Minari

Film 2020 | Drammatico, +13

Anno2020
GenereDrammatico,
ProduzioneUSA
Al cinema53 sale cinematografiche
Regia diLee Isaac Chung
AttoriSteven Yeun, Ye-ri Han, Yuh Jung Youn, Alan S. Kim, Noel Cho, Will Patton Scott Haze, Eric Starkey, Esther Moon, Tina Parker.
Uscitalunedì 26 aprile 2021
TagDa vedere 2020
DistribuzioneAcademy Two
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,58 su 23 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Lee Isaac Chung. Un film Da vedere 2020 con Steven Yeun, Ye-ri Han, Yuh Jung Youn, Alan S. Kim, Noel Cho, Will Patton. Cast completo Genere Drammatico, - USA, 2020, Uscita cinema lunedì 26 aprile 2021 distribuito da Academy Two. Oggi tra i film al cinema in 53 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,58 su 23 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Minari tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Una famiglia coreana decide di dare avvio al proprio sogno americano e aprire una fattoria. Il film ha ottenuto 6 candidature e vinto un premio ai Premi Oscar, ha vinto un premio ai Golden Globes, 6 candidature e vinto un premio ai BAFTA, 7 candidature a Satellite Awards, Il film è stato premiato a National Board, Il film è stato premiato a Sundance, 10 candidature e vinto 2 Critics Choice Award, 3 candidature e vinto un premio ai SAG Awards, 5 candidature e vinto un premio ai Spirit Awards, 1 candidatura a Directors Guild, 1 candidatura a Producers Guild, Il film è stato premiato a AFI Awards, 1 candidatura a NSFC Awards, Minari è 3° in classifica al Box Office, ieri ha incassato € 9.425,00 e registrato 1.399 presenze.

Passaggio in TV
domenica 16 maggio 2021 ore 11,00 su SKYCINEMA2

Consigliato sì!
3,58/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,57
PUBBLICO 3,67
CONSIGLIATO SÌ
Stile classico e cast straordinario per un racconto di formazione che è un inno al multiculturalismo americano.
Recensione di Emanuele Sacchi
martedì 2 marzo 2021
Recensione di Emanuele Sacchi
martedì 2 marzo 2021

Anni '80: Jacob e la sua famiglia, immigrati sudcoreani stanchi di sopravvivere grazie a lavori come il sessaggio dei polli, si trasferiscono dalla California all'Arkansas. Jacob vuole avviare una coltivazione in proprio e rivendere i prodotti del suo lavoro nelle grandi città. La sua ambizione richiede enormi sacrifici e la moglie Monica è sempre meno disposta a concederne, specie per le complicazioni cardiache del figlio David. Pur di mantenere la famiglia unita Jacob accetta che si trasferisca da loro la suocera, Soonja: a differenza di Jacob, la donna è rimasta ancorata alle tradizioni coreane e si dimostra tutto fuorché corrispondente all'immagine tradizionale della nonna.

La collocazione temporale del quarto film di Lee Isaac Chung è solo in parte dovuta a un'esperienza autobiografica. Sono anche gli anni del reaganismo e della deregulation, gli anni in cui i piccoli agricoltori d'America soffrono, stritolati da un sistema spietatamente competitivo e sempre meno propenso all'assistenza.

Su Jacob però il sogno americano ha attecchito e per lui lo spirito dei pionieri e il riscatto individuale procedono in maniera inscindibile. La sfida che questi ingaggia contro la malasorte e la natura sa di Sisifo che spinge il fatidico masso o di - come il nome proprio suggerisce - Giacobbe che sogna una scala verso Dio e le sue promesse, in un'ossessione che non conosce ostacoli e finisce per contare più di quel che avviene al contorno.

Jacob vuole fornire un prodotto che restituisca il sapore della lontana patria a quei 30 mila coreani che ogni anno arrivano negli Stati Uniti. Ma per intraprendere questo viaggio deve immergersi a capofitto nelle contraddizioni d'America e del suo entroterra più isolato e impenetrabile, dove uomini che interpretano la religiosità in senso quasi animista possono rivelarsi di buon cuore e ragazzini apparentemente razzisti rivelarsi buoni amici.

È impossibile afferrare il cuore d'America, ce l'hanno raccontato generazioni di romanzieri che spesso hanno raccontato proprio storie di immigrati e di nuovi pionieri, pronti a conquistare una fetta di terra promessa contro tutto e tutti. Minari si inserisce in questa tradizione, giocando sull'innesto di elementi coreani - alcune pietanze tipiche, la gestione delle emozioni, lo spirito imprevedibile della nonna -, divenuti più familiari per il pubblico occidentale anche grazie al premio Oscar 2020 di Parasite, in un racconto classico americano.

La metafora della pianta che dà il titolo al film, seminata da Soonja e cresciuta rigogliosa nel cuore dell'Arkansas è un simbolo, semplice ma efficace, del potere del multiculturalismo e della natura inevitabilmente policroma su cui si fondano gli Stati Uniti d'America, arricchiti dalla diversità nonostante l'intrinseca difficoltà nell'accettare quest'ultima.

È tutta coreana, invece, la sensibilità verso il rapporto che intercorre tra David e Soonja: una relazione complessa che si sviluppa in un affetto così forte da divenire quasi un transfert spirituale di protezione dall'ostilità di cui è capace la natura. Senza slanci temerari, con uno stile classico nella scelta delle immagini in esterno e del montaggio così come delle musiche che le accompagnano, Chung si avvale di un cast straordinario - soprattutto grazie alla veterana Yoon Yeoh-jeong (The Housemaid, In Another Country) e al piccolo Alan Kim - e confeziona un delicato racconto di formazione, destinato a incontrare i favori di un pubblico ampio e diversificato.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 6 maggio 2021
Andrea1974

Un film con gli occhi di un bambino, che vede il mondo da una prospettiva tutta da riscoprire. Un bambino bambino, finalmente: un bambino che può permettersi di essere cinico con una nonna che odora di Corea, può permettersi di fare la pipì a letto e misurarsi con le reazioni degli adulti, può permettersi i capricci e gli imputamenti da bambino.

sabato 1 maggio 2021
Ghisi

“Minari” è un film dolce e amaro che mostra la demistificazione del sogno americano, le aspirazioni, i sentimenti e le emozioni di una famiglia coreana emigrata negli Stati Uniti in cerca di fortuna. Siamo negli anni ’80 e dopo dieci anni di lavoro di sessaggio - differenziazione dei pulcini tra maschi e femmine - dalla California Jacob Ly (interpretato da Steven Yeun) si [...] Vai alla recensione »

mercoledì 28 aprile 2021
stefano capasso

Anni ’80, dalla California una famiglia coreana si sposta in Arkansas per tentare di fare fortuna con l’agricoltura; Jacob vuole coltivare prodotti coreani per rifornire il mercato degli immigrati. Ma la famiglia, moglie e due figli piccoli non vive bene il trasferimento, soprattutto la moglie preferisce le opportunità che una città può offrire.

giovedì 6 maggio 2021
Mr.Rizzus

wow

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 23 aprile 2021
A. O. Scott
The New York Times

Il minari è una pianta, conosciuta anche come sedano d'acqua o prezzemolo giapponese, molto usata nella cucina coreana. Nel nuovo bel film di Lee Isaac Chung cresce nel letto di un torrente dell'Arkansas fornendo il titolo, un dettaglio importante e forse anche una metafora. Proprio come il minari, Jacob, Monica e i loro due figli sono trapiantati. Nel 1980 compiono una migrazione al contrario lasciando [...] Vai alla recensione »

lunedì 3 maggio 2021
Fabio Ferzetti
L'Espresso

Il terreno è arido, la casa ha le ruote, gli uragani sono frequenti, il vicino è un matto che però lavora sodo e forse vuol farsi perdonare la guerra di Corea trascinando ogni domenica un'enorme croce per i campi... Si capisce che mamma Monica non sia entusiasta della nuova vita voluta da suo marito Jacob. Ma il richiamo del sogno americano vale anche per quella famigliola di immigrati coreani che [...] Vai alla recensione »

venerdì 7 maggio 2021
Beatrice Fiorentino
Il Piccolo

Premiato ai Golden Globe e candidato a sei Oscar (di cui uno a segno, per la migliore attrice non protagonista a Yoon Yeong-jeong), "Minari" è una saga familiare autobiografica ispirata all'infanzia dello stesso regista, Lee Isaac Chung, nato da immigrati e cresciuto negli anni '80 nelle pianure dell'Arkansas. Il titolo del film fa riferimento a un'intensa erba aromatica utilizzata nella cucina coreana. [...] Vai alla recensione »

lunedì 3 maggio 2021
Massimo Causo
Duels.it

Nutre sempre un certo malessere nel cuore dei suoi personaggi, Lee Isaac Chung, come uno stato di incosciente languore esistenziale, qualcosa che viene da lontano e appartiene a uno scollamento quasi impercettibile da una condizione edenica forse persa, forse mai o non ancora raggiunta... Se si conoscono i film precedenti di questo regista asiamericano - in particolare Lucky Life e Abigail Harm, entrambi [...] Vai alla recensione »

sabato 1 maggio 2021
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Parasite" l' anno scorso ha aperto la strada, vincendo l' Oscar come miglior film (Bong Joon-ho come regista) anche se era tutto parlato in coreano: in anni meno disinvolti verso lo straniero avrebbe portato a casa solo la statuetta come "foreign film". "Minari" è quasi tutto parlato in coreano, ma il regista è nato a Denver, da genitori immigrati che gli hanno ispirato la trama.

sabato 1 maggio 2021
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Negli anni '80 la famiglia del piccolo David, di origine coreana, si trasferisce dalla costa della California all'interno rurale dell'Arkansas. Il padre cerca di avviare un'attività che possa permettere alla moglie e ai due figli una quotidianità discretamente agiata, ma le cose vanno in tutt'altra direzione. E intanto dalla Corea arriva anche la nonna materna, ancora saldamente "asiatica".

sabato 1 maggio 2021
Nicolò Barretta
La Voce di Mantova

Siamo nel 1983 e la famiglia Yi si trasferisce dalla California a una zona rurale dell'Arkansas per decisione del padre Jacob, il cui intento è di creare una fattoria. La moglie Monica, che ha dovuto abbandonare la sua piacevole vita californiana e fa fatica ad adattarsi a questo nuovo tenore di vita, è invece più tradizionalista, più legata ai principi della cultura coreana.

venerdì 30 aprile 2021
Andrea Chimento
Il Sole-24 Ore

Finalmente si torna davanti al grande schermo. Dopo tantissimi mesi, diverse sale nelle regioni gialle hanno potuto riaprire e proporre titoli molto attesi. Tra questi c'è senza dubbio «Minari» di Lee Isaac Chung: nato negli Stati Uniti da una famiglia di origine sudcoreana, il regista si è in parte ispirato alla sua infanzia per mettere in scena questo interessante dramma dolceamaro, ambientato negli [...] Vai alla recensione »

venerdì 30 aprile 2021
Valerio Caprara
Il Mattino

Dell' iper oscarizzato «Nomadland» si è già parlato molto, s' accomodi chi gradisce il suo manierismo che non ha abbastanza storie per riempire due ore al contrario di quanto succedeva nei classici da cui ha attinto come Furore o I dimenticati. Gli assomiglia non poco, purtroppo, «Minari» che ha vinto una statuetta grazie all' interpretazione della non protagonista Yu-jung Youn, è uscito in molte [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 aprile 2021
Francesco Alò
Il Messaggero

Reduce dall' Oscar per Miglior Attrice Non Protagonista arriva in sala anche Minari ovvero famiglia sudcoreana in America zoticona dell' Arkansas nell' anno 1983. Tratto delicato, attori in stato di grazia e una nonna indimenticabile che puzza di Corea per il nipotino (alter ego del regista svezzatosi in Usa Lee Isaac Chung, qui in zona amarcord). LA STAR L' anziana sarà pronta a far esplodere la [...] Vai alla recensione »

martedì 27 aprile 2021
Cristina Piccino
Il Manifesto

Minari è il nome con cui la nonna arrivata dalla Corea in uno sperduto suburbio rurale dell' America chiama l' erba che accompagnata dallo scettico - e anche un po' ostile - nipotino pianta vicino a un fiumiciattolo non proprio limpido. «Minari, Minari is wonderful» canta mescolando qualche parola della lingua a lei sconosciuta che si parla nel Paese scelto dalla figlia per vivere e crescere i suoi [...] Vai alla recensione »

martedì 27 aprile 2021
Simone Emiliani
Sentieri Selvaggi

Guarda verso Michael Cimino (I cancelli del cielo) e Hal Ashby (Questa terra è la mia terra), ma anche Country di Richard Pearce, il quarto lungometraggio diretto da Lee Isaac Chung, cineasta statunitense di origini coreane. Guarda a quel cinema proprio per il modo di mettere in scena il legame fisico con la terra, di raccontare il Sogno americano dal punto di vista di una famiglia coreana che arriva [...] Vai alla recensione »

martedì 27 aprile 2021
Michele Anselmi
Cinemonitor.it

C'è da augurarsi che l'Oscar appena vinto dall'anziana attrice coreana Yoon Yeo-jeoung dia una mano a "Minari", il bel film appena uscito nelle sale - quelle poche che hanno riaperto il 26 aprile - per iniziativa di Academy 2. Secondo alcuni commentatori avrebbe meritato qualcosa di più corposo sul piano dei riconoscimenti, ma così è andata e ora non resta che vederlo, se interessa, sul grande schermo. Un [...] Vai alla recensione »

martedì 27 aprile 2021
Stefano Giani
CineSalotto

Jacob è un uomo a metà, origine coreana e sogno americano. Dopo qualche anno in California l'ambizione di diventare grande e far vedere ai suoi figli che lui è uno di quelli che ce l'ha fatta stride con la mediocrità di una moglie adatta a tutto ma non al rischio. Quest'ultima "importa" la madre dalla Corea per completare un quadretto familiare di tre generazioni sotto lo stesso umilissimo tetto, ma [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 aprile 2021
Marco Minniti
Asbury Movies

Raccontare il sogno americano al cinema è un'operazione che hanno tentato in tanti, finora. Farlo dall'ottica di una famiglia di immigrati, tuttavia, in un contesto come quello degli anni '80 reaganiani, quelli della retorica del self-made man, è un discorso ben diverso. È in questa piega che si va a inserire Minari, film statunitense col cuore e l'anima che guardano a est, delineando il tenace tentativo [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 aprile 2021
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Clamoroso al Cibali». Lunedì 26 riapriranno i cinema, dopo oltre un anno di chiusura forzata. Non in tutta Italia e, ovviamente, seguendo rigidi protocolli anti-Covid, ma si riparte, e tanto basta. Con quali film? Staremo a vedere. Intanto, complimenti ad Academy Two che ha deciso, già dal primo giorno di «rinascita», di distribuire Minari, film pluricandidato all'Oscar in tutte le categorie più importanti: [...] Vai alla recensione »

lunedì 19 aprile 2021
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

La seconda volta. La seconda stagione. La seconda ondata. Le seconde generazioni. E un nuovo inizio, dunque, una nuova frontiera e il sogno che la costruisce. Non c'è solo l'agenda politica, o lo Zeitgeist, a mandare avanti le nuove, ovvero altre, leve del cinema americano o, meglio, del cinema in America, c'è il talento degli stessi cineasti che rinverdiscono, e al contempo sovente problematizzano, [...] Vai alla recensione »

venerdì 26 marzo 2021
Andrea Fontana
Quinlan

La A24, casa di produzione e distribuzione con sede a New York, sta ridefinendo il concetto di cinema indipendente proponendo, ogni anno di più, opere dall'altissimo valore che si muovono con perfetto equilibrio fra approccio mainstream ed esigenze più autoriali. Una delle ultime produzioni, Minari, diretta da Lee Isaac Chung, ha ricevuto numerose nomination agli Oscar 2021, tra cui miglior film, miglior [...] Vai alla recensione »

domenica 21 marzo 2021
Adriano Piccardi
Cineforum

Una storia semplice, a prima vista, ma che semplice non è. Ugualmente sono forse i modi del racconto che appaiono semplici nella loro minimale fluidità, ma - lo sappiamo - anche questa, quando c'è, è il frutto di un lavoro tutt'altro che spontaneo: l'immediatezza è il punto d'arrivo di un percorso che inizia con un'idea consapevole di cinema cui dare forma in un processo teso a realizzarla senza imporla, [...] Vai alla recensione »

giovedì 18 marzo 2021
Matteo Galli
Close-Up

Premiato come miglior film straniero al Golden Globe (dopo il Gran Premio della Giuria a Sundance 2020), Minari , quinto lungometraggio del regista americano (è nato a Denver nel 1978) Lee Isaac Chung, figlio di una famiglia di emigrati sudcoreani, è stato al centro, proprio in relazione a quel premio, di una discussione non priva di tratti polemici in merito alla questione in quale categoria dove [...] Vai alla recensione »

mercoledì 1 settembre 1993
Mario Turco
Sentieri Selvaggi

Minari di Lee Isaac Chung è un film che gioca sin dal titolo in un pericoloso campo, quello della poesia dell'evidenza e della semplicità e che cerca quindi sommessamente di ottenere letture alte dell'esistente facendo riferimento alle cose della superficie esperite da noi tutti, in questo caso il cibo. Minari è infatti il nome del prezzemolo giapponese molto utilizzato nella cucina coreana, famoso [...] Vai alla recensione »

mercoledì 3 marzo 2021
Lorenza Negri
Wired

Quando Minari è stato presentato al Sundance Film Festival (dove ha vinto il Gran premio della giuria Us Dramatic), alcuni critici hanno definito il film indie prodotto dalla Plan B Entertainment di Brad Pitt del regista coreano americano Lee Isaac Chung il primo capolavoro dell'anno. All'ultima edizione dei Golden Globe, il prestigioso premio della critica straniera, il valore di Minari è stato ribadito [...] Vai alla recensione »

NEWS
BOX OFFICE
mercoledì 28 aprile 2021
Andrea Chirichelli

La seconda giornata di parziale riapertura vede sempre in testa Minari, che anche ieri è riuscito a restare sopra il totale di 10mila euro, portando al cinema più di mille persone (1670, per la precisione).

BOX OFFICE
martedì 27 aprile 2021
Andrea Chirichelli

I cinema italiani delle regioni in zona gialla hanno finalmente riaperto (il record di velocità spetta al cinema Beltrade di Milano, tutto esaurito già alle 5.30 del mattino, quando Caro Diario ha aperto la speciale programmazione giornaliera).

OSCAR
lunedì 26 aprile 2021
 

L'attrice sudcoreana si è aggiudicata la stauetta per la sua interpretazione in MinariVai all'articolo »

OSCAR
lunedì 26 aprile 2021
 

È trionfo. Avviene l’inimmaginabile al Dolby Theater. Parasite (guarda la video recensione) è il primo film non in lingua inglese di sempre ad aggiudicarsi l’Oscar più ambito, quello come miglior lungometraggio. [...]

POSTER
martedì 20 aprile 2021
 

Anni '80: Jacob e la sua famiglia, immigrati sudcoreani stanchi di sopravvivere grazie a lavori come il sessaggio dei polli, si trasferiscono dalla California all'Arkansas. Jacob vuole avviare una coltivazione in proprio e rivendere i prodotti del suo [...]

TRAILER
lunedì 19 aprile 2021
 

Regia di Lee Isaac Chung. Un film con Steven Yeun, Ye-ri Han, Yuh Jung Youn, Alan S. Kim, Noel Cho. Da lunedì 26 aprile al cinema e dal 5 maggio su Sky e NOW. Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati