Joker

Film 2019 | Azione, Avventura V.M. 14 122 min.

Titolo originaleJoker
Anno2019
GenereAzione, Avventura
ProduzioneUSA
Durata122 minuti
Al cinema553 sale cinematografiche
Regia diTodd Phillips
AttoriJoaquin Phoenix, Robert De Niro, Zazie Beetz, Frances Conroy, Marc Maron Bill Camp, Glenn Fleshler, Shea Whigham, Brett Cullen, Douglas Hodge, Josh Pais, Bryan Callen.
Uscitagiovedì 3 ottobre 2019
TagDa vedere 2019
DistribuzioneWarner Bros Italia
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14
MYmonetro 3,71 su 132 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Todd Phillips. Un film Da vedere 2019 con Joaquin Phoenix, Robert De Niro, Zazie Beetz, Frances Conroy, Marc Maron. Cast completo Titolo originale: Joker. Genere Azione, Avventura - USA, 2019, durata 122 minuti. Uscita cinema giovedì 3 ottobre 2019 distribuito da Warner Bros Italia. Oggi tra i film al cinema in 553 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14 - MYmonetro 3,71 su 132 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Joker tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

La storia sulle origini di uno dei più famosi super-cattivi della DC, il Joker. Il film è stato premiato al Festival di Venezia, Joker è 1° in classifica al Box Office, ieri ha incassato € 468.310,00 e registrato 70.120 presenze.

Consigliato assolutamente sì!
3,71/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,96
PUBBLICO 4,18
CONSIGLIATO SÌ
CERCA IL FILM NEI CINEMA DI
|
Il Joker di Phillips e Phoenix è un criminale prodotto dalla società in cui vive.
Recensione di Marianna Cappi
sabato 31 agosto 2019
Recensione di Marianna Cappi
sabato 31 agosto 2019

Arthur Fleck vive con l'anziana madre in un palazzone fatiscente e sbarca il lunario facendo pubblicità per la strada travestito da clown, in attesa di avere il giusto materiale per realizzare il desiderio di fare il comico. La sua vita, però, è una tragedia: ignorato, calpestato, bullizzato, preso in giro da da chiunque, ha sviluppato un tic nervoso che lo fa ridere a sproposito incontrollabilmente, rendendolo inquietante e allontanando ulteriormente da lui ogni possibile relazione sociale. Ma un giorno Arthur non ce la fa più e reagisce violentemente, pistola alla mano. Mentre la polizia di Gotham City dà la caccia al clown killer, la popolazione lo elegge a eroe metropolitano, simbolo della rivolta degli oppressi contro l'arroganza dei ricchi.

Si presenta con una carta, il Fleck di Todd Phillips, ma non è una carta da gioco: è il documento di una malattia mentale, che lo rende un emarginato, un rifiuto della società, come ci dice la prima sequenza del film, sovrapponendo al suo volto la cronaca di una città allo sbando, sommersa dalla spazzatura fisica e metaforica.

Primo stand-alone sul più famoso villain della DC Comics, il film di Todd Phillips esplora dunque la nascita di un mostro prodotto dalla società stessa, creato e nutrito da illusioni e delusioni, maltrattamenti fisici e psichici, nell'epoca che mescola spettacolo pubblico e degrado morale.

Ambientata nei primi anni '80, l'origin story diretta, prodotta e co-scritta da Phillips colma i vuoti strategici lasciati nel passato del personaggio, mescolando le indicazioni di Alan Moore e Brian Bolland con la cronaca vera americana e con l'omaggio al cinema coevo di Scorsese, Re per una notte e Taxi Driver in particolare. Parallelamente alla costruzione narrativa della maschera di Joker, siamo invitati ad assistere alla costruzione interpretativa del personaggio che Joaquin Phoenix compie sotto i nostri occhi, trasformandosi fisicamente in altro da sé, aggiungendo energia man mano che perde peso, liberandosi progressivamente dal diktat del sorriso socialmente conveniente ("It's so hard to be Happy all the time") per riscrivere radicalmente e alla propria maniera le regole della commedia della vita.

Niente che non funzioni nel meccanismo: il film cresce, una scena alla volta, come un assembrarsi di folla, perfettamente oliato, come il dialogo in diretta televisiva tra Joker e Rober "Murray" De Niro, ma in fondo Joker non aggiunge al personaggio niente che faccia davvero la differenza rispetto a quanto abbiamo imparato su di lui in The Dark Knight e il contributo della regia non è paragonabile a quanto costruito a suo tempo da Nolan.

Joaquin Phoenix è lasciato solo al centro del film, com'è solo Arthur Fleck, senza ancora un arcinemico per cui vivere: il suo Joker è tutto ciò che c'è da vedere e va a ragione ad iscriversi ai primi posti nella lista dei tanti volti dell' "uomo che ride", vendicatore psicotico di chi non l'ha capito, delirante (delusional) illusionista, capace di fondere nella propria immagine quella di Heath Ledger e di Anton Chigurh, Honka, Chaplin e Andy Kaufman, senza mai assomigliare a nessun altro.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
Uno spin-off tanto atteso quanto temuto.
Overview di Andrea Fornasiero
venerdì 19 aprile 2019

Nel 1981 a Gotham City, Arthur Fleck, un comico fallito, inizia una scioccante carriera criminale. A partire da una sceneggiatura che guarda a "The Killing Joke" di Alan Moore e Brian Bolland e ai classici di Martin Scorsese come Taxi Driver, Re per una notte e sembra anche Toro Scatenato, arriva il primo film prodotto da Warner con protagonisti personaggi DC Comics ma staccato dall'universo cinematografico condiviso, in cui finora le loro vicende hanno tenuto banco. Il Joker infatti non è qui interpretato da Jared Leto, che è il suo volto ufficiale nei film DC/Warner, bensì da Joaquin Phoenix.

«Quando il dipartimento del marketing alla Warner mi ha chiesto di descrivere il film gli ho risposto che non potevo farlo. Allora mi hanno detto: «Va bene, ma dicci almeno il genere». Ci ho pensato su per un minuto e poi gli ho risposto che è una tragedia. E credo che se il brillante Joaquin Phoenix fosse stato lì con me, sarebbe stato d'accordo ».
Todd Phillips

Dal giorno del suo annuncio il film è stato atteso ma pure temuto, visto che era difficile immaginarne il tono e il ruolo di Martin Scorsese come produttore, e quindi garante del progetto, era evaporato a causa dei suoi molti impegni nell'estate del 2018. Se Joaquin Phoenix era a sua volta una garanzia, il regista Todd Phillips noto per commedie piuttosto volgari era invece un'incognita, così come l'idea di realizzare un film DC Comics slegato però da tutti gli altri, rivisitando oltretutto il personaggio che al cinema aveva avuto incarnazioni estremamente felici, prima con Jack Nicholson e poi con Heath Ledger. Tanto che lo stesso Phoenix, che pur da anni sperava di poter interpretare un film drammatico basato su una figura dei fumetti ma senza andarsi a incastrare in un contratto per più film all'interno di un universo condiviso, aveva scartato la figura del Joker in virtù delle precedenti interpretazioni.

Quando però il flop di critica e pubblico di Justice League ha indotto i vertici Warner a cercare una strada diversa per le proprietà intellettuali DC Comics, ecco che un film autonomo sul Joker ha iniziato a prendere corpo e Phoenix è risultato perfetto per il progetto, scalzando per altro Leonardo DiCaprio, di cui inizialmente era circolato il nome. A convincere invece le platee di tutto il mondo è arrivato infine il trailer, perfetto sia per i fan del fumetto che guardano al Joker come a un personaggio che richiede un trattamento d'autore, sia ai cinefili che sono rimasti stregati dall'atmosfera da New Hollywood, con tanto di rimandi chapliniani.

Il trailer è infatti accompagnato dal brano "Smile" nella versione di Jimmy Durante, composto da Charlie Chaplin in forma inizialmente solo strumentale per la colonna sonora di Tempi moderni e poi arricchito di un testo nel 1954. Ovviamente in questi casi rimane da vedere se il brano sarà o meno usato nel film, ma Chaplin, proprio in Tempi Moderni, appare anche sulle immagini degli striscioni per una sorta di mostra o evento di gala, da cui Arthur Fleck finirà brutalmente respinto.

Come ci ha ricordato una decina di anni fa la performance di Heath Ledger in Il cavaliere oscuro, non esiste una univoca origine del Joker come supercriminale, ma è chiaro che il film si è ispirato a quella più celebre, a firma di Alan Moore e Brian Bolland. Nel loro "The Killing Joke" infatti il Joker era un ingegnere che ha cercato di reinventarsi come clown fallendo miseramente. In rovina e incapace di pagare le cure per la moglie ha partecipato al colpo di una banda criminale, ma troppo tardi per salvare la moglie e - come se non bastasse - l'arrivo di Batman l'ha terrorizzato a tal punto da farlo cadere in una vasca di sostanze chimiche che l'hanno sfigurato. Ovviamente la parte finale sarà diversa, visto che in Joker Bruce Wayne è ancora un bambino, ma l'idea di fondo che la genesi della sua follia sia nella tragedia personale è di certo trasposta nel film. Tanto che la battuta più significativa del trailer è: «Ho sempre pensato che la mia vita fosse una tragedia. Ma è una commedia!».

Oltre a un Joaquin Phoenix trasformato nel corpo da un impressionante dimagrimento, il film vanta un cast di tutto rispetto, a partire da Robert De Niro nei panni di un presentatore televisivo. Per lui una sorta di ribaltamento di Re per una notte, dove era un comico che sequestrava un presentatore, ulteriore rimando scorsesiano di un film che presenta Gotham City come un doppione della lercia New York di Taxi Driver. A tal proposito non manca nemmeno un rapporto tra il protagonista e i cinema porno, visto che di fronte a uno di questi agita un cartello promozionale che recita: «Everything Must Go!». Ossia tutta va liquidato, perché il negozio a fianco appunto è in liquidazione, ma non è certo un caso che lo slogan abbia anche una lettura apocalittica.

Partecipano poi al film la splendida Zazie Beets (Deadpool 2, Atlanta) nei panni di Sophie Dumond, di cui Arthur sembra si innamorerà, mentre Frances Conroy interpreta la madre del protagonista, una donna che vive con il figlio ma rifiuta la vecchiaia e la povertà in cui è precipitata. Marc Maron è poi un agente del presentatore interpretato da De Niro, Bill Camp e Shea Whigham sono ufficiali di polizia di Gotham, Bryan Tyree Henry è l'infermiere del manicomio di Arkham e infine c'è la famiglia Wayne. Brett Cullen, abituato a parti da duro come in Narcos e True Detective, interpreta il padre di Bruce, Thomas, mentre il figlio ancora bambino ha il volto di Dante Pereira-Olson e il maggiordomo Alfred è Douglas Hodge. Misteriosamente assenti notizie di cast relative alla madre, Martha Wayne, quasi a volerci dire che questa è davvero una versione piuttosto diversa della storia di Batman. Sembra del resto che Thomas sia qui meno genuinamente filantropo che nella tradizione e probabilmente avrà un ruolo nella follia del Joker.

Il film è stato sceneggiato da Scott Silver e dal regista Todd Phillips, che sembra l'abbia costantemente riscritto sul set una volta resosi conto che, per via della magrezza imposta a Phoenix, non sarebbe stato possibile girare nuove scene dopo la fine delle riprese. Le musiche originali saranno poi composte dall'islandese Hildur Guðnadóttir e Joker avrà il visto di censura R, ossia lo stesso di Deadpool e Logan, che indica titoli non adatti alle famiglie. Ciò nonostante il successo è quasi scontato, considerato anche un budget stimato di soli 55 milioni di dollari, e probabilmente segnerà l'inizio di altri progetti paralleli sui personaggi DC Comics, che d'altra parte anche a fumetti hanno vissuto molte delle loro avventure migliori in storie estranee alle restrizioni delle serie regolari. Una strategia che oltretutto punta a diversificare i film DC da quelli Marvel e a dare longevità cinematografica a questi personaggi, permettendogli di reinventarsi più e più volte in scenari sempre diversi.

Sei d'accordo con Andrea Fornasiero?
Joaquin Phoenix sarà Joker nello spin-off dedicato al personaggio DC.
Overview di Francesca Ferri
venerdì 15 giugno 2018

Il Joker finalmente esce dall'ombra e avrà il volto di Joaquin Phoenix. L'acerrimo nemico di Batman si è guadagnato il ruolo di protagonista in un film a lui dedicato, diretto da Todd Phillips. Nonostante la trama rimanga ancora oscura e il film non abbia ancora un titolo, la storia dovrebbe essere ambientata negli anni '80 e racconterà la vita del clown di scarso successo che diventa il cattivo per eccellenza dell'universo DC. Il più sadico, burlone, psicopatico, perfido, eccentrico, carismatico, vanitoso, egocentrico, logorroico e folle criminale di Gotham City, soprannominato anche Zuccherino, il pagliaccio principe del crimine, autoproclamatosi artista dell'omicidio, è un personaggio dalla storia lasciata intenzionalmente vaga dalla DC Comics e poco approfondito al cinema.

Ciò rende ancora più rischioso il compito di Todd Phillips che se dovesse fallire distruggerebbe l'icona di uno dei più amati villain. Per di più, un altro film sul Joker è in programma e avrebbe le sembianze di Jared Leto, che aveva già interpretato il personaggio in Suicide Squad (2016).

Ispirato a The King of Comedy di Martin Scorsese e al fumetto The Killing Joke, il film dovrebbe essere prodotto proprio da Scorsese con un budget di 55 milioni di dollari, che risulta sorprendentemente basso rispetto agli altri cinecomic. Attendiamo, dunque, prossimi aggiornamenti sul Joker ancora oscuro.

PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 13 ottobre 2019
Marcello

Arthur è un comico mancato con a monte una serie di problematiche psichiche, neurologiche e sociali. Spinto a essere felice sin da piccolo ("put a smile on that face") anche quando non c'era proprio nulla per cui esserlo. La sua risata è tutto fuorché una risata, somiglia più a un pianto di dolore (non a caso Arthur ride quando tutti gli altri non ridono). Vai alla recensione »

domenica 6 ottobre 2019
Ruger357MgM

Un'opera che giustifica, che prelude e spiega. L'ambiente è la città di Gotham, prima di Batman, la prigione di Arkham, prima di Batman, il mondo desolato prima di Batman. Un prequel che basta a se stesso e ci porta a parteggiare per il Cattivo, o meglio, per il Principe dei Cattivi. Il cattivo, all'inizio non è cattivo, è solo un disgraziato seguito dai servizi [...] Vai alla recensione »

lunedì 7 ottobre 2019
Jack Beauregard

Penso che in futuro, ogni volta che sentirò l’espressione “correre come un matto”, non potrò fare a meno di pensare a Joaquim Phoenix, mentre scappa lungo il corridoio del manicomio criminale con in mano la cartella dell’archivio riguardante sua madre. La sua corsa così sgraziata (accompagnata dall’immancabile risata) uguale a quelle compiute in precedenza [...] Vai alla recensione »

sabato 12 ottobre 2019
Fede Slevin

That's Life. Il titolo di una delle canzoni più rappresentative della potentissima colonna sonora, costruita meravigliosamente su misura di ogni singola scena, di Joker, ne rappresenta anche il tragico mantra associato al filone narrativo. Ricchi e poveri. Una divisione semplicistica e non sufficientemente descrivente la situazione sociale di una Gotham fittizia, ma quanto mai realistica [...] Vai alla recensione »

lunedì 14 ottobre 2019
Roberto

Nel momento in cui entrate in sala rimuovete dalla vostra mente il termine "cinecomic", sarebbe un insulto. Questo film è molto di più, è un film d'autore che si rifà molto al "Taxi Driver" di Scorsese. E' un film profondo, ragionato, equilibrato, ben scritto, mai noioso, che cresce col passare dei minuti ed esplode nelle scene finali. E' un film mostruoso e talmente potente che alla fine anche i più [...] Vai alla recensione »

venerdì 4 ottobre 2019
carloalberto

 Una città inventata fa da teatro per la rappresentazione del dramma esistenziale di una psiche stravolta, diventa palcoscenico per le avventure fantasmagoriche di un uomo, marginalizzato nella realtà, che recupera il centro della scena in un suo mondo fantastico, creato apposta per un riscatto altrimenti impossibile nella vita ordinaria.

lunedì 14 ottobre 2019
loland10

“Joker” (id., 2019) è il decimo lungometraggio del regista-sceneggiatore newyorkese Todd Phillips. Una risata ci seppellirà; Un volto annulla lo schermo; Un mare di immondizia ci coprirà; Un applauso è un colpo in canna; Uno sguardo ci annienterà; Una vita paga della disperazione;Un clown è circo malefico; Uno show per la celebrità.

lunedì 14 ottobre 2019
aleksandros2002

Non concordo con la recensione di Marianna Cappi. Il film per me è bellissimo!Io credo che il Joker di Phillips sia davvero straordinario e molto diverso da tutti quelli che lo hanno preceduto.Il regista usa il personaggio e la città di Gotham come “appliglio” narrativo per raccontare una storia che pochissimo ha a che vedere con il ben noto fumetto di Batman.

domenica 13 ottobre 2019
FabioFeli

C’è poco da ridere a Gotham City (la lugubre New York anni ’60-’80 dell’uomo pipistrello/Batman, nemico di Joker): immondizia dappertutto e topi. Arthur Fleck (un portentoso, straordinario Joker/Joaquin Phoenix) non riesce a sfondare come comico; come clown pubblicitario in strada rimedia il furto del cartellone, un inseguimento a perdifiato per recuperarlo e tante [...] Vai alla recensione »

domenica 13 ottobre 2019
ancocco

Una bella sorpresa per chi si aspettava un film sullo stile "Batman". Il film di Joker infatti non tratta una storia basata su una lotta tra buono e cattivo, ma è prettamente una rappresentazione di un dramma profondo del personaggio interpretato da Joaquin Phoenix, protagonista straordinario in un ruolo molto difficile. Il dramma di un uomo che è stato spento da una serie di errori causati dalla "madre" [...] Vai alla recensione »

domenica 6 ottobre 2019
Ghisi Grütter

Joker è il personaggio malvagio del fumetto Batman, l’acerrimo nemico di Bruce Wayne in Gotham City, che gira travestito da clown e ha un eterno agghiacciante sorriso. Ma chi era costui? Come mai è diventato un perfido e violento assassino che sembra odiare tutto il mondo? Questa è la domanda che si è posto il regista Todd Phillips – che scrive la sceneggiatura [...] Vai alla recensione »

mercoledì 16 ottobre 2019
MAURIDAL

  Quando il cinema prende a prestito un personaggio e una storia , creati per il fumetto e vuole realizzare una trasposizione filmica ovvero da disegno a personaggio umano , da racconto disegnato su carta in movie story , con ambientazioni reali, e dunque da fantasie immaginate a fantasie realizzate in verosimili storie con personaggi umanizzati , allora la scommessa di una piena riuscita [...] Vai alla recensione »

lunedì 14 ottobre 2019
JonnyLogan

  Arthur Fleck, clown di strada e per feste di bambini, vive con la madre, malata e bloccata in casa, in un macilento condominio alla periferia di Gotham City. Arthur, reduce da un ricovero presso l’ospedale psichiatrico e ancora in cura da una psichiatra, sogna di avere successo come comico e per questo cerca di carpire i segreti dei tempi scenici osservando in TV il suo idolo: Murray [...] Vai alla recensione »

domenica 13 ottobre 2019
cardclau

Il film del regista americano Todd Philips pensa di descrivere come potrebbe essere la società umana futuribile e lontana, direi degli Stati Uniti, forse tra qualche decennio o fra qualche secolo. Per certi versi porta a pensare all’ambiente un po’ inquietante, ma sicuramente più fantascientifico di questo, descritto dall’indimenticabile Blade Runner di Ridley Scott. [...] Vai alla recensione »

domenica 13 ottobre 2019
fabriziog

 Chi pensa di andare a vedere un film che si inserisca nel filone cinematografico su Batman, un poco spostato sul suo nemico storico, sbaglia e di grosso. “Joker” di Todd Phillips   è un’opera che guarda all’Oscar come miglior film perché è una pellicola di superba bellezza. Non è un lavoro che parla di super-eroi ma una trattazione [...] Vai alla recensione »

domenica 13 ottobre 2019
Giorgio Postiglione Giorpost

Arthur Fleck vive in un fatiscente palazzone insieme all'anziana madre, pubblicizzando un negozio travestito da clown per sbarcare il lunario. Figlio unico, affetto da disturbi comportamentali, Arthur si prende amorevolmente cura dell'unico genitore disabile, ma soffre di una totale mancanza d'affetto che riscontra quotidianamente. È single, non per scelta, nessuno lo tratta con [...] Vai alla recensione »

domenica 13 ottobre 2019
Cook

 Uscito da poco piú di una settimana sta già dominando il botteghino. L’apologia della follia, un grande salto nel buio, un film strano e contorto elevato da una grandissima interpretazione. Joker é la storia di Arthur Fleck, uomo affetto da disturbi mentali che prova a realizzare le sue aspirazioni, ma che dalla società in cui si trova prende solo calci. Vai alla recensione »

domenica 6 ottobre 2019
massimiliano santucci

Indiscutibile la qualità della regia, ottime la sceneggiatura e la fotografia, magistrale l'interpretazione di Phoenix. Ciò che mi ha colpito di più è però il significato sul piano sociale di questo film. Un pugno allo stomaco con cui fare i conti tornati a casa. Una condanna senza sconti ad una società che produce duseguaglianza, ghettizzazione e sfruttamento [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 ottobre 2019
Vincenzo Ambriola

Arthur Fleck, un malato mentale che ride scompostamente quando qualcosa lo coinvolge emotivamente. Fa il clown come lavoro e bada alla mamma quando torna a casa. Subisce continue violenze a causa della sua malattia ma anche perché è un povero clown. Diventerà Joker, il nemico acerrimo di Batman, ma questa è un'altra storia, già vista altrove.

martedì 8 ottobre 2019
Nexus

Una parodia volutamente eccessiva ed a tratti grottesca di una società (quella statunitense) talvolta realmente “eccessiva”, disarmonica e violenta. Una società impaurita anche perché ormai priva di quell’empatia verso il prossimo che molto spesso potrebbe essere un toccasana per stemperare le tensioni tra le persone.

lunedì 7 ottobre 2019
Tasso73

Joker è uno di quei rari film che ti rimane in testa per tanto tempo.La fotografia è potente.La musica esalta i contorni in maniera efficace, facendoti scivolare le immagini dentro, insinuandosi nella testa, tanto che hai quasi la sensazione di sentire gli odori di questa Gotham sporca e brutta.Brutto è l’aggettivo che assieme a cattivo meglio descrivono questa città e l’umanità che la abita.

domenica 6 ottobre 2019
Pietro Viola

Questo è un film dell'orrore. La costruzione delle origini del supervillain di batman è solo il pretesto per raccontare l'inferno della sofferenza mentale, che ha tante cause (multifattorialità, recitano i manuali di psichiatria), ma che trova le sue cause prime in ciò che si vive da bambini e nella ripetizione di offese, insulti, derisioni, da parte di un ambiente [...] Vai alla recensione »

domenica 6 ottobre 2019
Inesperto

Questa pellicola crea il passato del Joker; un cuscinetto sul quale, finalmente, l'antagonista più importante di Batman può appoggiarsi, per dare un senso a tutte le sue classiche efferatezze. La differenza d'età fra Arthur e Bruce ci riporta al classico di Burton, quando il villain di Nicholson era già adulto nel momento in cui Bruce rimase orfano.

mercoledì 2 ottobre 2019
Taty23

Joaquin Phoenix protagonista indiscusso del film Joker   La pellicola Joker, in una Gotham City al limite del collasso degli anni 80,  racconta la storia di Arthur Fleck. Il desiderio di Fleck fin da piccolo è sempre stato quello di diventare un comico,  dato lo scarso successo e una situazione lavorativa in totale discesa, è costretto a lavorare come pagliaccio. [...] Vai alla recensione »

martedì 8 ottobre 2019
Maramaldo

E' duro dir bene di un film che ti fa quest'effetto. Si potrebbe lodarlo ugualmente divagando tra rimandi, reminiscenze e svelamenti di allegorie. Invece, l'intensità dell'interpretazione di Joaquin Phoenix e la vibrante rappresentazione  del suo "mondo crudele" mi costringono a prenderlo sul serio e a compenetrarmi  di quella che può essere "ordinaria [...] Vai alla recensione »

martedì 8 ottobre 2019
stalkerzoe

Prima serata, diretta televisiva. Un'entrata perfetta del reietto, dell'ermaginato, dello psichiatrico. Balla, fuma e bacia in bocca la vecchia ospite dello show. Il pubblico vibra, ritmo da David Letterman. Il cinema si appiattisce nella televisione. Poi una battuta fuori tempo cambia registro. Il pubblico in sala si sente a disagio, è complice della televisione.

domenica 6 ottobre 2019
samanta

Finalmente è arrivato il film annunciato dagli osanna sparsi della critica e con la previsione di una strada sicura sulla via degli Oscar specie per il protagonista. Si differenzia dai film in cui è coprotagonista Joker come avversario di Batman (ad esempio Batman con Jack Nicholson ovvero il Cavaliere Oscuro con Heath Ledger), non siamo quindi in presenza di un supercriminale ma [...] Vai alla recensione »

giovedì 17 ottobre 2019
Leonard Moonlight

Ne parlano tutti, c’è chi lo ha amato e chi invece ne è rimasto molto deluso. Poche volte nella mia vita mi sono trovato al cinema in una sala così gremita di spettatori.  Vi dico la mia? Joker non mi è piaciuto.  Perché secondo me non è un capolavoro. Premetto che non parlerò di Joaquin Phoenix la cui bravura nel film è [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 ottobre 2019
Luca Scialo

In una Gotham anni ‘80, sempre più degradata, dove infervora la violenza e avanza la sporcizia al punto da provocare malattie infettive, Arthur Fleck (Joaquin Phoenix) è un giovane che sogna di salire un giorno su un palcoscenico importante, dinanzi ad un vasto pubblico. Proprio come il suo comico preferito, lo Showman Murray Franklin (Robert De Niro).

giovedì 3 ottobre 2019
frascop

Arthur Fleck nel 1980 vive a Gotham City in ristrettezze economiche con l'anziana madre, la quale spera che il candidato sindaco si ricordi di lei dopo tanti anni in cui ha lavorato per lui. Si mantiene facendo il clown per strada e in ospedale, sognando di diventare un comico. Dopo un pestaggio subìto da alcuni ragazzacci, un suo collega gli regala una pistola per difendersi.

domenica 13 ottobre 2019
nadia meden

Ho potuto assistere a un film straordinario, di grande impatto emotivo e sociale. Una magistrale interpretazine di Joaquin Phoenix, Arthur Feck nel film. Arthur, un attore comico che si esibisce nelle strade di Gotham City travestito da clown per divertire la gente e guadagnarsi la pagnotta . Gotham City, una città che potrebbe essere una qualsiasi delle nostre degradate periferie o di qualsiasi [...] Vai alla recensione »

mercoledì 9 ottobre 2019
Flaw54

Non amo Phoenix come attore, ma la rappresentazione del Joker è impressionante è un pugno nello stomaco. La discesa nei meandri della follia buca lo schermo, ti coinvolge in modo ossessivo e disturbante. Il male gronda dallo schermo e forse proprio questo aspetto è criticabile: una sorta di giustificazione della violenza che al termine del film raggiunge livelli parossistici e [...] Vai alla recensione »

martedì 8 ottobre 2019
alessandra grandesso

Penso che Arthur, il Joker, sia una doppia vittima: del male mentale e della società. Entrambi creano emarginazione estrema, in una città che già ne ha tanta. L'emarginato degli emarginati. Un piccolo punto tra milioni di punti, fino all'annichilimento. E casualmente una pistola, con la quale fa giustizia sugli oppressori, fa emergere Arthur, gli da una esistenza, uno spessore [...] Vai alla recensione »

martedì 15 ottobre 2019
sarac

E' DECISAMENTE IL FILM DELL'ANNO. Non ce una minima inperfezione in tutto il film, è un capolavoro. Filnalmente un intero e unico monologo dedicato a uno dei cattivi per eccellenza della storia cinematografica! Ottima, perfetta, indimenticabile interpretazione di  Joaquin Phoenix.  E' la prima volta che esco dal cinema cosi soddisfatta ed emozionata dopo tanto tempo. Verame [...] Vai alla recensione »

lunedì 14 ottobre 2019
Andrea Damiani

Arthur ha un disturbo neurologico che gli provoca attacchi incontrollati di riso proprio nei momenti in cui vorrebbe esprimere rabbia e dolore. L'inferno della malattia mentale Comincia proprio in questo modo, nell'incapacità di comunicare al mondo il proprio intimo essere. Un essere che, paradossalmente, va progressivamente perdendo se stesso nella follia, ma proprio raggiungendo questa si libera [...] Vai alla recensione »

sabato 12 ottobre 2019
ROSMERSHOLM

Film di rara potenza cinematografica che impone la sua interpretazione del personaggio di Jocker, nell'immaginario collettivo, come qualcosa di nuovo e sorprendente. Sfiorato il capolavoro (forse manca un pizzico di visionarietà e audacia in più...). Inconcepibile che abbiano premiato l'incolpevole Marinelli con la coppa Volpi, in luogo di uno straordinario Phoenix.

venerdì 11 ottobre 2019
GUSTIBUS

Film sicuramente da vedere anche solo per il Leone d'oro a Venezia.Questo Joker di Todd Phillips il regista e Joaquin Phoenix(joker) praticamente gli artefici di questo celebre clown,che per Batman era uno dei piu'acerrimi nemici Qui e'l'interno dell'evolversi del personaggio che ti pone la domanda e'matto?o questo schifoso mondo e' il primo colpevole della sua schizofrenia?Quest [...] Vai alla recensione »

venerdì 11 ottobre 2019
router76

Credo che Joker si possa considerare un capolavoro nonostante l'impianto investigativo della storia faccia un pò acqua e alcuni intrecci risultino un pò svincolati dalla trama principale in particolare due:1) l'uccisione di Thomas Wayne che avviene per mano di un clown qualunque e non di Joker (credo perchè in fondo nonostante tutto l'aspirante sindaco di Gotham si è dimostrato alla fine più sincero [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 ottobre 2019
Vittorio

    Una ricostruzione perfetta degli abissi di una degenerazione psichica, fisica costante, ineluttabile, bieca.. Film perfetto nel dipanarsi di una folle discesa agli inferi di uno stralunato, meschino Arthur sino alla sua trasformazione assoluta in genio del male. Ma ciò che rende assolutamente estasiati è come, venga reso, questo concatenarsi di un ingranaggio [...] Vai alla recensione »

lunedì 7 ottobre 2019
cinephilo

Visto al cinema nel primo giorno di uscita in sala. Il film è cupo, violento, disturbante e basato quasi esclusivamente sulla mostruosa performance di Phoenix che si carica sulle spalle l'interpretazione, come suo solito, di un uomo distrutto, dannato, perseguitato dalla vita ed è magnifico. Il film effettivamente è molto derivativo, per alcuni tratti quasi una copia di Taxi [...] Vai alla recensione »

domenica 6 ottobre 2019
Arnone Simonetta

Il confine tra malattie mentale e malattia sociale, tra realtà e delirio, tra riso patologico e tragedia allucinante, tutto dentro una Gotham city senza speranza, i cui toni dominanti sono il nero della notte, il rosso del sangue e del fuoco e lo sfavillare finto di colori accesi dentro uno studio televisivo, dove il cielo è azzurro e le pareti sono bianche di luce solo dentro l'ospedale [...] Vai alla recensione »

sabato 5 ottobre 2019
mtom83

Da dove nasce il male e qual è la sua fascinazione? quali sono i confini tra sanità e follia? se è la società a essere "folle", si può considerare il folle "sano"?...una lista di "classiche" domande con cui la narrativa, il cinema, l'arte in generale come anche la filosofia e la psicologia si sono a lungo interrogate indagando sulla [...] Vai alla recensione »

sabato 5 ottobre 2019
Simopolito00@gmail.com

Partecipai al festival di Venezia e prolungai la mia permanenza fino al 31 agosto soltanto per poter guardare questo film. Purtroppo, nonostante le estenuanti ore di fila, non riuscì ad entrare e le provai veramente tutte. Vi lascio solo immaginare, in questo mese, quanto io abbia desiderato, immaginato, proiettato nella mia mente il sorriso sofferente di Phoenix e quella danza sulle scale tetre di [...] Vai alla recensione »

venerdì 4 ottobre 2019
Enrico_Delorenzi

Chi si aspetta di andare di andare a vedere questo film per assistere unicamente alla nascita del più celebre villain del mondo di Batman, probabilmente rimarrà deluso. Siamo molto distanti dalle precedenti interpretazioni cinematografiche del Joker. In questa storia, il famoso futuro cattivo è Arthur Fleck, un uomo pateticamente senza successo, che vediamo inizialmente guadagnarsi [...] Vai alla recensione »

giovedì 17 ottobre 2019
Alex2044

Si spengono le luci in sala e incomincia un silenzio che dura per tutte le due ore del film . Non si sente alcun brusio , nessuno accende stupidamente lo smartphone come capita troppo spesso . Eppure il pubblico è prevalentemente giovane . L'attenzione è tutta per quello che succede sullo schermo .  Insomma , silenzio si recita ! Joaquin Phoenix ha trasformato questo film in [...] Vai alla recensione »

martedì 15 ottobre 2019
Emanuele 1968

Forse un po troppo violento però a il suo perchè tante analogie che si vedono in televisione grande Joaquin

lunedì 14 ottobre 2019
gian.ab

Bellissimo

domenica 13 ottobre 2019
Raffo83

Joker di Phillips, ovvero il sonno del welfare genera mostri. Ci salverà Batman? No, Di Maio: date un reddito di cittadinanza a quest'uomo. 

sabato 12 ottobre 2019
Claudio S.

Pheonix semplicemente straordinario. Mi aspettavo un taglio diverso rispetto a quello che ho trovato è ne sono rimasto felicemente sorpreso. L'introspezione del personaggio è superba.

venerdì 11 ottobre 2019
paocordi

Interpretazione sublime di un ultradimagrito Joaquin Phoenix, rimarcata dai numerosi primi piani che raccontano tutto il disagio psicosociale e l’escalation della follia di un Joker agli albori del suo personaggio. Fanno riflettere i messaggi, che il film vuole trasmettere, sintomo di una società malata di prevaricazione: bullismo del branco, violenza su donne e minori, matricidio vendicativo& [...] Vai alla recensione »

FOCUS
SCRIVERE DI CINEMA
lunedì 7 ottobre 2019
Matteo Arfini, Vincitore del Premio Scrivere di Cinema

Il nuovo stand alone Joker (guarda la video recensione), Leone d'oro alla scorsa Mostra del cinema di Venezia, ribalta ancora una volta, dopo la trilogia de Il cavaliere oscuro, le sorti del cinecomic. Il regista Todd Phillips (conosciuto al grande pubblico per la saga Una notte da leoni), scrive e dirige una delle genesi più complete, complesse e articolate riferite ad un personaggio del mondo dei fumetti.
Fin dai titoli di testa in giallo vivo, pensati per ricordare quasi una classica storia Disney anni 60', tutta la pellicola è costruita in modo magistrale inquadratura dopo inquadratura, dove la macchina da presa segue maniacalmente il volto di un grandissimo ed inquietante Joaquin Phoenix.

Tutta la pellicola infatti risulta essere concentrata sulla figura del protagonista, i cui disagi fisico-psicologici diventano il riflesso di una società malata, ipocrita e violenta, nonché di una città (una New York solo velatamente trasformata in Gotham City), sporca, invasa dai ratti e dalla spazzatura in ogni angolo della strada.

La parabola discendente (?) di Arthur Fleck, nodo essenziale di tutta la vicenda , da reietto a killer spietato, dalla tragedia alla commedia si articola come una metamorfosi, un'epifania interiore innescata dal dolore e dal rifiuto di un mondo che non è più in grado di sorridere. Due elementi a questo proposito fungono un po' da "file rouge" per comprendere veramente la nascita di Joker: la risata e la danza.

La prima, elemento quasi assordante nella parte iniziale del film, si tramuta da patologia incontrollabile e causa di vergogna , da vero e proprio "muro sociale" e ostacolo, a strumento cardine di accettazione di se stessi e di presa di posizione contro l'ordine costituito. Un impulso che, non potendo essere nascosto, esplode in tutta la sua forza distruttrice e sadica, tramutando la vittima in carnefice e divenendone anche il carattere distintivo.

La danza allo stesso modo, si pone come incoronamento delle imprese personali, come un rituale di festa (distorto) al culmine dell'atto di violenza. In questo senso il regista riesce a mostrare attraverso un climax come un ballo svolto nel sudiciume e nell'intimo delle proprie mura domestiche, sfoci nella dimostrazione plateale e pubblica delle atrocità compiute; e lì dove il trucco potrebbe apparire come maschera, va invece configurandosi come espressione della vita in una tragica, sanguinosa commedia.

INCONTRI
lunedì 7 ottobre 2019
Sonia Serafini

Arthur Fleck vive con l'anziana madre in un palazzone fatiscente e sbarca il lunario facendo pubblicità per la strada travestito da clown, in attesa di avere il giusto materiale per realizzare il desiderio di fare il comico. La sua vita, però, è una tragedia: ignorato, calpestato, bullizzato, preso in giro da da chiunque, ha sviluppato un tic nervoso che lo fa ridere a sproposito incontrollabilmente, rendendolo inquietante e allontanando ulteriormente da lui ogni possibile relazione sociale. Ma un giorno Arthur non ce la fa più e reagisce violentemente, pistola alla mano. Mentre la polizia di Gotham City dà la caccia al clown killer, la popolazione lo elegge a eroe metropolitano, simbolo della rivolta degli oppressi contro l'arroganza dei ricchi.

Zazie Beetz interpreta il personaggio di Sophie e racconta come sia stata immediatamente conquistata dal progetto Joker (guarda la video recensione).

INCONTRI
sabato 5 ottobre 2019
Sonia Serafini

Arthur Fleck vive con l'anziana madre in un palazzone fatiscente e sbarca il lunario facendo pubblicità per la strada travestito da clown, in attesa di avere il giusto materiale per realizzare il desiderio di fare il comico. La sua vita, però, è una tragedia: ignorato, calpestato, bullizzato, preso in giro da da chiunque, ha sviluppato un tic nervoso che lo fa ridere a sproposito incontrollabilmente, rendendolo inquietante e allontanando ulteriormente da lui ogni possibile relazione sociale. Ma un giorno Arthur non ce la fa più e reagisce violentemente, pistola alla mano. Mentre la polizia di Gotham City dà la caccia al clown killer, la popolazione lo elegge a eroe metropolitano, simbolo della rivolta degli oppressi contro l'arroganza dei ricchi.

L'attore protagonista di Joker Joaquin Phoenix racconta la costruzione del personaggio. Joker (guarda la video recensione), Leone d'Oro all'ultima Mostra del Cinema di Venezia, è al cinema.

INCONTRI
venerdì 4 ottobre 2019
Sonia Serafini

Arthur Fleck vive con l'anziana madre in un palazzone fatiscente e sbarca il lunario facendo pubblicità per la strada travestito da clown, in attesa di avere il giusto materiale per realizzare il desiderio di fare il comico. La sua vita, però, è una tragedia: ignorato, calpestato, bullizzato, preso in giro da da chiunque, ha sviluppato un tic nervoso che lo fa ridere a sproposito incontrollabilmente, rendendolo inquietante e allontanando ulteriormente da lui ogni possibile relazione sociale. Ma un giorno Arthur non ce la fa più e reagisce violentemente, pistola alla mano. Mentre la polizia di Gotham City dà la caccia al clown killer, la popolazione lo elegge a eroe metropolitano, simbolo della rivolta degli oppressi contro l'arroganza dei ricchi.

Il regista Todd Phillips racconta la sfida nel dirigere Joker (guarda la video recensione), Leone d'Oro all'ultima Mostra del Cinema di Venezia.

Frasi


Pensavo che la mia vita fosse una tragedia, ma ora mi rendo conto che è una commedia.
Una frase di Arthur Fleck /Joker (Joaquin Phoenix)
dal film Joker - a cura di Roberto
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 3 ottobre 2019
Valerio Caprara
Il Mattino

E una risata vi seppellirà. Sembra che l'eco del motto anarchico e sessantottino si frantumi in una sghignazzata sinistra, incontrollabile, isterica, una sorta di verso straziante di una bestia fuggiasca, l'atroce singulto innescato dalla rabbia e dall'odio che straripano dal buio della disperazione individuale per appiccare le fiamme della rivolta nelle masse degli emarginati e perdenti della megalopoli. [...] Vai alla recensione »

venerdì 4 ottobre 2019
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Arthur, disturbato e succube della madre, pagliaccio di strada per un'agenzia con l'ambizione dello stand-up comedian, reagisce a feroci angherie diventando vendicatore sostenuto dalla folla. Siamo sia nella disgregata New York di bande fine anni '70, svisando Walter Hill e Ferrara, Scorsese e Woody Allen, sia nella Gotham City di Batman. Convenzionale ed eclatante l'ascesa al crimine del diverso escluso, [...] Vai alla recensione »

martedì 3 settembre 2019
Manuela Caserta
L'Espresso

Invece il Joker in concorso a Venezia per la regia di Todd Phillips è il Joker di Joaquin Phenix, che non solo lo interpreta ma ne fa una sua creatura. Dimagrito di oltre 20 kg, volto scarno quasi invecchiato, ventre scavato e costole in vista, l'affascinante Joaquin Phenix dallo sguardo sognante di Her è quasi irriconoscibile, una immedesimazione totale con il suo personaggio.

domenica 1 settembre 2019
Fabio Ferzetti
L'Espresso

Ci sono film fatti per dividere e film fatti per unire. Cinema e spettatori hanno bisogno di entrambi, ma una volta i festival privilegiavano i film del primo gruppo, mentre oggi che viviamo nell'era del consenso obbligatorio (e gli incassi calano) i secondi rischiano di prevalere. Non è un'accusa, solo una constatazione. E se servisse una conferma, basterà ricordare che il film più apprezzato anche [...] Vai alla recensione »

domenica 1 settembre 2019
Massimo Lastrucci
Ciak

Come era Joker prima di diventare Joker? Era Arthur, clown "in affitto" con trascorsi psichiatrici e una tendenza a subire insulti e prepotenze. In una Gotham City in cui si sovrappongono segni e cascami di ogni decennio del '900 (difficile situare la vicenda temporalmente), immondizia e disperazione hanno invaso e pervaso le periferie. È una polveriera pronta ad esplodere e lo farà insieme all'angariato [...] Vai alla recensione »

sabato 31 agosto 2019
Teresa Marchesi
Huffington Post

Esplode la rabbia degli incazzati, dei marginali e degli invisibili, a Gotham City infuria la guerra civile dei poveri, che indossano, come un simbolo, la maschera da clown. Il Joker è uno di loro, uno dei tanti, quello però che, involontariamente, li ha ispirati. Siamo verso il finale di "Joker", il film di Todd Phillips che tutto è tranne il cinecomic annunciato, lo spin-off sul più iconico avversario [...] Vai alla recensione »

sabato 12 ottobre 2019
Gianni Canova
Elle

C'è una cosa, in lui, che chiunque lo veda non potrà più dimenticare: la risata. Joker ride. È una risata acida, stridula, isterica, patologica. Una risata che non corrisponde al suo stato d'animo. Gli arriva incontrollabile e lui non può farci nulla. Malefica e disturbante, gli distorce il volto facendolo assomigliare alla creatura ritratta nell'Urlo di Munch.

domenica 6 ottobre 2019
Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

Non c'è Batman in Joker (Usa e Canada, 2019, 121'), o non c'è ancora. Siamo nel 1981. Per quanto gli arredi rimandino spesso agli anni 70 e 60, lo garantisce l'insegna di un cinema che programma Zorro the Gay Blade, di Peter Medak. Dopo lunghi giorni di sciopero dei netturbini, le strade di Gotham City sono invase dalla spazzatura. Thomas Wayne (Brett Cullen) sta per candidarsi alla carica di sindaco. [...] Vai alla recensione »

sabato 5 ottobre 2019
Aldo Fittante
Sport Week

Joaquin Phoenix contro la leggenda Jack Nicholson (il Joker del Batman di Tim Burton, 1989) e il fantasma del compianto Heath Ledger (II cavaliere oscuro, 2008). Missione compiuta, La sua strepitosa performance nel film che ha vinto il Leone d'oro alla Mostra di Venezia rinnova e aggiorna il Travis Bickle di Taxi Driver, E non a caso Robert De Niro, 43 anni dopo, è presente in Joker come una sorta [...] Vai alla recensione »

sabato 5 ottobre 2019
Serena Nannelli
Il Giornale

Dopo aver vinto meritatamente il Leone d'Oro all'ultimo Festival di Venezia, "Joker" di Todd Philips, un film che definire cinecomic sarebbe riduttivo e fuorviante, è sbarcato nelle nostre sale. Narrativamente costituisce un'origin story inedita del più celebre dei nemici di Batman ma, nel complesso, punta molto più in alto, ponendosi come una riflessione autoriale sulla genesi della violenza ai giorni [...] Vai alla recensione »

sabato 5 ottobre 2019
Beatrice Fiorentino
Il Piccolo

Un film cupo, violento, intriso di atmosfere "underground". È il "Joker" inaspettatamente politico di Todd Phillips. Un anti-eroe (per caso) che agita le folle. Un uomo solo, sistematicamente offeso, vittima, prima che carnefice. Leone d'Oro a sorpresa all'ultima Mostra di Venezia e lanciato nella corsa agli Oscar finché la Hollywood "politically correct" non gli ha evidentemente voltato di punto in [...] Vai alla recensione »

venerdì 4 ottobre 2019
Terri White
Empire

Gotham City, 1981. I ricchi diventano sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri. Per la gioia dei ratti, c'è uno sciopero della nettezza urbana e alcune zone della città sono ricoperte di immondizia. Arthur Fleck, clown professionista in difficoltà e aspirante comico, seduto di fronte a uno specchio, si trucca lentamente il viso. Mentre cerca di sorridere, anche forzando verso l'alto gli angoli [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 ottobre 2019
Peter Travers
Rolling Stone

Per la prima volta l'Uomo che ride ha i riflettori tutti per sé. Non divide più le luci della ribalta con l'Uomo Pipistrello, come aveva fatto Jack Nicholson in Batman; persino Heath Ledger aveva vinto l'Oscar per Il Cavaliere Oscuro come attore non protagonista. In Joker, Joaquin Phoenix affronta il ruolo in maniera selvaggia e caratterizzando il personaggio con un'aura di pericolo tutto sua.

giovedì 3 ottobre 2019
Simona Santoni
Maxim

Smagrito (20 chili in meno) e contorto nelle sue angosce e nei sogni schiacciati, Joaquin Phoenix è la nuova faccia del Joker, personaggio che dopo Heath Ledger ne Il cavaliere oscuro, inquietante e poderoso, ha sinceramente poco altro da dire. E infatti nel film Joker di Todd Phillips (dal 3 ottobre al cinema) il clown psicopatico dei fumetti è inquadrato prima di diventare il temibile nemico di Batman. A [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 ottobre 2019
Maurizio Cabona
Il Messaggero

Fare di uno dei cattivi dell'irrealistica serie Batman il protagonista di un film neorealista, che inventa un antefatto alla serie medesima, è la paradossale scommessa di Joker di Todd Phillips, dove un Joaquin Phoenix scheletrico è dimagrito di venti chili per l'occasione imperversa anche troppo. Il regista che si è fatto un nome con la popolare serie Una notte al museo oppone - tenendo però ben distinte [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 ottobre 2019
Stefano Benedetti
Cult Week

Sarà una risata che vi seppellirà. Come un rumore di fondo continuo e disturbante, dal primo all'ultimo fotogramma. Una risata tristissima, angosciante, ipnotica e mai davvero liberatoria, nemmeno per un istante. Questo, e tanto altro, è il Joker di Todd Phillips e, soprattutto, di Joaquin Phoenix: un film scomodo, capace di incollarti alla poltrona come qualcosa che non si vorrebbe vedere, ma da cui [...] Vai alla recensione »

mercoledì 2 ottobre 2019
Marcello Garofalo
Ciak

Visto il suo passato da regista di commedie scatenate piacevolmente anche demenziali (la trilogia Una notte da leoni, Parto col folle), molti dubitavano che Todd Phillips potesse essere il regista giusto per mettere in scena un "cinecomic" di stampo realistico, destinato a rinverdire la mitologia di Batman, come già avevano fatto - ciascuno a suo modo - Tim Burton e Christopher Nolan.

martedì 1 ottobre 2019
Valeria Vignale
Tu Style

Niente scene supereroiche. Niente Batman. Il Joker di Todd Phillips racconta le origini del "villain" più iconico della cultura pop. Qui è un reietto: Arthur Fleck, aspirante comico che sbarca il lunario come clown in una Gotham caotica e feroce che somiglia a New York. Vive con la vecchia madre malata in condizioni borderline. Un disturbo mentale Io fa ridere istericamente quando si trova in difficoltà. [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 settembre 2019
David Ehrlich
IndieWire

Joker è senza dubbio una delle più audaci reinvenzioni di un supereroe del cinema dai tempi del Cavaliere oscuro e probabilmente verrà ricordato come uno dei più trasgressivi esempi del cinema commerciale di questi anni. È anche un tossico grido di battaglia per emarginati e solitari e una storia così indebitata con Taxi driver e Re per una notte che Martin Scorsese avrebbe meritato di essere accreditato [...] Vai alla recensione »

mercoledì 4 settembre 2019
Emiliano Dal Toso
Ciak

La ludica libertà con cui Danny Ocean e la sua squadra di formidabili truffatori metteva a segno i propri piani si addice e non poco al lavoro che Steven Soderbergh ha saputo portare avanti nel tempo, esplorando le tante sponde del possibile cinematografico, un piede nell'intrattenimento e l'altro nella teoria, tra clamorosi successi, sperimentazioni tecnologiche e cinefili flop.

lunedì 2 settembre 2019
Enrico Azzano
Quinlan

Clown di giorno, la notte aspira a essere comico di cabaret, ma si accorge di essere uno zimbello. Prigioniero di un'esistenza ciclica, tra apatia e crudeltà, Arthur prende una decisione sbagliata che innesca una reazione a catena di eventi, in questo crudo studio di personalità... Arthur Fleck è Joker. Lo diventa pian piano - non così piano, in realtà, ma stiamo al gioco di una storia che attinge [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 settembre 2019
Davide Di Giorgio
Duels.it

Todd Phillips getta la maschera. In tutti i sensi. Si toglie di dosso l'etichetta di commediografo e si avventura nel cinecomic trasfigurando il genere in un film di autore. O almeno, queste sono le sue intenzioni. Basta infatti poco per capire di quanta New Hollywood si sia nutrito il regista, evidenti i richiami estetici (e non solo) a un'America in pieno mutamento, incapace di accettare il diverso [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 settembre 2019
Anton Giulio Onofri
Close-Up

Se non si sapesse già che il Joker del titolo è colui che qualche anno dopo i fatti raccontati nel film diventerà uno dei più pericolosi nemici di Batman, il film di Todd Phillips espone fin dalle prime battute una dichiarazione d'intenti decisamente ambiziosa che tutto lo fa sembrare tranne che un cinecomics: la metropoli americana caotica e sommersa dall'immondizia dove un povero disgraziato con [...] Vai alla recensione »

domenica 1 settembre 2019
Emiliano Morreale
La Repubblica

L'atteso Joker non è un "film di supereroi" come ci si poteva aspettare, ma il racconto cupo e introspettivo della nascita dell'arcinemico di Batman. Pagliaccio di strada, con ambizioni di stand up comedian e un passato da paziente psichiatrico, il futuro Joker vive con la madre, e nel suo passato ci sono segreti che ignora. Christopher Nolan, coi suoi film sul Cavaliere Oscuro, ha cominciato a rendere [...] Vai alla recensione »

domenica 1 settembre 2019
Alessandra Levantesi
La Stampa

Per quanto paradossale, visto che parliamo di un «cattivo» dei DC Comics, la voce vera dell'emozione l'abbiamo sentita risuonare - anche grazie a uno stratosferico Joaquin Phoenix meritevole di Coppa Volpi, Oscar e quant'altro - in Joker, dove il regista Todd Phillips e il co-sceneggiatore Scott Silver reinventano le origini del celebre nemico di Batman.

domenica 1 settembre 2019
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Un giornatona. Se fino a ieri film anche belli, se non molto belli, non avevano comunque sorpreso, nemmeno l'ottimo Polanski di "J'accuse", che è tutto tranne che sorprendente, arrivano adesso due film che ribaltano le attese, uno sgomberando il terreno dall'ennesimo fracasso di supereroi in azione, l'altro sovvertendo in modo dinamitardo il cinema del proprio autore.

domenica 1 settembre 2019
Enrico Danesi
Giornale di Brescia

Ride il pagliaccio perché non può farne a meno, e infine diventa... Joker. Siamo a Gotham City, senza la presenza di Batman, visto che Bruce Wayne è solo un bambino: la gente è arrabbiata, ha fame di qualcosa che non sa definire, si sfoga in maniera dissennata. In questo contesto avviene la strabiliante trasformazione di Arthur Fleck, uno strano tipo che cura le proprie nevrosi con massicce dosi di [...] Vai alla recensione »

domenica 1 settembre 2019
Francesco Ruzzier
Cineforum

Gli spunti per iniziare qualsiasi discorso su Joker di Todd Phillips sono molteplici. Soprattutto in un periodo di sovraesposizione del mondo dei supereroi, per quello che è senza dubbio il villain più celebre, iconico e meglio rappresentato su grande schermo e sulla moltitudine di albi a fumetti a lui dedicati, su tutti The Killing Joke di Alan Moore e Brian Bolland.

domenica 1 settembre 2019
Cristina Piccino
Il Manifesto

La gente è arrabbiata a Gotham City, lo sciopero l'ha affogata nell'immondizia, fetore e ratti anzi super -ratti spadroneggiano ovunque, e intanto i ricchi sono sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri. In mezzo il niente, solo sacchi di rifiuti che fa lo stesso. Là fuori va sempre peggio sussurra a sé stesso Arthur Fleck, la mamma lo chiama «Happy» da piccolo gli ripeteva che era nato per far [...] Vai alla recensione »

domenica 1 settembre 2019
Francesco Alò
Il Messaggero

Gotham City ha 10 mila tonnellate di rifiuti per strada, un aspirante sindaco miliardario di nome Thomas Wayne e un talk show popolare presentato da Murray Franklin (Robert De Niro). Al cinema danno Blow Out di Brian De Palma e Zorro mezzo e mezzo. È il 1981. Si respira un'aria pesante visto che anche i clown vengono aggrediti per strada. Capita ad Arthur Flack (Joaquin Phoenix) che si trucca come [...] Vai alla recensione »

sabato 31 agosto 2019
Serena Nannelli
Il Giornale

Mettete da parte i pregiudizi. "Joker" di Todd Philips (sì, proprio il regista della trilogia comico-demenziale "Una notte da leoni") è un capolavoro moderno. Se ieri al Lido è stato presentato in concorso un film, quello di Polanski, che è un esempio di cinema senza tempo, destinato però a essere apprezzato da un pubblico amante delle opere in costume, quello di oggi e con protagonista Joaquin Phoenix [...] Vai alla recensione »

sabato 31 agosto 2019
Davide Turrini
Il Fatto Quotidiano

Ridi pagliaccio. Quando uscirete, stupiti e sconvolti, da Joker, in Concorso alla Mostra del Cinema di Venezia, nelle orecchie risuonerà per parecchio tempo la risata di Arthur Fleck, l'uomo/clown interpretato plasticamente da Joaquin Phoenix. Una sonorità tra lo sguaiato, l'isterico e lo stridulo. Nulla a che fare con la soddisfazione di un sorriso.

sabato 31 agosto 2019
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Il Joker che (non) ti aspetti. Quello che da stand-alone - il primo per il personaggio dei fumetti DC Comics - può permettersi il lusso di fare di testa propria, Todd Phillips alla regia, Scott Silver in scrittura, e trovare un altro mondo possibile, un altro modo probabile di dischiudere il sorriso, e Ridi pagliaccio. La madre gli diceva che "ha uno scopo: portare risate e gioia nel mondo" e Arthur [...] Vai alla recensione »

sabato 31 agosto 2019
Giona A. Nazzaro
Film TV

Un film privo di sorprese anche se probabilmente il migliore di Todd Philips sino a ora. Joker è un film che tenta dichiaratamente di evocare le mean streets del cinema Usa anni 70 eppure - nonostante valori produttivi stellari - s'incastra in una dimensione autoreferenziale e prevedibilmente vintage. Joker è Hollywood che s'avvita su stessa; per "dire" delle cose deve riciclare un'icona dei fumetti [...] Vai alla recensione »

sabato 31 agosto 2019
Simone Emiliani
Sentieri Selvaggi

La risata di Joker. Prima della maschera. Già una traccia decisiva anche della colonna sonora. Quasi un residuo dell'allegra follia della trilogia di Una notte da leoni e le tracce demenziali del suo primo lungometraggio, Road Trip. La popolare figura dei fumetti della DC Comics assume qui vita autonoma. Sembra quasi aggiungersi al quartetto di The Hangover.

martedì 1 ottobre 2019
Emanuela Martini
Film TV

Il Joker che ci aspettavamo. Non l'ennesima "gonfiatura" in chiave super-antieroica di uno dei giganteschi cattivi della saga Batman; e nemmeno una ghignante esibizione di perfidia alla Jack Nicholson, o un viaggio tra gli infelici surreali di Tim Burton o nel mondo oscuro ma elegante di Christopher Nolan. Il Joker di Todd Philips (anche autore della sceneggiatura insieme a Scott Silver) è un pagliaccio [...] Vai alla recensione »

sabato 7 settembre 2019
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Per decenni i film di genere - baccelloni, western, horror, pure supereroi - raccontavano storie senza cincischiare. Sciogliere le allusioni, afferrare riferimenti e citazioni, decifrare le psicologie, era lavoro per lo spettatore. Se gli andava di farlo. I baccelloni che clonavano gli umani potevano essere i sovietici, in tempi di Guerra fredda, ma del film si poteva godere la superficie, senza dietrologia [...] Vai alla recensione »

venerdì 4 ottobre 2019
Maurizio Acerbi
Il Giornale

La stampa italiana, a Venezia, ha gridato al capolavoro, confortata dalla vittoria, di Joker, al Lido. Fu vera gloria? Il Joker è sicuramente un bel film, non vi è dubbio, ma fermiamoci qua. Prima di tutto, anche se, ovviamente, ispirato al personaggio dei fumetti, non è il classico titolo da supereroi, adatto ai ragazzini. È, invece, un lungometraggio «adulto», che fa riflettere sul male e su una [...] Vai alla recensione »

NEWS
BOX OFFICE
giovedì 17 ottobre 2019
Andrea Chirichelli

Joker (guarda la video recensione) inarrestabile: incassa altri 714mila euro e arriva a 17,5 milioni complessivi, con oltre 2,5 milioni di spettatori. Weathering with you chiude in crescita la sua tre giorni in sala: ieri 176mila euro per il film animato [...]

NEWS
lunedì 14 ottobre 2019
Andrea Chirichelli

Il ciclone Joker (guarda la video recensione) si abbatte sui mercati mondiali e per i film locali c'è poco da fare, almeno questa settimana. Ma qualcuno resiste: il nostro viaggio inizia in Francia, dove il blockbuster DC non è ancora uscito e ben tre [...]

BOX OFFICE
lunedì 14 ottobre 2019
Andrea Chirichelli

Secondo, trionfale, weekend per Joker (guarda la video recensione), che incassa oltre 6 milioni di euro (1,9 nella giornata di ieri) e arriva a un totale di 15,5 milioni con 2,2 milioni di spettatori. Davvero un successo clamoroso, che spinge il box office [...]

BOX OFFICE
domenica 13 ottobre 2019
Andrea Chirichelli

Abbiamo fatto bene a ritoccare le stime finali di Joker (guarda la video recensione), perché ieri il film ha vissuto un'altra giornata trionfale al boxoffice: 2 milioni esatti di euro, che portano il suo totale a 13,5 milioni, con i 15 alla portata di [...]

BOX OFFICE
sabato 12 ottobre 2019
Andrea Chirichelli

Joker (guarda la video recensione) inarrestabile: ieri ha incassato altri 1,1 milioni di euro ed è ora il secondo miglior incasso di stagione dietro a Il Re Leone (guarda la video recensione), con un totale di 11,5 milioni di euro e 1,6 milioni di [...]

BOX OFFICE
venerdì 11 ottobre 2019
Andrea Chirichelli

Joker (guarda la video recensione) passa indenne anche il temibile giovedì, la giornata più loffia della settimana, incassando altri 876mila euro e arrivando a un clamoroso totale di 10,3 milioni di euro.

BOX OFFICE
giovedì 10 ottobre 2019
Andrea Chirichelli

Altro milione per Joker (guarda la video recensione), che sta piazzando una serie di feriali assurdi, viaggiando al doppio della velocità di C'era una volta... a Hollywood (guarda la video recensione).

BOX OFFICE
mercoledì 9 ottobre 2019
Andrea Chirichelli

Continua a impressionare Joker (guarda la video recensione), che supera di poco il milione di euro nella giornata di ieri e vola ad un totale di 8,2 milioni di euro. A questo punto è logico immaginare una chiusura a 15-16 milioni complessivi, un dato [...]

BOX OFFICE
martedì 8 ottobre 2019
Andrea Chirichelli

Eccellente lunedì per Joker (guarda la video recensione), che ottiene ben 907mila euro e arriva a 7,1 milioni di euro complessivi con 1 milione di spettatori: It - Capitolo 2 (guarda la video recensione) e C'era una volta.

BOX OFFICE
lunedì 7 ottobre 2019
Andrea Chirichelli

Vola il box office italiano, grazie a Joker (guarda la video recensione): +13,8% rispetto allo stesso weekend dello scorso anno e +13,9% di guadagno dal 1 gennaio. Joker sbanca con 6,2 milioni di euro e 927mila spettatori: gli è bastato un fine settimana [...]

BOX OFFICE
domenica 6 ottobre 2019
Andrea Chirichelli

Pienone per Joker (guarda la video recensione), che ieri incassa 2,1 milioni di euro e arriva ad un ottimo totale di 4,4 milioni con i 5 facilmente superabili oggi: oltre 610mila persone hanno già visto la genesi del personaggio e non c'è concorrente [...]

BOX OFFICE
sabato 5 ottobre 2019
Andrea Chirichelli

Seconda giornata sopra al milione di euro ed in leggera crescita per Joker (guarda la video recensione), che ottiene 1,2 milioni di euro e potrebbe chiudere il weekend con più di 5 milioni di euro complessivi, anche se molto dipenderà dalla performance [...]

BOX OFFICE
venerdì 4 ottobre 2019
Andrea Chirichelli

Joker (guarda la video recensione) fa il suo e ottiene facilmente la vetta della classifica con oltre 1 milione di euro portando al cinema 148mila spettatori nel primo giorno di programmazione. Un ottimo dato, ma per capire fin dove potrà arrivare sarà [...]

VIDEO RECENSIONE
lunedì 30 settembre 2019
A cura della redazione

Arthur Fleck fa pubblicità per strada travestito da clown. Ignorato e calpestato da tutti, un giorno non ce la fa più e reagisce violentemente pistola alla mano. Mentre la polizia di Gotham City gli dà la caccia, la popolazione lo elegge a eroe metropolitano. [...]

MOSTRA DI VENEZIA
sabato 7 settembre 2019
 

Joker, il film di Todd Phillips interpretato da Joaquin Phoenix, ha vinto il Leone d'Oro della 76.ma Mostra del Cinema di Venezia. Per l'Italia trionfa l'attore Luca Marinelli, vincitore della Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile, per [...]

GALLERY
domenica 1 settembre 2019
 

Era sicuramente una delle giornate più attese dal pubblico quella di ieri quando in concorso è arrivato Joker, nuova versione del super villain portata sul grande schermo da Todd Phillips. A dare corpo (e sorriso) al celebre Arthur Fleck ci ha pensato [...]

TRAILER
giovedì 29 agosto 2019
 

Regia di Todd Phillips. Un film con Joaquin Phoenix e Robert De Niro. A Venezia 76. Da giovedì 3 ottobre al cinema. Guarda il trailer »

MOSTRA DI VENEZIA
giovedì 25 luglio 2019
Paola Casella

"Quest'anno sono tanti i ritorni al Lido", afferma Alberto Barbera, direttore artistico della Mostra del cinema di Venezia. E in effetti questa 76esima edizione mette in cartellone molte vecchie conoscenze, a cominciare dalla sezione principale, quella [...]

TRAILER
mercoledì 3 aprile 2019
 

Joker è incentrato sulla figura dell'iconico villain ed è una storia originale a sé stante, mai apparsa sul grande schermo. L'esplorazione di Phillips su Arthur Fleck, un uomo ignorato dalla società, non è soltanto uno studio crudo del personaggio, ma [...]

POSTER
mercoledì 3 aprile 2019
 

Il Joker finalmente esce dall'ombra e ha il volto di Joaquin Phoenix. L'acerrimo nemico di Batman si è guadagnato il ruolo di protagonista in un film a lui dedicato, diretto da Todd Phillips.

NEWS
mercoledì 20 giugno 2018
Francesca Ferri

Quale miglior villain a fianco al Principe del crimine se non Robert De Niro? Warner Bros. prepara un film sulle origini del Joker prima che diventasse il temibile nemico di Batman con un ipotetico Joaquin Phoenix che, però, non ha ancora confermato [...]

NEWS
venerdì 15 giugno 2018
Francesca Ferri

Il Joker finalmente esce dall'ombra e avrà il volto di Joaquin Phoenix. L'acerrimo nemico di Batman si è guadagnato il ruolo di protagonista in un film a lui dedicato, diretto da Todd Phillips. Nonostante la trama rimanga ancora oscura e il film non [...]

winner
leone d'oro
Festival di Venezia
2019
SHOWTIME
    Oggi distribuito in 553 sale cinematografiche
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati