Rolling Thunder Revue - Martin Scorsese Racconta Bob Dylan

Film 2019 | Documentario 142 min.

Titolo originaleRolling Thunder Revue - A Bob Dylan Story By Martin Scorsese
Anno2019
GenereDocumentario
ProduzioneUSA
Durata142 minuti
Regia diMartin Scorsese
AttoriBob Dylan, Allen Ginsberg, Patti Smith, Scarlet Rivera, Joan Baez, Roger McGuinn Larry Sloman, Sam Shepard, David Mansfield, Ronee Blakley, Jacques Levy, Roberta Flack, Peter Orlovsky.
TagDa vedere 2019
MYmonetro Valutazione: 4,00 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Regia di Martin Scorsese. Un film Da vedere 2019 con Bob Dylan, Allen Ginsberg, Patti Smith, Scarlet Rivera, Joan Baez, Roger McGuinn. Cast completo Titolo originale: Rolling Thunder Revue - A Bob Dylan Story By Martin Scorsese. Genere Documentario - USA, 2019, durata 142 minuti. Valutazione: 4,00 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi

Aggiungi Rolling Thunder Revue - Martin Scorsese Racconta Bob Dylan tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Due icone della cultura contemporanea s'incontrano: Martin Scorsese e Bob Dylan.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 4,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
ASSOLUTAMENTE SÌ
Il racconto, tra verità e menzogna, del più famoso tour di Bob Dylan: un documento straordinario che diviene riflessione sul presente.
Recensione di Emanuele Sacchi
martedì 9 luglio 2019
Recensione di Emanuele Sacchi
martedì 9 luglio 2019

Martin Scorsese alterna immagini di repertorio, estratte da da un enorme ammontare di materiale inedito, e testimonianze recenti per raccontare a suo modo la Rolling Thunder Revue, il tour 1975-1976 che ha portato Dylan e un carrozzone di artisti come Joan Baez, Allen Ginsberg o Patti Smith in giro per il mondo, sulle note dell'album che diventerà Desire.

È Georges Méliès, prestidigitatore e cineasta, a introdurci alle meraviglie della Rolling Thunder Revue. E a dettare così anche cifra stilistica e contenutistica del nostro viaggio. Soprattutto a suggerire la maniera corretta di interpretarlo: quel che seguirà può essere frutto di realtà come di illusione. Sulla base di queste premesse Rolling Thunder Revue - Martin Scorsese racconta Bob Dylan diviene oggetto di difficile classificazione, che obbliga lo spettatore a una visione attiva, partecipativa, in cui è costretto a rimettersi costantemente in discussione.

Chi si aspetta il semplice documentario musicale celebrativo è fuori strada. Le testimonianze odierne, in particolare, mescolano vero e falso, virando verso il territorio di This is Spinal Tap e del mockumentary.

Da Sharon Stone che racconta di un flirt con Dylan a un politico che è in realtà il personaggio di un comico televisivo, in una stordente sarabanda di dichiarazioni dalla scarsa affidabilità. C'è chi ha paragonato l'operazione di Scorsese a una versione documentaristica di quanto fatto da Todd Haynes in Io non sono qui per il cinema di finzione.

Chi conosce Dylan sa che nel suo mondo la menzogna procede a braccetto con la verità, come nella sua autobiografia, ricca di aneddoti troppo perfetti per essere realmente avvenuti. Dylan prevede sempre, nei suoi innumerevoli travestimenti, una quota di mistificazione: un po' perché obbligato dalle circostanze e da una insostenibile pressione, soprattutto politica, posta sulle sue spalle a inizio carriera; e un po' perché ci prova gusto, stanco di ripetersi e di condannarsi allo stesso giro di una stanca giostrina. Scalette di concerto stravolte, piene di brani irriconoscibili; inni di impegno sociale che lasciano spazio a esaltazioni della pace familiare e dell'escapismo agreste; strali contro quelli che combattono con "Dio dalla loro parte" e in seguito sorprendenti conversioni religiose.

Un percorso artistico sinusoidale, destinato a disorientare anche i fan di lunga data, in cui il tour Rolling Thunder Revue ricopre una posizione di centralità, cronologica e tematica: rappresenta l'autentico ritorno di Dylan, dopo l'incidente, l'esilio volontario e la crisi creativa, in un apice di rock'n'roll gitano (cortesia del violino di Scarlet Rivera) che toccherà livelli destinati a non essere più raggiunti nel prosieguo di carriera.

Sul palco Dylan si nasconde dietro maschere o ricorre a make up pesantissimi, gira un film che rimarrà solo un affascinante abbozzo, come Renaldo e Clara, non smette mai di interpretare un personaggio. Come nel momento intimo tra lui e Joan Baez, in cui i due si raccontano le reciproche sliding doors della vita, tra rimpianto e nostalgia: Scorsese lo recupera, ma il girato proviene dal film che Dylan stava realizzando o dalla realtà?

In sostanza un documento su un'epoca straordinaria, ricolmo di momenti di musica esaltanti, che diviene anche, e forse soprattutto, altro. Una riflessione sulla possibilità odierna di nascondere o distorcere la verità, o su come spesso la necessità di spettacolarizzare e gridare più forte spinga inevitabilmente in questa direzione.

I richiami da un passato in cui l'America, dopo il ritiro dal Vietnam e il Watergate, festeggiava il proprio bicentenario assumono così la veste di monito, per un presente che genera disagio e invita a stare in guardia. In cui ogni informazione sembra a nostra disposizione, ma diventa sempre più difficile scrutarne la reale natura. Meglio sognare, sulle ali dell'entusiasmo di una stagione irripetibile.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 18 giugno 2019
Emanuele Sacchi
Film TV

Dopo il "tradimento" dal folk al rock di No Direction Home, tocca al tour estenuante e inebriante che ha portato Dylan in giro per il mondo tra il 1975 e il 1976. Scorsese torna sul luogo del delitto, ma con tutt'altro intento. Dove molti si sarebbero attesi solo uno straordinario frammento di storia del menestrello e della sua corte di artisti durante la Rolling Thunder Revue, Scorsese gioca un azzardo [...] Vai alla recensione »

venerdì 14 giugno 2019
Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

"La vita non riguarda trovare se stessi, riguarda creare se stessi". Bob Dylan lo rivela a Martin Scorsese mentre insieme ripercorrono quel 1975 che li segnò entrambi: il primo stava partendo per il glorioso Rolling Thunder Revue tour, il secondo ultimando uno dei suoi capolavori, Taxi Driver. Fa impressione unire questi due giganti della Cultura (laddove la maiuscola sintetizza il meglio di cultura [...] Vai alla recensione »

NEWS
NETFLIX
martedì 9 luglio 2019
Emanuele Sacchi

Un documento straordinario che diviene riflessione sul presente. Ora su Netflix. Vai all'articolo »

NETFLIX
martedì 4 giugno 2019
 

Il film ripercorre il passato tormentato dell'America del 1975 e il gioioso tour di Bob Dylan nell'autunno dello stesso anno. Il maestro Martin Scorsese dà vita a un'esperienza audiovisiva senza precedenti: un misto tra documentario, concerto e delirio [...]

NETFLIX
venerdì 26 aprile 2019
 

Verità e leggenda si confondono nell'opera di Martin Scorsese sul Rolling Thunder Revue, la tournée di Bob Dylan svoltasi nell'autunno del 1975.Diretto da Martin Scorsese, Rolling Thunder Revue - A Bob Dylan Story By Martin Scorsese sarà disponibile su [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati