Il Corriere - The Mule

Acquista su Ibs.it   Dvd Il Corriere - The Mule   Blu-Ray Il Corriere - The Mule  
Un film di Clint Eastwood. Con Clint Eastwood, Bradley Cooper, Laurence Fishburne, Michael Peña, Dianne Wiest.
continua»
Titolo originale The Mule. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 116 min. - USA 2018. - Warner Bros Italia uscita giovedì 7 febbraio 2019. MYMONETRO Il Corriere - The Mule * * * 1/2 - valutazione media: 3,87 su 45 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Scricchiola un po' Valutazione 3 stelle su cinque

di cardclau


Feedback: 8409 | altri commenti e recensioni di cardclau
domenica 10 febbraio 2019

Clint Eastwood è un grande regista e un grande attore, dimostra di avere ancora cartucce da sparare. Mettendo da parte la bravura, che c’è, vediamo cosa ci fa vedere. La storia principale del film, come si snoda nelle due ore della visione, è quella di Earl Stone (tratta da quella vera di Leo Sharp), un ex illustre floricultore ottantotenne dell’Illinois, adesso assai invecchiato, assieme con la sua fama e il suo successo, ridotto al fallimento perché non in grado di competere e contrastare, o di diventare alleato e amico, di internet e dell’e-commerce. Disperatamente analogico in un mondo ormai diventato digitale, viene avvicinato durante il matrimonio della nipote Ginny (Taissa Farmiga) da un ospite, latino, probabilmente di origine messicane, che gli propone di fare dei viaggi per portare qualcosa. Earl Stone ha viaggiato molto nella sua vita, ha attraversato quarantuno dei cinquanta stati dell’Unione, non ha mai preso alcuna contravvenzione. Di che viaggi si tratta lo capiamo quando entra col vetusto pick-up nel garage per il primo carico: tra mitra, tatuaggi, teste rasate, facce da super duri, bicipiti pompati, non si tratta di trasportare caramelle. Earl Stone è nato prima di noi, comprende al volo di che si tratta e ci sta, entra decisamente e pericolosamente nell’illegalità. Da questo momento in avanti il film è attraversato da una continua inquietudine, lo spettatore teme che accada il peggio: Clint Eastwood nei suoi panni è forte, recita bene il suo tipico ruolo dell’uomo senza paura, tutto di un pezzo, che si assume fino in fondo le proprie responsabilità anche nella trasgressione, quello che ne ha viste e dovuto affrontare tante, dagli occhi di ghiaccio, che non trascura assolutamente le relazioni umane, in un misto di intelligente senso di sopravvivenza e genuina umanità. L’America che ci mostra è però un po’ deprimente, a parte i bellissimi panorami, economicamente depressa, sembra non offrire molte altre opportunità a chi non è dotato di talenti in abbondanza. Come in Gran Torino, pur tuttavia non riuscendone allo stesso modo, la storia si intreccia con l’incapacità del protagonista di essere presente nella famiglia, come genitore (la figlia gli ha tolto completamente il saluto), e anche come marito (l’ex moglie non ne vuole più avere a che fare). Probabilmente l’effetto devastante e indelebile della guerra (Corea), in cui il senso di morte prevale sul senso di vita, al di là della rappresentazione della associazione dei veterani, apparentemente serena e gioviale, direi piuttosto malinconica. Aggiunge poco la rappresentazione dei cattivi (il cartello del narcotraffico) e dei buoni (la DEA) che segue pedissequamente gli attuali stereotipi della criminalità organizzata, che spara subito, e della polizia, ricca di risorse. Come il finalino sdolcinato, per mettere tranquille le coscienze, quando lui assiste la moglie morente e da lei assolto e reintegrato nella famiglia, come la figlia, malgrado la sua ammissione di essere stato un completo fallimento. Comunque i soldi guadagnati illegalmente li ha donati generosamente alla famiglia e all’organizzazione dei veterani, oltre a ricomprare la sua pignorata proprietà. Nel finale Earl Stone, a contatto col suo senso di colpa (irrisolto però il passaggio all’illegalità, che sembra quasi veniale) si dichiara, senza giustificazioni, colpevole su tutta la linea. Può essere perdonato dalla famiglia, ma non dallo Stato, che lo manda in prigione a coltivare i suoi beneamati fiori.

[+] lascia un commento a cardclau »
Sei d'accordo con la recensione di cardclau?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
21%
No
79%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
alexlaby domenica 10 febbraio 2019
sei contento ad aver detto il finale? Valutazione 0 stelle su cinque
100%
No
0%

Ma come si fa?

[+] lascia un commento a alexlaby »
d'accordo?

Ultimi commenti e recensioni di cardclau:

Vedi tutti i commenti di cardclau »
Il Corriere - The Mule | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 |
Link esterni
#TheMule
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 7 febbraio 2019
Distribuzione
Il film è oggi distribuito in 425 sale cinematografiche:
Showtime
12 | Abruzzo
  4 | Basilicata
  7 | Calabria
31 | Campania
42 | Emilia Romagna
10 | Friuli Venezia Giulia
50 | Lazio
10 | Liguria
55 | Lombardia
18 | Marche
  1 | Molise
35 | Piemonte
35 | Puglia
13 | Sardegna
36 | Sicilia
38 | Toscana
  5 | Trentino Alto Adige
  7 | Umbria
  1 | Valle d'Aosta
28 | Veneto
Scheda | Cast | Cinema | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità