Green Book

   
   
   

The Roaring Sixties Valutazione 4 stelle su cinque

di vanessa zarastro


Feedback: 29613 | altri commenti e recensioni di vanessa zarastro
mercoledý 6 febbraio 2019

Se non sapessi che “Green Book” è tratto da una storia vera, lo considererei un feel-good-movie. Sembra, però, che la famiglia Shirley abbia sostenuto che la storia dell’amicizia tra Tony (Viggo Mortensen) e Doc (Mahershala Ali) sia tutta un’invenzione, definendola addirittura “una sinfonia di menzogne”.
Doc Shirley dunque, è realmente vissuto ed è stato un bravissimo pianista talentuoso che aveva studiato al conservatorio di Leningrado (oggi San Pietroburgo) e che, pur avendo un repertorio di musica classica - esattamente come Nina Simone -, ha dovuto ripiegare su un genere più popolare perché negli Stati Uniti dell’Epoca non c'era spazio per concertisti neri.
Ma vediamo qual è la storia. Siamo a Manhattan nel 1962. Tony Vallelonga detto “Tony Lip” è un buttafuori del locale newyorkese Copacabana, ma avendo perso il posto dopo dodici anni, cerca lavoro. Gli viene offerto un posto di autista per un famoso pianista nero. Tony è un ragazzo semplice, un uomo un po’ rozzo che viene dal quartiere italo-americano del Bronx, è pieno di pregiudizi per sentito dire, compresa un’avversione nei confronti dei neri. Ma la carenza di prospettive alternative e il salario allettante ($125 alla settimana) farà sì che Tony diventi l’improbabile chauffeur di Doc (e anche la sua guardia del corpo) nella tournée del Don Shirley trio: unpianoforte (solo Steinway però…) accompagnato da un violoncello e un contrabbasso, suonati da musicisti russi.
Tony accetterà, quindi, l’offerta e partirà per due mesi intournée. Passeranno dalla Pennsylvania attraversando l’Ohio, l’Indiana e il Kentucky giù per il Tennesse fino al profondo Sud nel Mississippi e Alabama. Sarà un continuo e divertente scambio di battute tra i due; il tanto rozzo e ignorante il bianco, quanto intellettuale e apparentemente snob, il nero, finiranno per incontrarsi a metà strada. Doc insegnerà ad avere un po’ grazia a Tony e lo aiuterà anche a scrivere le lettere alla moglie, mentre Tony favorirà l’impalato Doc a sciogliersi un po’ e ad amare le piccole cose, come ad esempio mangiare un autentico Kentucky Fried Chicken con le mani buttando le ossa rosicchiate fuori dal finestrino dell’automobile. (Cadillac…)
E cos’è il Green Book? Il Negro Motorist Green Book è una guida turistica degli anni ’60 con le informazioni di tutti gli alberghi (i ristoranti, stazioni di servizio ecc.) dove possono soggiornare i neri senza rischiare rappresaglie da parte dei bianchi.
Nonostante il film sia così appagante e nonostante molte scene siano piuttosto prevedibili – gli americani lo chiamano un crowd pleaser - il film è godibilissimo. Ha un bel ritmo, alterna scene tristi con scene con allegre e presenta ottime ricostruzioni d’epoca. La recitazione dei due protagonisti è veramente strepitosa: Mahershala Ali ha preso lezioni di pianoforte per meglio interpretare Doc, mentre Viggo Mortensen, per prepararsi in modo minuzioso a interpretare la parte di Tony, è ingrassato di 15 chili e ha trascorso diversi giorni con la famiglia Vallelonga finendo per immedesimarsi nel loro modo italo-americano di gesticolare e di parlare. Consiglio tutti pertanto di vedere il film in versione originale per apprezzarne la recitazione. Ma soprattutto il film ha una splendida colonna musicale che alterna i brani classico-popolari suonati da Donald Walbridge Shirley, con quelli che accompagnano tutto il viaggio cross country dei due protagonisti: The Blackwells, Roosevelt Nettles, Steve Gray, Aretha Franklin e così via.
Molti cineasti probabilmente parlano di quegli anni per non affrontare quelli di oggi che presentano un’incredibile involuzione. “Green Book”, infatti, fa parte di quella serie di film - come “Il diritto di contare” (forse non a caso Olivia Spenser è tra i produttori) di Theodore Melfi del 2016, “The Help” di Tate Taylor del 2011, o anche “I Lovings” di Jeff Nichols del 2016 - che ripercorrono gli anni ’60 statunitensi mostrandone il razzismo, incomprensibile e irrazionale. È inspiegabile che un pianista nero intrattenga 400 persone con la musica vada bene, ma non che mangi nello stesso ristorante degli spettatori, oppure che possa stringere le mani delle persone più importanti dopo aver suonato, ma non possa usare la loro stessa toilette e sia costretto ad andare in un cessetto fuori vicino a un pino. La tournée si interromperà in Alabama proprio a Birmingham, dove Nat King Cole pochi anni prima fu aggredito e picchiato sul palco. E sarà proprio lì che la solitudine di Doc ben intuita da Tony troverà uno sfogo in un monologo toccante: «Sì, io vivo in un castello e sono colto, e i ricchi bianchi pagano per sentirmi suonare e sentirsi colti. Ma appena scendo dal palco torno a essere soltanto un altro negro, perché è questa la loro vera cultura. E soffro da solo perché la gente non mi accetta, perché non sono come loro, perché sono più in alto di loro. E soffro da solo perchè la mia gente non mi accoglie perché non sono nemmeno come loro. E quindi cosa sono io? Sono bianco o sono nero? Sono un uomo o che cosa?» così esclama Shirley fra le lacrime e sotto una fitta pioggia.
Vari sono i film in cui duettano due rivali che diventano amici alla fine, basti citare “A spasso con Daisy” di Bruce Beresford di trent’anni fa, con Jessica Tendy e Morgan Freeman - e “Quasi amici” di Oliver Nakache del 2011, con François Cluzet e Omar Sky – tanto per citarne due e “Green Book” si inserisce, quindi, a pieno titolo in questo genere. Peter Farrelly si era già inventato un filone di commedia demenziale - insieme al fratello Bobby - come ad esempio “Scemo & più scemo” del 1994, “Tutti pazzi per Mary” del 1998 o ancheAmore a prima svistadel 2001,mostra in questa ultima regia di cimentarsi piuttosto bene in una commedia drammatica. 

[+] lascia un commento a vanessa zarastro »
Sei d'accordo con la recensione di vanessa zarastro?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
60%
No
40%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di vanessa zarastro:

Vedi tutti i commenti di vanessa zarastro »
Green Book | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Premio Oscar (5)
Golden Globes (8)
Critics Choice Award (7)
BAFTA (5)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 |
Uscita nelle sale
giovedý 31 gennaio 2019
Distribuzione
Il film Ŕ oggi distribuito in 354 sale cinematografiche:
Showtime
10 | Abruzzo
  3 | Basilicata
  2 | Calabria
17 | Campania
34 | Emilia Romagna
10 | Friuli Venezia Giulia
41 | Lazio
11 | Liguria
65 | Lombardia
  8 | Marche
  2 | Molise
32 | Piemonte
24 | Puglia
10 | Sardegna
19 | Sicilia
23 | Toscana
  7 | Trentino Alto Adige
  8 | Umbria
  2 | Valle d'Aosta
26 | Veneto
Scheda | Cast | Cinema | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità