MYmovies.it
Advertisement
Aladdin: il cinema ultra-pop di Guy Ritchie al servizio della Disney

Il regista inglese non rinuncia ai suoi guizzi d'autore nel live action del classico d'animazione.
di Giovanni Chessari, Vincitore del Premio Scrivere di Cinema

Aladdin

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Mena Massoud . Interpreta Aladdin nel film di Guy Ritchie Aladdin.
lunedì 27 maggio 2019 - Scrivere di Cinema

"Ti piacciono i coni?", o meglio "Do you like dags?" chiedeva uno strampalato Brad Pitt, nei panni del bizzarro (dag, appunto) nomade irlandese Mickey O'Neil, in una delle scene più note del cult di inizio millennio Snatch-Lo strappo. Ed è proprio con questo film, ancor più che con l'opera prima Lock & Stock-Pazzi Scatenati, che Guy Ritchie riesce ad imporsi con buon esito all'attenzione della critica e del pubblico internazionale, venendo ribattezzato dagli addetti ai lavori come il Quentin Tarantino d'Inghilterra.
Dopo aver poi subìto anni cinematograficamente disastrosi, artisticamente schiacciato dalla fama a doppio taglio di "Signor Madonna" a seguito delle nozze con Lady Ciccone, è solo con lo Sherlock Holmes del 2009 che il regista ottiene un ormai insperato straordinario successo mondiale, replicato due anni dopo da un secondo capitolo sulle avventure dell'investigatore nato dalla brillante penna di Sir Conan Doyle.

Passando per l'adattamento dal piccolo al grande schermo di Operazione U.N.C.L.E. e per lo sfortunato sequel di King Arthur (guarda la video recensione), Guy Ritchie è approdato adesso ad Aladdin (guarda la video recensione), il quinto adattamento live-action di casa Disney e il secondo più propriamente "d'autore" dopo il Dumbo (guarda la video recensione) di Tim Burton.
Giovanni Chessari, Vincitore del Premio Scrivere di Cinema

Ed è davvero singolare, se non paradossale, immaginare un regista orgogliosamente rivoluzionario come lui al timone di un'impresa a suo modo accogliente e familiare come la rivisitazione di un classico d'animazione. Pierino di prima fila e banditore di eccessi, alfiere della nuova slapstick comedy e pirata di humor nero, servo del pulp e cultore del kitsch, Ritchie il sovversivo qui abbraccia con furbizia la celebre massima gattopardesca: nell'apparente tradimento degli elementi peculiari della sua anarchia registica, egli non fa altro che corroborarla con la medesima forza con cui sembra rinnegarla.

Costretto ad annientare lo slang smisurato (quando non vivacemente sboccato) dei suoi bislacchi malavitosi di periferia, dopo la fiera di indistruttibili perdenti della sua migliore filmografia, Ritchie rintraccia nel personaggio del ladruncolo di Agrabah l'occasione unica di vendicare i suoi eterni sconfitti: una sola vita in più per riscattare tutte le vite precedenti.


VAI ALLA RECENSIONE DEL FILM CONTINUA A LEGGERE
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati