The Forest of Love

Film 2019 | Thriller 151 min.

Regia di Sion Sono. Un film con Kippei Shîna, Shinnosuke Mitsushima, Kyoko Hinami, Eri Kamataki, Young Dais. Cast completo Genere Thriller - Giappone, 2019, durata 151 minuti. Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Condividi

Aggiungi The Forest of Love tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un gruppo di filmmaker decide di filmare una coppia nella sua quotidianità. Quell'esperienza metterà in luce segreti inconfessabili.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Sono Sion confeziona per Netflix un remix della propria carriera, in chiave grandguignol.
Recensione di Emanuele Sacchi
lunedì 4 novembre 2019
Recensione di Emanuele Sacchi
lunedì 4 novembre 2019

Shin, solitario vagabondo, incontra Jay e Fukami, cineasti in erba: insieme decidono di girare un film e di coinvolgere Taeko, ragazza di facili costumi. Questa a sua volta si rivolge all'ex compagna di classe Mitsuko, prigioniera di due genitori violenti e possessivi e ancora vergine, come Shin. Ma il legame tra le ragazze e il misterioso truffatore Murata Joe è più complesso di quanto appaia e risale a traumi antichi. Intanto un serial killer non identificato miete vittime nella stessa zona in cui i nostri girano il film.

La condanna che grava sugli autori come Sono Sion è quella di dover continuamente stupire e provocare, alzando l'asticella del lecito e del disturbante ad ogni occasione.

Ci è già passato Takashi Miike, non senza averne ricavato qualche cicatrice, sotto forma di fama di ribelle offuscata e crescente oblio. E Sono Sion, che richiama Miike tanto nella materia trattata che nell'incontinenza creativa, negli ultimi anni ha finito per affrontare simili impasse.

Nonostante qualche rara divagazione sopraggiunta in carriera - come il mélo postatomico The Land of Hope - Sono resta in genere affezionato a un mix di generi pulp che, in buona parte, ha contribuito a creare: un punto di incontro tra ossessioni religiose, sette intolleranti, spleen adolescenziale, tendenze suicide, amori impossibili, perversioni sessuali e disastri genitoriali, con sottofondo mélo accompagnato da Mozart o Schubert.

L'attesa per il suo primo lavoro prodotto da Netflix era grande, specie dopo la sfortunata parentesi della serie per Amazon a tema vampiresco (Tokyo Vampire Hotel): svolta radicale o ennesima riproposizione della propria poetica? Bastano pochi minuti di The Forest of Love per capire che si tratta della seconda opzione. Sono sembra quasi voler sintetizzare in un unico film un'intera carriera, assemblando autocitazioni in serie e disponendole su differenti piani temporali. Il circolo di ragazze suicide di Suicide Club e Noriko's Dinner Table incontra così la famiglia ossessiva di Love Exposure, mentre il gruppo di cineasti deliranti ricalca quanto visto in Why Don't You Play in Hell?. Il processo di sintesi produce un film dalla durata prevedibilmente cospicua ma assai impoverito quanto a guizzi estetici: immagini volutamente povere e crude, che preludono a una svolta horror e grandguignol, tale da rendere The Forest of Love una delle visioni più per stomaci forti - il divieto è esteso ai minori di 18 anni - tra quelle occorse su Netflix.

Ma The Forest of Love ricorda soprattutto (involontariamente?) un film europeo, il discusso Il cameraman e l'assassino, per come gioca con la volontà inesausta dei cineasti di filmare il vero e scioccare lo spettatore, che finisce per portare Jay e Fukami a scottarsi le dita con la reale follia omicida di un serial killer. L'idea, allora, era di épater les bourgeois, ma oggi riuscirci pare sempre più difficile, tranne per chi si trovi alla "prima volta": forse Sono pensa che su Netflix gli spettatori siano novellini incontaminati? Di fatto, al di là dei problemi di ripetitività di temi e situazioni, The Forest of Love mostra altre manchevolezze, tanto in opinabili ellissi narrative - la perdita della verginità di Mitsuko, trascurata e poi recuperata solo nell'epilogo - che nelle verbose spiegazioni conclusive - il monologo della stessa Mitsuko, che obbliga a ripercorrere tutto quanto visto sino a qui, senza lasciare spazio al non detto.

Chi già conosce Sono può tranquillamente sorvolare, mentre per tutti gli altri è consigliabile cominciare da Love Exposure o Himizu.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 22 ottobre 2019
Fiaba Di Martino
Film TV

Che per Sion Sono il cinema sia sinonimo di «libertà assoluta», di infinità creativa, come si predica in The Forest of Love, lo sappiamo da sempre. Ciò nonostante oggi per il Nostro, autore di potenza immaginativa prorompente, action painter di traumi e psicosi, l'affanno è reale. Come i prelievi di seconda mano: in questo film Netflix (dopo una miniserie così così per Amazon) gli scalcagnati che s'immolano [...] Vai alla recensione »

NEWS
NETFLIX
lunedì 4 novembre 2019
Emanuele Sacchi

Il regista è chiamato ad alzare sempre di più l'asticella del disturbante. Ma non è un'impresa semplice. Ora su Netflix. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati