Dizionari del cinema
Miscellanea (1)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
lunedì 2 agosto 2021

Articoli e news Francesco Patierno

57 anni, 24 Aprile 1964 (Toro), Napoli (Italia)

Francesco Patierno racconta com'è nato il suo Cose dell'altro mondo.

E se un giorno gli extracomunitari sparissero?

E se un giorno gli extracomunitari sparissero? Il prossimo 3 Settembre 2011 arriva al cinema la commedia italiana Cose dell’altro mondo, con Diego Abatantuono e Valerio Mastandrea e diretta da Francesco Patierno, che torna sul grande schermo dopo il suo ultimo successo Il mattino ha l’oro in bocca.
Con questo ultimo film, questo giovane regista cerca di soffermare l’attenzione degli italiani sulla problematica molto attuale della presenza degli extracomunitari nel nostro paese. Lo fa però con ironia e il sorriso, ambientando la storia in una città del Nord Est, in cui un industriale di una certa età poco intollerante verso il diverso, si diverte a mettere in scena ogni giorno una sorta di teatrino razzista. Un giorno, all’improvviso però tutti gli extracomunitari presenti sul suolo italiano spariscono per sempre e la situazione che si viene a creare è in bilico tra il surreale e il comico.
Francesco Patierno ci racconta come è arrivato a questo film e la realizzazione di quest’ultimo che lo porterà anche alla Mostra d’arte cinematografica di Venezia di quest’anno.


Francesco Patierno adatta (liberamente) Il giocatore di Marco Baldini per il grande schermo.

Il mattino ha l'oro in bocca: storia di un giocatore d'azzardo

Il mattino ha l'oro in bocca: storia di un giocatore d'azzardo La storia di Marco Baldini - dj e storico socio di Fiorello - la conoscono tutti. Chi non ha letto la sua autobiografia, "Il giocatore (ogni scommessa è un debito)", la conosce attraverso i suoi racconti in radio e in tv. Ed è proprio sulle registrazioni originali di Baldini e sui racconti di amici e conoscenti che Francesco Patierno ha basato Il mattino ha l'oro in bocca, film liberamente tratto dal libro. "Abbiamo scelto di raccontare la storia di Baldini mantenendo una certa distanza sia per quanto riguarda l'interpretazione degli attori che per la storia prendendoci delle libertà" ha spiegato il regista. "Ci siamo ispirati maggiormente alle registrazioni di quando lavorava alla radio fiorentina e quelle di Radio Deejay firmate insieme a Fiorello, e in particolare alle loro storie leggendarie raccontate da chi li conosceva".

Un cineasta dallo stile difficilmente etichettabile.

La politica degli autori: Francesco Patierno

mercoledì 29 gennaio 2014 - Mauro Gervasini da APPROFONDIMENTI

La politica degli autori: Francesco Patierno Guardando La gente che sta bene, il film di Francesco Patierno ispirato all'omonimo romanzo di Federico Baccomo (Marsilio) dal 30 gennaio nelle sale, viene da pensare che una terza via alla commedia italiana esista. Basta cercarla. Ci vuole coraggio, questo sì, forse persino una certa dose di incoscienza, ma chi non risica non rosica. La gente che sta bene racconta di un avvocato d'affari interpretato da Claudio Bisio il quale, all'apice del successo, rischia di perdere tutto. Senonché, forzando un po' la mano del destino, riesce a entrare nelle grazie di uno squalo della professione, volto e mole di Diego Abatantuono, tanto che la "contro-svolta" sembra assicurata. La di lui moglie, con la misurata inquietudine di Margherita Buy, è però ben oltre la crisi di nervi, e pure la consorte dello squalo non si sente troppo bene. A dirla così non pare ci sia troppo di originale. Ma Patierno punta su due strade per dribblare i canoni: da una parte sceglie come riferimento espressivo le serie televisive americane, per cui lunghe sequenze, lunghi dialoghi, la tensione che scaturisce dal percorso dei personaggi e non dai colpi di scena della trama. Dall'altra lascia che la tragedia confluisca naturalmente, senza margini, cambiando improvvisamente il registro della storia. Continua »

   

Su MYmovies.it i primi 10 minuti di un documentario-omaggio a Valentina Cortese, un film dall'approccio anticonvenzionale, non celebrativo ma intimo. Fuori Concorso a Venezia 74 e dal 7 giugno al cinema.

Diva!, guarda l'inizio del film

venerdì 1 giugno 2018 - a cura della redazione da GUARDA L'INIZIO

Diva!, guarda l'inizio del film Nata il 1° gennaio 1923 a Milano, Valentina Cortese è una delle pochissime star nostrane ad essere approdata a Hollywood e ad aver conosciuto splendori e stravaganze dello studio system. Lo ha fatto con successo, alla fine degli anni Quaranta, in fuga da una realtà che le stava troppo stretta, sposando nel '51 l'attore Richard Baseheart, per poi tornare in Italia e, grazie al sodalizio con Giorgio Strehler, diventare anche un'icona del teatro (ambito «dove tutto è possibile»). Diva! di Francesco Patierno è un documentario dall'approccio anticonvenzionale, non celebrativo ma intimo, dall'andamento non cronologico, che tiene miracolosamente insieme cinefilia e re-enacting, ricreazione drammatica. "Otto grandi attrici, più un affermato attore, raccontano con una messa in scena particolare gli attimi più significativi della vita di Valentina Cortese, attraverso un meccanismo che da anni sto sperimentando e che mischia continuamente, attraverso il montaggio, finzione e realtà. Un racconto al femminile dunque, il racconto di una donna che sicuramente non lascerà nessuno indifferente". Francesco Patierno, regista Diretto da Francesco Patierno e tratto dalla biografia "Quanti sono i domani passati" di Valentina Cortese, Diva! - di cui mostriamo in anteprima i primi 10 minuti - sarà al cinema da giovedì 7 giugno. Nel cast troviamo Barbora Bobulova, Anita Caprioli, Carolina Crescentini, Silvia d'Amico, Isabella Ferrari, Anna Foglietta, Carlotta Natoli e Greta Scarano.

Un'opera che racconta l'affascinante, continuo e invisibile intreccio che c'è tra la vita privata e la vita pubblica di un'artista. Dal 7 giugno al cinema.

Diva!, il trailer del film su Valentina Cortese

venerdì 18 maggio 2018 - a cura della redazione da TRAILER

Diva!, il trailer del film su Valentina Cortese Otto grandi attrici ripercorrono la vita di Valentina Cortese interpretando le sue stesse parole tratte dall'autobiografia "Quanti sono i domani passati", pubblicata in occasione dei suoi 90 anni. Un viaggio attraverso i suoi ricordi e le sue interpretazioni. Un'analisi pensata per lasciare un segno indelebile sul suo stile, sul cinema e sul costume delle varie epoche che ha rappresentato. "Diva! realizza il mio desiderio di raccontare l'affascinante, continuo e invisibile intreccio che c'è tra la vita privata di un' artista e quella pubblica, professionale, e lo fa attraverso la storia di una grande attrice italiana che è diventata un mito del teatro e del cinema di tutto il mondo: Valentina Cortese. Dietro l'immagine/icona dell'attrice vecchio stampo col foulard che le copre i capelli, ho scoperto infatti la storia appassionante, e sconosciuta ai più, di una donna che ha vissuto 90 anni della sua vita tra incontri e amicizie straordinarie, grandi amori, e momenti di vita di eccezionale intensità". Francesco Patierno, regista Tratto dalla biografia "Quanti sono i domani passati di Valentina Cortese" e presentato Fuori Concorso alla 74. Mostra del Cinema di Venezia, Diva! - di cui mostriamo in anteprima in trailer ufficiale - sarà al cinema da giovedì 7 giugno. La regia è di Francesco Patierno. Le attrici chiamate a intervenire sono Barbora Bobulova, Anita Caprioli, Carolina Crescentini, Silvia d'Amico, Isabella Ferrari, Anna Foglietta, Carlotta Natoli e Greta Scarano.

   
   
   


prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedì 22 giugno
Cosa sarà
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità