Viviane

Acquista su Ibs.it   Dvd Viviane   Blu-Ray Viviane  
Un film di Ronit Elkabetz, Shlomi Elkabetz. Con Ronit Elkabetz, Menashe Noy, Simon Abkarian, Sasson Gabai, Eli Gornstein.
continua»
Titolo originale Gett le ProcŔs de Viviane Amsalem. Drammatico, Ratings: Kids+16, durata 115 min. - Israele, Francia, Germania 2014. - ParthÚnos uscita giovedý 27 novembre 2014. MYMONETRO Viviane * * * - - valutazione media: 3,47 su -1 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   

legge iniqua Valutazione 4 stelle su cinque

di angelo umana


Feedback: 109989 | altri commenti e recensioni di angelo umana
giovedý 18 dicembre 2014

 115 minuti di un film che tiene legati allo schienale della poltrona: ci si vorrebbe liberare della ragnatela kafkiana di leggi, tra ebraiche, di costume e residualmente costituzionali, che tengono legata Viviane Ansallem al marito da cui chiede il divorzio, invece non riusciamo a distoglierci dalle immagini, si spera che alla fine il buon senso vinca e che questa donna riottenga la sua libertà. Lei è la star del cinema israeliano, l’affascinante 50enne Ronit Elkabetz – fattezze materne e nel film un viso sereno che dovrebbe esplodere di fronte all’ottusità del diritto – la quale del film è regista insieme al fratello più giovane Shlomi. L’ambientazione è in una  fatiscente e scarna aula di giustizia israeliana, dove la corte è formata da tre rabbini e dal loro cancelliere che trascrive le deposizioni. Quasi inutile dire che si tratta di una pellicola bellissima, lega letteralmente alla poltrona.
 
Ci si vorrebbe liberare dal racconto di una separazione che secondo le leggi, ma più secondo il costume e la religione ebraica di stretta osservanza, è impossibile. Una cosa che in qualsiasi altro paese occidentale verrebbe sbrigata in breve tempo, solo prendendo atto della volontà di una delle parti (forse solo ancora in Italia le cause di divorzio durano tanto). Per arrivare alla fine delle udienze, rimandate di settimane bimestri e trimestri, occorreranno cinque anni e la “vivisezione” di un matrimonio durato una trentina d’anni, dopo un fidanzamento iniziato quando Viviane era 15enne, l’aver messo al mondo quattro figli e la coabitazione ventennale forzata con una suocera di origini marocchine. Ai vari teste viene chiesto se i due litigavano, se l’uomo avesse difetti fisici, se lei ha un pretendente: viene così fornita la concezione del matrimonio da parte dei testimoni e degli avvocati, uno spaccato del costume ebraico. Per un’amica della donna i due sono semplicemente incompatibili, non vanno d’accordo, si può costringerla a non separarsi e sottostare a quella tortura? Per una vicina di casa ubbidiente e vittima del suo consorte in fondo i mariti vogliono solo rispetto, la pace della casa e salve le apparenze, il buon nome, l’onore, la perseveranza, una donna saggia sa quando parlare e quando tacere. In fondo la donna in questione – o sotto processo, il titolo originale è infatti Le Procès de Viviane Ansallem - ha la sicurezza, i beni materiali di cui abbisogna, lavora, ha un negozio, potrebbe perfino viaggiare e uscire con gli amici. Del resto poi quello della divorziata è un ruolo “sconveniente” nella società, forse un pericolo pubblico (come la Glenn Close di Attrazione Fatale). Il marito è solo pignolo, ma in fondo èesemplare e tratta la moglie in modo esemplare: non hanno ricongiungimenti carnali da anni ormai, non le ha mai messo le mani addosso e fa quello che deve fare. Decenza e morigeratezza:  questo deve avere agli occhi degli altri una moglie osservante delle regole. E poi lui la ama, lei è il suo destino, dice. Ma non ha difetti, è un uomo perfetto, va alla sinagoga e non rinuncia ai precetti, vorrebbe la casa gestita secondo regole ebraiche e lei non lo fa (musica e motivo di colpevolezza per le orecchie dei rabbini …).
 
A Viviane quella vita ha provocato sofferenzae amarezza ed ora solo il marito Elisha ha il potere di concederle il divorzio, lei lo può solo implorare. E’ la libertà della donna in mani del marito. Dopo tante udienze si arriva alla conclusione, Elisha ha accettato di darle il divorzio, fisicamente un pezzo di carta scritto dal rabbino: il marito lo dà alla moglie che attende a palme aperte – come le ostie del rito cattolico – ma … c’è ancora un “ma”: la formula di rito prevede che lui le dica sei permessa a qualunque uomo e questo Elisha non riesce proprio a dirlo. Viviane dovrà fargli una promessa per ottenere quella “concessione”, un voto di castità praticamente, che speriamo sciolga presto.
 

[+] lascia un commento a angelo umana »
Sei d'accordo con la recensione di angelo umana?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
0%
No
100%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di angelo umana:

Vedi tutti i commenti di angelo umana »
Viviane | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1░ | dario bottos
  2░ | pepito1948
  3░ | flyanto
  4░ | filippo catani
  5░ | angelo umana
  6░ | sorrow62
Golden Globes (1)


Articoli & News
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedý 27 novembre 2014
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità