Dizionari del cinema
Quotidiani (1)
Miscellanea (3)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
martedì 22 settembre 2020

Interviste a Ang Lee

65 anni, 23 Ottobre 1954 (Scorpione), Pingtung (Taiwan)
1

Il Maestro di trasformismo Ang Lee racconta il suo Vita di Pi.

Naufragi, tigri, 3D e molte (ambivalenti) verità

Naufragi, tigri, 3D e molte (ambivalenti) verità Quasi la negazione del concetto di Autore o la sua ricontestualizzazione alla luce dell'evoluzione che sta vivendo oggi quel che un tempo chiamavamo cinema. In sintesi Ang Lee, regista sfuggente ma sempre presente. Maestro di trasformismo, quintessenza di regista apolide ma capace come pochi altri di cogliere il punto di vista occidentale sulla narrazione e sul sentimento; infine macchina da premi instancabile, tra Oscar, Orsi e Leoni. Il neo-cinquantottenne da Pingtung è tutto questo, un curriculum spaventoso che nasconde una concezione di cinema apparentemente slegata e mercenaria, quasi spersonalizzata, e invece unita da un fil rouge tutt'altro che ovvio, quello di un punto di vista su commedia e tragedia umane distaccato e lucido ma non meno crudele. Il regista che si è cimentato con Ragione e sentimento, Tempesta di ghiaccio e Brokeback Mountain certo non temeva il confronto con il best-seller di Yann Martel. Un'altra sfida, l'ennesima di una carriera condotta sul filo del rasoio, tra passi audaci che rischiavano di costar caro - Hulk -e film inaspettatamente epocali come il wuxia de La tigre e il dragone.
I temi che permeano Vita di Pi, ultima opera di Lee, ovvero il misticismo, l'amore per la riflessione sottopelle e lontana da ciò che si percepisce con la semplice visione, nonché un finale spiazzante e aperto a diverse interpretazioni, avrebbero fatto naturalmente pensare a M. Night Shyamalan come scelta di regia. E invece ha prevalso la duttilità del taiwanese, come spiega lui stesso nel suo lussuoso hotel parigino: "Quando ho letto il libro non riuscivo a visualizzare un film che ne fosse tratto, finché qualcuno - la Fox - mi ha chiesto di farlo. Al che è sorto il seguito, ovvero come rendere appetibile un film fatto in buona parte di acqua, un ragazzo e una tigre?".

Ang Lee torna alla commedia per scrollarsi di dosso la 'pesantezza' del dramma.

Motel Woodstock: la leggerezza dell'innocenza

Motel Woodstock: la leggerezza dell'innocenza Il cinema di Ang Lee, è noto, spazia tra epoche, generi e derivazioni regalando storie abitate da uomini e donne straordinari. Straordinario era lo chef/padre di Mangiare bere uomo donna che aveva perso il senso del gusto, la romantica eroina di Jane Austen in Ragione e sentimento, i cowboy amanti di Brokeback Mountain, Hulk, la famiglia disfunzionale di Tempesta di ghiaccio e straordinario è lo storico evento – la tre giorni di pace e musica già immortalata nel documentario premio Oscar Woodstock – che fa da sfondo alla nuova commedia del regista di Taiwan. All'epoca in cui il più celebre concerto della storia della musica risuonava in tutto il mondo Ang Lee aveva appena 14 anni, viveva a Taiwan e si stava preparando per l'esame d'ingresso al liceo. "Vidi Woodstock al notiziario in bianco e nero" ricorda il regista. "Parlavano di questo enorme evento americano e mostravano le immagini di quello che per me, che all'epoca ero di vedute conservatrici, sembrava un raduno hippie con capelloni che si esibivano sul palco e una folla oceanica al loro cospetto. Ai miei occhi non aveva nulla a che vedere con lo sbarco sulla luna, ma a distanza di anni mi sono reso conto dell'importanza di quel periodo. Nella memoria collettiva Woodstock ha rappresentato l'età dell'innocenza che in seguito sarebbe andata perduta per sempre".

Con un film pieno di meraviglia e fascino Ang Lee torna a esplorare il conflitto dell'animo umano e i rapporti tra i sessi.

Lust, Caution: la spia che veniva dall'Oriente

Lust, Caution: la spia che veniva dall'Oriente Nella Shanghai segnata dall'occupazione giapponese la giovane Wong Chia Chi si offre come spia per entrare nella vita del signor Yee, un collaborazionista del Giappone, e informare la Resistenza sui suoi spostamenti. Con l'arte della seduzione riesce pian piano a smantellare le difese dell'uomo divenendone l'amante. Dopo aver ritratto con grande trasporto la relazione d'amore tra i due cowboy del Wyoming, Ang Lee torna a esplorare il conflitto dell'animo umano e dei rapporti tra i sessi con un film pieno di meraviglia e fascino. Abbiamo incontrato il regista premio Oscar e il cast di Lust, Caution, accolti al Lido di Venezia con un caloroso e sentito applauso.

1



prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledì 23 settembre
A Tor Bella Monaca non Piove Mai
martedì 22 settembre
L'hotel degli amori smarriti
giovedì 10 settembre
La mia banda suona il pop
mercoledì 9 settembre
Fantasy Island
martedì 8 settembre
Doppio sospetto
mercoledì 2 settembre
Villetta con ospiti
giovedì 27 agosto
Dopo il matrimonio
mercoledì 26 agosto
Qua la zampa 2 - Un amico è per se...
giovedì 6 agosto
Last Christmas
Georgetown
Queen & Slim
mercoledì 5 agosto
Alice e il sindaco
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità