Indivisibili

Acquista su Ibs.it   Dvd Indivisibili   Blu-Ray Indivisibili  
Un film di Edoardo De Angelis. Con Marianna Fontana, Angela Fontana, Antonia Truppo, Massimiliano Rossi, Toni Laudadio.
continua»
Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 100 min. - Italia 2016. - Medusa uscita giovedý 29 settembre 2016. MYMONETRO Indivisibili * * * - - valutazione media: 3,45 su 55 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Una frase a favore della sanitÓ del nostro cinema. Valutazione 4 stelle su cinque

di Great Steven


Feedback: 61479 | altri commenti e recensioni di Great Steven
lunedý 25 marzo 2019

INDIVISIBILI (IT, 2016) diretto da EDOARDO DE ANGELIS. Interpretato da MARIANNA FONTANA, ANGELA FONTANA, ANTONIA TRUPPO, MASSIMILIANO ROSSI, TONY LAUDADIO, MARCO MARIO DE NOTATRIS, GIANFRANCO GALLO, GAETANO BRUNO, PEPPE SERVILLO
Viola e Dasy sono due gemelle siamesi partenopee di 18 anni che, col mestiere di cantanti (si esibiscono ai matrimoni e alle sagre di paese), mantengono tutta la loro famiglia, incassando mediamente svariate migliaia di euro ogni anno. Ma, nonostante lo strepitoso successo e l’indiscussa popolarità di cui godono nella periferia di Napoli, la loro vita famigliare è tutt’altro che idilliaca. Il padre, compositore dei brani che esse interpretano, è arrogante e ha il vizio del gioco d’azzardo, mentre la madre, che con lui si trova spesso in disaccordo, è dipendente dall’alcol. Quando conoscono un discografico, Marco Ferreri, che propone loro un contratto molto vantaggioso per lanciare definitivamente la loro carriera artistica, e in seguito un primario di chirurgia, il dottor Fasano, il quale sostiene che, dividendole durante un’operazione in sala, le loro esistenze migliorerebbero, Viola e Dasy patiscono infiniti dolori e per la prima volta hanno pensieri opposti: la prima preferirebbe evitare l’intervento e la seconda lo desidera più di tutte le altre cose perché desidererebbe ballare, viaggiare, bere vino senza che la sorella si ubriachi e fare l’amore («Pecché so’ femmena»). Fasano non pretende niente per l’intervento, ma Don Salvatore, il parroco che sta erigendo in onore delle due gemelle una nuova chiesa per gli immigrati poveri, sconsiglia loro quest’idea, ancor di più quando Viola e Dasy scappano di casa – scatenando l’ira del padre – e gli chiedono 20.000 euro. Dopo esser state invitate e poi cacciate dal piccolo yacht di Ferreri in seguito pure ad un breve incontro amoroso fra Dasy e il produttore, le ragazzine finiscono in mare, e, durante la processione per l’inaugurazione della summenzionata chiesa, Dasy si pugnala allo stomaco, mettendo a repentaglio la vita di entrambe. Qui il dottor Fasano interviene e in conclusione riesce a separarle. Finalmente un film drammatico dai risvolti amari e commoventi che dimostra che il cinema italiano è vivo e gode di ottima salute, nonostante incursioni verso un peggioramento stilistico e una banalizzazione narrativa che, negli ultimi anni, hanno rischiato di precipitarlo in un pericoloso baratro. Le sorelle Fontana ne sono la rivelazione inconfutabile, dacché interpretano con vigore ed eleganza il ruolo delle protagoniste assumendosi del tutto il carico del profondo significato di umanità che l’opera di E. De Angelis trasmette senza soluzioni di continuità. Lo sfondo di Castelvolturno è il contesto sociale più adeguato per descrivere le sorti, i traumi e gli entusiasmi raffreddati e delusi di una separazione che apporta dolore non soltanto sul piano fisico. Molte le sequenze in cui il pathos che permea questa vicenda originale e struggente si eleva fino al punto da divenire una cifra narrativa di espressione efficacemente autonoma, ad esempio quando, durante la fuga da casa, Dasy costringe Viola a ripetere la parola «dividere», sortendo come unico risultato il pianto dirompente della sorella, o la scena in cui esplode la rabbia del padre che erroneamente si ritiene un deus ex machina dell’intera situazione per il semplice fatto che, siccome organizza lui gli eventi musicali per le figlie e scrive le loro canzoni, può spendere a proprio esclusivo piacimento gli introiti che ne derivano. C’è anche la speranza di vivere, da parte di Viola e Dasy, una vita che non si dovrebbe mai e poi mai definire banalmente normale, poiché, come una delle due afferma con veemenza, le cosiddette persone normali non beneficiano dei talenti che loro due possiedono e nemmeno di tutto ciò che ne consegue parlando delle soddisfazioni materiali e anche spirituali. Un’adolescenza da completare è lo scopo che ambedue si prefiggono, benché le modalità d’attuazione e il pensiero medesimo per giungervi differiscano in profondità fra loro. E in più s’aggiunge la paura smodata dell’ignoto: cosa dovrebbe succedere se l’operazione chirurgica non andasse per il verso giusto e le ragazze morissero sotto i ferri? Oppure cosa accadrebbe se si lasciassero le cose così come stanno e quali conseguenze elaborerebbero Viola e Dasy con un marcato nulla di fatto? La morale finale, non così positiva come suggeriscono le apparenze, apre comunque uno spiraglio ai desideri ancora da esaudire giacché possiamo vedere Viola che abbraccia la sorella da cui s’è separata fisicamente poche ore prima e, nel tepore e nella tenerezza del contatto corporeo, la invoglia a intonare un brano di Janis Joplin, amata alla follia da tutt’e due. M. Rossi e A. Truppo si danno da fare interpretando i loro ambigui ed iperprotettivi genitori, senza eccedere in superbia e, pur con un filo di autocompiacimento, con una meritevole distinzione che allieta il pregio della loro recitazione. Una robusta sceneggiatura in napoletano stretto con sottotitoli è anch’essa un ingrediente trionfante per un piccolo capolavoro che, negli anni, senza ombra di dubbio non mancherà di fare scuola ai cineasti a venire, per come l’orchestrazione delle parti non sia una loro mera somma, bensì una partitura ben schematizzata e complice di una ricerca stilistica che agguanta a piene le mani la più soave precisione. Presentato in concorso a Venezia 2016.

[+] lascia un commento a great steven »
Sei d'accordo con la recensione di Great Steven ?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Great Steven :

Vedi tutti i commenti di Great Steven »
Indivisibili | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1░ |
  2░ |
  3░ | casomai21
  4░ | nanni
  5░ |
  6░ | luca scialo
  7░ | anairda54
  8░ | maumauroma
  9░ | flyanto
10░ | mauridal
11░ | great steven
12░ | ennio
13░ | valterchiappa
14░ | eugenio
15░ | gufetta76
16░ | uppercut
17░ | flyanto
18░ | angeloumana
19░ | tmpsvita
20░ | guazza da semifonte
21░ | maria elena p.
22░ | 1275483792@facebook
Nastri d'Argento (12)
David di Donatello (24)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 |
Link esterni
Facebook
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedý 29 settembre 2016
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità