Angel Face

Acquista su Ibs.it   Dvd Angel Face   Blu-Ray Angel Face  
Un film di Vanessa Filho. Con Marion Cotillard, Ayline Etaix, Alban Lenoir, AmÚlie Daure, Nade Dieu, StÚphane Rideau.
continua»
Titolo originale Gueule d'ange. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 109 min. - Francia 2018. - Sun Film Group uscita giovedý 25 ottobre 2018.
   
   
   

Ritratto a pastello di una infanzia rovinata. Valutazione 3 stelle su cinque

di Ashtray_Bliss


Feedback: 29209 | altri commenti e recensioni di Ashtray_Bliss
lunedý 7 ottobre 2019

Opera prima di Vanessa Filho che dipinge, metaforicamente e visivamente, la pellicola di vibranti e caldi colori pastello, indulgendo nelle sfumature del rosa, inserendo tanto glitter e trucchi in questa parabola amara. Un contrasto netto con la trama e il soggetto sviluppato che colpisce subito l'occhio e la mente dello spettatore e crea quasi una dimensione parallela, un limbo onirico tra l'innocenza e spensieratezza, le tipiche caratteristiche dell'infanzia di una bambina ma che qui sono assenti, e contrastano con la durezza del contesto e ambiente nel quale la piccola Elli è costretta a crescere e maturare prima del tempo. Questo universo colorato e animato dalle luci al neon racchiude in realtà un aspetto molto duro, ingiusto e difficile da digerire ma assolutamente realistico e verosimile: l'abbandono di minori, i quali si ritrovano a crescere da soli e prendersi cura di se stessi cercando l'aiuto e il sostegno in un adulto lontano dalla famiglia d'origine (elemento che abbiamo ritrovato nel commovente e bellissimo Cafarnao, 2018). 
Angel Face esprime e racchiude tutta l'inadeguatezza di una madre, Marlene, interpretata da una sempre formidabile Cottilard, la quale ama sinceramente sua figlia ma è assolutamente incapace di prendersene cura. Le piace truccarla e rivestirla di glitter come fa con se stessa, allungarle le bottiglie di alcolici che non mancano mai da casa e che non si staccano dalla sua mano, ma poi la voglia di vivere in assoluta libertà come una teenager senza vincoli e responsabilità (tra feste, alcol e sesso) la tengono lontana da quello che dovrebbe essere il suo compito primario: proteggere e crescere sua figlia donandole sicurezza e amore. La Cottilard incarna perfettamente tutta l'inadeguatezza, il fallimento, l'irresponsabilità che un genitore e per di più una madre non dovrebbero più mostrare. La sua trascuratezza e infantilità provocano rabbia, la sua superficialità provoca indignazione e irritazione mentre i suoi momenti di dolcezza assoluta con la figlia provocano tenerezza. Ma non è Marlene il centro della narrazione, e nemmeno il suo libertinaggio, bensì la piccola con la faccia d'angelo. La sua espressività, i suoi eloquenti silenzi, il suo malessere nel vivere, crescere, socializzare e giocare da sola, senza un sostengo, senza una guida o peggio dell'affetto. La mancanza della madre, che puntualmente la abbandona quando crede di aver trovato l'uomo giusto, la farà avvicinare al figlio di un vicino di casa; anch'egli in un rapporto problematico con l'anziano padre. L'uomo, umile lavoratore nel luna park locale, si prenderà cura della bambina e la accompagnerà in quel arduo percorso di crescita che ogni bambino dovrebbe affrontare protetto, custodito e amato. Elli instaura un legame molto forte con Julio, anch'egli affetto da un grave problema di salute, e i due riescono a sostenersi e superare le rispettive fragilità riuscendo a trovare un punto di comunicazione comune, un dialogo, un affetto sincero e disinteressato di cui entrambi avevano disperato bisogno. 
La Filho riesce così a descrivere con pennellate di rosa e a colpi di rossetto una storia di disagio e degrado sociale e morale. Ma più di tutto racconta una storia di solitudini e ingiustizie nei confronti dei più deboli e fragili, dei bambini che sono sempre i primi a pagarne le conseguenze e a ereditare gli errori dei genitori. Ciò viene esemplificato dalle sequenze in cui vediamo la bambina vestirsi, truccarsi e atteggiarsi come la madre, bere alcolici e intraprendere lo stesso percorso in discesa prima ancora di essere cresciuta. Ed è anche una rappresentazione di immense solitudini, legate ognuna all'altra ma incapaci di risollevarsi. La madre non trova mai il coraggio di cambiare definitivamente la rotta della sua vita, la bambina è costretta a subire il vuoto, l'abbandono, a dover trovare modi per incanalare questa rabbia e dare un senso all'assurdità trovando conforto tra le braccia di Julio ed infine Julio non riesce a trovare un punto di comunicazione con l'anziano padre ed è costretto a vivere da solo, isolato dal mondo. Solitudini che divorano e vengono divorate da una società che non presta le dovute attenzioni e chi ne ha più di bisogno (dove sono, ad esempio, i servizi sociali?).
I risvolti psicologici sono ben delineati, e seppur Angel Face risulta in qualche modo imperfetto e disomogeneo come prodotto, penalizzato sopratutto dalla mancanza di originalità e dalla sovrabbondanza di film che rivisitano la stessa tematica di famiglie disfunzionali e rapporti genitori-figli conflittuali. Esteticamente coraggioso, il film si dipinge di rosa e azzurro (quest'ultima tonalità dettata sopratutto dalla presenza dell'elemento marino) creando un universo multicolore come quello che solitamente piace tanto alle bambine, per creare questo contrasto emotivo, psicologico e narrativo col vissuto della protagonista. Il finale è invece probabilmente l'elemento più debole del film non riuscendo a donare un epilogo definitivo e conclusivo ai suoi protagonisti e al racconto costruito. Che fine farà la piccola Elli? Sua madre sarà finalmente in grado di prendersene cura e mettere la testa a posto o sono entrambe destinate a protrarre due esistenze parallele? Gli interrogativi si susseguono e lo spettatore è invitato a dare le risposte che mancano.
Esordio interessante, privo di eccessivo lirismo, didascalismi o sentimentalismo ma raffigurante una realtà tragica e reale che porta con se una discussione molto seria e precisa riguardo la responsabilità e la crescita dei bambini, il sapergli gettare delle ancore di valori e affetto a cui possano aggrapparsi per diventare adulti responsabili e psicologicamente stabili. Voto: 3/5.

[+] lascia un commento a ashtray_bliss »
Sei d'accordo con la recensione di Ashtray_Bliss?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Ashtray_Bliss:

Vedi tutti i commenti di Ashtray_Bliss »
Angel Face | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1░ | ashtray_bliss
Rassegna stampa
Massimo Bertarelli
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedý 25 ottobre 2018
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedý 22 giugno
Cosa sarÓ
martedý 25 maggio
Roubaix, Une LumiŔre
martedý 11 maggio
Mi chiamo Francesco Totti
mercoledý 28 aprile
La prima donna
martedý 27 aprile
L'agnello
Imprevisti Digitali
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità