Okja

Film 2017 | Azione, Avventura, Drammatico 120 min.

Regia di Bong Joon-ho. Un film con Ahn Seo-hyun, Tilda Swinton, Jake Gyllenhaal, Lily Collins, Steven Yeun. Cast completo Titolo originale: Okja. Genere Azione, Avventura, Drammatico - USA, Corea del sud, 2017, durata 120 minuti. Valutazione: 2,00 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi

Aggiungi Okja tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Una ragazza deve impegnarsi per difendere la sua migliore amica, un grosso animale di nome Okja.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Trailer in italiano

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Il regista coreano inciampa su questa favola animalista e satirica, dove l'apparenza e la denuncia nascondono un discreto vuoto.
Recensione di Marianna Cappi
martedì 7 novembre 2017
Recensione di Marianna Cappi
martedì 7 novembre 2017

Sulle montagne della Corea del Sud, la giovane Mija divide da dieci anni una vita semplice, immersa nella natura, con la compagna di giochi Okja, un esemplare di super maiale, creato in laboratorio dalla multinazionale Mirando. Quando la Corporation si presenta per riprendersi l'animale e portarlo a New York, dove verrà incoronato vincitore di un concorso televisivo e poi mandato al macello insieme per essere commercializzato su larghissima scala, Mija non ci sta e parte alla rincorsa della sua migliore amica, imbattendosi negli intricati piani di marketing della Mirando ma anche in un gruppo di animalisti ansiosi di denunciarne i sopprusi.
Dopo aver conquistato il meritato interesse con “The host” e “Snowpiercer”, e il modo in cui superavano e ridiscutevano i confini del genere, Bong Joon Ho inciampa piuttosto vistosamente con questa favola animalista, concepita come una satira con diversi obiettivi, su tutti il nodo che lega gli interessi capitalistici e le strategie comunicative (tv e social network), un nodo che aggroviglia da un lato il filo dello storytelling e dall'altro quello della sua traduzione in immagini, e al quale il cinema contemporaneo non può non interessarsi (e con questo intendiamo anche dire che il regista coreano non è il primo a raccontare questa storia, né sarà l'ultimo). Il concetto stesso di “traduzione” è, non a caso, chiamato più volte in causa durante il film: non solo Mija parla un'altra lingua rispetto a chi la circonda, ma è anche portatrice di un'altra cultura e di un altro pensiero. Come Okja, che, di tutti gli esemplari di super maiale è quello cresciuto nelle condizioni ambientali e sociali ottimali, anche la ragazzina è, a suo modo, un esemplare unico di incorruttibilità alla tentazione del capitale, tanto che nemmeno il nonno, autentico montanaro, sfugge a tale piaga.
Appare evidente, già così, la natura schematica, per non dire convenzionale, del conflitto in gioco, e Okja , nel suo procedere, non fa che continuare su questa linea, assestandosi su un dualismo mai realmente problematizzato, che rispecchia quello, divertente e nulla più, del personaggio interpretato da Tilda Swinton (la gemella ideologicamente schizofrenica e quella testardamente businnes-oriented). È impossibile non tifare per Mija e per Okja, ma il modo in cui Bong Joon Ho allestisce il carrozzone criminal-satirico della Corporation, finisce per inghiottirlo e per obbligarlo inconsapevolmente a imitarne i meccanismi linguistici, noiosi e ripetitivi. Dell'emozione di uno Spielberg, del cinema di un Miyazaki, dell'intelligenza di un Joe Dante, non c'è qui che un'imitazione senz'anima. Per arrivare all'alba non c'è altra via che la notte, chi sceglie le scorciatoie rischia di scivolare nel vuoto.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 15 luglio 2017
laurence316

Dopo il buon successo di Snowpiercer (suo primo film in lingua inglese), Bong Joon-ho, una volta ottenuti da Netflix 50 milioni di budget e piena libertà creativa (più che una rarità nel panorama dei blockbuster odierni), ritorna sotto i riflettori con questo suo nuovo film che lo conferma quale uno dei più interessanti registi in circolazione.

domenica 2 luglio 2017
Mario Nitti

Una bambina alleva un supermaiale, l’alimentazione del futuro, e si affeziona a lui. Dopo 10 anni la multinazionale lo reclama e inizia una lotta per la sua liberazione in cui sono coinvolti gruppi animalisti. Il film ha un finale che lascia un po’ spiazzati perché l’happy end non è così happy come si potrebbe immaginare.

NEWS
GALLERY
sabato 20 maggio 2017
 

Ieri sera protagonista del 70° Festival di Cannes, il primo dei due film di Netflix in Concorso, Okja del visionario maestro sud coreano Bong Joon Ho (già autore dello straordinario Snowpiercer). A presentare il film il cast al completo: Jake Gyllenhaal, [...]

NETFLIX
martedì 28 febbraio 2017
 

Il film Okja segue il viaggio epico di Mija, una giovane ragazza disposta a tutto per impedire ad una potente multinazionale di rapire il suo migliore amico: un animale di nome Okja. Dal regista visionario Bong Joon-Ho, la mente creativa dietro [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati