Domino

Film 2019 | Thriller 89 min.

Regia di Brian De Palma. Un film con Nikolaj Coster-Waldau, Carice van Houten, Guy Pearce, Paprika Steen, Thomas W. Gabrielsson. Cast completo Titolo originale: Domino. Genere Thriller - Danimarca, Francia, Spagna, Belgio, 2019, durata 89 minuti. Uscita cinema giovedì 11 luglio 2019 distribuito da Eagle Pictures. Oggi tra i film al cinema in 253 sale cinematografiche - MYmonetro 2,00 su 20 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Domino tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un uomo cerca di vendicare la morte di un amico ma scopre che il presunto omicida è un infiltrato della CIA. Domino è 4° in classifica al Box Office. domenica 14 luglio ha incassato € 59.470,00 e registrato 10.318 presenze.

Consigliato no!
2,00/5
MYMOVIES 2,00
CRITICA 2,00
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Un intrigo internazionale in cui la mano di De Palma è riconoscibile ma trasfigurata da una produzione infelice.
Recensione di Emanuele Sacchi
giovedì 11 luglio 2019
Recensione di Emanuele Sacchi
giovedì 11 luglio 2019

Copenhagen, 2020. Christian e Lars, poliziotti, sono chiamati per schiamazzi notturni: Christian si dimentica a casa la pistola, ma non dà troppo peso alla cosa. Quando il reale motivo della chiamata si rivela tutt'altro, ossia un delitto legato al terrorismo internazionale, due poliziotti con una sola arma a disposizione si dimostrano troppo pochi.

C'è una lunga letteratura sui film in cui gli autori arrivano a negare la paternità delle proprie opere. Una volta li chiamavano "straight to video", perché finivano direttamente su supporto domestico, senza passare dalla sala: a caratterizzarli erano confezione, messa in scena e recitazione goffe e poco curate. Spesso il risultato di problemi occorsi sul set, o di contrasti tra direzione artistica e direzione operativa. Nei casi più estremi, la produzione sostituiva al nome del regista uno pseudonimo ricorrente, Alan Smithee.

Tra i suoi molti alti e bassi con l'industria, Brian De Palma non era mai arrivato a disconoscere una propria opera. Almeno fino a Domino.

In ogni occasione in cui è stato intervistato, infatti, il regista non ha mai mancato di sottolineare la propria estraneità al montaggio finale, voluto e curato da mani altrui. Il fatto è che risulta difficile credere che con un montaggio differente l'esito qualitativo di Domino potesse divergere radicalmente da quello del film che approda nelle sale cinematografiche. Di certo De Palma avrebbe rimesso mano ad alcune take da "buona la prima", o forse avrebbe preteso qualcosa in più dalla scarsa computer grafica a disposizione, ma sono troppi gli elementi disfunzionali che caratterizzano Domino.

Una sceneggiatura costellata di forzature (il ruolo della CIA); un cast svogliato e di taglio prettamente televisivo; una scarsa attenzione alla scenografia, che non transita mai dalla cartolina danese - a partire dai ciclisti della scena di apertura - alla sensazione di una città viva e pulsante. Di fatto Domino è il punto di approdo di una lunga faida consumatasi tra De Palma e Hollywood, transitata attraverso progetti come Passion o Redacted: film personali e audaci, fallimenti commerciali non privi di fragilità e complicazioni, ma profondamente legati alla poetica dell'autore.

Non che Domino non denoti la paternità di De Palma, anzi. Dalla zoomata sulla pistola dimenticata ai crescendo di Pino Donaggio, dalle citazioni da La donna che visse due volte all'ossessione per il rapporto tra immagine e morte, che culmina nella sequenza dello split screen sul tappeto rosso di un festival di cinema, tutto sembra gridare il nome di De Palma, ma nella sua versione più povera di mezzi e di idee. Come se le intuizioni che un tempo scardinavano lo status quo del cinema hollywoodiano oggi si rivelino quasi inadeguate a rappresentare una realtà che corre, velocissima, verso un incubo hitchcockiano in carne ed ossa.

Le autocitazioni superano persino le citazioni di Hitchcock, come qualcuno ha ironicamente notato: un fatto inedito nel cinema di De Palma, che non fa nulla per nascondere il fatto di omaggiare una scena di Femme Fatale con una soggettiva in stile Doom (da Cannes si passa a un festival olandese, forse per i limiti di budget).

Di fronte alla macabra deriva del reale, De Palma si sente quasi obbligato a fotografare il nuovo orrore causato dal potere dell'immagine - le esecuzioni di ISIS, le tecniche di persuasione della CIA - e a rivendicare il proprio vaticinio, pronunciato in tempi non sospetti. Ma oltre ai mezzi sembra mancargli la vitalità. La sequenza conclusiva, ambientata alla Plaza de Toros di Almeria, è il set ideale di un epilogo hitchcockiano da L'uomo che sapeva troppo, in cui il regista sembra aggiornare Omicidio in diretta all'epoca dei droni e del martirio multimediale. Ma il transfert, tra gli spalti inspiegabilmente vuoti e i volti inespressivi di Nikolaj Coster-Waldau e Carice Van Houten, non scatta mai. E di fronte alla disarmante conclusione massimalista del film - "Siamo americani, quindi leggiamo le vostre mail" - si fa strada la sensazione che oggi il cinema del venerabile Brian De Palma prediliga proprio quella rozzezza che sembrerebbe voler denunciare.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 24 giugno 2019
alaflai

Film inguardabile, trama ridicola, attori patetici. É stato un supplizio guardarlo. 

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 12 luglio 2019
Francesco Alò
Il Messaggero

Poliziotto danese insegue per l'Europa l'assassino del suo collega più anziano, inconsapevole di trovarsi dentro una trama più complessa collegata al terrorismo internazionale. Voyeurismo (l'Isis organizza gli attentati come fossero dei film), ralenti, archi in colonna sonora dal sapore hitchcockiano (firmati Pino Donaggio), scomposizione del fotogramma, cinismo che sconfina quasi nell'autoparodia. [...] Vai alla recensione »

giovedì 11 luglio 2019
Fulvia Caprara
La Stampa

Cavaliere cinico, affascinante e tormentato nel fenomeno cult Trono di spade, Nicolaj Coster Waldau torna nel mondo dei poveri umani con Domino, l'ultimo film di Brian De Palma, tagliato, rinnegato, esecrato dallo stesso autore che lo ha definito come la sua peggiore esperienza di set. Nel thriller a base di terrorismo islamico, simile ai mille altri girati dopo l'11 settembre, Coster Waldau è un poliziotto [...] Vai alla recensione »

giovedì 11 luglio 2019
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Quando un regista, nella fattispecie De Palma, arriva a disconoscere il suo stesso film, definendolo «una esperienza orribile», figuratevi con che voglia uno dovrebbe versare i dieci euro per il biglietto di Domino. Una pellicola nata male, piena di problemi. In Danimarca, muore un poliziotto. Il suo partner, cerca vendetta, tra estremismi e spionaggio.

giovedì 11 luglio 2019
David Fear
Rolling Stone

Non devi strizzare gli occhi per vedere Brian De Palma in Domino. Non letteralmente, intendiamoci... di solito non porta il suo feticismo per Hitchcock tanto all'estremo da renderlo un cameo costante. Ma Hitchcock è nel minaccioso zoom-in su una pistola che un poliziotto di Copenhagen di nome Christian (Nikolaj Coster-Waldau di Game of Thrones) ha lasciato su una sedia nel suo appartamento.

giovedì 11 luglio 2019
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Tenendo conto di tutte le turbolenze successe durante (e dopo) la lavorazione, "Domino" non è così brutto come molti sostengono. Certo siamo lontani dalla creatività generosa del miglior De Palma e le ossessioni hitchcockiane francamente ormai sembrano l'appiglio, riciclato all'infinito, per soddisfare le proprie esigenze artistiche e anche quelle dello spettatore.

mercoledì 10 luglio 2019
Alessandro Curini
Cineforum

Il più recente cinema di Brian De Palma - quello che raccoglie titoli quali Omicidio in diretta, Femme Fatale, Redacted, Passion - è puro cinema dello sguardo: come atto fondativo dell'azione o del diniego e paradossalmente negazione di se stesso. Frustrato, esploso, menzognero, lo sguardo in De Palma è programmaticamente in affanno nel ritrarre integralmente il vero: è soggettivizzato, parziale nella [...] Vai alla recensione »

mercoledì 10 luglio 2019
Francesco Del Grosso
La Rivista del Cinematografo

Dopo avere aperto il 2° Filming Italy Sardegna Festival, Domino sbarca nelle sale in piena stagione balneare, a interrompere un letargo che per De Palma durava da sette anni, ossia da Passion. Pur con rari sprazzi di buon cinema nel DNA, la pellicola è risultata ampiamente al di sotto degli standard del cineasta. L'inattività come una ruggine ha invaso l'ingranaggio generando un mal funzionamento. Qui [...] Vai alla recensione »

mercoledì 10 luglio 2019
Simone Emiliani
Sentieri Selvaggi

La Supernova di Brian De Palma. Quasi vent'anni dopo Walter Hill. Forse nel suo film più infelice, ma non per questo fallimentare. Perché in Domino forse contano le schegge. Non tanto di ciò che resta del cinema del regista statunitense. Ma proprio del film. Il cineasta non lo ha forse disconosciuto per problemi contrattuali. Ma i produttori danesi sembrano avergli fatto la guerra.

martedì 9 luglio 2019
Roberto Manassero
Film TV

Nel saggio Travolta, secondo atto (L'attrito del tempo, 2019) Martin Amis racconta un incontro con John Travolta avvenuto nel 1995, all'indomani del ritorno al successo dell'attore con Pulp Fiction: dalle stelle alle stalle e ritorno, con successivo nuovo viaggio nell'oblio come suggerito dalla postfazione. A un certo punto Amis cita Blow Out, film «rovinato da un eccesso di regia e di carenze di scrittura [...] Vai alla recensione »

lunedì 8 luglio 2019
Raffaele Meale
Quinlan

Danimarca, 2020. L'agente di polizia Christian Toft lascia la pistola d'ordinanza a casa per errore e non può intervenire quando il suo compagno di ronda si ritrova con la gola tagliata per mano di un terrorista islamico. Questo terrorista è in realtà un agente sotto copertura della CIA, che sottobanco muove un gran numero di pedine. Dov'è la giustizia? E come farà Christian a ottenerla? Chissà quanti [...] Vai alla recensione »

lunedì 8 luglio 2019
Gianni Canova
We Love Cinema

E comunque. Vien da dire questo, dopo aver visto l'ultimo, tormentato, maledetto film di Brian De Palma. Comunque. Perché sarà anche vero che la sceneggiatura scricchiola, che i personaggi sono un po' troppo bidimensionali, che gli effetti sono realizzati con scarsissimi mezzi, ma la mano del Maestro - qua e là - si riconosce sempre. Solo qua e là? Sì.

martedì 2 luglio 2019
Sergio Lorizio
Ciak

Christian (Nikolaj Coster-Waldau) e Lars (Søren Malling), due poliziotti dell'unità crimini speciali di Copenaghen legati da profonda amicizia, sono chiamati una notte ad affrontare un caso cruento di omicidio che, per una grave disattenzione del primo, costerà la vita al secondo e la fuga del colpevole. Insieme alla sua nuova partner Alex (Carice van Houten), Christian cercherà giustizia per il collega [...] Vai alla recensione »

martedì 4 giugno 2019
Barry Hertz
The Globe and Mail

About halfway through the new political thriller Domino, Nikolaj Coster-Waldau's hero pauses to marvel at the cinematic sophistication of an ISIS recruitment video. "It's almost like they're professionals," his Copenhagen detective character exclaims, whilst watching one jihadist behead an infidel. "There's even a drone shot!" Perhaps this is a tongue-in-cheek moment courtesy of director Brian De Palma, [...] Vai alla recensione »

domenica 2 giugno 2019
Owen Gleiberman
Variety

About halfway through the new political thriller Domino, Nikolaj Coster-Waldau's hero pauses to marvel at the cinematic sophistication of an ISIS recruitment video. "It's almost like they're professionals," his Copenhagen detective character exclaims, whilst watching one jihadist behead an infidel. "There's even a drone shot!" Perhaps this is a tongue-in-cheek moment courtesy of director Brian De Palma, [...] Vai alla recensione »

giovedì 30 maggio 2019
Glenn Kenny
The New York Times

The Copenhagen cop Christian (Nikolaj Coster-Waldau) is a pleasant fellow but not a terribly good police officer. Leaving his apartment to go on an early morning shift with his partner and pal Lars (Soren Malling), and distracted by the nude woman trying to get him to stay, Christian forgets to take his gun with him. Later, at a crime scene - a grisly torture-murder - he borrows his partner's gun. Vai alla recensione »

giovedì 30 maggio 2019
Noel Murray
The Los Angeles Times

Brian De Palma has never made a completely impersonal movie - not even with work-for-hire Hollywood assignments such as "Mission to Mars." So while the maverick director's devotees may be worried about recent interviews where he's written off his new Euro-thriller "Domino" - complaining that his backers deprived him of money, then yanked the project away - those fans can take heart.

giovedì 30 maggio 2019
John DeFore
The Hollywood Reporter

In his long and influential career, Brian De Palma has done things some might disapprove of. He has encouraged viewers' voyeuristic tendencies, stolen whole sequences (to excellent effect) from film pioneers and often been a king of the brainy, finely crafted guilty pleasure. But he has rarely been guilty of dullness, as he is with Domino, a counterterrorism thriller offering just slightly more excitement [...] Vai alla recensione »

giovedì 30 maggio 2019
Benjamin Lee
The Guardian

There are a number of reasons why the hollow new thriller Domino is a tough watch. Firstly, it's inarguably dull, an 81-minute film that's somehow still plagued with a lumbering pace. Secondly, it's amateurishly made, devoid of any distinguishable style and at times even a base level of craftsmanship. Finally, and this is where it really stings, it's directed by the veteran film-maker Brian De Palma. [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO RECENSIONE
venerdì 12 luglio 2019
 

Un intrigo internazionale in cui la mano di De Palma è riconoscibile ma trasfigurata da una produzione infelice. Recensione di Emanuele Sacchi, legge Roberta Azzarone. Guarda la video recensione »

TRAILER
lunedì 10 giugno 2019
 

Un poliziotto danese vuole vendicarsi dell'omicidio di un suo amico e collega e cerca l'appoggio dell'amante dell'amico deceduto, anche lei poliziotta. L'uomo cui i due danno la caccia è però un infiltrato della CIA che sta cercando di sgominare una cellula [...]

POSTER
lunedì 3 giugno 2019
 

Un poliziotto danese vuole vendicarsi dell'omicidio di un suo amico e collega e cerca l'appoggio dell'amante dell'amico deceduto, anche lei poliziotta. L'uomo cui i due danno la caccia è però un infiltrato della CIA che sta cercando di sgominare una cellula [...]

TRAILER
giovedì 4 aprile 2019
 

Un poliziotto danese vuole vendicarsi dell'omicidio di un suo amico e collega e cerca l'appoggio dell'amante dell'amico deceduto, anche lei poliziotta. L'uomo cui i due danno la caccia è però un infiltrato della CIA che sta cercando di sgominare una cellula [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati