Luci della città

Un film di Charles Chaplin. Con Charles Chaplin, Virginia Cherrill, Harry Myers, Florence Lee, Al Ernest Garcia.
continua»
Titolo originale City Lights. Commedia, b/n durata 86 min. - USA 1931. MYMONETRO Luci della città * * * * 1/2 valutazione media: 4,89 su 48 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Il tragico secondo Chaplin: i due volti dell'umano Valutazione 5 stelle su cinque

di jervo


Feedback: 300 | altri commenti e recensioni di jervo
giovedì 25 ottobre 2012

Charles Spencer Chaplin non è solo stato uno dei più grandi attori che il cinema ricordi, ma soprattutto un uomo dall'infanzia travagliata e da una perenne inquietudine che lo ha portato a creare una maschera, quella del Vagabondo, che è metafora dell'uomo nella sua accezione universale e particolare, in perenne lotta per la sopravvivenza, ma continuamente rifiutato dalla società, perché "alieno".

"Luci della città", lungometraggio del 1931 a cui Chaplin riservò il solito perfezionismo nella cura maniacale dei particolari, è senza dubbio l'apice del messaggio chapliniano, fortemente manicheo, ma non per questo meno tagliente. Nell'uomo coesistono due nature, e la condizione naturale è quella per l'uomo di tendere all'egoismo, all'indifferenza nei confrontri del diverso, dell'altro.
In questo senso la figura del ricco milionario, che quando è ubriaco, cioè fuori di sé, è amicio fraterno del Vagabondo, mentre quando è sobrio non lo riconosce neppure, è di fatto l'estrema sintesi del messio di Chaplin. Persino un personaggio apparentemente positivo, la fioraia cieca, accoglie il Vagabondo solo perché "diversa" come lui, proprio perché non vedente. Quando, invece, grazie alla costosa operazione che le ha fatto ritornare la vista rincontra, inconsapevole, l'uomo che grazie ad immensi sacrifici le ha permesso di poter tornare ad una condizione "normale", lo deride con disprezzo, anche qui rivelando il doppio volto paradossale del tragico messaggio chapliniano.
La scena finale è un capolavoro di recitazione ed è uno degli apici del cinema muto, nel 1931 ormai in totale declino. Qui Chaplin, sorprendemente, spiazza per l'ambiguità della scelta filmica: le lacrime del vagabondo non appaiono solamente una scelta sentimentale, ma probabilmente una triste presa di coscienza finale dell'ineluttabile solitudine del fanciullo Vagabondo.

[+] lascia un commento a jervo »
Sei d'accordo con la recensione di jervo?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
73%
No
27%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di jervo:

Luci della città | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | don nocola
  2° | valerio
  3° | fefè22
  4° | chriss
  5° | dandy
  6° | great steven
  7° | jervo
  8° | gianmarco
  9° | aristoteles
Immagini
1 | 2 | 3 |
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedì 22 giugno
Cosa sarà
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità