L'altro volto della speranza

Acquista su Ibs.it   Dvd L'altro volto della speranza   Blu-Ray L'altro volto della speranza  
Un film di Aki Kaurismäki. Con Sherwan Haji, Sakari Kuosmanen, Ilkka Koivula, Janne Hyytiäinen, Nuppu Koivu.
continua»
Titolo originale Toivon tuolla puolen. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 98 min. - Finlandia 2017. - Cinema uscita giovedì 6 aprile 2017. MYMONETRO L'altro volto della speranza * * * 1/2 - valutazione media: 3,90 su 28 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Per Kaurismäki basta essere altruisti e un nuovo mondo è possibile

di Natalia Aspesi La Repubblica

Negli anni del rancore senza scopo e della violenza esibita sul web, che senso possono avere in un film due momenti di violenza e rancore: il primo quando un trio di energumeni vorrebbe dar fuoco a un poveraccio inerme, il secondo quando un naziskin grasso pelato e in pelle nera, accoltellando quello stesso poveraccio che è poi un clandestino siriano musulmano, gli mormora "sporco ebreo"? Il senso è che mostrano più che l'orrore, il significato grottesco, deviato e incolto, in una società contemporanea, come l'immagina Aki Kaurismaki: quella, forse anche vera, che alle ferite dell'inarrestabile globalizzazione e dello sperdimento individuale oppone, anziché la paura e il rifiuto (e pazienza per Salvini e soci), le inconsapevoli regole che ci rendono umani e civili: comprensione, generosità, solidarietà, accoglienza. Ma si sa come racconti le sue storie questo maturo e raramente al lavoro autore nordico: con surreale umorismo, carità mai buonista, colori sontuosi e la capacità di convincere (come anche nel precedente commovente Miracolo a Le Havre) che alla fine la mitezza e l'altruismo, se non sono le scelte per assicurare l'inesistente felicità, ci liberano almeno dalla desolazione e dall'insicurezza, rafforzano e arricchiscono con l'integrazione una comunità e il suo futuro. L'altro volto della speranza è quello dell'incontro di due solitudini in una Helsinki desolata (strade vuote, cielo grigio, né sole né ombra, muri scrostati, ambienti spogli, nel porto navi fantasma): un giovane siriano arrivato clandestinamente per mare in un container, e un maturo commerciante finlandese che se n'è appena andato di casa. Khaled è riuscito a lasciare Aleppo dove ha perso i genitori sotto un bombardamento «forse dell'esercito governativo o dei ribelli, o degli americani, o dei russi, o dell'Isis», ma lungo l'interminabile fuga l'amata sorella Miriam si è persa e il suo solo desiderio è ritrovarla. Wilkstròm con un gesto che sancisce la fine del suo matrimonio, mette le chiavi di casa e la vera sul tavolo davanti a cui è seduta la moglie. Nessuno dei due apre bocca: per lui la prossima meta è un sordido casinò clandestino tra sordidi figuri, dove vince quanto gli basta per affittare un ristorante. I finlandesi avranno il cuore d'oro ma come racconta Kaurismaki sono anche ladri matricolati: negli affari rigorosamente in nero, passano pacchi di banconote, i padroni non pagano gli stipendi e scappano con le mance, il frigorifero del ristorante è pieno di cibo scaduto, in più se il cliente sceglie "sardine della casa" gliele portano ancora in scatola; e se c'è bisogno di un documento falso niente paura, c'è sempre un adolescente dalla faccia criminale che te lo sforna in un minuto dal suo pc e solo per 1000 euro. Invece i poliziotti molto educati che accolgono i rifugiati in attesa di ottenere un permesso di residenza o di essere respinti, battono ancora con due dita su una vecchissima macchina da scrivere. L'incontro decisivo tra il giovane siriano ormai clandestino e il maturo padrone del pessimo ristorante con il cuoco che dorme in piedi e una cagnetta bastardissima (che non è l'amabile Laika degli altri film del regista, forse defunta?) nascosta in cucina, avviene con uno scambio di pugni in faccia: ma poi bisogno e altruismo, fiducia reciproca e doppia solitudine e attorno tutto un mondo gentile, chissà... La faccia di Khaled è la sola giovane bella e nobile del film, una scelta quasi provocatoria del regista; perché se Wilkstròm è un dignitoso signore di mezza età, tutti gli altri personaggi sono di singolare e umana bruttezza, uomini e donne, quasi sempre anziani e rassegnati. Come negli altri suoi film, i dialoghi sono quasi inesistenti, basta uno sguardo per capirsi. Si beve molta vodka, si fuma moltissimo, e quell'offrirsi e accendersi vicendevolmente una sigaretta è nel silenzio un modo di comunicare e nello stesso tempo di isolarsi. Ovunque c'è musica nostalgica e triste, un vecchio solo con la sua chitarra o una piccola scalcinata band, che suonano secondo gli intenditori, persino rock finnico-sovietico anni 70. Kaurismaki ha nel mondo (quindi anche in Italia) una piccola folla di appassionati mai delusi lungo i trent'anni del suo cinema, i critici lo stimano, i festival lo premiano. Per amarlo bisogna lasciarsi andare alla sua ironia stralunata, alla sua morale eccentrica, al tentativo - come ha detto il regista alla Berlinale dove il film è stato premiato per la miglior regia - «di cambiare il mondo che sta andando a pezzi»; colpa di nazionalismi, chiusura delle frontiere, disumanità più dei governi che delle persone. Infatti mentre nel film i responsabili finlandesi dell'immigrazione respingono la richiesta di asilo di Khaled (e di tanti altri) «perché ad Aleppo non si sta poi così male», la televisione mostra la quotidianità delle distruzioni e dei massacri in quella disperata città. E la gente comune (ma non solo) in quelle terre nordiche, capisce di doversene singolarmente prendere carico. Per il futuro di tutti.
Da La Repubblica, 3 aprile 2017

di Natalia Aspesi, 3 aprile 2017

Sei d'accordo con la recensione di Natalia Aspesi?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Richiedi la data del prossimo passaggio in tv del film L'altro volto della speranza.
(Riceverai le informazioni pochi giorni prima del passaggio in tv. Il servizio è gratuito)

inserisci qui la tua email
L'altro volto della speranza | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
European Film Awards (3)
Festival di Berlino (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 6 aprile 2017
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledì 25 novembre
High Life
Galveston
martedì 17 novembre
Gli anni amari
La vacanza
Gauguin
mercoledì 11 novembre
Volevo nascondermi
giovedì 5 novembre
L'amore a domicilio
Just Charlie - Diventa chi sei
Almost Dead
mercoledì 4 novembre
Una intima convinzione
mercoledì 28 ottobre
La partita
mercoledì 21 ottobre
L'assistente della star
mercoledì 7 ottobre
Gamberetti per tutti
L'anno che verrà
Nel nome della Terra
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità