MYmovies.it
Advertisement
Ready Player One, la giovinezza di Spielberg è infinita

Il nuovo lavoro del regista è un film libero, spudorato e bambinesco, stordente al punto giusto per tenere lontani gli spielberghiani occasionali e poco sinceri. Al cinema.
di Roy Menarini

Ready Player One

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Tye Sheridan - Scorpione. Interpreta Wade Owen Watts/Parzival nel film di Steven Spielberg Ready Player One.
domenica 1 aprile 2018 - Focus

La giovinezza di Spielberg sembra infinita. Non si tratta solamente di sorprendersi perché questo infaticabile settantunenne sforna un film dietro l'altro o per l'adeguamento - ogni qualche anno - alle più recenti forme di elaborazione visiva degli effetti digitali, ma proprio per la capacità di rinnovare la riflessione sul cinema. Ready Player One è capace di proporsi al tempo stesso come il film più pop che si possa immaginare e quello più profondamente teorico degli ultimi anni.

Ben lungi dall'essere contraddittorio rispetto all'umanesimo di The Post (con cui anzi costituisce un binomio di assoluta coerenza), Ready Player One è forse il più completo racconto sui videogame all'interno di un rapporto - quello tra mezzo cinematografico e mezzo videoludico - che notoriamente non ha sortito grandi risultati (se non quelli "indiretti" di Matrix o Inception).
Roy Menarini

L'immersione nel mondo di Oasis non è affatto, come qualcuno si ostina a credere, una metafora del cinema contemporaneo ma un esempio della nostra relazione con i media digitali. Scartando l'opzione nostalgica di Stranger Things (comunque importante, per come ha compreso gli anni Ottanta come modello di riferimento narrativo e immaginario), Spielberg costruisce una perfetta analisi dei media contemporanei, e ci spiega che il gioco o l'avventura altro non sono che uno schema di comprensione del mondo, un mezzo per conoscere noi stessi, i limiti delle nostre identità e le regole sociali. Nella sequenza più sorprendente, gli esseri umani (tutti dotati di un casco per la realtà virtuale) sembrano ipnotizzati in massa e si muovono come automi in una sorta di involontario flash mob: in verità si trovano su Oasis e stanno portando la rivoluzione nel mondo virtuale, che in quel momento è essenziale per le sorti del mondo reale. Un ribaltamento di prospettiva rispetto alla solita dinamica del risveglio dall'illusione per trovare il proprio posto nel mondo: l'idea di Ready Player One è che possa esistere una ecologia dei media, che sia bello giocare e reinventarsi, che non ci sia nulla di male nell'enciclopedia pop, a patto di trovare una misura uman(istic)a e di stabilire una cultura.


CONTINUA A LEGGERE
In foto una scena del film Ready Player One.
In foto una scena del film Ready Player One.
In foto una scena del film Ready Player One.

Non è una sorpresa che Spielberg sia fedele al suo credo democratico e alla sua speranza di ritrovare un "americanesimo" in grado di coniugare sviluppo, capitalismo e democrazia popolare, e sarebbe ingeneroso imputargli sentimenti utopistici nel momento in cui il mondo occidentale sembra andare (politicamente) in tutt'altra direzione. È una visione del presente completa e profonda.

Veniamo alla questione più specificamente cinematografica. L'idea di base - che Spielberg ovviamente condivide con l'autore del romanzo Ernest Cline - è quella che i film e i videogame del passato (quelli che venivano considerati postmoderni per come frullavano opere e media antecedenti) diventino oggi un nuovo archivio. Quasi un classico.
Roy Menarini

Consapevole che il cinema è un infinito generatore di miti contemporanei, per Spielberg non c'è differenza tra King Kong e Buckaroo Banzai, Shining o Il gigante di ferro, perché i nuovi media tendono a inglobare tutto, appiattendo differenze e gerarchie artistiche. Dunque, piuttosto che arroccarsi e difendere l'intoccabilità del canone, il regista decide di riprocessare il suo intero approccio al cinema in nome di un film-spettacolo che avrebbe tranquillamente essere opera di registi come Lord e Miller o Michael Bay, con la differenza che Spielberg è più radicale - basti vedere come celebra Kubrick senza rinunciare a una distruzione spericolata e ludica del suo immaginario.

E dunque, la fatica con cui la critica e le élite culturali hanno accolto Spielberg nei piani alti del cinema d'autore (ma quasi sempre solo con i film più "seri"), è destinata a ripresentarsi con Ready Player One, davvero libero, spudorato e bambinesco, stordente al punto giusto per tenere lontani gli spielberghiani occasionali e poco sinceri.


RECENSIONE
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati