The Lives of Mecca

Un film di Stefano Etter. Con 'Crazy' Johnny Razo, Patrick Adams, Tom Vitali Documentario, durata 54 min. - Svizzera, Italia, USA 2015.
   
   
   

La terapia dell'handaball Valutazione 4 stelle su cinque

di Valsk


Feedback: 100
sabato 12 marzo 2016

Ci si può ritenere fortunati quando, senza molte aspettative, ad un piccolo festival di Torino si può assistere a un film capace di farti cambiare il punto di vista sul mondo. Questo è il caso di The Lives of Mecca, che in poco meno di un’ora riesce a trascinarti dentro un mondo visibile a tutti ma (forse per questo) completamente sconosciuto. Siamo a Coney Island, la città dei Guerrieri della notte. Sono passati quasi quarant’anni dal capolavoro di Walter Hill, ma sembra che il contesto urbano e sociale non sia cambiato particolarmente. O meglio, sembra che i personaggi di quel film, ormai invecchiati, siano stati presi e scaraventati nel mondo reale e si ritrovino ogni giorno dentro un piccolo campo da handball (soprannominata la Mecca) per passare le loro giornate insieme. E non solo. Quel luogo e quel contesto serve a tutti gli avventori per “fare terapia”, per dimenticarsi dei problemi della vita (in alcuni casi davvero estreme) e per darsi una possibilità di redenzione. Eppure tutto questo avviene senza inutili piagnistei. Non manca di sorridere, o addirittura ridere, alle situazioni in cui si/ci trascinano i personaggi, alle prese di posizione che hanno sulla vita e sul film stesso. Nella fattispecie la storia si sofferma su tre protagonisti: Tom Vitali, “Crazy” Johnny e Patrick Adams. Personaggi completamente diversi tra loro, che nel film non s’incontreranno mai (o quasi), e che sono accomunati da un forte desiderio di riscatto oltre che dall’amore per questo sport. Il film è quasi interamente girato all’interno del campo. La macchina da presa raramente mostra i panorami newyorkesi a cui siamo abituati. Primi piani, interni macchine, campi da gioco sempre chiusi ai 3 lati, poche inquadrature degli spazi aperti e spesso con l’obiettivo puntato più verso il basso che verso il cielo. Una costante sensazione di claustrofobia in uno spazio aperto, che porta a coinvolgerti maggiormente nelle loro vite e nelle loro storie. E' un racconto dal ritmo giusto, mai noioso, mai pretestuoso. Il regista si muove agilmente all'interno della storia senza mai sfociare nel banale o nel patetico, nonostante il pericolo fosse dietro l'angolo. A coronare il tutto una bellissima fotografia, velata e quasi monocroma, e una colonna sonora divertente e puntuale, scelta e “suonata” sul campo dagli stessi personaggi. Un’opera prima che lascia davvero stupefatti, capace di parlati della vita e del cinema. Merce rara in questi tempi.

[+] lascia un commento a valsk »
Sei d'accordo con la recensione di Valsk?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
The Lives of Mecca | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | misterolbi
  2° | valsk
  3° | frank
  4° | ivan.r
  5° | s.stano
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Frasi | Pubblico | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità