Asia

Film 2020 | Drammatico, 90 min.

Regia di Ruthy Pribar. Un film Da vedere 2020 con Alena Yiv, Shira Haas, Gera Sandler, Liran David, Tamir Mula, Evgeny Tarlatzky. Cast completo Genere Drammatico, - Israele, 2020, durata 90 minuti. distribuito da Lucky Red. Oggi tra i film al cinema in 155 sale cinematografiche - MYmonetro 3,55 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Asia tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Una madre deve fare i conti con la scelta della figlia disabile di perdere la verginità.

Consigliato sì!
3,55/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,50
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Trailer in italiano

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Un debutto pieno e promettente che tocca temi duri senza pietismo e attraverso una sincronia perfetta tra le due protagoniste .
Recensione di Tommaso Tocci
venerdì 12 febbraio 2021
Recensione di Tommaso Tocci
venerdì 12 febbraio 2021

Il rapporto tra Vika e Asia, figlia diciassettenne e madre di origine russa immigrata a Gerusalemme, si fa più complicato di quanto sarebbe lecito aspettarsi quando a Vika viene diagnosticata una malattia degenerativa che attacca rapidamente le funzioni respiratorie e motorie. Le tensioni finora latenti tra Asia e la ragazza vengono rapidamente in superficie, squarciando quel velo di piccole bugie e malcelate distanze tra le due. Asia, trentacinquenne single con un duro lavoro da infermiera a spezzettarne le responsabilità materne, conserva un giovanile senso di indipendenza che sua figlia, sempre meno autonoma e più indebolita, dovrà necessariamente mettere in crisi.

È una sorpresa il bell'esordio della regista israeliana Ruthy Pribar, che mette in scena un canovaccio classico intessuto di toni drammatici con una nettezza di osservazione particolarmente potente e un dettagliato lavoro sulle prove attoriali. Le due protagoniste Alena Yiv e Shira Haas rendono madre e figlia dei personaggi sfaccettati dalle varie sfumature di originalità.

Piccolo e orgoglioso film tutto sviluppato tra le pareti sempre più opprimenti dell'appartamento e dell'ospedale, Asia tocca temi duri, dalla malattia alla morte, dalla solitudine alle difficoltà affettive. Lo fa però senza pietismo, e anzi con dei modi diretti che non distolgono mai lo sguardo filmico dalle prospettive più dolorose, e che in questo indaga sia dei caratteri tipici del cinema israeliano, sia il retaggio culturale russo dei personaggi. È una storia che parla di corpi che si cercano e si respingono, che falliscono e che reagiscono, perennemente catturati in quella terra di mezzo in cui la routine è sconvolta dall'emergenza, e l'emergenza si trasforma in nuova abitudine.

Gran parte del merito va quindi ai due corpi che riempiono più spesso lo schermo, esempi diversi di femminilità che concedono poche comparsate agli uomini che tentano l'ingresso (e che rimangono confinati al breve conforto fisico, che sia esso minacciato, desiderato o evanescente). Shira Haas è un profilo che il grande pubblico ha imparato a conoscere nella serie Unorthodox, e che è qui altrettanto efficace nello sporcare i confini tra giovinezza ed età adulta, con quei suoi tratti unici del volto che sembrano suggerire ora l'una e ora l'altra.

Qualcosa di simile fa Alena Yiv, forse ancora più sorprendente nei panni di Asia. Madre né devota né reticente, ma più autenticamente un caotico mix di energie spesso in conflitto tra loro, in un ritratto di donna sferzante e complessa. È una sincronia totale quella tra le due donne, testimonianza del lavoro della terza; Ruthy Pribar può godersi un debutto pieno e promettente, il cui buon successo tanto in patria quanto sul circuito festivaliero internazionale aumenta l'attesa per i lavori successivi.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 26 febbraio 2021
Wendy Ide
The Observer

Una madre e la figlia adolescente non sono completamente lontane l'una dall'altra, ma sono comunque bloccate su due cammini divergenti. Trovano però un terreno comune quando la malattia degenerativa della figlia peggiora e diventa chiaro che la sua vita rischia di finire prima ancora di cominciare davvero. Nel debutto della regista israeliana Ruthy Pribar, rigorosamente poco sentimentalistico, la protagonis [...] Vai alla recensione »

venerdì 19 febbraio 2021
Tonino De Pace
Duels.it

Shira Haas con la sua minuta figura, ma assorbente presenza sulla scena, passa dalla sofferenza dello spirito della miniserie Unorthodox a quella del corpo di Vika segnato da una malattia degenerativa che nell'arco di poco tempo la porterà alla morte. Non valgono le cure che la madre, infermiera e madre single, le presta. La giovane coprotagonista del film dell'esordiente Ruthy Pribar, lascerà questo [...] Vai alla recensione »

giovedì 18 febbraio 2021
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Preparate i fazzoletti. Drammone che ha come protagonista Asia, immigrata russa residente a Gerusalemme, madre single di una adolescente. Fa l' infermiera e ha una relazione clandestina con un collega medico sposato. Quando la figlia Vika scopre di avere una malattia degenerativa che non lascia speranze, la vita delle due sarà inevitabilmente stravolta.

martedì 16 febbraio 2021
Mariuccia Ciotta
Film TV

La regista Pribar ha vinto il premio Nora Ephron al Tribeca Film Festival 2020 e nove Oscar israeliani per il suo primo lungo, selezionato (ed escluso) per la statuetta d'oro come miglior film straniero. I consensi critici fioccano per questo film di scuola, compiaciuto della sua maniera impeccabile e un po' televisiva di inquadrare i volti in primo piano di madre (Alena Yiv) e figlia (Shira Haas, [...] Vai alla recensione »

venerdì 12 febbraio 2021
Carlotta Po
Cineforum

A circa metà film c'è un'inquadratura apparentemente trascurabile, su cui però la macchina indugia: è la protagonista, Asia, sdraiata a letto in una stanza buia, il solo volto illuminato da un fascio di luce. Non è un primo piano che permetta di accedere al suo sguardo fisso nel vuoto, aderendovi; e non è nemmeno un totale che metta in relazione la sua corporeità con la fisicità dell'ambiente circostante [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
mercoledì 10 febbraio 2021
 

Regia di Ruthy Pribar. Un film con Alena Yiv, Shira Haas, Gera Sandler, Liran David, Tamir Mula. Dal 12 febbraio solo su MioCinema. Guarda il trailer »

NEWS
lunedì 8 febbraio 2021
 

Una madre deve fare i conti con la scelta della figlia disabile di perdere la verginità. Vai all'articolo »

SHOWTIME
    Oggi distribuito in 155 sale cinematografiche
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati