La vendetta di un uomo tranquillo

Acquista su Ibs.it   Dvd La vendetta di un uomo tranquillo   Blu-Ray La vendetta di un uomo tranquillo  
Un film di Ra˙l ArÚvalo. Con Antonio de la Torre, Luis Callejo, Ruth DÝaz, Alicia Rubio, Manolo Solo.
continua»
Titolo originale Tarde para la ira. Thriller, Ratings: Kids+13, durata 92 min. - Spagna 2016. - Bim Distribuzione uscita giovedý 30 marzo 2017. MYMONETRO La vendetta di un uomo tranquillo * * * 1/2 - valutazione media: 3,50 su 29 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
mughetto mercoledý 15 novembre 2017
il desiderio e la realtÓ Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

Freud diceva che "Nei nostri moti inconsci noi sopprimiamo ogni giorno e ogni ora tutti coloro che ci sbarrano la via. ... È una bella fortuna che tutti questi desideri non posseggano l'efficacia che gli uomini preistorici attribuivano loro." Invece Josè coltiva questo desiderio di morte con tenacia e determinazione per otto lunghi anni e lo lascia esplodere fino a che la vendetta non è completa e ha annientato anche lui. Il film non pone nessun interrogativo sul dopo. Rappresenta la costruzione e la realizzazione della vendetta. La costruzione narrativa del perché e del come è affascinante. [+]

[+] lascia un commento a mughetto »
d'accordo?
angeloumana giovedý 10 agosto 2017
Ŕ tardi per la vendetta Valutazione 4 stelle su cinque
33%
No
67%

  “Una vita non può essere piena di niente e si può riempire di un’ossessione che non abbandona, che anzi la anima, le dà senso”: queste parole mi ero scritto a proposito del film Il Segreto dei Suoi Occhi, e a questo film La Vendetta di un Uomo tranquillo rimanda. Sempre di un’ossessione si tratta: nel caso di questo film quella di vendicare la morte violenta della sua fidanzata e del papà di lei, nella loro gioielleria, per mano di tre rapinatori. José (Antonio de la Torre) aspetterà 8 anni per consumare la sua vendetta, 8 anni dopo i quali Curro (Luìs Callejo) esce di prigione, lui fu solo il palo della rapina ma l’unico ad essere bloccato dalla polizia e condannato. [+]

[+] lascia un commento a angeloumana »
d'accordo?
marionitti venerdý 4 agosto 2017
non entusiasmante, ma intrigante Valutazione 3 stelle su cinque
0%
No
0%

Una rapina finita male, costa l’arresto all’autista della banda, mentre gli altri riescono a fuggire.
Anni dopo si avvicina il suo rilascio e ad attenderlo ci sono varie persone, attori che reciteranno ruoli diversi nello sviluppo della storia. Se la prima metà costruisce le premesse del racconto, nella seconda, attraverso una serie di colpi di scena, si svelano i veri ruoli dei personaggi e si arriva, attraverso una costruzione molto efficace, al climax finale. Non entusiasmante, a volte un po’ lento, a volte un po’ troppo parlato, ma intrigante. Dove può arrivare un uomo qualsiasi e gli anni attenuano le colpe?

[+] lascia un commento a marionitti »
d'accordo?
harroldthebarrel martedý 27 giugno 2017
una riflessione sulla violenza "riparatrice" Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

Film solo apparentemente scontato e poco originale, che in realtà propone al di là dello sviluppo della trama una riflessione etica più profonda e cruda sul senso della vendetta e della violenza "riparatrice", che finisce per sconvolgere e azzerare completamente le differenze tra "buoni" e "cattivi". L'ho trovato, inoltre, molto ben girato: con una essenzialità che, supportata da dialoghi misurati ma realistici e intensi, lascia emergere le differenti tensioni dei singoli personaggi che si intersecano tra loro. Il resto lo fanno le interpretazioni a mio avviso notevoli dei tre protagonisti, volti parlanti anche nei silenzi. 

[+] lascia un commento a harroldthebarrel »
d'accordo?
fabiofeli venerdý 21 aprile 2017
"mi ami? perchÚ piangi, allora?" Valutazione 3 stelle su cinque
25%
No
75%

La concitata scena iniziale è ripresa da una telecamera di sorveglianza di un negozio: i malviventi mascherati che stanno facendo una rapina picchiano selvaggiamente un uomo a terra, mentre martella le orecchie il frastuono dell’allarme dell’antifurto. I banditi scappano, ma la polizia blocca solo l’autista del colpo. Josè (Antonio de la Torre), un giovane sui 30 anni, veglia in ospedale un uomo anziano in stato comatoso. Cerro (Luis Callejo) riceve in carcere Ana (Ruth Diaz): è l’autista del colpo ed ha quasi scontato gli otto anni di carcere per concorso alla rapina. Josè cede all’insistenza del personale dell’ospedale che ritiene inutile la sua ininterrotta presenza al capezzale del congiunto ed accetta l’invito di un amico ad una festa; questi gli indica Ana: gli dice che è sua cognata e il suo uomo è in carcere da otto anni. [+]

[+] lascia un commento a fabiofeli »
d'accordo?
ergo martedý 18 aprile 2017
essenziale ma rigoroso Valutazione 4 stelle su cinque
14%
No
86%

A me è piaciuto parecchio. Un film asciutto e senza ghirigori, che arriva  dritto dove vuole colpire.
La vendetta è un topos millenario, e qui è trattato con l'ennesima variazione sul(le modalità del) tema. Personaggi e rispettivi drammi ritratti con stile, al confine della legalità o dei propri conflitti irrisolti. Poche efferattezze ma azzeccate. Forse solo il personaggio di Curro non è tanto credibile per come si fa ricattare ed irretire da José, ma alla fine qualche sbavatura ci può anche stare.

[+] lascia un commento a ergo »
d'accordo?
lollo-brigida mercoledý 12 aprile 2017
pellicola pura Valutazione 4 stelle su cinque
44%
No
56%

La poesia non si misura col gradimento del pubblico. Questo film è poetico e nessuno (di chi ha scritto sul forum) se ne è accorto. Non è la trama a sentenziare se un film è piacevole o meno. La trama di questo film, difatti, è alquanto classica. Un uomo che si vendica della morte della propria donna: banale, se vogliamo. Ma è tra le righe che si manifesta la raffinatezza di questa pellicola. Eh si... pellicola. La chiamo ancora pellicola, nonostante ora si utilizzi solo il digitale. Pellicola perchè l'immagine rimanda proprio a quella pastosità tipica della pellicola. Ed ecco compiersi la magia. La poesia di cui scrivevo. La grana delle immagini, sembra proprio quella del supporto fisico, materiale, epidermico della pellicola. [+]

[+] lascia un commento a lollo-brigida »
d'accordo?
francesca50 martedý 11 aprile 2017
thriller nuovo! Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

A me il film è piaciuto molto per come è condotto e girato (specialmente la scena in cui Ana fa l'amore con Josè).
Sembra ripetere altri film del genere ma in fondo l'ambientazine e i colpi di scena lo rendono diverso. Da apprezzare è anche l'umanità dell'uomo tranquillo che lascia in vita chi deve... . Forse ci penseranno altri a completare l'opera, poiché Curro ha lasciato tracce di sé!
Bello poi averlo girato in Spagna paese da ammirare. Bravi gli attori tutti; si vede un'espressività non comune dato che non sono star con lunga esperienza.

[+] lascia un commento a francesca50 »
d'accordo?
loland10 mercoledý 5 aprile 2017
fino all'ultimo. Valutazione 3 stelle su cinque
48%
No
52%

La vendetta di un uomo tranquillo” (Tarde para la ira, 2016) è il primo lungometraggio del regista attore spagnolo Raùl Arévalo.
            Crudo realismo e vendetta senza sconti: luoghi, visi e forme strutturate verso un obiettivo di non farci piacere nessuno. Ma ciò che vediamo è un incontro cruento con il destino.
            Efferatezza e mattanza individuale: film che ripiega il suo status simbolico solo sull’incontro (efficace e alquanto indigesto) criminoso che cova (intimo e represso) dentro il personaggio Josè. [+]

[+] lascia un commento a loland10 »
d'accordo?
zoomecontrozoom mercoledý 5 aprile 2017
c'e sempre un buio oltre la luce Valutazione 3 stelle su cinque
56%
No
44%

Quando si saltano i preamboli e si entra a piè pari nel contesto, se il contesto è forte, l’emozione deve essere all’altezza; se il contesto è forte, l’emozione deve colpire in modo crudo e nudo, si saltando i preamboli e si toglie ogni minimo fronzolo: è così che comincia questo film.
La macchina da presa, il nostro sguardo, noi, siamo lì, addosso al personaggio, non è solo una ripresa di quinta, gli stiamo addosso come il fiato e il sudore; con lui condividiamo la tensione dell’attesa, l’adrenalina della fuga, la guida disperata, la violenza dello schianto. Tutto questo, porta al carcere, ma di questa vita di Curo, poco si sa, solo qualche flash per quel filo che lo tiene in vita: Ana, la sua compagna. [+]

[+] ??? (di misesjunior)
[+] incomprensibile... (di angeloumana)
[+] lascia un commento a zoomecontrozoom »
d'accordo?
pagina: 1 2 »
La vendetta di un uomo tranquillo | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Paola Casella
Pubblico (per gradimento)
  1░ | zoomecontrozoom
  2░ | mughetto
  3░ | angeloumana
  4░ | lollo-brigida
  5░ | loland10
  6░ | fabiofeli
  7░ | alex2044
  8░ | ergo
  9░ |
10░ | flyanto
11░ | flaw54
Rassegna stampa
Carlos Boyero
Immagini
1 | 2 | 3 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedý 30 marzo 2017
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità