenografie, che sono buone, ma ai dialoghi (alcuni dei quali troppo ingenui), alla regia e alla caratterizzazione dei personaggi, superficiali e contraddittori. Ad esempio gli immortali affermano di essere scienziati e intellettuali, eppure non riescono a progredire nelle loro conoscenze e competenze nonostante dispongano di tempo illimitato, questo perché apparentemente hanno le mani impegnate da attività oziose, da lavori domestici e da bizzarri rituali di terapia collettiva. Quindi, più che un insieme di scienziati, sembrano una comune anarchica anni '70 col cervello fritto dall'LSD (con la differenza che sono tutti diventati impotenti, dato che come viene prolissamente spiegato la loro immortalità ha reso la riproduzione superflua, e quindi l'avere rapporti sessuali è considerata attività inutile... questo avrebbe un senso se l'essere umano si accoppiasse solo per riprodursi. Ma dato che evidentemente non è così, almeno non per tutti, questa premessa del film la giudico decisamente infantile, in un certo senso persino bigotta). Per di più gli immortali, nonostante abbiano tempo infinito, cultura estesa e intelligenza, non riescono a trovare un modo per distruggere la macchina dell'immortalità che loro stessi hanno costruito, mentre invece il "bruto" Zed ci riesce in cinque minuti carpendone i segreti tecnologici. Il fatto è liquidato con un dialogo in cui si afferma che in 200 anni la selzione naturale della razza umana "esterna", tra violenze e stupri selvaggi, ha evoluto la sua mente superiore, lasciando indietro gli immortali. Bah, sarà. Di fronte a certi buchi narrativi, la sospensione dell'incredulità non può fare altro che venire meno. Ed è un peccato perché il tema è tutt'altro che banale. In ogni modo, il film lo consiglierei a chiunque.

[+] lascia un commento a shagrath »
Sei d'accordo con la recensione di shagrath?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
33%
No
67%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di shagrath:

Vedi tutti i commenti di shagrath »
Zardoz | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Tirza Bonifazi
Pubblico (per gradimento)
  1° | grazias88
  2° | grazias88
  3° | isildur91
  4° | shagrath
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Trailer | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità