Il mistero scorre sul fiume

Film 2023 | Drammatico, +13 101 min.

Titolo originaleOnly the River Flows
Anno2023
GenereDrammatico,
ProduzioneCina
Durata101 minuti
Al cinema6 sale cinematografiche
Regia diShujun Wei
AttoriYilong Zhu, Chloe Maayan, Tianlai Hou, Tong Lin Kai, Chunlei Kang Han Chen.
Uscitagiovedì 11 luglio 2024
TagDa vedere 2023
DistribuzioneWanted
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,63 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Shujun Wei. Un film Da vedere 2023 con Yilong Zhu, Chloe Maayan, Tianlai Hou, Tong Lin Kai, Chunlei Kang. Cast completo Titolo originale: Only the River Flows. Genere Drammatico, - Cina, 2023, durata 101 minuti. Uscita cinema giovedì 11 luglio 2024 distribuito da Wanted. Oggi tra i film al cinema in 6 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,63 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il mistero scorre sul fiume tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento mercoledì 10 luglio 2024

Un poliziotto indaga su degli omicidi della Cina degli anni '90. In Italia al Box Office Il mistero scorre sul fiume ha incassato 5,7 mila euro .

Consigliato assolutamente sì!
3,63/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,75
PUBBLICO
CONSIGLIATO SÌ
Un giallo visionario e suggestivo su un'umanità fragile e impaurita.
Recensione di Emanuele Sacchi
lunedì 8 luglio 2024
Recensione di Emanuele Sacchi
lunedì 8 luglio 2024

Cina, primi anni 90. Il capitano di polizia Ma Zhe, trasferito in una località della Cina rurale, trova sistemazione per il suo ufficio in una sala cinematografica dismessa. Questa sede improvvisata diverrà il fulcro delle indagini su una serie di delitti insoluti, avvenuti tutti in riva a un fiume. Il sospettato sembra essere un uomo infermo di mente, adottato dalla prima vittima, ma le successive morti confondono le idee su alibi e moventi degli indagati, rivelando nel contempo segreti a lungo taciuti presso la comunità del villaggio. Le pressioni politiche spingono Ma Zhe a chiudere il caso nel modo più semplice, ma il detective vuole andare fino in fondo, benché l'investigazione rischi di incidere anche sulla sua lucidità psichica.

Di primo acchito Il mistero scorre sul fiume - titolo internazionale Only the River Flows, l'inadeguato titolo italiano strizza l'occhio a La morte corre sul fiume di Charles Laughton - potrebbe sembrare solo l'ennesimo giallo-noir cinese, che capitalizza sul successo di Diao Yinan con Fuochi d'artificio in pieno giorno.

Ma dopo alcuni dialoghi surreali, e l'espediente narrativo della stazione di polizia collocata in un cinema, si comincia a comprendere che le ambizioni del regista vanno ben oltre. Wei Shujun - in genere dedito a commedie, quali Striding into the Wind - adatta un racconto di Yu Hua e lo trasforma in un omaggio cinéphile a certo cinema onirico anni 70, in particolare alle atmosfere di capolavori quali A Venezia... Un dicembre rosso shocking di Nicolas Roeg, tanto più inquietanti quanto più il mistero si infittisce e si addentra nella psiche contorta del protagonista.

Gli ingredienti essenziali ci sono tutti: MacGuffin in serie, un fiume che nasconde cadaveri e misteri, una piccola comunità in cui tutti nascondono qualcosa, un corpo di polizia inefficiente e guidato dalla politica più che dal senso di giustizia. Ad aumentare la sensazione di vintage contribuiscono i dispositivi utilizzati: una audiocassetta le cui sovraincisioni sembrano dipanare la matassa del mistero, o ancora la celluloide del proiettore cinematografico, che Ma Zhe utilizza per ricomporre le tessere del puzzle, diventando regista del mistero stesso. Nonché spettatore, sognante, delle sue ricostruzioni oniriche del caso.

Wei gestisce il parallelo tra dimensione pubblica e privata del protagonista restituendone la schizofrenia di fondo, che lo accomuna a una società post-Tienanmen, repressa e ipocrita, nel mezzo di una transizione depressiva che precede lo sviluppo capitalistico che sconvolgerà la Cina alla fine del secolo breve. Il cinema, e in senso lato il palcoscenico, diventano il luogo in cui i personaggi rivelano la loro natura più autentica di burattini senza fili, destinati a recitare nella vita un ruolo che neanche conoscono.

Un'umanità fragile e impaurita sembra inconsapevole del proprio destino, protesa a nascondere la propria natura per preservare le maschere dello status quo. La messa in scena si compie con la (auto)celebrazione della polizia di Stato, che reinventa la sala per recuperarne la funzione originaria, con una cerimonia di premiazione che stride con la crudezza del caso investigativo. Non è la sala cinematografica a morire, è il rito che vi si celebra a trasformarsi, per divenire sempre più prosaico e posticcio.

Un lavoro suggestivo, destinato a rivelarsi più compiutamente in una seconda visione, che aiuta a comprendere i simbolismi dell'ultimo ed enigmatico segmento.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
Powered by  
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 11 luglio 2024
Alessandra De Luca
Avvenire

Nella Cina dei primi anni Novanta, il capitano di polizia Ma Zhe, trasferito in una località della Cina rurale, sistema il suo ufficio in una sala cinematografica dismessa, dalla quale partiranno le indagini su una serie di delitti rimasti insoluti, tutti commessi in riva a un fiume. Il principale sospettato è un uomo infermo di mente, adottato dalla prima vittima, ma le morti successive confondono [...] Vai alla recensione »

giovedì 11 luglio 2024
Sarah Mataloni
Close-Up

Shujun Wei, al suo terzo lungometraggio firma un noir in continua sospensione tra la vita e la morte, che gioca sul filo sottile della realtà e del sogno, del dolore e del mistero, alla rincorsa di un killer difficile da identificare perché l'atmosfera del film, come una lenta e nascosta agonia, diventa sempre più soffocante, fitta di indizi sparsi che confondono, tracciando linee molto sottili e interscamb [...] Vai alla recensione »

martedì 9 luglio 2024
Jacopo Russo
Asbury Movies

Nella zona rurale della città di Peishui, un'anziana donna viene trovata assassinata in riva al fiume. L'indagine viene così affidata al detective Ma Zhe (Zhu Yilong), che sente sulle spalle il peso della pressione del suo superiore (Hou Tianlai) affinché risolva il caso in tempi brevi. Tuttavia, il ritrovamento di una cassetta musicale accanto al cadavere mette l'investigatore su nuove piste che rivelano [...] Vai alla recensione »

martedì 9 luglio 2024
Sergio Sozzo
Film TV

Al suo terzo film, Wei Shujun porta avanti con Il mistero scorre sul fiume una riflessione lucidissima sulle strutture dello sguardo, e per forza di cose si appoggia al genere "scopico" per eccellenza che è il noir, sulla scorta di un romanzo di Yu Hua, ma soprattutto tenendo insieme una certa via cinese al canone con un look da polar e un uso di soggettive e flashback dell'assassino e del protagonista [...] Vai alla recensione »

martedì 9 luglio 2024
Gianluca Arnone
La Rivista del Cinematografo

Non solo il mistero. Tutto scorre nel grande fiume del Dragone: culture, prospettive, vite. È la Cina in perenne mutazione, che continua a finirsi e rinascere, distruggere e rifare. Un mosaico che non si ricompone mai del tutto. Ed è questo senso di incompiutezza e di maligna malinconia che trasmette Only the River Flowes (titolo più ironico di quello italiano), terza regia di Wei Shujun.

lunedì 22 maggio 2023
Simone Emiliani
Sentieri Selvaggi

Un noir carico di turbamento che potrebbe arrivare dall'universo di Albert Camus, citato in apertura. Wei Shujun ha citato anche le influenze wagneriane di Tristano e Isotta proprio per il modo in cui esplorano l'animo umano anche se poi Only the River Flows è un polar apparentemente stilizzato e in realtà sporco, che galleggia attorno al precipizio dell'abisso .

NEWS
GUARDA L'INIZIO
venerdì 5 luglio 2024
 

I primi 10 minuti del film di Shujun Wei presentato al Festival di Cannes 2023. La storia di una serie di omicidi in una città fluviale nella Cina rurale negli anni '90. Dall'11 luglio al cinema. Guarda l'inizio del film »

TRAILER
giovedì 27 giugno 2024
 

Regia di Shujun Wei. Un film con Yilong Zhu, Chloe Maayan, Tianlai Hou, Tong Lin Kai, Chunlei Kang. Da giovedì 11 luglio al cinema. Guarda il trailer »

NEWS
giovedì 27 giugno 2024
 

Un poliziotto indaga su degli omicidi della Cina degli anni '90. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2024 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati