Advertisement
A casa tutti bene - La serie, una centrifuga emotiva dal classico linguaggio mucciniano concitato e pop

Il regista si mette alla prova con l'ampio respiro della serie. Presentato alla Festa del Cinema di Roma. Da dicembre su Sky.
di Paola Casella

venerdì 22 ottobre 2021 - Festa di Roma

Gabriele Muccino rimpolpa l’ossatura della trama e i personaggi del suo film A casa tutti bene (guarda la video recensione) ma trasporta la vicenda a Roma e affida i ruoli ad un gruppo di attori completamente diverso. L’idea è buona perché la serialità consente di approfondire i componenti di un cast corale ampio e concedere a ciascuno il suo quarto d’ora (o più) di visibilità individuale. Inoltre il lusso in cui nuota la famiglia e l’aggressività predatoria che la attraversa rimandano a celebri serial d’oltreoceano.

Il linguaggio è quello classico mucciniano: concitato, ansiogeno, smaccatamente pop, sempre sopra le righe. Può non piacere, ma è certamente ben definito, e congegnato sulla base di meccanismi oliati a perfezione. Il piano sequenza iniziale o il 360° intorno ai personaggi sono promemoria della consumata professionalità del regista, e il codice espressivo richiesto agli attori, spesso eccessivo al punto di diventare irritante, lungo il respiro ampio della serialità può risultare più convincente.

Le tematiche restano quelle care al regista, o meglio le sue ossessioni autoriali: la gelosia, il rapporto simbiotico fra amore e denaro, l’incomprensione fra uomini e donne, la custodia contesta dei figli.

VAI ALLA RECENSIONE COMPLETA


news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati