In nome di mia figlia

Film 2016 | Drammatico +13 87 min.

Titolo originaleAu nom de ma fille
Anno2016
GenereDrammatico
ProduzioneFrancia
Durata87 minuti
Regia diVincent Garenq
AttoriDaniel Auteuil, Sebastian Koch, Marie-Josée Croze, Christelle Cornil, Lila-Rose Gilberti Emma Besson, Christian Kmiotek, Serge Feuillard, Fred Personne, Thérèse Roussel.
Uscitagiovedì 9 giugno 2016
TagDa vedere 2016
DistribuzioneGood Films
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,30 su 16 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Vincent Garenq. Un film Da vedere 2016 con Daniel Auteuil, Sebastian Koch, Marie-Josée Croze, Christelle Cornil, Lila-Rose Gilberti. Cast completo Titolo originale: Au nom de ma fille. Genere Drammatico - Francia, 2016, durata 87 minuti. Uscita cinema giovedì 9 giugno 2016 distribuito da Good Films. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,30 su 16 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi In nome di mia figlia tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un giorno di luglio del 1982, André Bamberski scopre che sua figlia Kalinka è morta. Passerà quasi 30 anni a cercare di far condannare il colpevole dell'omicidio. In Italia al Box Office In nome di mia figlia ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 216 mila euro e 70,2 mila euro nel primo weekend.

In nome di mia figlia è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,30/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,67
PUBBLICO 3,22
CONSIGLIATO SÌ
Daniel Auteuil molto efficace in un film di cronaca giudiziaria.
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 8 giugno 2016
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 8 giugno 2016

Il 10 luglio 1982 André Bamberski riceve una telefonata in cui la ex moglie gli comunica la morte della figlia quattordicenne Kalinka.. La ragazza stava trascorrendo le vacanze in Germania con la madre e il patrigno, il dottor Dieter Krombach. In breve tempo, grazie anche a un referto autoptico che lascia più di un dubbio, Bamberski si convince che il medico abbia delle gravi responsabilità nel decesso. Da quel momento ha inizio una battaglia che lo vedrà utilizzare tutti i mezzi, legali e non, per dimostrare la sua tesi.
Vincent Garenq, del quale è arrivato sui nostri schermi solo il film d'esordio, dalla sua opera seconda si è dedicato a casi giudiziari in cui il singolo si è trovato contro la macchina della giustizia d'Oltralpe. Questo ha fatto sì che le sue opere suscitassero un certo interesse in Patria ma non valicassero il confine di Ventimiglia. Il suo ultimo lavoro si apre a uno sguardo più ampio divenendo così più fruibile anche per i non francesi nonostante un elemento di base che ne limita le potenzialità. Quest'ultimo è costituito dal fatto che in Francia il caso è noto, come si può verificare anche consultando Internet. Accade così che la sceneggiatura non possa giocare più di tanto sull'elemento di ambiguità e di ossessività che potrebbe maggiormente caratterizzare il protagonista.
Daniel Auteuil era l'attore giusto per muoversi su questo registro avendo riacceso negli occhi quei lampi che avevano caratterizzato il suo personaggio in L'avversario. Lo spettatore avrebbe dovuto avere un margine di tempo più ampio per chiedersi se nella sua ostinata ricerca della 'verità' dominasse il bisogno di rendere giustizia alla figlia o invece piuttosto il desiderio di vendetta nei confronti di chi gli aveva sottratto la moglie (si veda in proposito la scena dell'accertamento di adulterio). Questo ambito cinematograficamente interessante viene invece presto abbandonato per seguire cronologicamente l'iter di una vicenda che (qui sta l'ampliamento di ambito) coinvolge due magistrature in stretta rivalità come quella francese e quella tedesca.
Nel mezzo si trova un padre deciso a non mollare e una madre che non può neanche lontanamente pensare che il suo nuovo compagno si sia macchiato di un crimine così grave. Su questo versante lo spettatore potrà trovare analogie con altri casi a lui noti e quindi sviluppare un tipo di interesse che chiunque segua "Chi l'ha visto?" ha sicuramente vivo.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
IN NOME DI MIA FIGLIA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 26 dicembre 2016
ANDREA GIOSTRA

Un Film bellissimo! È questo quello che mi viene di scrivere come prima frase per connotare questa vera e propria Opera d’Arte cinematografica francese che è densa, pregna, colma, intrisa, detonante… di tantissimi elementi che caratterizzano inequivocabilmente la giustizia giusta dalla giustizia ingiusta, la verità dalla mistificazione, l’onestà dalla [...] Vai alla recensione »

domenica 12 giugno 2016
enzo70

E torna il grande cinema francese. Basato su una storia vera, questo film ricorda, anzi direi celebra, la lunghissima battaglia giudiziaria del Dr. Bamberski per ottenere giustizia per la morte della figlia. La storia non la racconto, perché questo film va visto e basta, e non solo per il dramma di un uomo che perde una figlia, ma per la capacità del regista di dare uno spaccato realista [...] Vai alla recensione »

lunedì 10 aprile 2017
Portiere Volante

Per quanto mi riguarda i meriti della pellicola sono essenzialmente due. Il primo è il doveroso racconto,tratto purtroppo da una storia vera,dell'amore di un padre che cerca giustizia per la propria figliola anche dopo anni ed anni di interminabili battaglie processuali e non solo. Il secondo è la più che soddisfacente interpretazione di Auteuil  che ho in realtà [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 giugno 2016
Flyanto

La storia del film inchiesta "In Nome di Mia Figlia" racconta un fatto di cronaca realmente accaduto in Francia negli anni '80. Un padre di famiglia, alla notizia della morte della figlia recatasi in vacanza presso la casa della madre e del suo nuovo compagno, notando e poi scoprendo realmente che vi sono state delle "incongruenze" nel corso delle indagini, con anche il sospetto [...] Vai alla recensione »

venerdì 7 ottobre 2016
Alex62

Una storia affilata come la lama di un rasoio, anzi di un bisturi per autopsia, sostenuta da un grande protagonista, Daniel Auteuil, il più grande attore francese vivente. Questi regge allo stile da docufilm scelto di proposito da sceneggiatori e regista con eroismo da altissima professionalità, senza la minima sbavatura, senza autocompiacimento, nessun effetto, dentro un'interpretazione [...] Vai alla recensione »

domenica 12 giugno 2016
LBavassano

Una storia molto forte, la cui realtà non va assolutamente a discapito dell'intensità drammatica (non sempre accade) grazie ad una sceneggiatura eccellente, asciutta e rigorosamente scandita, senza alcun cedimento al pathos più corrivo e che pare lasciare parlare i fatti da soli, completamente nascondendo la propria decisiva presenza.

mercoledì 15 giugno 2016
vanessa zarastro

Con “In nome di mia figlia” il regista Vincent Garenq è al suo quarto lungometraggio. Dopo l’”Inchiesta” sui paradisi fiscali e “Presume Coupable” sull’affaire d’Outreau (un caso penale di abuso sui minori), questo film tratta un caso di cronaca giudiziaria francese, una storia veramente terribile! Sembra di rivedere tutti i problemi [...] Vai alla recensione »

domenica 19 giugno 2016
Luigi Chierico

L’ottimo regista Vincente Gareng ha avuto il coraggio di affiancare Andrè Bamberski,un eccezionale Daniel Auteil,in una battaglia contro le autorità costituite,contro una Germania in cui la parola Giustizia è soltanto una parola senza senso,in una Germania che ancora nel 1982,anno di riferimento dei fatti narrati,risente ancora di quello scenario nazista che fu il post bellum.

venerdì 7 ottobre 2016
pier delmonte

Film che si snoda per 30 anni, tra la voglia di verita’ e vendetta di un padre e giustizia internazionale, se vogliamo prevedibile e di scadente suspense, pero’ la prestazione di Daniel Auteuil permette una visione piu’ che dignitosa.

sabato 18 giugno 2016
maumauroma

Spesso, quando gravi avvenimenti ci coinvolgono direttamente, la verita' dei fatti puo' essere distorta dalla nostra ragione e dalla nostra coscienza. Dieter Krombach, medico tedesco, non e' propriamente quello che si dice uno stinco di santo. Sicuramente e' un donnaiolo impenitente, molto probabilmente uno stupratore di ragazzine. Ma e' proprio lui il responsabile della morte della [...] Vai alla recensione »

lunedì 22 gennaio 2018
Inesperto

Questo film narra dell'epopea di un padre che ha perso la figlia, della stupidità di una madre accecata dalla passione (per l'uomo che le ha ucciso la figlia) e delle abnormi tempistiche che può assumere un processo giudiziario, per di più se coinvolge più stati.

giovedì 23 giugno 2016
giotti

E' un film stupendo!

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Fulvia Caprara
La Stampa

Anche il dolore può dare i suoi frutti, diventando un'arma potentissima, capace di annientare chi l'ha provocato. Disperato per la perdita della figlia adolescente e guidato da un infallibile intuito paterno, André Bamberski (Daniel Auteuil), protagonista di In nome cli mia figlia, regia di Vincent Garenq, dedica 30 anni della sua vita alla ricerca delle prove necessarie a inchiodare Dieter Krombach [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Vincent Garenq è, per questi anni, un po' quel che era il suo connazionale André Cayatte per i '50: un regista di film con al centro qualcuno che si batte, da solo, contro le storture della giustizia. Con In nome di mia figlia, Garenq porta sullo schermo un fatto di cronaca tristemente noto in Francia. Nel 1982 la quattordicenne Kalinka Bamberski muore in circostanze misteriose durante una vacanza [...] Vai alla recensione »

Maurizio Acerbi
Il Giornale

Nel 1982, la giovane Kalinka muore mentre si trova in vacanza con la mamma e il compagno di lei, un dottore tedesco. Sembra una disgrazia, ma l'autopsia fa venire dei dubbi al padre della ragazza, André Bamberski, convinto della colpevolezza del patrigno. L'uomo inizia una annosa battaglia legale per ottenere giustizia per la figlia. Da una storia vera, il film colpisce nel segno non solo per la tematica, [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
giovedì 19 maggio 2016
 

Tratto da una drammatica e commovente storia vera, In nome di mia figlia - al cinema da giovedì 9 giugno - è il nuovo film del regista francese Vincent Garenq. Nel cast, accanto al grande protagonista Daniel Auteuil - nel ruolo di André Bamberski - [...]

POSTER
giovedì 12 maggio 2016
 

Nel 1982, Kalinka, la figlia quattordicenne di André Bamberski, muore mentre è in vacanza in Germania con sua madre e con il patrigno. André (Daniel Auteuil) è convinto che non si sia trattato di un incidente e inizia a indagare.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati