Strangerland

   
   
   

l'enigma esiste, nel cinema australiano Valutazione 0 stelle su cinque

di elgatoloco


Feedback: 144661 | altri commenti e recensioni di elgatoloco
martedý 30 agosto 2016

Impossibile, per"Strangerland", non tornare con la memoria, alla tradizione del cinema australiano d'autore(escludiamo dalla lista i"Mad Max", pur se anche là qualcosa c'era)degli anni Ottanta del 1900: qui, nel film di Kim Farrant, tutto è enigmatico; non solo dopo la sparizione dei due figli della"difficile coppia"di protagonisti, il mistero c'è, tra le montagne, ma anche nella sequenza della ragazzina fuggita-rapita o...(non sappiamo che cosa)in controluce, dove si può intuire tutto e/o nulla...Capacità di far immaginare, per cui poi anche il"finale aperto"(non vorrei dare troppi elementi a chi si accinga a vedere il film...)non è che , in un contesto che non è di una logica"lineare"(A implica B, B C e via di seguito)come è in un poliziesco, un thriller, quasi una conseguenza di quanto si è visto durante tutto il film, per cui stupisce un po'-almeno chi scrive-che qualche spettatore/spettatrice resti sconcertato/a, deluso/a. Coppia in crisi, invero anche prima della scomparsa dei due ragazzi(la più grande è ribelle, ha già avuto"precoci"esperienze sentimentali e sessuali), ma che la scomparsa mette in crisi definitivamente, facendo scattare l'"altro"ossia comportamenti inspiegabili anche da parte dell'uomo, in genere più"freddo"e forse non insensibile a qualche"esperienza infra-familiare"...Ma, come si diceva, tutto è e rimane sospeso, con quegli sfondi che diventano primi piani del deserto e il deserto, e il deserto è messaggero/foriero di esperienze "extra-sensoriali"(i "Padri del deserto", dove"Simon del desierto", per es., realmente esistito, ha ispirato l'"ateo por gracia de Diòs"Luis Bunuel, in campo mistico, ma esiste, oltre che una"mistica senza Dio", anche dell'altro, ossia una crisi esistenziale che forse prelude ad altro, a una nuova dimensione dell'esistere, comunque, anche nella più rigorosa laicità). Spazi enormi disabitati o quasi, non"paesi"né tantomeno "città", ma agglomerati umani dove anche il sospetto e la diffidenza regnano sovrani, dove , a discapito di ogni teoria dialogica, da Buber in poi, rischia di andare proprio in frantumi... La Kidman , dopo vario tempo(almeno che io sappia)ci ridà un'interpretazione da par suo e convincono anche Hugo Wewing, Lisa Fanagan, Joseph Fiennes

[+] lascia un commento a elgatoloco »
Sei d'accordo con la recensione di elgatoloco?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
67%
No
33%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di elgatoloco:

Vedi tutti i commenti di elgatoloco »
Strangerland | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1░ | paolin57
  2░ | scrigno magico
  3░ | onufrio
  4░ | elgatoloco
  5░ | felicity
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità