MYmovies.it
Advertisement
Berlinale 2015, intervista ad Alba Rohrwacher e Laura Bispuri

Le protagoniste di Vergine giurata parlano del film.
di Gabriele Niola

In foto la regista Laura Bispuri abbracciata all'attrice Alba Rohrwacher durante il photocall per la premiere di Vergine giurata.
Alba Rohrwacher (40 anni) 27 febbraio 1979, Firenze (Italia) - Pesci. Interpreta Hana/Mark nel film di Laura Bispuri Vergine giurata.

venerdì 13 febbraio 2015 - Incontri

Alla base di Vergine giurata ci sono i cortometraggi di Laura Bispuri, da lì, da quel terzetto molto coerente e compatto (Passing time, Biondina e Salve Regina) qualcuno ha pensato di passare alla regista il libro "Vergine giurata", giudicandolo in linea con le sue opere. Lo era: "Mi ha folgorata. Ci ho visto molte somiglianze tra i personaggi dei corti, infatti nella fase di preparazione facevo leggere la sceneggiatura e insieme vedere i miei lavori, sperando che si potesse riconoscere un filo. Ora che il film è finito posso dire che questo filo c'è".
Da libro a sceneggiatura fino a film Vergine giurata ha guadagnato Alba Rohrwacher (di certo la nostra attice al momento con maggiore credibilità e notorietà festivaliera) e il concorso al Festival di Berlino. Le due hanno lavorato assieme per buona parte della preparazione sul personaggio di Mark/Hana, inizio e fine della storia, una donna albanese che rinnega la sua femminilità e sessualità, si fa considerare da tutti come uomo e così non viene più trattata come l'ultimo anello della comunità montanara in cui vive. Per riscoprire se stessa dovrà raggiungere la sorella scappata in Italia.

Nei film italiani la provincia o la campagna sono sempre luoghi in cui si scopre la propria vera natura, nel tuo film invece solo nelle città si è liberi di essere se stessi...
Laura Bispuri: "Tutto il film è giocato sugli opposti e sul doppio (uomo/donna, città/campagna, arcaico/moderno) quei luoghi del nord dell'Albania però hanno una durezza tutta loro, freddo e fatica che si traducono in regole e mentalità rigide. Tuttavia non volevo che nel film ci fosse una connotazione troppo negativa di quel mondo, ho cercato il più possibile di lavorare sull'armonia e trasmettere una malinconia verso quei posti abbandonati".

Dici malinconia verso le remote regioni montuose dell'Albania?
Laura Bispuri: "Sì, le protagoniste non possono tornare nè restare in quella terra ma comunque la amano. La canzone che si sente alla fine è un po' un modo di tornarci, una riconciliazione con le origini. Certo in città Mark può fare quei passaggi impossibili in Albania ma mi piacerebbe fosse più complesso il rapporto tra i due posti".

Per creare il personaggio di Mark/Hana dunque non c'è solo l'imitazione di modelli maschili ma anche la considerazione di come si diventi a furia di stare in quei posti?
Alba Rohrwacher: "Il punto è tutto sul fatto che in questo film non si racconta un uomo ma una donna travestita da uomo, una creatura a metà. Di certo sarebbe stato più difficile se avessi raccontato un uomo punto e basta, senza svelare che sono una donna. Sarebbe stato ambizioso e probabilmente impossibile, nel caso specifico è stato fatto un gran lavoro perchè queste persone che negano la propria identità femminile, diventano uomini, fanno la vita degli uomini, vanno a caccia, bevono liquore fortissimo, fumano, stanno sempre all'aperto... Si mascolinizzano ma mantengono un'anima femminile. Bisognava rendere quindi credibile che da 20 anni questo personaggio sta nelle montagne, caccia e si relaziona agli altri come un maschio".
Laura Bispuri: "Volevamo rendere l'interiorità, ci tenevamo fosse un film con un grande viaggio interno al personaggio. Spesso vedo gli attori che sono molto esterni: fanno, agiscono... Io invece volevo qualcosa di più interiore e credo che ci siamo riusciti".

Siete una gran coppia, come vi siete incontrate? Ci sono stati provini per la parte?
Laura Bispuri: "No, da subito io ho voluto Alba". Alba Rohwacher: "Sì, mi ha portato la sceneggiatura 3 anni e mezzo fa, dicendomi che voleva che facessi io la protagonista. L'ho letta e mi è piaciuta ma non ero sicura fossimo in grado. Le ho chiesto se pensava davvero che ce l'avremmo fatta e il suo entusiasmo mi ha contagiato".
Laura Bispuri: "Ho pensato tutto il film intorno al viaggio interiore a Mark/Hana, ha una sceneggiatura e un montaggio legati al personaggio. Ma senza un'attrice che supportasse lo sforzo avrei fallito e Alba l'ha non solo supportato ma anche innalzato".

Conoscevi i suoi corti? Non sono molto diversi da Vergine giurata... Alba Rohrwacher: "Li ho visti dopo che aver letto la sceneggiatura e mi è sembrata subito grande. Le sono grata, è stata davvero coraggiosa ad offrire questo ruolo a me".

news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati