Lazzaro Felice

Acquista su Ibs.it   Dvd Lazzaro Felice   Blu-Ray Lazzaro Felice  
Un film di Alice Rohrwacher. Con Adriano Tardiolo, Alba Rohrwacher, Tommaso Ragno, Luca Chikovani, Agnese Graziani.
continua»
Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 130 min. - Italia 2018. - 01 Distribution uscita giovedì 31 maggio 2018. MYMONETRO Lazzaro Felice * * * - - valutazione media: 3,19 su 41 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
vanessa zarastro venerdì 1 giugno 2018
ideologia antiurbana Valutazione 3 stelle su cinque
82%
No
18%

Nei suoi possedimenti di coltivazione di tabacco de l’Inviolata, una ventina di anni fa la Marchesa de Luna (interpretata da Nicoletta Braschi), teneva una cinquantina di contadini - li chiamava ancora “mezzadri” - in condizione di semi-schiavitù. Lontani dal mondo e dai media, senza alcuna istruzione, ai sequestrati sempre in debito con lei, la Marchesa faceva credere di essere padrona anche delle loro vite. Suo figlio Tancredi (interpretato da Luca Chikovani da giovane), allampanato e stravagante, vorrebbe ribellarsi ed emanciparsi da lei e cerca un alleato nell’ingenuo contadino Lazzaro.
Questi ha un cuore d’oro, con un sorriso serafico aiuta tutti coloro che glielo chiedono e, per questo, viene facilmente sfruttato, anche da parte degli altri lavoratori. [+]

[+] lascia un commento a vanessa zarastro »
d'accordo?
no_data lunedì 11 giugno 2018
evviva la magia del cinema Valutazione 5 stelle su cinque
57%
No
43%

Un film stupendo, ti dimentichi tutto e sei catapultato in quella realtà di cui, nel mio caso, hai flebili ricordi d'infanzia. C'è il mondo contadino, questo film sarebbe piaciuto a Olmi, ma c'è poi il mondo contemporaneo, raccontato in maniera poetica e neorealista. I personaggi sono tutti ben interpretati, ma su tutti svetta Lazzaro, Adriano Tardiolo, che recita in stato di grazia, novello San Francesco, uomo buono, puro, ingenuo. "Lazzaro felice" andrebbe proiettato nelle scuole, per confrontarsi con i ragazzi e con le ragazze di oggi sui tanti temi che tocca, sulla miriade di emozioni che suscita. Il personaggio di Antonia adulta interpretato da Alba Rohrwacher è un esempio di forza e di coraggio femminile malgrado le avversità della vita. [+]

[+] lascia un commento a no_data »
d'accordo?
lizzy giovedì 25 ottobre 2018
fra "l'albero degli zoccoli" ed "accattone". Valutazione 1 stelle su cinque
100%
No
0%

Si, lo so cosa potrebbe pensare qualcuno leggendo il titolo: che ci azzeccano gli Olmi con Pasolini...
E beh.. il degrado e le miserie umane, le ambientazioni bucoliche, la povera vita dei contadini chiusi in una gabbia medievale, i mezzucci per sopravvivere…
No, io non posso gioire per un protagonista evidentemente con gravi problemi psichici e comportamentali. La sua non è bontà, non ci vedo nessuna gioia di vivere.
Non sa chi sono i genitori, non riesce a distinguere fra bene e male…
E poi ci sono troppe discrepanze nel film: cellulari che non dovrebbero funzionare che all’ improvviso prendono il segnale, i contadini che non si fanno nessuna domanda sulle varie tecnologie e su cosa c’è oltre il territorio dove abitano (va bene esser schiavi, ma l’umana curiosità???). [+]

[+] lascia un commento a lizzy »
d'accordo?
maumauroma sabato 9 giugno 2018
lazzaro felice Valutazione 4 stelle su cinque
54%
No
46%

Ma e' proprio sicuro che vivere in totale schiavitu' in una piantagione di tabacco nei primi anni novanta, agli ordini di una marchesa cinica e spietata sia poi cosi peggio che campare di stenti al freddo e al gelo delle citta' inquinate di oggi, nella nostra celebrata democrazia sociale. magari al soldo gramo di qualche capo zingaro?  E Lazzaro?  schiavo degli schiavi nella piantagione di ieri, martire purificatore tra la gente di oggi. Lazzaro, un nome nel destino, modello di semplicita', generosita', ingenuita', candore, che qui muore e risorge non per mano del Signore, ma per l' energia vitale e libera di una lupa, e morira' di nuovo nel linciaggio dei cosiddettii onesti della societa'. [+]

[+] lascia un commento a maumauroma »
d'accordo?
francescameneghetti venerdì 1 giugno 2018
peace and love (ma a senso unico) Valutazione 4 stelle su cinque
53%
No
47%

Chi va a vedere Lazzaro Felice, è attirato non solo dal riconoscimento di Cannes, ma anche dalla dichiarazione della regista-sceneggiatrice Alice Rohrwacher. E’ un film, dichiara la Rorhrwacher (Alice), che racconta “la santità dello stare al mondo e di non pensare al male di nessuno, ma semplicemente credere negli altri esseri umani”.
Di questi tempi, il messaggio appare come una boccata di ossigeno: aria fresca, pura, sana. Si vorrebbe, inconsciamente, il trionfo della bontà sullo schifo, con dimostrazione che essa produce felicità, per uscirne confortati, più fiduciosi nell’umanità. Naturalmente, se nel proprio cuore si coltiva questo sentimento.
Ma la narrazione sorprende. In un microcosmo contadino fuori dal tempo, in una sperduta località di calanche dell’Appennino centrale, vivono dei mezzadri, al servizio della marchesa De Luna, che faticano restando sempre debitori. [+]

[+] evviva i buoni film! (di mariaf.)
[+] lascia un commento a francescameneghetti »
d'accordo?
francescameneghetti giovedì 31 maggio 2018
peace and love
56%
No
44%

Chi va a vedere Lazzaro Felice, è attirato non solo dal riconoscimento di Cannes, ma anche dalla dichiarazione della regista-sceneggiatrice Alice Rohrwacher. E’ un film, dichiara la Rorhrwacher Alice), che racconta “la santità dello stare al mondo e di non pensare al male di nessuno, ma semplicemente credere negli altri esseri umani”.
Di questi tempi, il messaggio appare come una boccata di ossigeno: aria fresca, pura, sana. Si vorrebbe, inconsciamente, il trionfo della bontà sullo schifo, per uscirne confortati, più fiduciosi nell’umanità. Naturalmente se nel proprio cuore si coltiva questo sentimento.
La narrazione sorprende. In un microcosmo contadino fuori dal tempo, in cui dei mezzadri, residenti in una sperduta località di calanche dell’Appennino centrale, faticano senza guadagnare nulla al servizio della marchesa De Luna, e tra i quali si disegna il profilo del giovane Lazzaro, bestia da soma della comunità, si insinuano dei segnali dissonanti dal punto di vista cronologico: un telefono Motorola con l’antenna, un ragazzo, Tancredi, (figlio della marchesa) seguace di David Bowie. [+]

[+] lascia un commento a francescameneghetti »
d'accordo?
stefanocapasso giovedì 27 dicembre 2018
essere buoni aiuta a salvarsi Valutazione 3 stelle su cinque
0%
No
0%

Nei primi anni 90 c’è una comunità che risiede nell’appennino centrale ed è rimasta legata a valori della società superati da tempo. L’Inviolata è un podere in cui famiglie di contadini lavorano per la proprietaria, Marchesa De Latte in condizione di servitù. Tra questi Lazzaro è un ragazzo buono e semplice al quale tutti si rivolgono per affidare lavori e al quale nessuno presta attenzione. Casualmente stringe amicizia con Tancredi, figlio ribelle della marchesa, un’amicizia che durerà nel tempo, anche quando Lazzaro si ritrova catapultato nella società contemporanea.
Il lavoro di Alice Rohrwacher è diviso in due parti piuttosto nette, la prima quella più lirica è la ricostruzione della vita dei contadini nel podere, la seconda è il ritorno al contemporaneo dove a tratti i personaggi faticano a calarsi in quella parte straniante che è la cifra linguistica di tutto il film, e dove la presenza di attori diviene preponderante rispetto a quella dei non professionisti cosi efficace nella prima. [+]

[+] lascia un commento a stefanocapasso »
d'accordo?
loland10 domenica 24 giugno 2018
(ir)reali incontri... Valutazione 3 stelle su cinque
50%
No
50%

 “Lazzaro felice” (2018) è il terzo lungometraggio della regista di Fiesole Alice Rohrwacher.
Dal Festival di Cannes dove è stato premiato per la sceneggiatura originale ad opera della stessa regista. È subito distribuito nelle sale, strano a dirsi, per un mese di giugno dove l'appetito per il grande schermo non è mai una prova di partecipazione. Il pubblico ha voglia di stare dentro una sala? Una domanda d'obbligo quando si vedono schermi illuminati che guardano se stessi.
E così esiste  un cinema italiano che cerca di andare oltre lo schermo, di sperare in qualcosa oltre un orizzonte, di osservare un'interiorità labile di persone statuarie e spinose, ultime e prime. [+]

[+] lascia un commento a loland10 »
d'accordo?
giovannaalati giovedì 21 giugno 2018
un film " illuminante" Valutazione 0 stelle su cinque
50%
No
50%



Certo non è un film facile, ho dovuto leggere la recensione di my movies e molti commenti per apprezzarlo meglio, nel bene e nel male. Certo non sempre Alice padroneggia i vari linguaggi che si intersecano tra loro, ma forse é  una sua scelta.
Per esempio trovo illuminante, nel senso proprio del termine il gioco di accendere e spegnere l'unica lampadina della casa, tanto c'è la luna a rischiarare le notti di quei poveri cristi. 
Lazzaro ci accompagna in tutto il film con la sua anacronistica dolcezza, facciamoci portare per mano, da lui e da Alice, vera interprete di sentimenti ed emozioni senza tempo.

[+] lascia un commento a giovannaalati »
d'accordo?
iconologo giovedì 14 giugno 2018
se titolasse lazzaro “infelice”sarebbe piu' visto Valutazione 4 stelle su cinque
50%
No
50%

Ma è un dilemma noto, che basti l'immagine e non la parola, tanto i pochi capiscono. Uno storico americano dell’economia (Landes) rimise in circolazione un detto tedesco “L’aria della città rende liberi” per confermare l’idea generale che le città nel passato  hanno creato diritti maggiori rispetto alle gerarchie oligarchiche delle campagne: pur con drammi che sussistono in  ogni mutamento, nel caso della rivoluzione industriale bambini e donne massacrati dalla fatica, da aborti e da incidenti sul lavoro. Nel film –raffinato sotto ogni aspetto e più lirico del precedente “Le meraviglie”- pgni idea meccanica di progresso è ribaltata. [+]

[+] lascia un commento a iconologo »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 »
Lazzaro Felice | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Paola Casella
Pubblico (per gradimento)
  1° | vanessa zarastro
  2° | no_data
  3° | maumauroma
  4° | lizzy
  5° | francescameneghetti
  6° | francescameneghetti
  7° | stefanocapasso
  8° | loland10
  9° | giovannaalati
10° | iconologo
11° | aurash
12° | maurizio.meres
13° | elenabrogliatto
14° | 139pp
15° | flyanto
16° | doctorcinema
17° | lbavassano
18° | giacomoricci
19° | markwillis
20° | sergiodalmaso
Rassegna stampa
Lee Marshall
Nastri d'Argento (3)
Festival di Cannes (1)
European Film Awards (4)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 31 maggio 2018
Distribuzione
Il film è oggi distribuito in 1 sala cinematografica:
Showtime
  1 | Lazio
Scheda | Cast | Cinema | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità