MYmovies.it
Advertisement
C’era una volta... a Hollywood, una sfacciata rilettura della Storia

Tarantino rievoca la suggestioni del passato che conosce meglio. Al cinema.
di Tommaso Drudi

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Margot Robbie (Margot Elise Robbie) (29 anni) 2 luglio 1990, Gold Coast (Australia) - Cancro. Interpreta Sharon Tate nel film di Quentin Tarantino C'era una Volta... a Hollywood.
lunedì 30 settembre 2019 - Scrivere di Cinema

Giocare con le verità della storia e intervenire in modo decisivo nelle dinamiche con cui questa ha scritto il passato è sempre molto affascinante, non solo perché una simile manipolazione determina una presa di posizione, e quindi un pensiero chiaro su ciò che è stato, ma anche e soprattutto perché nella rappresentazione attraverso il dispositivo artistico non può mancare una messa in questione della realtà. Non può mancare, in sostanza, un fatto interpretativo. Per alcuni autori, attingere dal grande serbatoio del "realmente accaduto" può restituire urgenza e progressione drammatica alle loro ossessioni meno facilmente risolvibili: Malick prende la battaglia di Guadalcanal e la spoglia dei caratteri da war movie per farne strumento di riflessione e indagine alla ricerca di un significato, l'Eastwood memorabile del dittico su Iwo Jima si cala anima e cuore dalla parte degli sconfitti, mantenendo a portata di sguardo il potere emotivo del sentimento e della morale, o ancora Guillermo Del Toro affianca, alla strada immodificabile della Storia con la S maiuscola, quella del fantasy, vissuto non come rifugio nascosto al di là dei traumi della guerra civile spagnola, ma piuttosto come alternativa per viverli con la forza dell'immaginazione.

E poi c'è Tarantino. Per lui il faccia a faccia con la vicenda storica non è mai solo una rilettura e nemmeno il semplice trasferimento del proprio linguaggio all'interno del vero, ma una radicale, sfacciata e irresistibile riscrittura che non si esaurisce nelle sue connotazioni più squisitamente pulp, quindi nella violenza troppo esasperata per avere un senso e nell'alterazione del destino che la Storia ha già provveduto ad assegnare ai personaggi reali.
Tommaso Drudi

Infatti sia il feroce assassinio di Hitler ad opera dei Bastardi sia la sconfitta inflitta allo schiavismo bianco da Django, manifesto-eroe della comunità afroamericana nel Texas di metà Ottocento, sono soluzioni a doppio fondo: da una parte l'elaborazione della materia storica è così personale e disinibita da trovare una sua stabilità nell'immaginario, e quindi da diventare vero e proprio codice semantico, dall'altra le modalità di intrusione della fiction nel contesto reale non rispondono più a esigenze di "licenza creativa", come le sintesi e le semplificazione di alcuni avvenimenti ad esempio, ma ad una precisissima idea di cinema.

Un film come C'era una volta a...Hollywood (guarda la video recensione) si appropria della stessa architettura discorsiva per cui due protagonisti d'invenzione, in questo caso l'attore ormai al capolinea Rick Dalton e la sua inseparabile controfigura Cliff Booth, gravitano tra gli studi di produzione e gli ambienti della Los Angeles del 1969 in mezzo a personaggi cardine della Hollywood di quel periodo, da Bruce Lee a Steve McQueen fino alla coppia Sharon Tate/Roman Polanski.


VAI ALLA RECENSIONE DEL FILM CONTINUA A LEGGERE
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati