Georgetown

Film 2019 | Drammatico, +13 99 min.

Titolo originaleGeorgetown
Anno2019
GenereDrammatico,
ProduzioneUSA
Durata99 minuti
Al cinema13 sale cinematografiche
Regia diChristoph Waltz
AttoriChristoph Waltz, Annette Bening, Vanessa Redgrave, Corey Hawkins, Noam Jenkins Sarah Jurgens, David Reale, Paulino Nunes, Laura de Carteret, Ron Lea.
Uscitalunedì 15 giugno 2020
DistribuzioneVision Distribution
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,61 su 8 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Christoph Waltz. Un film con Christoph Waltz, Annette Bening, Vanessa Redgrave, Corey Hawkins, Noam Jenkins. Cast completo Titolo originale: Georgetown. Genere Drammatico, - USA, 2019, durata 99 minuti. Uscita cinema lunedì 15 giugno 2020 distribuito da Vision Distribution. Oggi tra i film al cinema in 13 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,61 su 8 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Georgetown tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

La vicenda del vero Ulrich Mott è stata raccontata in un articolo del New York Times dal titolo 'Il peggior matrimonio di Georgetown'. In Italia al Box Office Georgetown ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 4,4 mila euro e 460 mila euro nel primo weekend.

Consigliato nì!
2,61/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,21
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
La bizzarra storia di un grande impostore alla conquista del sogno americano.
Recensione di Paola Casella
venerdì 15 maggio 2020
Recensione di Paola Casella
venerdì 15 maggio 2020

Ulrich Mott è un tedesco che ha fatto fortuna negli Stati Uniti, prima sposando Elsa Brecht, celebre giornalista sua connazionale (che ha l'età per essere sua madre), poi facendosi un nome all'interno della comunità diplomatica di Washington D.C. Ulrich e Elsa abitano in una bella brownstone nel cuore del quartiere chic Georgetown, con grande disappunto della figlia della donna, Amanda, docente di Diritto costituzionale all'Università di Harvard in rotta con il "patrigno" suo coetaneo. Ma al ritorno da una passeggiata notturna, dopo una cena di quelle che hanno fatto di Ulrich il re dei salotti della capitale americana, Elsa viene trovata morta nella villetta coniugale. E Ulrich è il primo sospettato di omicidio.

Georgetown segna il debutto alla regia cinematografica di Christoph Waltz, l'attore austriaco diventato uno dei beniamini di Quentin Tarantino, che si firma qui pudicamente C. Waltz, ma appare anche come protagonista e cosceneggiatore di questa bizzarra storia di inganni e sotterfugi basata su una storia vera.

Ulrich Mott infatti è realmente esistito e la sua vicenda è stata raccontata in un articolo del New York Times dal titolo 'Il peggior matrimonio di Georgetown'.

Waltz ci racconta Mott come un personaggio fortemente ambiguo ma non privo di fascino, dotato di quell'ambizione e quell'astuzia che gli hanno permesso di passare da stagista alla Casa Bianca a principe consorte a "taumaturgo" nell'esclusivo ambiente della diplomazia statunitense . Un uomo "impossibile da ignorare" conosciuto da tutti a Washington, maestro nell'arte più apprezzata dal mondo diplomatico e politico: fare leva su un nome per avvicinarne un altro, e poi un altro ancora.

Ma Ulrich rimane fondamentalmente uno straniero, un "nessuno venuto dal nulla" senza un ex compagno figlio di senatore a Yale a introdurlo nel ghota americano, o qualche parente celebe ad aprirgli la strada. I suoi modi sono tanto viscidi quanto suadenti, e Christoph Waltz sguazza come un paperotto in questa caratterizzazione che più che al suo perfido colonnello Hans Landa di Bastardi senza gloria rimanda al suo plagiatore di Big eyes. E Georgetown non commette il facile errore di fare di Elsa una povera vittima senile, anche perché a impersonarla è la luminosa Vanessa Redgrave: una donna volitiva che si è fatta strada da sola e che di Ulrich apprezza davvero lo spirito di iniziativa. Annette Bening chiude il cerchio nei panni di Amanda.

Da non americano, Waltz regista e sceneggiatore mette il dito dentro una piaga ben specifica: la struttura sociale wasp nella quale è difficile inserirsi, pronta però ad adottare il mito del self made man come metro di valore. Per certi versi Georgetown ricorda, fra molti altri titoli, Sei gradi di separazione: anche lì c'è l'outsider che si infila nei salotti buoni e funziona da detonatore interno. E in una certa misura non si può non fare il tifo per questo tipo di sabotatore del sistema, la cui spregiudicatezza abbatte steccati altrimenti insormontabili.

La regia di Waltz non può che definirsi teutonica: algida e legnosa, senza alcuna concessione a ciò che non è immediatamente tangibile. Ma in fondo è una solida cornice alla storia di un grande impostore per cui la realtà invece non esiste, se non come fonte delle opportunità che "siamo noi a crearci". Ulrich è un mago del networking, un ottimo cuoco e un maggiordomo impeccabile: dunque adattissimo a quella diplomazia che, come diceva Winston Churchill, "è l'arte di mandare all'inferno in modo che ti chiedano indicazioni".

Più che un character study, Georgetown mette allo specchio l'America, i suoi falsi miti e la sua spocchia xenofoba, e ci lascia con la domanda: "Come è riuscito Ulrich Mott a fare tutto ciò che ha fatto?". La risposta? Ha saputo giocare con le aspettative di un mondo escludente e le regole di una (in)cultura dell'inganno.

Sei d'accordo con Paola Casella?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 1 giugno 2020
Eugenio

L’avevamo lasciato in Bastardi senza gloria, l’ex colonnello Hans Landa Christoph Waltz ed ora lo vediamo regista e protagonista dell’ultima produzione statunitense in tempi di cinema in streaming: Georgetown. L’omonimo distretto storico commerciale di Washington è il set di un thriller patinato, dalle atmosfere alla Carnage o dagli echi altisonanti retrò bergamaniani [...] Vai alla recensione »

domenica 24 maggio 2020
Ghisi Grütter

Basato sulla vera storia di Viola Herms Drath che morì a 90 anni, “Georgetown” è il debutto alla regia di Christoph Waltz raccontata nell’articolo The Worst Marriage in Georgetown da Franklin Foer sul New York Magazine nel 2012. Siamo durante la prima decade del millennio, sotto la presidenza di George W. Bush e a guerra in Iraq avviata.

mercoledì 27 maggio 2020
francescofacchinetti

Spesso le 3 stelle e mezzo significano un 7, un 7+ o un 7,5, ma stavolta non manca così tanto alle 4 in realtà.Christoph Waltz alla sua prima prova da regista affronta un soggetto molto interessante e facilissimo da sbagliare, cosa che lui non fa.Grande la sua performance (è anche protagonista) e quella della leggendaria Vanessa Redgrave, il contorno e tutta la mise en scène tuttavia non reggono al [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 21 maggio 2020
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Ulrich Gero Mott (Waltz) è un arrampicatore sociale che sposa una donna (la luminosa Redgrave) che ha quarant' anni più di lui, madre di una coetanea (Bening) del marito. Sfruttando le conoscenze della moglie, celebre giornalista, Ulrich cerca di far carriera tra i potenti, tra un bugia e l' altra. Fino alla resa dei conti. Tutti gli indizi rimandano alla vera storia di Albrecht Gero Muth che uccise [...] Vai alla recensione »

martedì 2 giugno 2020
Adriano De Grandis
Film TV

Ulrich Mott è una di quelle figure che irrompono, con vari stratagemmi, nelle vite sociali di persone e comunità, cangiando ruoli e personalità, per destabilizzarle, trarne dei sicuri vantaggi, spinte spesso da ossessioni incontenibili e disturbi pericolosi. Siamo dalle parti di 6 gradi di separazione e di Prova a prendermi, però va subito detto che Georgetown non possiede la complessità e l'audacia [...] Vai alla recensione »

sabato 30 maggio 2020
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Non ci eravamo accorti che Christoph Waltz avesse un paio di espressioni soltanto. L' untuosa - di chi cerca di rendersi simpatico per ottenere un favore. La vendicativa - labbra strette, sguardo storto, manca solo il fumetto con la scritta: "Vedrai cosa sono capace di fare". Tutte le qualità per cui l' abbiamo celebrato e promosso a splendido attore, si devono al talento di Quentin Tarantino: grande [...] Vai alla recensione »

sabato 30 maggio 2020
Fabio Ferzetti
L'Espresso

Ci sono personaggi a cui nessun attore resiste pur sapendo che tra il ruolo da sogno e la trappola a volte c' è solo un soffio. Il mitomane, il truffatore, il millantatore, insomma l' attore sotto mentite spoglie che reinventa il mondo a proprio uso e consumo, è uno di questi ruoli che bastano a ispirare un film ma non sempre garantiscono umanità e profondità.

martedì 26 maggio 2020
Benjamin Lee
The Guardian

Lo scialbo debutto alla regia di Christoph Waltz ha alcuni ingredienti promettenti, ma è troppo sbilanciato. Waltz è anche il protagonista nel ruolo di Ulrich Mott, un misterioso tedesco che da guida turistica riesce a scalare parecchi gradini della scala sociale e a sposare Elsa Brecht (Vanessa Redgrave), stimata giornalista più vecchia di lui di trent'anni.

venerdì 22 maggio 2020
Valerio Caprara
Il Mattino

Mancherebbero solo tre settimane alla riapertura delle sale, ma non è facile crederci tanto è vero che nessuna distribuzione ha ancora annunciato un debutto tradizionale; succede, così, che in questo molesto e prolungato stand-by continuino a tentare la sorte sulle piattaforme tv a pagamento numerosi film programmati per carriere ben più ambiziose. Come, per esempio,«Georgetown», diretto e interpretato [...] Vai alla recensione »

giovedì 14 maggio 2020
Gian Luca Pisacane
La Rivista del Cinematografo

Albrecht Gero Muth/Ulrich Gero Mott. Nomi simili, sospesi tra realtà e finzione. Il collegamento tra i due lo suggerisce lo stesso Christoph Waltz, qui al suo esordio da regista per il cinema, nei titoli di coda. Albrecht Gero Muth divenne "famoso" quando il New York Times raccontò la sua vicenda: arrampicatore sociale, colpevole di aver ucciso sua moglie.

NEWS
TRAILER
martedì 12 maggio 2020
 

Regia di Christoph Waltz. Un film con Christoph Waltz, Annette Bening, Vanessa Redgrave, Corey Hawkins, Noam Jenkins. Dal 19 maggio direttamente in digitale.  Guarda il trailer »

SHOWTIME
    Oggi distribuito in 13 sale cinematografiche
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati