╚ solo la fine del mondo

Acquista su Ibs.it   Dvd ╚ solo la fine del mondo   Blu-Ray ╚ solo la fine del mondo  
Un film di Xavier Dolan. Con Gaspard Ulliel, Nathalie Baye, LÚa Seydoux, Vincent Cassel, Marion Cotillard.
continua»
Titolo originale Juste la fin du monde. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 95 min. - Francia 2016. - Lucky Red uscita mercoledý 7 dicembre 2016. MYMONETRO ╚ solo la fine del mondo * * * - - valutazione media: 3,41 su -1 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   

La famiglia luogo del dolore Valutazione 4 stelle su cinque

di ValterChiappa


Feedback:
sabato 3 giugno 2017

Tornare. Può essere un’idea che ci accarezza. Sciogliere i nodi del passato, i grumi che ostacolano il flusso della memoria.
È quello che Louis (Gaspard Ulliel), drammaturgo affermato, decide di fare. Tornare da dove è fuggito 12 anni prima: la famiglia. Ha un pretesto forte per farlo, annunciare la sua prossima morte. In un superbo ed estremo esercizio di controllo vuole ricucire i capitoli irrisolti della trama della sua vita.
Ma già sull’uscio la realtà si presenta nuda. Ad accoglierlo le schermaglie che evolveranno in un ininterrotto battibecco. Perché “È solo la fine del mondo” è fatto di un vociare continuo, di voci stridule che si sovrappongono, di frasi che si susseguono senza una costruzione logica.
Antoine (Vincent Cassel) sfoga la sua aggressività di uomo frustrato, rinfacciando al fratello le scarse attenzioni ricevute. La sorella minore Suzanne (Léa Seydoux) è una ragazza irrisolta, incline all’autodistruzione e all’abuso di spinelli. La madre (Nathalie Baye), cristallizzata nelle sue categorie mentali, non ha gli strumenti per ricomporre quel quadro frantumato. “Non capisco ma ti voglio bene”, battuta che la madre rivolge al figlio, è la sintesi di tutto: l’incapacità a comprendersi o semplicemente a venirsi incontro è la radice di quell’urlare sconnesso. Cui si contrappone il silenzio del protagonista. Perché Louis, durante tutta la sua permanenza tace, osserva tutto con i suoi occhi liquidi. Impotente, anche lui incapace, di ritessere una qualsiasi trama.
Ma la comunicazione impossibile con i familiari si instaura con l’unica persona esterna al nucleo: la cognata Catherine (Marion Cotillard), moglie succube di Antoine alle cui grida risponde con una tentennante balbuzie. Dolan sottolinea continuamente l’incrocio degli occhi di Louis e Catherine. Gli sguardi al posto delle parole, dialogo silente e profondamente empatico, è l’unico in un mare di parole urlate. Sarà Catherine infatti l’unica a intuire il doloroso segreto di Louis.
Xavier Dolan torna sulle tematiche familiari a lui care, da sempre lette in modo conflittuale, da “J’ai tué ma mère” a “Mommy”. C’è sempre una madre, mai un padre, c’è sempre rabbia, c’è sempre incomprensione, sullo sfondo l’omosessualità. Nel testo del drammaturgo francese Jean-Luc Lagarce Dolan trova la sintesi finale del suo discorso sulla famiglia, di cui decreta definitivamente il crollo, così come l’ultimo, innocente simbolo di essa che, nel finale, si schianta al suolo.
Nel trasporre il testo teatrale Dolan usa tutti gli strumenti a sua disposizione: una tecnica filmica sublime, che si esprime attraverso colori saturi e primi piani strettissimi; l’interpretazione dei suoi talentuosi interpreti (sublime ancora una volta Marion Cotillard, voce imprigionata dal balbettio, viso costretto a dire l’ineffabile); flashback che spezzano il rumore e riportano a una dimensione quasi elegiaca. Importante l’utilizzo di una colonna sonora quanto mai eterogenea, dal brano di Camille “Home is where it hurts” (titolo emblematico) al Moby di “Natural Blues”, dai Blink 182 a, addirittura, la hit romena “Dragostea Din Tei”. Alla musica difatti è affidato il compito di accendere gli spazi del sentimento.
Ma al tocco della bacchetta di Dolan che cambia bruscamente il registro, nell’animo dello spettatore il disturbo lascia spazio al dolore: questo è dato al suo sentire. Per Louis tornare a casa, per Dolan riaffrontare i fantasmi familiari, è stato inutile. Nessuna catarsi, nessuna speranza di redenzione, c’è solo sofferenza.
Per Xavier Dolan, ineluttabilmente, “Home is where it hurts”.

[+] lascia un commento a valterchiappa »
Sei d'accordo con la recensione di ValterChiappa?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
0%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
╚ solo la fine del mondo | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi
Pubblico (per gradimento)
  1░ | howlingfantod
  2░ | kimkiduk
  3░ | maria cristina nascosi sandri
  4░ | zarar
  5░ | vanessa zarastro
  6░ | robroma66
  7░ | enzo70
  8░ | ladyveil
  9░ | emyliu`
10░ | lbavassano
11░ | no_data
12░ | robertalamonica
13░ | maumauroma
14░ | robert eroica
15░ | astromelia
16░ | angelo umana
17░ | mattia li puma
18░ | stefano capasso
19░ | degiovannis
20░ | tmpsvita
21░ | michelino
22░ | folignoli
23░ | andrea alesci
24░ | valterchiappa
25░ | kaipy
26░ | fabiofeli
27░ | boffese
28░ | domenico astuti
29░ | flyanto
30░ | maurizio meres
31░ | boffese
32░ | dibella
33░ | maurizio d
Festival di Cannes (1)
Cesar (8)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
mercoledý 7 dicembre 2016
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità