Sorry We Missed You

Acquista su Ibs.it   Dvd Sorry We Missed You   Blu-Ray Sorry We Missed You  
Un film di Ken Loach. Con Kris Hitchen, Debbie Honeywood, Rhys Stone, Katie Proctor, Ross Brewster.
continua»
Titolo originale Sorry We Missed You. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 100 min. - Gran Bretagna, Francia, Belgio 2019. - Lucky Red uscita giovedì 2 gennaio 2020. MYMONETRO Sorry We Missed You * * * 1/2 - valutazione media: 3,85 su 61 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
sergio dal maso venerdì 21 agosto 2020
la fine del lavoro Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

"Non lo trovi sotto casa? Ordinalo su Amazon, domani mattina sarà comodamente a casa tua!”
 
Quella dei Turner è una normale famiglia inglese. Tenacemente unita, malgrado i lavori precari e malpagati di Ricky e Abbie e il rapporto non troppo sereno con Seb, il maggiore dei due figli, adolescente piuttosto irrequieto.
Abby assiste gli anziani a domicilio, lavora fino a quattordici ore al giorno, trattandoli sempre con affetto e rispetto. Eppure guadagna una miseria, e non ha un contratto stabile perché dipende da una agenzia.
Ricky, dopo aver fatto tanti lavori, dal falegname all’idraulico, vede nelle consegne a domicilio come corriere freelance la possibilità di svoltare, di raggiungere quella solidità economica che gli permetterebbe di ottenere un mutuo e acquistare, finalmente, un appartamento. [+]

[+] lascia un commento a sergio dal maso »
d'accordo?
elgatoloco martedì 4 agosto 2020
fiction reale o realtà genialmente as fiction? Valutazione 0 stelle su cinque
0%
No
0%

In questo"Sorry we missed you"(Ken Loach, scenieggatirua scritta con Paul Laverty, 2019)l'autore britannico è presente in pieno: l'alienazione da lavoro, del e nel lavoro, nella fattispecie precario e ai tempi del"turbocapitalismo"è presente in pieno, dove l'autore coglie ciò nelle pieghe di difficili rapporti familiari in una famiglia nella quale entrambi i genitori sono precari, mentre i figli una preadolescente e un adolescente vivono in maniera diversa una crescita difficile e"contrastata". Chiarissima la denuncia sociale(Loach non ha mai nascosto la sua tendenza politica, molto chiara, assolutamente in controtendenza in una Great Britain che dalla Tatcher a Johnson ha conosciuto un "irresistibile"incrudelimento dei rapporti sociali, dove anche la stagione del"New Labour"di Tony Blair non è stato se non un inganno per il proletariato), che il regista. [+]

[+] lascia un commento a elgatoloco »
d'accordo?
vepra81 domenica 5 luglio 2020
duro e crudo Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

Un film nudo e crudo che racconta le vere difficoltà di chi fatica ogni giorno per trovare da vivere. Drammatico che fa riflettere. Il finale forse diverso l'avrei scritto, ma forse meglio così.. ovvero lasciare a noi spettatori la giusta meditazione.

[+] lascia un commento a vepra81 »
d'accordo?
gabrjack giovedì 23 aprile 2020
il cinema necessario di ken Valutazione 5 stelle su cinque
0%
No
0%

Ultimamente Ken e il suo fido sceneggiatore porta sugli schermi sprazzi di vita vissuta nel Regno Unito dalla parte ovviamente degli sfruttati sopratutto si concentra sull'evoluzione della società nell'era di internet  dove purtroppo lo spazio dei diritti si è sempre piu ristretto. 
Anziani, operai, lavoratori autonomi sfuggono alle leggi della nuova economia del resto Ricky non fa che un lavoro uguale a quello di 50 anni fa, chiamatelo affiliato in franchaising o padroncino il suo sogno è in ogni caso guadagnare di piu per comprarsi una casa, fa un lavoro dove troppa gente, dopo la crisi del 2008, si è trovata a spasso per mancanza di occupazione sopratutto per quei lavoratori senza particolari specializzazioni. [+]

[+] lascia un commento a gabrjack »
d'accordo?
stefano capasso sabato 4 aprile 2020
complicita inaspettate Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

Ricky e Abby hanno due figli, sono parte della working class inglese, sempre a corto di disponibilità economiche e con poche possibilità di realizzare i propri sogni di una vita migliore. Ricky però decide di tentare il salto: acquista un furgone, vendendo la macchina della moglie, e comincia a lavorare come corriere, in franchising. Ben presto il lavoro si rivela totalizzante, senza nessun diritto e con un boss che non ha nessun tipo di coscienza umana verso le difficoltà dei suoi lavoratori. Lo stress di Rick si riflette inevitabilmente sul nucleo familiare.
Ken Loach illumina con sguardo lucido, senza sconti al mondo del lavoro inglese, e sceglie quello che è ormai divenuto quasi un archetipo, il settore del delivery. [+]

[+] lascia un commento a stefano capasso »
d'accordo?
loland10 lunedì 2 marzo 2020
scontri di una vita... Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Sorry me wised you“ (id., 2019)  è il ventiseiesimo lungometraggio del regista inglese Ken Loach.
L’ultimo Ken Loach colpisce ancora e lascia il segno.
Con poca simpatia verso lo spettatore ma con dolente realtà verso se stesso e la società che si vive.
Una finzione con retorica zero; alla fine un retaggio familiare che rimane e un affetto spaurito tra genitori e figli che vanno avanti sperando di essere come prima. Il prima che nessuno voleva, il prima che tutti rimpiangono, il prima di un lavoro nulla e il prima con poco futuro.
Adesso che il lavoro diventa come imprenditore
‘Scusa ci sei mancato’: una preghiera, un monito, un silenzio, un soccorso, una realtà, un epitaffio, un documento, una verità, un laconico, un padre, un figlio, una famigliare, un lavoro, un riposo, un parlarsi è un conoscersi. [+]

[+] lascia un commento a loland10 »
d'accordo?
yarince giovedì 20 febbraio 2020
dal "pane e le rose" a "pane e veleno" Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

Sorry we missed you; un film disperato e duro, un pugno allo  stomaco. Disperato perchè è senza speranza; siamo lontani dalla coralità dello sciopero dei minatori dell'84, supportato anche dalla comunità gay e lontanissimi dallo slogan "vogliamo il pane e le rose" dei sindacalisti impegnati nelle lotte di rivendicazione dei latinos in California, dove la classe operaia agiva insieme per difendere i loro diritti. Qui c'è un padroncino, solo con il suo furgone di proprietà, è un lavoratore autonomo che guadagna su commissione, sul numero di consegne, non c'è alcuna sicurezza nè garanzia, nè ferie retribuite, nè orario, nè malattia. [+]

[+] lascia un commento a yarince »
d'accordo?
inesperto domenica 9 febbraio 2020
realtà difficili Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

Cinema-denuncia voto 5 stelle
Cinema-intrattenimento voto 1 stella
Il film è un potente atto d'accusa contro il mondo del lavoro parasubordinato britannico, schiavistico e senza tutele, che provoca pesantissimi stress personali, i quali si riverberano inevitabilmente sui rapporti familiari. Questa è la storia di una famiglia che riesce a malapena a galleggiare sulla linea di sopravvivenza, con un padre che lavora come corriere fino a 16 ore al giorno e una madre, infermiera a domicilio, costretta a spostarsi coi mezzi tutto il giorno per andare da una casa all'altra. Immancabile il figlio problematico, lasciato tutto il giorno a se stesso, e la sorellina che, forse, è colei che soffre più di tutti della situazione. [+]

[+] lascia un commento a inesperto »
d'accordo?
eugenio lunedì 27 gennaio 2020
i turner, una famiglia Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Ma quanto è bravo Ken Loach? Quanto è capace questo regista di intercettare il sentir comune di famiglie umili che cercano di elevarsi con onestà e mille difficoltà nel complicato e torbido mondo odierno fatto di compromessi in una lotta spietata per un lavoro sottopagato spesso caratterizzato da pesanti privazioni?
L’ultimo film del cineasta anglosassone, da sempre interprete di questo diffuso malumore, è un grand’affresco familiare che impiega la tematica della semplice istanza quotidiana per delineare con dovizia di particolari e tanta attenzione alle psicologie, i problemi di tutti i giorni. Questa famiglia, I Turner, sono quanto di più normale possa esistere: lui è un padre, Ricky, che nella Newcastle  dove tutto viaggia sempre in fretta, decide di mettersi in proprio (per così dire) in una società di corrieri, vendendo pure l’auto della moglie, per riuscire a garantirsi l’affitto di un furgone a prezzo di una vita sociale praticamente inesistente nel rispetto di orari e consegne a ritmo disumano (sappiamo qualcosa da Amazon a Foodora…); lei, Abby è un’assistente domiciliare per anziani soli e infermi, costretta a muoversi tra doppi turni stancanti e massacranti ma sempre con grandissima umanità. [+]

[+] lascia un commento a eugenio »
d'accordo?
paolorol sabato 25 gennaio 2020
indispensabile ed inutile Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

E' sconfortante pensare che ci siamo ridotti così. E che sia un vecchio di 83 anni l'unico a ricordarcelo. Il capitalismo portato alle conseguenze estreme. Che meravigliose emozioni sperimentiamo quando troviamo sul web quelle scarpe griffate da coatto all'ultimo stadio o quel tubino che non lo mettono più manco le battone della tangenziale...a metà prezzo!! Che i negozi ed i loro proprietari, quei commercianti che un tempo erano protetti, insieme ai ladri, dal dio Mercurio, se ne vadano pure al diavolo, in nome di questa new economy che ci rende tutti apparentemente uguali e che ci da l'illusione di essere qualcuno o qualcosa. Il risvolto della orrenda medaglia è ancora più disgustoso ed allarmante, salvo che non ce ne rendiamo conto. [+]

[+] lascia un commento a paolorol »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 4 »
Sorry We Missed You | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
BAFTA (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 2 gennaio 2020
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
venerdì 15 gennaio
Disincanto - Stagione 3
venerdì 1 gennaio
Cobra Kai - Stagione 3
giovedì 31 dicembre
Sanpa: luci e tenebre di San Patri...
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità