Instant Family

Acquista su Ibs.it   Dvd Instant Family   Blu-Ray Instant Family  
Un film di Sean Anders. Con Mark Wahlberg, Rose Byrne, Isabela Moner, Octavia Spencer, Eve Harlow.
continua»
Titolo originale Instant Family. Commedia, Ratings: Kids, durata 118 min. - USA 2018. - 20th Century Fox Italia uscita giovedý 21 marzo 2019. MYMONETRO Instant Family * * - - - valutazione media: 2,15 su 5 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Una famiglia melensa ... Valutazione 1 stelle su cinque

di samanta


Feedback: 55159 | altri commenti e recensioni di samanta
mercoledý 27 marzo 2019

Il film ha la regia di Sean Anders modesto regista americano (è anche sceneggiatore) che a 51 anni ha diretto in tutto 7 film (tutti negli ultimi 14 anni tra cui Daddy's Home e il suo sequel)), il regista ha avuto l'ispirazione dal fatto che ha adottato 3 fratelli (maschi).
La trama del film è semplice: Pete (Mark Wahlberg) e Ellie (Rose Byrne) hanno un agenzia immobiliare, sono di mezza età e non hanno figli, spinti anche dai parenti piuttosto invadenti, decidono non di fare un figlio in provetta ma adottarne uno, in realtà adottano 3 fratelli una ragazza adolescente di 15 anni Lizzie (Isabela Moner 18 anni con precedenti televisivi)) e il fratellino di 8 anni e la sorellina più piccola di 5 0 6 anni, sono sudamericani. Fanno un corso obbligatorio per essere abilitati all'affidamento e poi condotti in un parco dove i bambini da adottare giocano o aspettano, i vari genitori scelgono il bambino da adottare e si parte con l'affidamento. Il film poi si dipana nelle vicende tragicomiche della convivenza e del rapporto tra i genitori affidatari che alla fine ottengono dal giudice l'adozione il che sembrava compromessa dal fatto che la madre vera (con l'aiuto di Lizzie) li voleva di nuovo, ma quando i figli stanno per andare da lei le assistenti sociali scoprono che si drogava di nuovo e quindi il giudice con l'assenso dei tre ragazzi li dà in adozione.
Purtroppo il film è un concentrato, ad alto tasso di zucchero, di luoghi comuni. Inoltre appaiono francamente imbarazzanti le modalità dell'adozione  i bambini e i ragazzi in un parco con un pò di giocattoli e i genitori che vogliono l'affidamento fanno la scelta: mi pare non solo incivile e privo di un qualsiai elemento di dignità e di rispetto nei confronti degli adottandi (sembra di essere al mercato delle vacche ...),  ma anche di buon senso ma che criterio di scelta è? Il film nella sua melensaggine non ci risparmia nulla, gli attori (Mark Wahlberg è un bravo attore ma appare completamente fuori parte) che recitano alternando gridi e gridolini, con le donne che invece di camminare salticchiano, le frasi sterotipate , c'é pure la solita festa del ringraziamento che finisce male ... ma perché gli americani continuano a festeggiare una cosa di cui ormai hanno perso, direi da decenni, il significato  efinisce quasi sempre male (diceva Chesterton in proposito gli americani festeggiano l'arrivo dei puritani dovremmo anche noi inglesi introdurla per festeggiare la loro partenza ...).
Il film non riesce ad amalgamare i momenti comici o brillanti con i momenti drammatici risolvendosi in un buonismo infarcito da dal politically correct con rigida presenza nel corso per l'affidamento delle varie quote etniche (mancano i pellerossa ...), ovviamente con le quote miste: bianca più nero, la coppia di gay (così il figlio avra il babbo e il mammo) . Ma volete fare qualcosa di nuovo? Mettete tutte copie di colore ovvero di bianchi può succedere, così invece è come si immagina la vita il buonismo americano, però il risultato da un punto di vista cinematografico è mediocre non diverte e non fa neppure piangere si indovina non solo il finale ma anche le varie scene che si succedono. La recitazione è assolutamente mediocre del padre ho già detto, ma anche Rose Byrne che ha un discreto curriculum non usa i toni giusti probabilmente non sentiva la parte, senza contare le carenze della direzione.  Mi viene il raffronto con il bel film The Blind Side ma quello è su un altro pianeta. Per concludere il film non spiega perché due persone (o una sola tra gli affidatari c'é anche una single) vogliono un figlio, c'è un pò di tutto ma alla fine non viene spiegato che la famiglia è un progetto in cui rientrano anche i figli, ma anche se non ci sono come spesso purtroppo succede si può avere una vera famiglia perché il fondamento è l'amore tra i coniugi che è preliminare a quello verso i figli.

[+] lascia un commento a samanta »
Sei d'accordo con la recensione di samanta?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
71%
No
29%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di samanta:

Vedi tutti i commenti di samanta »
Instant Family | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Emanuele Sacchi
Pubblico (per gradimento)
  1░ | samanta
Rassegna stampa
Claudia Ferrero
Video recensione
la video recensione
Immagini
1 | 2 | 3 |
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedý 21 marzo 2019
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedý 22 giugno
Cosa sarÓ
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità