Advertisement
Poppy Field, omofobia e contraddizioni incarnate nel personaggio di un poliziotto gay

La storia di un giovane poliziotto obbligato a reprimere la propria natura. In concorso al 38TFF.
di Emanuele Sacchi

giovedì 26 novembre 2020 - Recensioni

Cristi, rumeno, e Hadi, francese, sono amanti clandestini, coinvolti in una relazione a distanza: Cristi è infatti un poliziotto e in Romania un coming out nelle forze dell'ordine non sembra una buona idea. Quando Hadi va a trovare Cristi, questi ha una nottata di lavoro intensa, che lo vede intento a sedare lo scontro tra manifestanti cristiani ortodossi e gli spettatori di un film LGBT, dopo che i primi hanno interrotto la regolare proiezione dello spettacolo. Ma tra gli spettatori qualcuno è una vecchia conoscenza di Cristi e lo riconosce.

Negli anni di spaccati sulla corruzione morale o fisica della società rumena o sui rapporti di forza che la regolano ne abbiamo visti molti, specie grazie alla straordinaria ondata di autori che ha impreziosito il terzo millennio. Due di questi - Radu Jude e Corneliu Porumboiu - si sono spesso affidati ai servigi di Marius Panduru, direttore della fotografia straordinario, che impreziosisce con il suo contributo il debutto nel lungometraggio di Eugen Jebeleanu.

VAI ALLA RECENSIONE COMPLETA


news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati