Advertisement
The Forgotten Front: «che emozione trovare e restituire allo sguardo quelle immagini!»

La Resistenza di Bologna vista attraverso immagini e documenti storici. Gli autori Lorenzo K. Stanzani e Paolo Soglia raccontano il loro nuovo film. Dal 21 al 25 aprile in streaming nella Sala virtuale di MYmovies. Acquista €3,00 »
di Paola Casella

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
mercoledì 22 aprile 2020 - mymovieslive

Hanno lavorato a lungo fianco a fianco, per raccontare nel documentario The Forgotten Front la storia della Resistenza a Bologna negli anni fra il ’43 e il ’45, in occasione del 75esimo anniversario della Liberazione che cadrà questo 25 aprile. Lorenzo K. Stanzani è regista, montatore e coautore e si è occupato del reperimento dei filmati d’archivio; Paolo Soglia, giornalista e fotografo, si è occupato dei testi e del reperimento del materiale fotografico.


Il risultato è una ricostruzione rigorosa, con interventi di storici come Luca Alessandrini, Luca Baldissara e Toni Rovatti, che riesce a raccontare la Resistenza bolognese con immediatezza e ci fa vivere la sensazione di essere lì, nel momento, a vivere la Storia in prima persona.


Come è nata l’idea del documentario?
Lorenzo K. Stanzani: Da oltre vent’anni realizzo documentari storici e di recente mi sono sempre più incentrato sul territorio emiliano e romagnolo, cercando però di raccontare storie locali con uno sguardo più ampio. Il 75esimo anniversario della Liberazione era un’occasione da non perdere: ero stanco di sentire le ricostruzioni della Resistenza attraverso ricordi personali tramandati di generazione in generazione che però non riescono a tenere insieme lo sguardo complessivo della vicenda storica, sia nei toni di chi continua a screditare la Resistenza, che in quelli eccessivamente epici della retorica partigiana. E ho accettato la sfida di raccontare la vicenda bolognese solo attraverso immagini e documenti storici.


Come ha funzionato il lavoro di squadra fra lei e Paolo Soglia?
LS: È stato un piacere lavorare con Paolo, compagno di squadra molto attivo. Insieme abbiano scartabellato tutti gli archivi possibili e immaginabili della città, cercando anche negli archivi privati, tramite conoscenze e passaparola. Abbiamo trovato materiali inediti, anche in archivi stranieri. Ed è stato emozionante, dopo 75 anni, restituire allo sguardo immagini che nessuno ha mai visto.

Paolo Soglia: Lorenzo ha più l’occhio per i materiali di archivio cinematografici, e possedeva già una sua library molto folta. Va a lui il merito di aver instaurato un rapporto con Edo Ansaloni, un cineamatore dilettante che negli anni ’40 ha filmato gran parte dei materiali inediti che presentiamo nel film. A questi si aggiungono tante altre foto recuperate da album di famiglia, come la meravigliosa sequenza fotografica in cui Piazza Maggiore da vuota si riempie mano a mano dei carrarmati americani il 21 aprile.


Si vedono molti ragazzi nel vostro documentario, e l’impressione è che abbiate voluto restituire al pubblico giovane la freschezza di un’esperienza vissuta in tempo reale.
LS: La Resistenza è qualcosa che a un certo punto accade, c’è l’esigenza di resistere ma nessuno ha la più pallida idea di come farlo. Quindi da un lato volevamo restituire quel senso di improvvisazione continua e di incessante lotta, dall’altro lato volevamo ricordare che la Resistenza è stata fatta soprattutto dai giovani. Spesso purtroppo i documentari li vedono solo gli anziani e invece io voglio fare documentari per giovani: mi esalto quando scopro certe storie, e vorrei che anche loro potessero capire quanta bellezza c’è nell’essere vitali, qualcosa che si muove, che crea, che fa. Allo stesso tempo penso che sia un errore enorme parlare ai giovani usando il linguaggio “giovanilista” dei media: a scuola si mostrano video che sembrano fatti da Youtuber! Noi abbiamo cercato di mantenere la forma rigorosa del documentario storico, ma anche di darle un ritmo veloce, di spezzettare il racconto in capitoli brevi, di inserire cambi di passo inaspettati, per dare l’impressione di lasciare il discorso in sospeso.

PS: Da una parte volevamo mantenere un rigore storico, dall’altra abbiamo cercato di restituire un sapore di contemporaneità a quella vicenda, anche attraverso le voci che interpretano le testimonianze di allora, che sono voci giovani. A fare la guerra e la Resistenza sono stati i ragazzi: come dice lo storico Alessandrini nel film, i giovani maschi non avevano scelta, o erano negli eserciti fascisti o erano in clandestinità. Sono stati buttati all’interno della Storia. E questo andava ricordato, in modo che anche chi oggi ha 18 o 20 anni possa immedesimarsi.


Nel documentario è molto forte anche la presenza femminile.
PS: È un aspetto che abbiamo curato con passione, non per una volontà di politicamente corretto ma perché la presenza delle donne nella Resistenza, in particolare  bolognese, è stata determinante. Ma per ragioni anche culturali è stata sottodimensionata: si pensa alla donna solo come staffetta - ruolo peraltro importantissimo - mentre nel bolognese e nelle campagne tutte le manifestazioni anche violente, con repressioni e fucilazioni, hanno visto una partecipazione femminile molto attiva, con donne che assaltavano comuni e bruciavano i registri di leva. Anche dal punto di vista militare le donne hanno avuto ruoli importanti, ed erano considerate partigiane a tutti gli effetti, non gregarie. È importante dirlo con le prove storiche, non con una sorta di compiacimento per aver inserito anche loro nel doc: sono state un asse portante della Resistenza.

LS: La Resistenza è stata fatta prevalentemente da uomini, ma il contributo femminile è stato fondamentale sia come supporto logistico che nella parte che nessuno ricorda mai, e alla quale invece io sono molto affezionato, ovvero quella delle proteste femminili: a Bologna e dintorni ci furono le prime manifestazioni contro il podestà e le donne avevano una consapevolezza maggiore. Si sente ancora, nelle donne di una certa età in quella zona, qualcosa di più forte.


ACQUISTA - €3,00 CONTINUA A LEGGERE
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati