MYmovies.it
Advertisement
In guerra contro la banalità

Il premio Oscar Sam Mendes è un regista tenace. Al comando della corazzata di Spectre - 007 c'è un vero autore che ha fatto centro.
di Mauro Gervasini

In foto Daniel Craig in una scena del film.

mercoledì 4 novembre 2015 - Focus

Oltre a essere entrambi del Regno Unito (ma uno inglese e l'altro scozzese di madre svizzera) Sam Mendes e James Bond hanno in comune il grado di comandante. 007 conquistato sul campo, il regista invece grazie all'onorificenza di Sua Maestà, nel 2000, per «Services to Drama» (Commander of the Order of the British Empire). Per il resto, auguriamo a Mendes una vita meno movimentata di quella della spia, anche se tra teatro (la sua prima e indelebile passione), direzioni artistiche (sempre on stage), sceneggiature e cinema non pare sedentario. Del resto, ha fin da subito bruciato le tappe, vincendo al suo esordio dietro la macchina da presa (American Beauty, 1999) l'Oscar come miglior regista e per il miglior film.
Meritato? Neanche per sogno: quell'anno a contenderselo c'era Insider - Dietro la verità di Michael Mann che è di tutt'altra categoria. Tuttavia American Beauty, con l'insistita letterarietà della sceneggiatura di Alan Ball e la resa estetica volutamente magrittiana, a tratti un po' stucchevole, segna un traguardo del cinema midcult statunitense. Quello "impegnato" capace di accogliere il favore di un ampio pubblico maturo, pronto a riconoscersi e a esorcizzare in una visione problematica, ma mai davvero perturbante, le proprie paturnie esistenziali («dell'americano medio», si disse: maschio, insoddisfatto, represso, autoritario ma dalla paternità superficiale, anche un po' infido...).

La storia delle riprese di American Beauty però dice della tenacia del regista, del perfezionismo: riprese rifatte molte volte, prove infinite, l'umiltà di sapersi esordiente e quindi di affidarsi a un direttore della fotografia gigantesco come Conrad L. Hall, la decisione di usare anche la camera a mano in una grossa produzione DreamWorks, contro il parere degli executive (ma aveva Spielberg dalla sua), il coraggio di prendersi le proprie responsabilità su ogni scelta. Un "autore", quindi, già al primo film. Lo stesso che si ritrova al comando (appunto) della corazzata 007. Fateci caso: ad ogni intervista agli attori letta o vista in questi giorni di lancio di Spectre - 007, nelle sale dal 5 novembre, tutti si riferiscono alla producer Barbara Broccoli e al regista Sam Mendes come plenipotenziari del processo creativo del film, come se ogni decisione arrivasse da entrambi (compresi casting e location). Di sicuro la figlia del mitico Cubby ha demandato a Mendes l'aspetto artistico concedendo libertà sulla natura del personaggio che nessun altro regista aveva avuto in oltre mezzo secolo.

Da qui il "reboot". Con Skyfall (2012) si compie una ridefinizione di Bond simile a quella del Batman di Christopher Nolan (si è parlato di "nolanizzazione" del charachter, infatti; Mendes stesso ammette l'influenza dell'opera del collega): scavo psicologico più accentuato, i misteri dell'oggi spiegati dai traumi di ieri, resa dei conti con i fantasmi del passato e ricomposizione, secondo nuove modalità, di personaggi e luoghi topici della serie. Infine la SPECTRE, nemesi storica di 007.
Da bondiano di ferro, non ho paura a sostenere che l'operazione è stata troppo estrema, i risvolti personali del rapporto tra Bond e Blofeld sono inaccettabili, così come il coinvolgimento eccessivo di M ("Mother") in Skyfall. Per chi ha meno a cuore la filologia, e ha un certo distacco del personaggio dalle continuity seriali, Skyfall e Spectre - 007 sono comunque due film originali, dove ancora una volta Mendes dimostra di essere un regista molto bravo (il prologo di Spectre - 007, tra piano sequenza e violenti stacchi, è bellissimo), attento al lavoro degli attori e quasi spaventato dal rischio di banalità. Il trionfo del primo film (undicesimo titolo di maggior incasso della storia) e il previsto successo di SPECTRE confermano che ha fatto centro.

news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati