Jojo Rabbit

Film 2019 | Commedia, Drammatico, Guerra, +13 108 min.

Titolo originaleJojo Rabbit
Anno2019
GenereCommedia, Drammatico, Guerra,
ProduzioneGermania
Durata108 minuti
Al cinema26 sale cinematografiche
Regia diTaika Waititi
AttoriRoman Griffin Davis, Thomasin McKenzie, Taika Waititi, Rebel Wilson, Sam Rockwell Scarlett Johansson, Archie Yates.
Uscitagiovedì 16 gennaio 2020
Distribuzione20th Century Fox Italia
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,08 su 70 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Taika Waititi. Un film con Roman Griffin Davis, Thomasin McKenzie, Taika Waititi, Rebel Wilson, Sam Rockwell. Cast completo Titolo originale: Jojo Rabbit. Genere Commedia, Drammatico, Guerra, - Germania, 2019, durata 108 minuti. Uscita cinema giovedì 16 gennaio 2020 distribuito da 20th Century Fox Italia. Oggi tra i film al cinema in 26 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,08 su 70 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Jojo Rabbit tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un giovane ragazzo seguace di Hitler scopre che la madre sta nascondendo un ragazzo ebreo nella loro casa. Il film ha ottenuto 6 candidature e vinto un premio ai Premi Oscar, 2 candidature a Golden Globes, 6 candidature e vinto un premio ai BAFTA, 5 candidature e vinto un premio ai Critics Choice Award, 2 candidature a SAG Awards, ha vinto un premio ai Writers Guild Awards, 1 candidatura a Directors Guild, ha vinto un premio ai CDG Awards, 1 candidatura a Producers Guild, Il film è stato premiato a AFI Awards, 1 candidatura a ADG Awards, Jojo Rabbit è 9° in classifica al Box Office, ieri ha incassato € 4.630,00 e registrato 1.110 presenze.

Consigliato sì!
3,08/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,99
PUBBLICO 3,75
CONSIGLIATO SÌ
Una favola nera che misura l'impatto della guerra e dei fascismi sugli spiriti innocenti.
Recensione di Marzia Gandolfi
sabato 23 novembre 2019
Recensione di Marzia Gandolfi
sabato 23 novembre 2019

Jojo ha dieci anni e un amico immaginario dispotico: Adolf Hitler. Nazista fanatico, col padre 'al fronte' a boicottare il regime e madre a casa 'a fare quello che può' contro il regime, è integrato nella gioventù hitleriana. Tra un'esercitazione e un lancio di granata, Jojo scopre che la madre nasconde in casa Elsa, una ragazzina ebrea che ama il disegno, le poesie di Rilke e il fidanzato partigiano. Nemici dichiarati, Elsa e Jojo sono costretti a convivere, lei per restare in vita, lui per proteggere sua madre che ama più di ogni altra cosa al mondo. Ma il 'condizionamento' del ragazzo svanirà progressivamente con l'amore e un'amicizia più forte dell'odio razziale.

Prendere per il naso Hitler è avere l'ultima parola. (La) parola di Taika Waititi, che firma una favola über-assurda ficcata nella Germania nazista e agita alla fine della Seconda Guerra mondiale.

Alla maniera di Charlie Chaplin, che crea l'arma più bella contro Adolf Hitler (Il grande dittatore), e di Mel Brooks, che mette in scena l'invenzione stessa del ridere parodico (The Producers - Una gaia commedia neonazista), Taika Waititi scongiura il corpo a corpo con la storia e volge in ridicolo la fascinazione estetica per il III Reich. Diversamente da loro il risultato è meno feroce del previsto, sovente esilarante ma troppo 'carino' per il soggetto.

Niente in Jojo Rabbit farà urlare all'indecenza o scatenerà la polemica che aveva accompagnato l'uscita in sala di La vita è bella. L'anima Disney, proprietaria della Fox Searchlight Pictures, modera i toni e procede dolcemente verso l'ode alla tolleranza e alla fantasia, alla resistenza e al rispetto verso l'altro. Da par suo, Taika Waititi dirige e indossa la divisa di un Hitler concepito dall'immaginazione di un bambino che lo convoca in sostituzione del padre assente e ogni volta che è in preda al dubbio. Ma anche qui siamo lontani dall'interpretazione caustica di Chaplin del tiranno-buffone Adenoid Hynkel (Il grande dittatore), di cui Hitler ovviamente fu il modello.

Se l'obiettivo è il medesimo, deridere i protocolli e la messa in scena di un potere che si voleva spettacolare, Waititi pesca le risorse comiche più efficaci del film nell'orientamento sessuale dei suoi nazisti, Chaplin parla per la prima volta, indossa per l'ultima i baffi di Charlot e denuncia l'usurpatore, scalzandole non solo l'immagine ma anche la performance oratoria ridotta a gesti e parole incomprensibili.

Comprensibili e definitive sono invece le parole finali di Jojo che prende letteralmente a calci il suo 'idolo' e oppone al farfugliamento nazista il valore della poesia e dell'amicizia. Tuttavia Jojo Rabbit fallisce quello che distingue la grande satira: l'onda di ilarità è sempre associata a un sentimento d'orrore. Il dittatore di Taika Waititi è un fantoccio di cui ridiamo certo ma da cui non affiora mai dietro l'attitudine farsesca la crudeltà. Resta l'impegno sincero del film davanti al risorgere di movimenti populisti e di estrema destra. Figlio di padre maori e di mamma ebrea, il regista di Thor: Ragnarok cerca uno slittamento per colpire forte gli spiriti contemporanei, giocando con l'estetica nazista e applicando una distanza ironica e un dandismo nazi difficili da maneggiare.

Ciascuno dei suoi bad guys, dall'inatteso Capitano Klenzendorf di Sam Rockwell all'ufficiale lunare della Gestapo di Stephen Merchant, passando per la valchiria ubertosa di Rebel Wilson, è agito da un mélange di libido e cecità che li rende alle volte derisori e tollerabili. Taika Waititi li arruola, si prende il rischio e poi cerca la via d'uscita, dichiarando la guerra all'odio e praticando la giusta misura: realizzare un film mai troppo drammatico per essere divertente. Ad oggi soltanto Mel Brooks ha riso del nazismo senza compromessi producendo il 'peggior show possibile'. Un delirante capolavoro che annulla Hitler a forza di ridere (The Producers - Una gaia commedia neonazista).

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
Quando il tuo amico immaginario è Adolf Hitler.
Overview di Massimiliano Carbonaro
venerdì 6 settembre 2019

La storia del cinema ci ha deliziato con numerosi amici immaginari, dal gigantesco coniglio bianco Harvey (nel film Harvey del 1950) a l'Humphrey Bogart di Provaci ancora Sam fino a Eric Cantona che interpreta - splendidamente - se stesso nel più recente Il mio amico Eric, ma nessuno aveva ancora portato sulla scena come compagno e confidente invisibile Adolf Hitler: ecco nel film, Jojo Rabbit, questa lacuna viene deliziosamente colmata.

Il film è ricco di dialoghi surreali, situazioni esilaranti e momenti di grandissima ironia. In una scena in cui si incontrano Jojo Rabbit con un suo coetaneo e forse unico amico, i due commentano: "Oh mio Dio, niente sembra avere più senso". E il ragazzino serissimo gli risponde: "Yeah, penso che non sia un buon momento per essere un Nazi". Strepitoso.

Il regista di Thor: Ragnarok, Taika Waititi, firma una commedia che riesce a mettere insieme i problemi dell'adolescenza con le ironie sul nazismo in un film ambientato in Germania durante gli anni della dittatura e in prossimità della Seconda Guerra Mondiale.

Al centro della narrazione del film troviamo il giovanissimo Jojo Betzler (Roman Griffin Davis) che a 10 anni ha molte difficoltà a relazionarsi con i suoi coetanei. Sempre impacciato viene appunto chiamato Jojo Rabbit - coniglio - appunto per sottolineare con la crudeltà di certi bambini, sostenuti dagli adulti in divisa nazista, le sue difficoltà. Per cercare di affrontare un mondo che gli sembra sempre ostile, Jojo si rivolge allora al suo amico immaginario che ha il volto di Adolf Hitler e che è interpretato dallo stesso regista. Ma il giovanissimo comincia a porsi molte domande sulla legittimità di quanto gli viene insegnato a scuola e nel campo di addestramento, quando scopre che la madre nasconde in soffitta Elsa (che ha il volto di Thomasin McKenzie), una ragazza ebrea. Tra Jojo e Elsa nasce un'amicizia che porta il ragazzino a guardare con altri occhi quanto sta succedendo intorno a lui e a dubitare sulla bontà degli insegnamenti relativi al nazismo che riceve.

Per mettere in scena questo hellzapoppin, Waititi, che ha firmato anche la sceneggiatura, ha raccolto insieme un super cast. Nei panni della madre di Jojo troviamo infatti Scarlett Johansson, in quelli di un folle capitano responsabile del campo di addestramento il sempre bravo Sam Rockwell e in quelli di una crudele addestratrice c'è l'attrice comica Rebel Wilson.

Il film è l'adattamento del libro di Christine Leunens dal titolo 'Caging Skies', che però è ambientato in Austria a Vienna.

Sei d'accordo con Massimiliano Carbonaro?

JOJO RABBIT disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€13,99 €19,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 3 febbraio 2020
elfoscuro75

 La responsabilità di fare un'opera quando hai l'ombra addosso di chi ti ha preceduto. Cosa si può dire di più? Se vuoi fare un film sul nazismo cosa puoi dire di più di quanto hanno già fatto Chaplin, Kubrick e mille altri fino ad arrivare a Benigni? Jojo rabbit è la risposta. Un film che probabilmente non sarebbe esistito senza opere [...] Vai alla recensione »

lunedì 6 gennaio 2020
Eugenio

Un ragazzino di dieci anni nella Germania di provincia hitleriana, Johannes Betler (soprannominato Jojo il “coniglio”, per via del suo temperamento non proprio coraggioso), indottrinato e infatuato del nazismo al punto da vestirsi sempre in divisa con svastica e coltellino e ad avere come amico immaginario Hitler che lo accompagna in ogni sua azione (alla stregua del coniglio di Donnie [...] Vai alla recensione »

lunedì 3 febbraio 2020
Movieman

Fra tutti gli orrori del Novecento, il nazismo è stato quello che ha assunto il ruolo di simbolo del Male assoluto perché è stato l'apice ( la punta dell'iceberg, se preferite ) di tutto lo strisciante razzismo che stava alla base dei nazionalismi esasperati che avevano imperversato in Europa (e anche nel resto del mondo) durante gli anni precedenti e che, purtroppo, ancora [...] Vai alla recensione »

martedì 21 gennaio 2020
Stefano P

Jojo, il protagonista, è un bambino di 10 anni caratterizzato da una passione innata verso l’ideologia nazista che caratterizza quasi tutti i tedeschi di quegli anni. Un’ideologia allegoricamente interpretata dalla presenza di Adolf Hitler nella mente del bambino che fa appunto pensare a come la sua figura di furher abbia influenzato e corrotto la mente del popolo tedesco durante la seconda guerra [...] Vai alla recensione »

mercoledì 15 gennaio 2020
Taty23

Torna l’irriverente Taika Waititi con il film JoJo Rabbit. Il film racconta la storia di Joharnez “JoJo” Betlezr nella Germania nazista. Jojo è un ragazzino di 10 anni che vive insieme alla madre e condivide le giornate con il suo amico immaginario, una versione fanciullesca e surreale di Adolf Hitler, data l’ammirazione per il regime politico in cui è cresciuto. Dopo [...] Vai alla recensione »

mercoledì 19 febbraio 2020
MAURIDAL

  un film di  di Taika Waititi(alias  David Cohen) Il regista è anche sceneggiatore ed interprete del film, nel personaggio di Hitler , mentre il giovane protagonista ,Roman Griffin è  di grande bravura ,interpretando un bambino come JojO  detto rabbit, coniglio, per tutti i suoi nazi amici che inizialmente lo colgono spaventato all'ordine di un soldato [...] Vai alla recensione »

sabato 1 febbraio 2020
enzo70

Jojo è un bambino, ha solo dieci anni. E nella Germania nazista è un bambino che ha un grande amico immaginario, Adolf Hitler. Jojo è fanatico come solo un bambino può essere, odia gli ebrei, anche se non ne ha mai visto uno. Quando scopre che, in realtà, uno, anzi una ebrea, le è molto vicina, in quanto è stata nascosta in casa dalla mamma, fa la cosa [...] Vai alla recensione »

domenica 26 gennaio 2020
Vincenzo Ambriola

Per chi fosse nato in Germania negli anni trenta del secolo scorso il nazismo sarebbe stato la normalità e Hitler il grande Fürher, il condottiero della grande e potente Germania. A partire dai dieci anni avrebbe indossato obbligatoriamente la divisa della Gioventù Hitleriana (la Hitler-Jugend), partecipando a un sistema di addestramento militare e paramilitare.

venerdì 24 gennaio 2020
Fabio

Un piccolo gioiello da vedere: un film che dietro la patina brillante si scaglia contro i pregiudizi, la guerra, il fanatismo. Ma soprettutto è la storia di un drammatico percorso di crescita di un bambino; il bisogno di essere accettato, la mancanza del padre e la necesaria ricerca di un modello. Tutto questo e di più raccontato con leggerezza ma fuggendo dalla banalità.

martedì 11 febbraio 2020
Felicity

Parte in modo strepitoso questo film su un bambino che sogna di essere un vero nazista mentre esita a uccidere un coniglio, ma poi non osa e gioca in difesa. Non è facile guardare a Jojo Rabbit senza pensare a una lunga serie di riferimenti. La storia, quella di un giovanissimo figlio della Germania nazista, fedele al partito e alla sua linea più per necessità di omologazione [...] Vai alla recensione »

lunedì 3 febbraio 2020
francesca meneghetti

Una chiave di lettura potrebbe essere questa: una parodia del nazismo in chiave rock, che ne ridicolizza certi tratti. Come si evince fin dalle prime inquadrature: scorrono sullo schermo le tipiche scene di adunata di regime, coperte però dalla beatlesiana” I want to hold your hand”, gridolini femminili di fan estasiate inclusi. Per arrivare a una scena di gioia accompagnata da un ballo che mima le [...] Vai alla recensione »

martedì 21 gennaio 2020
loland10

“Jojo Rabbit” (id., 2019) è il sesto lungometraggio dell’attore, sceneggiatore e regista neozelandese Taika David Waititi (Taika Cohen). Film salutare e inverecondo, intriso di riso e pieno di vero, scaraventato da un bambino in prima pagina e mandato indietro da un calcio alle idee distorte. Il Coniglio Jojo apre le danze con il suo amico Fuhrer.

giovedì 16 gennaio 2020
frascop

 I critici di una volta uscivano di sala alla fine del primo tempo per non lasciarsi influenzare dalla storia e dal finale. Non è proprio il caso di far questo con il film del neozelandese Waititi (1975) che ha nello stupendo finale, anzi proprio nell'ultima scena, la sua sintesi poetica. Anche se c'è qualche battuta incisiva e gli interpreti sono davvero bravi (i due ragazzini, [...] Vai alla recensione »

venerdì 17 gennaio 2020
Kaiser soze

Taika Waititi riesce in un'impresa per niente semplice: fare satira su temi molto delicati quali il razzismo, il culto del capo ed il cieco fanatismo senza sminuirne la pericolosità, unendo con maestria il dramma al demenziale. Un cast al massimo della forma accompagna il piccolo ma sorprendentemente capace Roman Griffin Davis in un viaggio che stravolgerà fisicamente e caratterialmente [...] Vai alla recensione »

domenica 9 febbraio 2020
Jack Black

La "Vita è bella" è un'altra cosa, ma il film merita merita certamente. Ci sono chicche umoristiche niente male, e momenti per delicati e drammatici.Sam Rockwell si vede poco, ma è sempre un grande come del resto la Scarlet. Colonna sonora molto buona. Un plauso a Taika Waititi.Certamente se vi piacciono I film stile Marvel... forse non fa per voi.

sabato 8 febbraio 2020
Inesperto

Allegro e profondo, a tratti stupidino ed in altri toccante. Con grande abilità, si mostrano gli effetti della propaganda nazista sulla vita, tipicamente in continua evoluzione, di un bambino di 10 anni. Durante la guerra, Jojo fa parte della gioventù hitleriana e, come tutti, è un convinto sostenitore del fuhrer, tanto da averlo persino come amico immaginario.

lunedì 3 febbraio 2020
no_data

E' un film capolavoro che risce a mostrare al tempo stesso l'assurdità della guerra e dell'odio e l'importanza dell'amore verso gli altri. Ti prende per mano e ti abbraccia nella semplicità di un bambino di 10 anni che in mezzo a tanta misera e aridità si salva capendo proprio che la vita è bello e niente potrà valere altrettanto.

domenica 26 gennaio 2020
Kukkurella

Indubbiamente “romanzare” ciò che tutti oggi conosciamo come storia realmente accaduta nn è missione facile,Benigni lo fece per primo e fu premiato per ciò,lo stesso lo aspetterei per questo film. Delicato nonostante la tematica,ironico senza perdere di vista il messaggio che da,tenero perché il protagonista è un bambino che nella sua interpretazione [...] Vai alla recensione »

martedì 21 gennaio 2020
amarolucano

se il cinema ha il compito di regalare emozioni, questo film raggiunge il suo scopo, sono emozioni forti e contrastanti: è un film che diverte ma ci rende anche tristi, un film che fa riflettere nonostante i suoi toni a tratti spensierati. E' un film ricco di contrasti interpretato in modo memorabile (sopratutto dal protagonista). Lo si può amare ma anche criticare, comunque da vedere. [...] Vai alla recensione »

lunedì 20 gennaio 2020
VALEWES

Quando leggo recensioni di Jojo Rabbit in cui lo si dice non all'altezza di film come "La vita è bella" di Benigni, "Vogliamo vivere!" di Lubitsch o addirittura "Il grande dittatore" di Chaplin, mi vien da pensare che in tanti abbiano ormai preso il nazismo come genere cinematografico, quando invece qui, di nazismo, si parla veramente poco. E anzi, si potrebbe dire che quello stesso nazismo che la [...] Vai alla recensione »

domenica 19 gennaio 2020
Daniele Vanni

Jojo Rabbit, è un po' Moonrise Kingdom ai tempi della Seconda Guerra Mondiale in Germania con "Inquadrature simmetriche e poi partono i Beatles" (semi cit.) e La vita è bella. È proprio dall'incipit di quest'ultimo che Taika Waititi costruisce il suo piccolo gioiello "Questa è una storia semplice, eppure non è facile raccontarla, come in una favola c'è dolore, e come una favola, è piena di meraviglia [...] Vai alla recensione »

venerdì 17 gennaio 2020
JonnyLogan

 Johannes è un bambino viennese di dieci anni che vive con sua madre Rosie, abbandonata dal marito partito per il fronte italiano, e con un’altra figlia morta a causa di una malattia. Nella vita di Johannes, da tutti chiamato Jojo, l’idea della supremazia nazista è talmente radicata al punto di avere come amico immaginario una versione fanciullesca di Adolf Hitler. [...] Vai alla recensione »

martedì 18 febbraio 2020
Gbetti

Inizia lento, annoia, è arduo affrontare una tematica così dura è sconvolgente in chiave comica, infatti il film non ci riesce. A tratti diventa fastidioso. S mira un film per bambini, infatti sono loro i protagonisti, ma trasformati in " macchiette" diventano ridicoli senza riuscire ad avere la verve comica necessaria.Un sala erano presenti alcuni bambini , mi chiedo che cosa possano aver capito di [...] Vai alla recensione »

martedì 18 febbraio 2020
matteo

Ridicolizzare il nazismo non è impresa ardua, farlo bene e con sagacia si.  La critica all’estetica del potere totalitario si ferma alla fumettistica televisiva e a un umorismo da commedia  poco impegnata.  Il film non incide e raramente mi ha strappato un sorriso.  Impresentabile la caricatura di Hitler. Si salva solo il bambino protagonista.

lunedì 17 febbraio 2020
Emanuele 1968

4.5 << su una cosa siamo d'accordo, che non siamo d'accordo >> by JOJO anche alcuni grandi tengono un amico immaginario........ci fanno a cazzotti....... si chiama coscenza

domenica 2 febbraio 2020
cicciovictor

sul film avrete letto di tutto nelle righe di chi mi ha preceduto. Resta lo spazio per il punto di vista dello spettatore medio (io) che arriva al botteghino e che deve scegliere fra Jojo e Figli. Ebbene, sono certo di essermi "divertito" molto di più entrando nella sala di Jojo. Dove per divertito non intendo aver riso, ma aver sentito scosse molte personali sensazioni.

mercoledì 29 gennaio 2020
Giovanni_B_southern

Ottimo Film..fattto benissimo....una frase su tutte...un bambino all'altro bambino : sai, in tutta confidenza questi giapponesi non mi sembrano così ariani. Da vedere

lunedì 20 gennaio 2020
Flaw54

Film banale che non dice niente di nuovo e che forse vorrebbe misurarsi con La vita è bella per il rapporto tra bambini e dittature e guerre. La ricerca dell'otiginalità a tutti i costi lo fa cadere spesso nel ridicolo, specialmente nell'immaginario rappresentazione di un Hitler da barzelletta. Dopo una prima parte di una monotonia sconcertante il film mostra qualche spunto di [...] Vai alla recensione »

FOCUS
SCRIVERE DI CINEMA
lunedì 20 gennaio 2020
Leonardo Magnante, Vincitore del Premio Scrivere di Cinema

Lo sguardo infantile torna a ripercorrere le zone d'ombra del Male Assoluto del Novecento, accostando al disorientamento tipico dei bambini neorealisti, simboli di una tragicità che raggiunge il suo apice nell'Edmund di Germania anno zero, il fervore di chi ha sostenuto quel male, per poi riconoscersene vittima di fronte al crollo di ogni sua vacuità.
Nel bizzarro mondo messo in scena da Waititi in Jojo Rabbit (guarda la video recensione), l'ironia farsesca dei dialoghi riflette la totale perdita di autenticità di un linguaggio divenuto strumento di alienazione e massificazione, in cui l'"Heil Hitlerare" appare la principale e ridondante forma di contatto e di riconoscimento collettivo e la parola diviene esasperata manipolazione ideologica delle nuove generazioni, private di una cultura destinata a farsi cenere e rieducate, mediante stravaganti interventi didattici, all'esasperata follia del partito.

Il racconto diventa costruzione di uno spazio e scrittura di un corpo emergenti come conseguenze materiali del verbo nazista, condensato nel simbolismo che pervade gli spazi a partire dalla camera di Jojo, santuario dedicato alla figura idolatrata e interiorizzata di Hitler.

Gli ambienti non si rivelano come semplici riflessi del proprio presente, ma si elevano a organismi autonomi, manifestazione del Male, restituito dalle finestre aguzze sui tetti, simili a occhi mostruosi che controllano la libertà dell'individuo, per il quale la morte è divenuta un mero ornamento, parte integrante dello spazio collettivo. La collocazione dei personaggi nell'inquadratura compartecipa alla loro iscrizione nell'ambiente fagocitante del potere, che interessa tanto i sostenitori quanto gli oppositori, come nella prima apparizione di Sam Rockwell in una sub-inquadratura data da un'impalcatura sopra cui si erge uno stemma nazista, o nel momento in cui Scarlett Johansson, perfettamente centrata, appare visivamente circondata da bandiere del partito e soldati sullo sfondo, mentre osserva dei cadaveri appesi.

In questo spazio, devastante e devastato, Jojo è l'emblema di una frammentazione fisica e identitaria, restituita dal rapido montaggio iniziale che disarticola il suo corpo in piani ravvicinati che inquadrano gli stemmi della sua divisa, simboli della sua manipolazione e della futura frammentazione "cubista", paragonato a un quadro di Picasso per le ferite in viso riportate da un'esplosione durante l'addestramento nella Jungvolk.

Introdotto mentre si riflette allo specchio, oggetto associabile alla costruzione dell'Io, Jojo ridefinisce la propria identità in un racconto inaugurato e concluso da due sequenze esemplificative, scandite da binomi conflittuali (interno/esterno, silenzio/musica, riflesso/realtà, solitudine/compagnia, parola/mutismo) ma accomunate dall'incisività del campo controcampo, che avvia e termina la traiettoria di uno sguardo che non rivendica solo se stesso ma si riconosce in un'alterità non più ripudiata, riappropriandosi, mediante la danza, di un corpo e di un'identità infranti.

Frasi
Non vinceranno mai. L'amore è la cosa più forte al mondo.
Una frase di Rosie (Scarlett Johansson)
dal film Jojo Rabbit - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 16 gennaio 2020
Roberto Nepoti
La Repubblica

Jojo Rabbit Regia di Taika Waititi voto aaaab Potrebbe essere l'outsider dei prossimi Oscar (sei nomination, incluso il film): probabilmente non è il migliore, ma di certo è il più originale. A dieci anni Johannes, detto Jojo, è un nazista fanatico e ha Hitler come amico immaginario. Però, al campo di addestramento, non esegue l'ordine di uccidere un coniglio; così si guadagna il soprannome di Rabbit. Joj [...] Vai alla recensione »

domenica 19 gennaio 2020
David Bidussa
Il Sole-24 Ore

Nel tempo della dittatura essere felici è non sentirsi soli, è vincere la propria condizione di inferiorità e di isolamento. E il massimo della felicità è omologarsi, sentirsi parte di una comunità. Esserne fuori è colpa. Questo pensa e sente Jojo Betzler (Roman Griffin Davis), il protagonista di Jojo Rabbit. Betzler è un ragazzo timido e introverso, sedotto dal fascino di Hitler, e che, essendo stato [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 gennaio 2020
Carlo Prevosti
Cinequanon

La Germania nazista nel pieno della guerra, vista attraverso gli occhi di un ragazzino di 10 anni, capace di sognare a occhi aperti ma non ancora di distinguere completamente il bene dal male. Jojo (Roman Griffin Davis) non è certo un bambino coraggioso, per questo gli altri ragazzini della gioventù nazista lo hanno soprannominato "coniglio", ma nonostante tutto Jojo sogna di adempiere il compito che [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 gennaio 2020
Monica Cristini
Cinequanon

Tutti gli anni e ormai da tempo, la triste ricorrenza del 27 gennaio viene puntualmente celebrata dall'uscita in sala di film che, in un modo o nell'altro, si ripropongono di aiutarci a ricordare. Ma spesso e volentieri, si sa, l'obiettivo didattico e terapeutico prevarica a tal punto sul contenuto da produrre - nel migliore dei casi - esiti didascalici e sovrapponibili, volti unicamente a far leva [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 gennaio 2020
Silvana Silvestri
Il Manifesto

Ironizzare sul nazismo è un classico dell'umorismo, ed ecco che ora con Jojo Rabbit Taika Waititi (Thor: Ragnarok) si mette in scena come Chaplin che interpretava Hitler col suo mappamondo. Anche qui Hitler gioca, è l'amico immaginario di Johannes fervente giovane nazista di dieci anni che si prepara ad entrare nella Jung-folk ad aggiungersi alle milizie nelle ultime fasi della guerra (furono arruolati [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 gennaio 2020
Gaetano Vallini
L'Osservatore Romano

Jojo Betzler, 10 anni, vive a Vienna con la mamma vedova durante gli ultimi mesi del nazismo. Come tutti i bambini e ragazzi del Reich deve entrare nella Gioventù hitleriana. Jojo lo fa con grande entusiasmo e molte aspettative. La sua aspirazione è quella di diventare un perfetto nazista. Tanto da avere come amico immaginario nientemeno che il suo idolo, il Führer, del quale da grande vorrebbe diventare [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 gennaio 2020
Leonardo Gregorio
Duels.it

Johannes Betzler (l'esordiente Roman Griffin Davis), 10 anni, non si sente all'altezza, e al suo migliore amico confessa: "Adolf, credo di non potercela fare". Adolf, allora, cioè Adolf Hitler - che la mente del bambino convoca con frequenza -, lo incoraggia, gli dà la carica, puntualmente gli offre sigarette che altrettanto puntualmente Jojo con garbo (almeno fino a un certo punto) rifiuta.

lunedì 20 gennaio 2020
Marisa Marzelli
Corriere del Ticino

Sei nomination ai prossimi Oscar: miglior film dell anno, sceneggiatura non originale (del regista Taika Waititi liberamente tratta da un romanzo del 2004 di Christine Leunens), Scarlett Johansson come non protagonista, montaggio, scenografie e costumi. Jojo Rabbit è forse il titolo meno noto tra i candidati di quest' anno ed anche il più anomalo. È infatti una commedia surreale e fiabesca, un parodistico [...] Vai alla recensione »

lunedì 20 gennaio 2020
Katia Dell'Eva
Cineforum

Ci si approccia all'horror sempre con una miscela conflittuale di paura e speranza, ogni qualvolta ne esca in sala uno con fondate speranze di dare una decisa sterzata a un genere che, visto l'elevato numero di uscite, perlopiù mediocri, rischia sempre la stagnazione. Ari Aster e Jordan Peele sono i nomi del futuro su cui puntare, forti di uno score di due su due, che non sono proprio numeri da NBA, [...] Vai alla recensione »

lunedì 20 gennaio 2020
Daniele Dottorini
Fata Morgana

Cronaca della nascita di un "autore" o: cosa significa la parola autore nella Hollywood contemporanea? Il caso di Taika Waititi è esemplare per ripensare i meccanismi della fabbrica dei sogni, in un'epoca in cui gli Studios sono in profonda trasformazione, in cui il centro produttivo dell'immaginario mediatico si sposta sempre di più verso i prodotti creati dai giganti dello streaming mondiale.

domenica 19 gennaio 2020
Alberto Cattini
Gazzetta di Mantova

Scritto, diretto e interpretato dal neozelandese Taika Watiti, "Jojo Rabbit" racconta di un bimbo tedesco di dieci anni che porta la divisa della gioventù hitleriana, e aspira a diventare guardia del corpo del Führer. Anticipando il futuro, il piccolo si immagina l'amicone Adolf quale consigliere che lo conferma nell'azione e nella fede ariana. Ma se Jojo, alla lezione del combattente, e del crimine [...] Vai alla recensione »

sabato 18 gennaio 2020
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Solo per spettatori adulti. Gente che non si spaventa se vede un giovanotto vestito da Hitler, con svastiche e baffetti ("Poco prima della Giornata della Memoria, poi, ma come si permettono!"). L' attore che fa l'ingrata parte, nonché regista del film, si chiama Taika Waititi, maori per parte di padre mentre il cognome della madre - lo usa ogni tanto nei crediti - sarebbe Cohen.

sabato 18 gennaio 2020
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

In epoca nazista il piccolo imbranato Jojo "vede" un immaginario e grillo parlante Hitler (il comico e regista Waititi), fuhrer bizzaro incitante virilità, fedeltà, propaganda. La relazione va in scacco quando Jojo scopre che la mamma nasconde una sorta di Anna Frank. La parodia, indecisa tra sketch e racconto di formazione, è al di sotto di Benigni (La vita è bella), non parliamo di Chaplin.

sabato 18 gennaio 2020
Cristina Borsatti
Il Piccolo

Germania. Seconda Guerra mondiale. Il piccolo Johannes "Jojo" Betzler (Roman Griffin Davis), dieci anni, è un convinto giovane nazista, tanto da avere come amico immaginario un parodistico Adolf Hitler (il regista stesso, Taika Waititi). D'altronde, è stato indottrinato dalla propaganda fino al midollo e il suo sogno è omologarsi agli altri piccoli nazisti, diventando spavaldo come loro.

sabato 18 gennaio 2020
Nicola Falcinella
L'Eco di Bergamo

Johannes Betzler, detto JoJo, ha 10 anni e vive in una cittadina tedesca. Siamo a Seconda guerra mondiale già avanzata, quando le sorti della Germania cominciano a complicarsi. Il ragazzino, che vive da solo con la madre mentre il padre è al fronte, è un nazista fanatico, si veste sempre in divisa e ha come amico immaginario niente meno che Adolf Hitler.

sabato 18 gennaio 2020
Nicolò Barretta
La Voce di Mantova

Il vivace Jojo ha dieci anni, vive a Vienna con la mamma e ha un curioso amico immaginario: Adolf Hitler. Fan del gerarca nazista fin dalla prima ora, col padre al fronte a boicottare il regime, è arruolato nelle fila nella gioventù hitleriana. Dopo essersi ferito al volto e alle gambe con una granata, il piccolo scopre che la madre nasconde in casa Elsa, una ragazzina ebrea che ama il disegno, le [...] Vai alla recensione »

venerdì 17 gennaio 2020
David Edelstein
Vulture

Il film di Taika Waititi, la storia di Jojo, un ragazzino nazista che s'innamora suo malgrado di una ragazzina ebrea che la madre tiene nascosta in casa, è in parte una commedia demenziale, in parte un dramma sull'olocausto. Ma le due parti proprio non combaciano. È molto divertente vedere Jojo che dialoga con Hitler, mentore immaginario un po' come Bogart in Provaci ancora, Sam.

venerdì 17 gennaio 2020
Alessandra De Luca
Avvenire

Jojo è un bambino di dieci anni che nella Germania nazista ha deciso di diventare la guardia personale del Führer. Hitler è il suo eroe, l'amico immaginario mentre il padre è al fronte e la madre prova a combattere contro il regime come può. Quando lo scoppio di una granata lo ferisce al volto e lo costringe e una convalescenza a casa, il babynazi scopre che tra le mura domestiche la madre tiene nascosta [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 gennaio 2020
Francesco Alò
Il Messaggero

Avevamo visto Hitler firmare un autografo ad Indiana Jones, palleggiare annoiato col mappamondo ne Il grande dittatore (1940) di Chaplin e fare rap in un videoclip firmato Mel Brooks del 1983. Mancava in versione amico immaginario. L'adattamento delle pagine di Christine Leunens da parte del maori-ebreo Taiki Waititi è un romanzo di formazione ambientato nella Germania del 1945 dove tutti sono agghindati [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 gennaio 2020
Gian Luca Pisacane
La Rivista del Cinematografo

Adolf Hitler al cinema, tra satira e tragedia. Da Charlie Chaplin a Mel Brooks, fino a Lui è tornato del 2015. Difficile far ridere su un tema così delicato. Questa volta ci prova il regista Taika Waititi, che ha fatto della commedia la sua bandiera. Sferzante e pungente oltre il politicamente corretto. È complesso avvicinarsi a un film come Jojo Rabbit.

giovedì 16 gennaio 2020
Giulia Bianconi
Il Tempo

Roberto Benigni ci ha dimostrato che si può ridere del nazismo ne "La vita é bella". Prima di lui, Charlie Chaplin, aveva fatto lo stesso ne "Il grande dittatore". Stavolta è Taika Waititi a mettere in ridicolo Adolf Hitler e il Terzo Reich, scegliendo un bambino come protagonista del suo film, nelle sale dal 16 gennaio con The Walt Disney Company. Il piccolo "Jojo Rabbit" (titolo della pellicola), [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 gennaio 2020
Fulvia Caprara
La Stampa

Per Sam Rockwell, il capitano Klenzerdorf di Jojo Rabbit, scomparire nel ruolo è un gioco da ragazzi. Aiutato dalla maschera duttile e dalla fisicità poco appariscente, sa diventare i personaggi che interpreta aderendo alle loro più intime contraddizioni. Incoerenze che spesso, come nel film di Taika Waititi candidato a 6 Oscar, svelano personalità migliori di quelle immaginate al primo sguardo.

giovedì 16 gennaio 2020
Mattia Carzaniga
Donna Moderna

Tra La vita è bella di Roberto Benigni e Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino. Jojo Rabbit, adesso nelle sale italiane, è il caso cinematografico della stagione in corso. Alla base c'è il romanzo Il cielo in gabbia di Christine Leunens, edito da Sem. Ma è la mente visionaria e spericolata di Taika Waititi, l'autore neozelandese già dietro blockbuster "atipici" come Thor: Ragnarok, a renderlo [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 gennaio 2020
Martina Toma
Cult Week

Jojo è un bambino tedesco di dieci anni che, durante la Seconda Guerra Mondiale, vive con la madre in una grande casa di una cittadina che dà su un fiume. Il padre non si vede mai se non in foto, o in qualche ricordo, ed entrambi stentano a parlarne. Fin qui tutto bene, se non fosse che Jojo fa parte della Gioventù Hitleriana e la madre sta nascondendo una ragazzina ebrea in un ripostiglio dietro uno [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 gennaio 2020
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Non è facile strappare qualche risata con i grandi drammi, specie se di tutta l'umanità. Ci riescono solo i grandi registi. Scherzare con Hitler e il nazismo è un'operazione complicata e certo il neozelandese Taika Waititi è molto distante da Chaplin, che si permise con "Il dittatore" di smontare una figura così tragica con lo sberleffo geniale che gli apparteneva.

martedì 14 gennaio 2020
Ilaria Feole
Film TV

Tutti i bimbi, prima o poi, si creano un amico immaginario, compagno di gioie e tristezze. Anche il piccolo Johannes, detto Jojo, ne ha uno: è il suo idolo, Adolf Hitler. Siamo in Germania, nelle fasi finali della Seconda guerra mondiale, e Jojo desidera essere un bravo nazista; ignora però che la sua mamma (una luminosa, bravissima Scarlett Johansson) non condivide il suo fervore, anzi, nasconde in [...] Vai alla recensione »

martedì 14 gennaio 2020
Valeria Vignale
Tu Style

Germania, anni 40. Jojo Betzler, 10 anni, non riesce a relazionarsi con i coetanei che l'hanno crudelmente soprannominato Jojo Rabbit, coniglio, per sottolinearne le debolezze. Per farsi forza, si rivolge a un amico immaginario che ha il volto di Adolf Hitler e diventa il più nazista tra i piccoli della gioventù hitleriana. Finché scopre che una ragazzina ebrea vive nascosta in casa sua proprio per [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 gennaio 2020
Luca Barnabé
Ciak

Un ragazzino della gioventù hitleriana, Jojo (bravo il piccolo Roman Griffin Davis), è del tutto convinto della "validità" del regime nazista e delle sue teorie sulla superiorità della razza ariana. Come amico immaginario ha Adolf Hitler in persona (interpretato dal regista del film, Watiti). Un giorno scopre che sua madre (Scarlett Johnasson) sta nascondendo una ragazzina ebrea (Thomasin McKenzie) [...] Vai alla recensione »

mercoledì 4 dicembre 2019
Francesco Bellia
Close-up

Jojo Rabbit è il nuovo film del regista neozelandese Taika Waititi, che ha aperto il Torino Film Festival 2019. Una pellicola che già dal trailer si propone agli spettatori come un film sopra le righe, una commedia nera, che però è colorata ed energica, un film-fumetto che usa la parodia per ironizzare sul nazismo, soprattutto sull'indottrinamento nazista, prendendo spunto dal romanzo Il cielo in [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 dicembre 2019
Chiara Barbo
VivilCinema

Film decisamente curioso questo di Taika Waititi, che spiazza fin dalle prime scene, con il regime nazista dispiegato sulle note di I want to hold your hand in versione tedesca. Irriverente e farsesco, gioca con qualcosa di molto serio, e solo grazie ai soldi (tanti) guadagnati con Thor: Ragnarok il regista ha potuto fare un film così. Seguendo l'impianto classico del film di formazione, racconta le [...] Vai alla recensione »

mercoledì 27 novembre 2019
Enrico Azzano
Quinlan

Nella Germania del secondo conflitto mondiale, Jojo Betzler, fiero membro della Gioventù hitleriana, trascorre gran parte del proprio tempo in compagnia del suo amico immaginario Adolf, una versione del Führer adorabile, vitale, motivante. Nella sua completa adesione all'odio nazista, Jojo si infuria quando scopre che sua madre lavora per la Resistenza, e nasconde una giovane ragazza ebrea in soffitta. [...] Vai alla recensione »

domenica 24 novembre 2019
Alessandra Levantesi
La Stampa

Aperto il 37° TFF con sobri ringraziamenti e senza chiacchiere inutili, il direttore Emanuela Martini ha introdotto il protagonista del film inaugurale; e davanti all' affollata platea del cinema Massimo è apparso un undicenne, Roman Griffin Davis, che da attore consumato ha spiegato la sua difficoltà a immedesimarsi in un coetaneo con la testa imbottita di slogan nazi.

domenica 24 novembre 2019
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Film d'apertura è la storia di un ragazzino che durante il nazismo ha Hitler come amico immaginario. Vorrebbe essere un nazista perfetto, ma in fondo è buono e timido e così lo prendono in giro. A casa la madre nasconde una ragazzina ebrea: i due giovani inevitabilmente entrano in contatto. E la coscienza nazi del bambino vacilla. Non è facile far ridere con le tragedie, figurarsi con questo immenso [...] Vai alla recensione »

sabato 23 novembre 2019
Davide Di Giorgio
Sentieri Selvaggi

È nella forma del racconto ad altezza di bambino che Taika Waititi rinnova la sua voglia di giocare con i meccanismi del cinema: dopo il mockumentary di Vita da vampiro - What We Do in the Shadows e il blockbuster Thor: Ragnarok (uno dei pochi Marvel Movies a non aver subito la pressione dello Studio e a mantenere una sua veste autoriale) stavolta il modello è, per l'appunto, quello del film per ragazzi, [...] Vai alla recensione »

venerdì 22 novembre 2019
Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

È già un grande il piccolo Roman Griffin Davis, l'indomito baby protagonista di Jojo Rabbit, e il 37° Torino Film Festival l'ha istantaneamente adottato. L'attore inglese, 11 anni e sguardo fra il dolce e il rapace, è l'ospite d'onore a presenziare la prémière nazionale del film diretto dal neozelandese Taika Waititi che coincide con l'inaugurazione della cine-kermesse sotto la Mole.

sabato 18 gennaio 2020
Marco Contino
Il Mattino di Padova

Si può ridere del nazismo? Al cinema è già successo, con risultati esemplari: da "Il grande dittatore" di Charlie Chaplin a "Per favore, non toccate le vecchiette" di Mel Brooks, fino ai più recenti "La vita è bella" di Benigni e "Train de vie" di Mihaileanu. Il regista neozelandese Taika Waititi firma con "Jojo Rabbit" una commedia satirica che vorrebbe ripercorrere l'umorismo tragico di quei modelli [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 gennaio 2020
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Il giovane Jojo vive con la mamma, in pieno crepuscolo nazista. Il ragazzino vorrebbe entrare nella Gioventù hitleriana e ha, come amico immaginario, proprio il Führer o, meglio, la sua caricatura. Una sera scopre che nel solaio di casa è nascosta una adolescente ebrea. Che fine farà la sua fede nazista? Esaltato dalla critica e inspiegabilmente candidato agli Oscar, il film è, in realtà, un pasticcio [...] Vai alla recensione »

sabato 23 novembre 2019
Federico Pontiggia
La Rivista del Cinematografo

Il piccolo Jojo (Roman Griffin Davis, bravo) vive con la madre (Scarlett Johansson) nella Vienna nazista: siamo agli sgoccioli del secondo conflitto mondiale, il bambino si addestra per entrare nelle fila della Hitler Jugend, ma c'è di più, il Führer (Taika Waititi) è sempre al suo fianco, ovvero è il suo amico immaginario, mentore e guida insieme. Lo sceneggiatore, attore e regista neozelandese trapiantat [...] Vai alla recensione »

NEWS
OSCAR
lunedì 10 febbraio 2020
 

Il film si aggiudica il premio per la miglior sceneggiatura non originale.  Vai all'articolo »

BOX OFFICE
martedì 28 gennaio 2020
Andrea Chirichelli

1917 (guarda la video recensione) resta saldamente in vetta con quasi 200mila euro, che portano l'incasso totale del film di Sam Mendes a 2,3 milioni. Sale al secondo posto Jojo Rabbit (guarda la video recensione), che ottiene 106mila euro e supera [...]

VIDEO RECENSIONE
venerdì 10 gennaio 2020
A cura della redazione

Jojo ha dieci anni e un amico immaginario dispotico: Adolf Hitler. Nazista fanatico, col padre 'al fronte' a boicottare il regime e madre a casa 'a fare quello che può' contro il regime, è integrato nella gioventù hitleriana.

TORINO FILM FESTIVAL
sabato 23 novembre 2019
Marzia Gandolfi

Film d'apertura del 37esimo Torino Film Festival e dal 23 gennaio al cinema. Vai all'articolo »

TORINO FILM FESTIVAL
giovedì 14 novembre 2019
Marianna Cappi

Il gustoso promo animato della direzione creativa della RAI ha inaugurato stamattina a Roma la conferenza stampa di presentazione del 37.mo Torino Film Festival, e lo ha fatto all'insegna dell'horror, in omaggio all'attesissima retrospettiva, e, in generale, [...]

[LINK] FESTIVAL
mercoledì 6 novembre 2019
 

L'International Film Festival & Awards Macao (IFFAM) ha ufficialmente annunciato quali saranno i film della prossima edizione che prenderà il via il 5 dicembre. Ad aprire il festival sarà l'attesissimo Jojo Rabbit, la provocatoria commedia diretta da [...]

POSTER
giovedì 31 ottobre 2019
 

Il film è ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale, in Germania. La vicenda narra di una madre che nasconde una ragazza ebrea in casa.

NEWS
martedì 24 settembre 2019
 

Un giovane ragazzo seguace di Hitler scopre che la madre sta nascondendo un ragazzo ebreo nella loro casa. Il film aprirà il 37° Torino Film Festival. Vai all'articolo »

TRAILER
lunedì 16 settembre 2019
 

Regia di Taika Waititi. Un film con Scarlett Johansson, Taika Waititi, Sam Rockwell, Rebel Wilson, Thomasin McKenzie. Prossimamente al cinema. Guarda il trailer »

OVERVIEW
venerdì 6 settembre 2019
Massimiliano Carbonaro

Il regista Taika Waititi ironizza sulle difficoltà di crescere nella Germania nazista. Prossimamente al cinema. Vai all'articolo »

TRAILER
mercoledì 4 settembre 2019
 

Regia di Taika Waititi. Un film con Scarlett Johansson, Taika Waititi, Sam Rockwell, Rebel Wilson, Thomasin McKenzie. Prossimamente al cinema. Guarda il trailer »

TRAILER
mercoledì 24 luglio 2019
 

Regia di Taika Waititi. Un film con Scarlett Johansson, Taika Waititi, Sam Rockwell, Rebel Wilson, Thomasin McKenzie. Prossimamente al cinema. Guarda il trailer »

winner
miglior scenegg.ra non origin.
Premio Oscar
2020
winner
miglior scenegg.ra non origin.
BAFTA
2020
winner
miglior giovane interprete
Critics Choice Award
2020
winner
miglior scenegg.ra non origin.
Writers Guild Awards
2020
winner
miglior film ambientato nel passato
CDG Awards
2020
winner
film dell'anno
AFI Awards
2020
Con Roman Griffin Davis nella parte di Jojo
SHOWTIME
    Oggi distribuito in 26 sale cinematografiche
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati