Alive in France

Film 2017 | Documentario musicale +13 79 min.

Titolo originaleAlive in France
Anno2017
GenereDocumentario musicale
ProduzioneFrancia
Durata79 minuti
Regia diAbel Ferrara
AttoriMia Bablalis, Anastasia Balan, Laurent Bechad, Richard Belzer, Joe Delia Abel Ferrara, Paul Hipp, Dounia Sichov.
Uscitadomenica 19 maggio 2019
DistribuzioneMariposa Cinematografica
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,60 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Abel Ferrara. Un film con Mia Bablalis, Anastasia Balan, Laurent Bechad, Richard Belzer, Joe Delia. Cast completo Titolo originale: Alive in France. Genere Documentario musicale - Francia, 2017, durata 79 minuti. Uscita cinema domenica 19 maggio 2019 distribuito da Mariposa Cinematografica. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,60 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Alive in France tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un documentario che segue la tournée di Abel Ferrara con la sua band in giro per la Francia. In Italia al Box Office Alive in France ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 1,9 mila euro e 488 mila euro nel primo weekend.

Consigliato nì!
2,60/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,70
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Abel Ferrara & friends in libera uscita: una gradevole curiosità sulla strada del rock'n'roll.
Recensione di Emanuele Sacchi
martedì 23 maggio 2017
Recensione di Emanuele Sacchi
martedì 23 maggio 2017

Cronaca irregolare del tour francese di Abel Ferrara e della sua rock band, organizzato dalla Cinémathèque de Toulouse, tra dietro le quinte, esibizioni e confessioni davanti alla macchina da presa.

Immergersi in una storia raccontata da Abel Ferrara e lasciarsi trascinare dalle relazioni che nascono o si rompono tra i personaggi che popolano i suoi film significa scegliere di appartenere a una famiglia.

Sul tema il regista italoamericano insiste da sempre: sia che si tratti di un gangster movie come Fratelli o Il nostro natale, o di un dramma ambientato nel mondo dello show business, come Blackout oppure Go Go Tales, la sensazione è quella di ritrovare una combriccola di amici, i loro pregi e i loro difetti, le loro virtù e le loro debolezze. La mescolanza di realtà e di rappresentazione si spinge più in là in Alive in France, cronistoria di un tour musicale di Ferrara con la sua band, o meglio, la sua famiglia allargata.

A costituire il complesso amici di lunga data come Joe Delia e Paul Hipp, collaboratori ricorrenti delle sue colonne sonore, e la moglie Christina Chiriac, che non fa nulla per celare il proprio fascino sul palcoscenico. Anche a causa dell'assenza del rapper Schoolly D - problemi di passaporto alla dogana - il concerto vira sul rock'n'roll di Stones e Springsteen, rivisitati liberamente dalla band.

L'improvvisazione è una costante, così come l'approssimazione: l'impressione è che, musicalmente parlando, di memorabile nei concerti del regista ci sia poco, a parte le movenze sexy di Christina, ma alla macchina da presa interessa cogliere soprattutto quel che avviene al contorno. Ossia provare a trasformare in un film di Ferrara quello che altrimenti sarebbe solo un (assai meno allettante) concerto di Ferrara. Le domande sciocche nelle interviste, i personaggi eccentrici che seguono la band da una data all'altra, gli alterchi tra il chitarrista e una spettatrice ubriaca. Schegge di realtà, ammesso che di questo si tratti e non di spaccati di vita vera abilmente ricostruiti. Qualunque sia la versione a cui ci piace credere, è troppo poco per evitare di avvertire l'autoindulgenza dell'operazione di Abel Ferrara. Alive in France rimane niente più che una gradevole curiosità, che si rivolge a chi di quella ideale "famiglia allargata" già fa parte.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
lunedì 3 giugno 2019
Giona A. Nazzaro
Rumore

Nel 2016 Franck Loiret, responsabile della programmazione della Cineteca di Tolosa, la seconda di Francia, organizza una retrospettiva dedicata ad Abel Ferrara. Leggenda vuole che il regista, autoesiliatosi a Roma per sopravvivere, chieda a costui di organizzargli dei concerti e di finanziare contestualmente un documentario. Loiret, appassionato e devoto cinefilo nonché solidissimo organizzatore culturale, [...] Vai alla recensione »

sabato 18 maggio 2019
Sergio Sozzo
Sentieri Selvaggi

Alive, già. Mi sento molto più giovane adesso dell'età in cui ho fatto Driller Killer, dice Abel Ferrara riguardo al frammento del suo film d'esordio che ad un certo punto si insinua tra le riprese di uno show di Abel e della sua band in un club parigino dell'inverno scorso, e improvvisamente se non fosse per quel Ferrara giovane e dinoccolato che si aggira sulla sequenza non noteresti alcuna differenza [...] Vai alla recensione »

venerdì 17 maggio 2019
Andrea Giovalè
La Rivista del Cinematografo

Abel Ferrara, il noto autore di cinema statunitense, è ormai uniformemente ritenuto un ribelle, un bad boy. Duro, spigoloso, sempre in conflitto con i produttori e le loro restrizioni. Alive in France ci offre, invece, un punto di vista alternativo. Non che Ferrara, nel suo auto-documentario, rinunci alla propria identità. Semplicemente, la inquadra da un'altra prospettiva, quella del musicista.

giovedì 16 maggio 2019
Stefano Giani
Il Giornale

Abel Ferrara comes alive. È musica tratta dai suoi film il nuovo documentario del regista del Cattivo tenente che suona pezzi rock delle colonne sonore della sua filmografia con i musicisti che lo accompagnano da sempre. Jam session senza misteri con moglie moldava e figlia italiana in scena per l'italiano del Bronx. La tournée francese tra Tolosa e Parigi viene consegnata agli archivi del cinema, [...] Vai alla recensione »

martedì 14 maggio 2019
Alberto Pezzotta
Film TV

Classico caso di regista rovinato dai critici, Abel Ferrara ha smesso da tempo di essere un autore rilevante, anche se i suoi fan, invero sempre più sparuti, sostengono il contrario. I tanti film che fa, certo, sono tracce residuali di una volontà di fare cinema malgrado tutto. Il che può essere variamente interessante o irritante, quando la strafottenza e la cialtroneria hanno la meglio.

giovedì 2 maggio 2019
Marcello Garofalo
Ciak

II regista Abel Ferrara nel 2016 si trova in Francia per una retrospettiva dei suoi film e una serie di concerti dedicati alle canzoni e alla musica presenti nei suoi lavori. Una videocamera segue i preparativi insieme con la sua famiglia e un gruppo di amici, tra cui il compositore Joe Delia, l'attore-cantante Paul Hipp e la moglie attrice Cristina Chiriac.

giovedì 25 maggio 2017
Owen Gleiberman
Variety

"Alive in France" is a thrown-together documentary about a tiny tour of French rock clubs that Ferrara went on along with his makeshift band in October 2016, all to perform songs from his soundtracks and publicize a touring retrospective of his films. If you think that Ferrara can be an awkward director, just wait until you see him get up on stage with a guitar and sing raspy blues-rock in his "black" [...] Vai alla recensione »

martedì 23 maggio 2017
Daria Pomponio
Quinlan

Abel Ferrara è protagonista di una retrospettiva e di una serie di concerti in Francia durante il festival Addiction à l'oeuvre dedicato alla musica nei suoi film. I preparativi con la sua famiglia e gli amici compongono il materiale di questo autoritratto, mostrando un altro lato del regista di film leggendari come Il cattivo tenente, The King of New York e The Addiction.

sabato 20 maggio 2017
Stephen Dalton
The Hollywood Reporter

The crosstown traffic between directing movies and making music has a long, rich history. While pop legends including Prince, David Byrne, Ice Cube, Madonna and Neil Young have all spent time behind the camera, iconic directors like Woody Allen, John Carpenter, David Lynch and Emir Kusturica have stepped into the spotlight to turn their musical sidelines into concert tours and documentaries.

sabato 20 maggio 2017
Wendy Ide
The Observer

A dancer on stilts stalks the stage; a skittish camera prowls the club like a junkie hoping to score; the guitars howl like tortured souls. And cadaverous and cackling, lit in entirely in red, Abel Ferrara presides over the mayhem like some kind of gleeful demon. It's an opening shot which could have been lifted from any number of his fiction films, but in this case, Ferrara turns his camera on real [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
mercoledì 27 marzo 2019
 

Abel Ferrara mette insieme una retrospettiva cinematografica e una serie di concerti in Francia durante il festival "Addiction à l'oeuvre". Al centro ci sono le canzoni e la musica dei suoi film. I preparativi con la sua famiglia e gli amici vanno a formare [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati