MYmovies.it
Advertisement
I Miserabili, ritorno alla cité 25 anni dopo 'L'odio', fra verità di cronaca e gusto del cinema

Si ispira a Spike Lee e continua il discorso di Kassovitz. Il film del regista francese sorprende per durezza, tensione, autenticità. Premiato a Cannes, candidato all'Oscar come Miglior Film Straniero e dal 12 marzo al cinema.
di Simona Previti

I Miserabili

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Steve Tientcheu . Interpreta Il sindaco nel film di Ladj Ly I Miserabili. Al cinema da giovedì 12 marzo 2020.
domenica 9 febbraio 2020 - Focus

Il cinema si sa è stato fin da subito sogno, viaggio nell’immaginario, fantasia di mondi e storie lontane. Ma anche vita che scorre davanti all’obiettivo col suo respiro quotidiano, verità, documento, impronta del reale. I miserabili di Ladj Ly sembra suonare più queste note già dalle prime scene: il materiale di reportage di una videocamera avida di facce reali e di suoni della strada ci immerge subito dentro i fatti: prima nel cuore del tifo per la nazionale francese ai mondiali di calcio 2018 - un bar, le Trocadéro e la Tour Eiffel, i “francesi” dans le rues - e subito dopo dentro la banlieu di Montfermeuil dove il regista è cresciuto e dove ha filmato per anni raccogliendo materiale da rielaborare poi in racconto cinematografico. Si sente il peso della vita vissuta dentro quei confini, ed è un muoversi sapiente dentro quelle dinamiche e fra quei volti. 

Anche se il suo non è un documentario dunque, ne ha il sapore e la verità. Allo stesso tempo però il film è in grado di accompagnare lo spettatore lungo un intrigo quasi fiabesco: il furto di un cucciolo di leone da un circo per mano di un ragazzino della cité, di nome Issa, e la sua ricerca da parte di polizia e bande rivali in un difficile equilibrio di forze. Il racconto è veloce, teso, come l’atmosfera che si respira: una bomba a orologeria pronta ad esplodere. Le gang si sfidano a suon di minacce e giochi di sguardi degni di un western contemporaneo. 
 

Il cinema di Spike Lee certo ha fatto scuola sul giovane filmaker (che è solo al suo primo lungometraggio e già in gara per l’Oscar come Miglior Film Straniero, dopo aver vinto il Prix du Jury a Cannes), così come aveva fatto scuola prima su Kassovitz al quale Ladj Ly è stato nel giro di pochi secondi paragonato.
Simona Previti, MYmovies.it

L’Odio di Kassovitz a sua volta ha fatto scuola su intere generazioni. I ”miserabili” di Ladj Ly si parlano con quegli altri de L’Odio. Il contesto è lo stesso: la tensione di quella vita misera che può solo generare “haine” e violenza, come se non fosse cambiato nulla (ci ricordiamo bene ne L’Odio l’orologio su fondo nero che scandiva le ore della cité ma che non faceva accadere nulla, che batteva i vuoti. Come se quell’orologio avesse segnato le ore fino ad adesso). Ma parallelismi a parte, Ladj Ly fa anche una scelta stilistica diversa rispetto a Kassovitz: intanto il colore rispetto a quel bianco e nero più iconico e più estetizzante. Come se volesse levare sofisticazione: meno carrelli, meno grandangoli, un montaggio meno appariscente, un cinema meno emotivo e cinéphile, più spoglio. Un film sulle banlieu fatto per la prima volta da uno delle banlieu. Un respiro più reale. 

I tre protagonisti della cité di Kassovitz si sono persi in una coralità di facce a cui Ladj Ly dà voce moltiplicando le sfaccettature di quella realtà (i ragazzini, i musulmani, i gitani, gli afro, prima generazione di immigrati e seconda…). 

Sono due i momenti che ci sollevano letteralmente su questo melting pot confusionario e sempre urlato, come se il regista ci volesse regalare una coscienza sulla storia: la sequenza iniziale del film con il tifo che accomuna tutti, che vorrebbe accomunare tutti sotto lo stesso tricolore e sotto lo stesso simbolo della Tour Eiffel. E poi c’è un altro momento: un volo aereo che è tutto cinema. L’occhio di un drone che si muove sulla cité pilotato da un ragazzino che fa una cosa da ragazzino (spiare le ragazze dalle finestre) ma poi finisce per filmare un abuso della polizia, un momento di tensione fra i tre poliziotti protagonisti della storia e una banda di ragazzini che sfogano la loro rabbia contro quel sistema di guardie e ladri a cui sono condannati. La polizia spara senza motivo a Issa ferendolo all’occhio. 

Questo sguardo dall’alto sorvola il dettaglio, le differenze, costruisce una coscienza unica, poetica. è lo sguardo innocente che i bambini di quei quartieri sono destinati a perdere troppo presto. Ci solleva dalla microstoria, come se in una visione totalizzante e più ampia questa potesse contare meno, a favore di un valore unico più alto. Come quel tifo che i primi minuti del film fanno sognare. Due respiri che vorrebbero dire Umanità con un’unica parola. Non ci sono buoni e cattivi in questo dramma contemporaneo, ma solo una situazione che sembra autogenerarsi per le condizioni socio-economiche.

Una “notte”, scriveva Hugo, che la società produce e di cui deve rispondere. Nell’800 come oggi.


I MISERABILI: VAI ALLA SCHEDA COMPLETA
In foto una scena del film I miserabili.
In foto una scena del film I miserabili.
In foto una scena del film I miserabili.
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati