Mandy

Acquista su Ibs.it   Dvd Mandy   Blu-Ray Mandy  
Un film di Panos Cosmatos. Con Nicolas Cage, Andrea Riseborough, Linus Roache, Bill Duke, Richard Brake.
continua»
Titolo originale Mandy. Azione, durata 120 min. - USA, Belgio 2018.
   
   
   

Un'esperienza visiva e sonora totalizzante... Valutazione 3 stelle su cinque

di laurence316


Feedback: 27050 | altri commenti e recensioni di laurence316
domenica 6 gennaio 2019

Come direbbe l'esimo C.C. Baxter, "experience-wise, visual-wise, otherwise-wise, it would be a 10, but story-wise, God, story-wise it's only a 2" ("sul piano dell'esperienza, sul piano visivo eccetera, sarebbe da 10, ma sul piano narrativo, Dio, sul piano narrativo è un 2"). Un 2 stiracchiato.

Il solito
revenge mo­vie da cinema anni ‘70-’80 (guarda caso ambientato proprio nel 1983, per i nebulosi ed impervi sentieri delle “Monta­gne dell’Ombra”), a mezza via tra una sorta di assurda ope­razione nostalgia (?) e un delirante crogiolo fumante di cita­zioni e rimasticature in chiave parossistica ed esasperata.

Già i titoli di testa, con di sottofondo
Starless dei King Crimson, “settano”, in qualche modo, il tono del film. Maniacale, delirante, sconvolgente, sovente allucinante, psi­chedelico come se si fossero assunti degli acidi. Un’espe­rienza visiva e sonora totalizzante, totalmente straniante, in particolar modo nella prima parte, capace di regalare una manciata di scene, anche solo di brevi inquadrature, impres­sionanti, ammalianti, fin stupefacenti, un film capace, inol­tre, di creare un’atmosfera unica, che però purtroppo, al ti­rar delle somme, si risolve in poca, pochissima cosa. Non solo “sul piano della trama”, ma proprio nell’insieme.

Alla lunga tutti i deliri visivi propinati allo spettatore
(tra abusi di “color correction[che rende predominante il rosso], luci intermittenti, sovrimpressioni, forse addirittura giochet­ti sulla persistenza dell’immagine sulla retina, di certo gio­chetti sullo stato di alterazione della coscienza [tra le altre, da citare almeno la lunga scena del monologo del leader Je­remiah Sand, che espone molto eloquentemente la propria idea del mondo]), stancano, sfiancano, e ciò si fa particolarmente sentire nella prima parte.

Nella seconda, invece, si
scivola in uno slasher sempre piuttosto eccentrico in certi punti, persino affascinante (suggestiva, ad esempio, l’immagine della chie­sa avvolta dalle fiamme), ma, gratta gratta, alquanto convenzionale e scontato. Certo, mantiene alta l’attenzione, in misura maggiore della parte precedente, ma in fondo si accontenta di questo, e l’unico momento interessante risulta essere quello del faccia a faccia col “santone” che si lancia in un nuovo monologo via via sempre meno “metaforico”. Per il resto, viene proposta nulla più che un’orgia di san­gue e urla (memorabile la scena del bagno, anche per sprezzo del ridicolo da parte di un indomito Nico­las Cage) come se ne sono viste tante altre. Che si conclude all’insegna non si sa se dell’ambiguità o se piuttosto dello sberleffo (vedi l’ultimissima inquadratura).

Mandy
è, insomma, un film che pare impos­sibile costringere entro gli angusti confini di un unico “genere”, un film che si diverte, a quanto pare, a giocare con gli spettatori, a stupirli, stranirli, disgustarli, talvolta persino “divertirli” (aperta la questio­ne, comunque, del se si tratti, in certe scene, di umorismo macabro, dunque volontario, o di ridicolo in­volontario), un film un po’ kitsch, un po’ trash, un po’ splatter un po’ gore, insomma, un po’ di tutto, e (forse) di tutto niente.
In ultima analisi difficile, molto difficile da valutare, pur
tenendo conto di quanto appena illustrato, effettivamente uno dei film più ardui da valutare della stagione. Si potrebbe optare per un “discreto”, equivalente ad un 6 in scala 10 e un 3 in scala 5, ma il tutto rimane piuttosto in so­speso.

Perché
Mandy è film specificatamente pensato per risultare divisivo, il classico film che “o si ama o si odia”, per quanto tale espressione possa suonare come un cliché, quel genere di film che non si deve far altro che “sperimentare” per vedere cosa se ne ricava.
Gli amanti del genere forse applaudi­ranno, agli altri rimarrà altrettanto probabilmente una sensazione come di stordimento, nonché il nean­che troppo vago sospetto di aver assistito a qualcosa di non poi così epocale, un’opera
zione furba, fur­bescamente congegnata, ma in fondo poco appassionante; un abile teatrino grandguignolesco ed esagi­tato messo in piedi per celare la macroscopica vacuità di fondo.

Non tanto “
style over substance”, lo stile che prevale sulla sostanza, quanto piuttosto la sostanza, psicotropa, che inghiotte tutto, stile com­preso. La tentazione di realizzare un film psichedelico, sotto LSD, che si è divorata ogni altra cosa. Coerenza, narrazione, regia (perché il risultato finale è più merito del lavoro di post-produzione che non di particolari trovate fulminanti del regista).

In ogni caso, bisogna ammettere che, di tanto in tanto, il film di Cosmatos riesc
e a farsi veramente inquietante. Forse ciò basterà ad attrarre una fetta di pub­blico.
Memorabile il Jeremiah Sand di Roache, il leader della setta “
à la Manson” dei “Bambini della Nuova Alba”, che si è pure creato la sua sinfonia ad effetto (realmente reperibile in rete alla voce “Amulet of the Weeping Maze”). Imprescindibile il design sonoro architettato a partire dalle melodie congegnate da Jóhannsson (morto nel febbraio 2018 e qui al suo ultimo film) che contribuisce e molto alla creazione dell’atmosfera. E, disseminate nel marasma complessivo, geniali, meglio genialoidi certe trovate che emergono (vedi il “Grana Goblin”).

Scarso riscontro di pubblico
in patria, a causa del limi­tato passaggio nelle sale, in Italia (per adesso) non è mai stato neanche distribuito (fatto da rimarcare giusto per rispondere alla domanda fatta da un utente).

[+] lascia un commento a laurence316 »
Sei d'accordo con la recensione di laurence316?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di laurence316:

Vedi tutti i commenti di laurence316 »
Mandy | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Ilaria Ravarino
Pubblico (per gradimento)
  1° | laurence316
Spirit Awards (1)


Articoli & News
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità