Belli Ciao

Film 2022 | Commedia, +13 87 min.

Anno2022
GenereCommedia,
ProduzioneItalia
Durata87 minuti
Al cinema250 sale cinematografiche
Regia diGennaro Nunziante
AttoriPio D'Antini, Amedeo Grieco, Giorgio Colangeli, Lorena Cacciatore, Rosa Diletta Rossi Nicasio Catanese.
Uscitasabato 1 gennaio 2022
DistribuzioneVision Distribution
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,76 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Gennaro Nunziante. Un film con Pio D'Antini, Amedeo Grieco, Giorgio Colangeli, Lorena Cacciatore, Rosa Diletta Rossi. Cast completo Genere Commedia, - Italia, 2022, durata 87 minuti. Uscita cinema sabato 1 gennaio 2022 distribuito da Vision Distribution. Oggi tra i film al cinema in 250 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,76 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Belli Ciao tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

La ricerca ossessiva dell'affermazione di sé si porta dietro la solitudine, il distacco dai valori, dai sentimenti, dai legami familiari. Belli Ciao è 7° in classifica al Box Office, ieri ha incassato € 16.878,00 e registrato 2.725 presenze.

Consigliato sì!
2,76/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 1,79
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Una commedia garbata, con qualche trovata divertente, ma che non affonda il colpo.
Recensione di Simone Emiliani
sabato 1 gennaio 2022
Recensione di Simone Emiliani
sabato 1 gennaio 2022

Pio e Amedeo raccontano la loro storia in una "comunità di recupero per meridionali che hanno vissuto a Milano". Amici fin dall'infanzia, sembravano inseparabili. Invece, dopo l'esame di maturità, le loro strade si dividono. Pio parte per Milano, si laurea con lode e diventa un manager di successo. Amedeo invece resta in Puglia e, dopo che è sfumata l'ambizione di diventare medico, gestisce un negozio di articoli sanitari e collabora, come assessore, con il sindaco del suo paese per fermare la fuga dei giovani dal Sud. Dopo essersi persi di vista a lungo i due, ormai ex-amici, si rivedono dopo 20 anni quando Pio torna a casa insieme alla sua nuova compagna, un'imprenditrice digitale che ha tre milioni di followers. Il paese pugliese ha infatti bisogno di un finanziamento e la banca di Pio è l'unica disposta a concederlo.

Dopo aver lanciato Checco Zalone firmando la regia dei suoi primi quattro film e aver diretto Fabio Rovazzi in Il vegetale, Gennaro Nunziante ripete la formula con i comici foggiani Pio e Amedeo, che mancavano al cinema da sette anni dopo essere stati protagonisti di Amici come noi e aver fatto parte del cinepanettone 2014 Ma tu di che segno 6?.

Belli ciao riprende alcuni temi della commedia all'italiana: classi sociali differenti, contrasto Nord-Sud, la vita ordinaria che subisce all'improvviso un brusco cambiamento. Nunziante inoltre ripropone il tema narrativo dei primi due film girati con Zalone (Cado dalle nubi, Che bella giornata) dove la comicità scattava proprio nel rapporto tra il protagonista pugliese e Milano. Il suo merito è quello di non lasciare Pio e Amedeo (anche co-sceneggiatori insieme al regista) a briglia sciolta ma di costruirgli attorno una storia compatta, raccontata in un flashback lungo quasi come tutto il film.

La parte più riuscita è nei frammenti della loro infanzia e dell'arrivo di Amedeo a Milano che scombussola completamente la vita di Pio. Il cibo che esce dal piatto al buffet e soprattutto i dialoghi con Alexa e la scena, quasi da gag del muto, del direttore del negozio di abbigliamento che sale e scende le scale come un burattino dopo gli annunci di Amedeo al microfono, sono tra le trovate più riuscite di un film attento e puntuale nell'osservazione dei caratteri ma che però mostra di avere il fiato corto e arriva in affanno al finale.

In una storia di largo respiro, la comicità anche scorretta dei due comici è così controllata da non lasciare il segno se non in qualche battuta fugace ("Milano è liquida") o dalle espressioni del padre di Pio davanti al ragazzo gay che però rischiano di scivolare nella macchietta. Belli ciao non ha la forza dirompente delle commedie con Zalone, soprattutto Quo vado?, né l'atmosfera quasi surreale di Il vegetale. I tempi delle gag o sono troppo rapidi (il sushi che arriva subito a casa dopo essere stato nominato) eccessivamente prevedibili come quella del prezzemolo con la vicina di casa di Pio o ripetitive dopo essere state divertenti all'inizio come nelle citazioni in latino del sindaco interpretato da Giorgio Colangeli.

Forse ci voleva maggiore cattiveria, soprattutto nella descrizione dell'ascesa e della caduta del manager e una rabbia liberatoria solo accennata nell'evento mondano in cui i due amici trascinano tutti a ballare prima di buttarsi in piscina. Invece Belli ciao si spegne gradualmente proprio nel momento in cui dovrebbe affondare il colpo e resta una commedia di costume garbata ma incapace di graffiare.

Sei d'accordo con Simone Emiliani?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 5 gennaio 2022
Salvatore Amorosi

È stato un bel film. Ve lo consiglio.

martedì 4 gennaio 2022
Emanuele 1968

Multisala sabato sera ore 21:00 ,  posti occupati al 85% , pubblico giovane ma anche coetanei e famiglie, premetto che il mio genere e drammatico e biografico, però avevo bisogno di ridere, e devo dire che ci sono riusciti benissimo, senza nulla togliere a nessuno ma Amedeo Grieco e un grande. Il film narra di situazioni sociali in chiave comica, e finita la proiezione un meritato applauso [...] Vai alla recensione »

mercoledì 12 gennaio 2022
Veronica Gentile

Una commedia divertente delicata che fa riflettere. Battute non volgari ma argute. Pio e Amedeo bravi, in una veste diversa da quella che siamo abituati a vedere. Bella scenografia, battute intelligenti. Davvero un bel film...da vedere

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
sabato 8 gennaio 2022
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Si ringrazia la regione Puglia per averci fornito i milanesi". Era il titolo di un film di Mariano Laurenti, nel 1982 sembrava mettere la parola "fine" al capitolo "Terroni a Milano, infelicità e prospettive". Sintetizza la banca dati internazionale IMBD: "Delirious plot, demented characters, mass quantities of Terrunciello' s slang". Sbagliato: la questione resta apertissima, 40 anni dopo.

martedì 4 gennaio 2022
Giulio Sangiorgio
Film TV

Vengono dalla tv, Pio & Amedeo. Da Telenorba, poi Le iene ed Emigratis, Amici di Maria De Filippi. E il loro Felicissima sera, prima serata Canale 5, che il nostro Andrea Bellavita promosse così: «Non c'è nulla di originale (e per questo funziona), tranne la capacità di Pio e Amedeo di crescere e di normalizzarsi assorbendo perfettamente le logiche e i meccanismi della televisione fatta per il grande [...] Vai alla recensione »

giovedì 30 dicembre 2021
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Pio e Amedeo, amici pugliesi dall' infanzia, si separano. Il primo va a Milano, truffando, con la sua finanziaria, i clienti. Il secondo rimane a Sant' Agata di Puglia, vendendo articoli sanitari. Si ritroveranno all' ombra del «bosco verticale», complice un finanziamento anelato da Amedeo. Se vi aspettate un film «scorretto», resterete delusi. La commedia sembra un mix alla «pugliese imbruttito» con [...] Vai alla recensione »

giovedì 30 dicembre 2021
Mario Turco
Sentieri Selvaggi

Cui prodest, per dirla come il sindaco latinista interpretato da Giorgio Colangeli, straordinario epitome di una certa classe dirigente meridionale ancora esistente convinta che l'unica forma di cultura alta sia quella antica e che chi amministra la cosa pubblica debba farlo grazie alla superiorità (neo)borbonica degli uffizi. Chi ci guadagna, diremmo molto più colloquialmente noi, dal cambio di paradigma [...] Vai alla recensione »

martedì 28 dicembre 2021
Francesco Bonfanti
Close-up

Una cosa è fare un film comico, un'altra prendere degli attori comici e porli al servizio del film. La prima è una scommessa che corre sul filo del baratro diretta all'auspicabile successo, la seconda premia la stabilità e mette gli attori in secondo piano, addomesticando ciò che è loro peculiare: l'eccesso, per esempio, quello che funziona su schermi più piccoli.

giovedì 23 dicembre 2021
Federico Pontiggia
La Rivista del Cinematografo

Dopo l'esordio Amici come noi (2014, regia di Enrico Lando), e la partecipazione al corale Ma tu di che segno 6? (2014, regia di Neri Parenti), Pio (D'Antini) e Amedeo (Grieco) tornano davanti alla macchina da presa con Belli ciao, per la regia di Gennaro Nunziante, dal 1° gennaio 2022 in sala. Partire o restare? Restare o partire? I pugliesi Pio e Amedeo sono due amici inseparabili, finché il futuro [...] Vai alla recensione »

NEWS
BOX OFFICE
domenica 9 gennaio 2022
Andrea Chirichelli

Me contro te - Persi nel tempo si accontenta del terzo gradino del podio e raggiunge i 2 milioni di euro complessivi. Scopri la classifica »

BOX OFFICE
lunedì 3 gennaio 2022
Andrea Chirichelli

Continua il successo di Pio e Amedeo. Intanto Spider – Man: No Way Home torna sul podio. Scopri la classifica »

BOX OFFICE
domenica 2 gennaio 2022
Andrea Chirichelli

Tutto nuovo il podio con Matrix Resurrections e Me contro te. Scopri la classifica »

TRAILER
giovedì 9 dicembre 2021
 

Regia di Gennaro Nunziante. Un film con Pio D'Antini, Amedeo Grieco. Da sabato 1° gennaio al cinema. Guarda il trailer »

SHOWTIME
    Oggi distribuito in 250 sale cinematografiche
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati